La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Contabilità industriale Esercitazione Elementi di Economia CdL in Ing. Meccanica CdL in Ing. Meccanica Stefano Lisi DIMeG, Politecnico di Bari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Contabilità industriale Esercitazione Elementi di Economia CdL in Ing. Meccanica CdL in Ing. Meccanica Stefano Lisi DIMeG, Politecnico di Bari."— Transcript della presentazione:

1 Contabilità industriale Esercitazione Elementi di Economia CdL in Ing. Meccanica CdL in Ing. Meccanica Stefano Lisi DIMeG, Politecnico di Bari

2 Esercizio 1 Punto di pareggio Si determinino il punto di pareggio, in termini di volumi, ed il corrispondente fatturato, sulla base dei seguenti dati:  p=10 €  v=4 €  CF= €

3 Risoluzione CVT+CFT=RT 4xQ+90000=10xQ  Q=90000/6=  RT=pxQ=15000x10= €

4 Esercizio 2 Utile Obiettivo Si determinino il volume di produzione e il fatturato obiettivo per ottenere un utile operativo al netto delle imposte di 30000, sapendo che:  Aliquota fiscale=40%  p=10 €  v=4 €  CF= €

5 Risoluzione UO=30000/(1-0.40)=50000 € RT=CT+UO=CV+CF+UO 10xQ=4xQ  Q=140000/6=23333  RT=10xQ= €

6 Esercizio 3 Direct Costing: Determinazione del mix produttivo Si consideri un’azienda che produce quaderni e libri.  I primi hanno un prezzo di 4 euro e i secondi di 10 euro.  I costi variabili per produrre un quaderno ammontano a 1 euro, mentre quelli per produrre un libro a 4 euro.  Per produrre un quaderno occorrono 0,2 ore macchina, mentre per produrre un libro ne occorrono 0,8.  Nel mese sono disponibili 150 ore macchina e la domanda di mercato è di 500 quaderni e 100 libri. Individuare il mix produttivo, considerando che le ore disponibili non sono sufficienti a produrre tutti i quaderni e tutti i libri.

7 Esercizio 4 Direct Costing: Determinazione del mix produttivo ProdottiAB Prezzo di vendita101 Cv unitario70.5 Q vendute CF comuni4000 Un’azienda produce due prodotti A e B secondo i dati riportati in tabella

8 Esercizio 4 Direct Costing: Determinazione del mix produttivo Si determinino i margini di contribuzione dei singoli prodotti, l’utile complessivo e si indichi su quale prodotto spingere per le vendite Si verifichi la risposta ipotizzando un incremento delle vendite del 10% ipotizzando dapprima che gli incrementi siano determinati esclusivamente dal prodotto A e poi dal prodotto B A parità di fatturato, quale è il mix di vendite più conveniente?

9 Risoluzione ProdottiAB Ricavi CV MdC3000 MdCtot6000 CF4000 RO2000

10 Risoluzione MdCuA=3000/1000=3 Euro MdCuB=3000/6000=0.5 Euro

11 Risoluzione ProdottiAB Ricavi CV MdC MdCtot8100 CF4000 RO4100 Delta Qtot=700 Qa=1700

12 Risoluzione ProdottiAB Ricavi CV MdC MdCtot6350 CF4000 RO2350 Delta Qtot=700 Qb=6700 Delta guadagni A-B=+1750 Euro

13 Risoluzione Quando ho un fattore vincolante, va valutato il MdCu per unità di fattore vincolante! MdCuA/PA=3/10=0.3 MdCuB/PB=0.5/1=0.5

14 Esercizio 5 Direct Costing: Determinazione del mix produttivo Un’impresa produce 2 prodotti A e B i cui dati sono riportati in tabella Sapendo che c’è un fattore vincolante (capacità produttiva= 600h) si determini su quale prodotto l’impresa deve spingere Prodotto AProdotto B Prezzo CVu Tempo produzione2h5h

15 Risoluzione MdCA=200 MdCB=250 MdCuA/hproduzioneA=100Euro/h MdCuB/hproduzioneB=50Euro/h

16 Esercizio 6 Direct Costing: Eliminazione linea produttiva 1 casoABCTotale Ricavi Costi variabili MdC Costi Fissi specifici eliminabili non eliminabili MdC Si valuti la convenienza ad eliminare la linea produttiva in perdita per i seguenti due casi, usando l’approccio differenziale

17 Risoluzione Caso 1 Eliminando la linea B Benefici: Risparmio nei costi variabili= Risparmio nei costi fissi eliminabili=59000 Costi: Decrementi ricavi= Risultato differenziale eliminazione B= Non conviene eliminare B, perché si avrebbe una riduzione dell’utile! 1° MdC>CFeliminabili, serve in parte anche a coprire quelli non eliminabili!

18 Esercizio 6 Direct Costing: Eliminazione linea produttiva 2 casoABCTotale Ricavi Costi variabili MdC Costi Fissi specifici eliminabili non eliminabili MdC

19 Risoluzione Caso 2 Eliminando la linea B Benefici: Risparmio nei costi variabili= Risparmio nei costi fissi eliminabili= Costi: Decrementi ricavi= Risultato differenziale eliminazione B=2000 Conviene eliminare B, perché si avrebbe un aumento dell’utile! 1° MdC

20 Esercizio 6 Direct Costing: Eliminazione linea produttiva 3 casoABCTotale Ricavi Costi variabili MdC Costi Fissi specifici eliminabili non eliminabili MdC

21 Risoluzione Caso 3 Eliminando la linea B Benefici: Risparmio nei costi variabili= Risparmio nei costi fissi eliminabili=60000 Costi: Decrementi ricavi= Risultato differenziale eliminazione B= Non conviene eliminare B, perché si avrebbe una riduzione dell’utile! 1° MdC>CFeliminabili, serve in parte a coprire quelli non eliminabili

22 Esercizio 7 Direct Costing: Make or Buy (1/2) L’azienda Alfa produce il componente Gamma in quantità pari a u, con dei costi pari a quelli riportati in tabella All’azienda Alfa, viene fatta la proposta da parte dell’azienda Beta di acquistare il componente Gamma a 16 Euro Si esprima un giudizio di convenienza economica (è più conveniente l’opzione Make o l’opzione Buy?) Si determini la quantità di indifferenza tra le due opzioni Make or Buy Si determini il prezzo di acquisto di indifferenza tra le due opzioni Make or Buy con Q=10000 u

23 Esercizio 7 Direct Costing: Make or Buy (2/2) Dati di costo dell’opzione Make Tipologia di CostiCosti totali per u (Euro) Cu (Euro) Materie dirette Manodopera Variabili di produzione (energia e servizi) Generali fissi eliminabili (compenso ingegnere) Generali produzione e ammortamento non eliminabili Totale

24 Make or Buy CFeliminabili CVu Qindifferenza Pacquisto Scelgo Buy Scelgo Make BUY MAKE C Q

25 Risoluzione (1/2) Make CT = 18 x = Euro Buy CT = 16 x = Euro Oppure, considerando solo i costi rilevanti, cioè non considero CF non eliminabili Make CT = (18 – 3) x = Euro Buy CT = 16 x = Euro L’opzione Make è più conveniente!!

26 Risoluzione (2/2) CTBuy=CTMake (non considero i CF non eliminabili in entrambe le opzioni)  PacqxQind=CFelim+CVuxQind  Qind=CFelim/(Pacq – CVu) = 20000/(16 – 13) = 6666 CTBuy=CTMake (non considero i CF non eliminabili in entrambe le opzioni)  Pacq_indxQ=CFelim+CVuxQ  Pacq_ind=CFelim/Q + CVu = 20000/ = 15

27 Esercizio 8 Direct Costing: Make or Buy (1/2) La società Radiocom, produttrice di telefoni cellulari, ha rilevato che il prezzo di vendita di ognuno dei telefoni venduti nel 2010 è stato di 320 € e che i costi fissi totali sono ammontati a 2.5 Mln €. Per produrre internamente il display a cristalli liquidi viene sostenuto un costo variabile che presenta la seguente configurazione: materie prime dirette 2 € e manodopera diretta 8 €. La Radiocom sta valutando la possibilità di commissionarne la produzione all’esterno. Il rag. Rossi si informa presso i rivenditori e apprende che il prezzo migliore che si può spuntare è di 34 € per ogni display. Si valuti la convenienza dell’alternativa “make” e di quella “buy” sapendo che il volume di vendita stimato per il 2011 è del 10% superiore a quello del 2010 e che il 40% dei costi fissi possono essere considerati specifici del reparto produzione display ed eliminabili.

28 Risoluzione Q2011=40000 x 1.1= Make: CT=CVT+CFeliminabili= 10x x = € Buy: CT=PacqxQ=34x44000= € Non sto considerando i CF non eliminabili, comuni alle due opzioni!

29 Risoluzione Oppure: Qindiff=CFeliminabili/(Pacq-v)= =0.4x /(34-10)=41667 u Poiché Q2011>Qindiff  conviene Make!

30 Esercizio 8 Direct Costing: Make or Buy (2/2) Forse, nel caso in cui si fosse deciso di acquistare all’esterno il display, si sarebbero rese disponibili ore macchina, che sarebbero potute essere impiegate per la produzione di supporti di plastica per fissare il telefono cellulare al cruscotto dell’automobile, denominati “Handy”. Ogni supporto necessiterebbe di 0.4 ore macchina e genererebbe costi variabili per 7 €. Se tali ore macchina fossero effettivamente disponibili, quale soluzione dovrebbe seguire la Radiocom se il prezzo di vendita stimato per “Handy” fosse di 10 € e la sua produzione assorbisse il 60% dei costi fissi specifici della produzione di display?

31 Risoluzione Qhandy=120000/0.4= u Make displayBuy display (and make handy) Ricavi (€)Ricavi display= =320000x44000= = Ricavi display+ricavi handy= = x300000= = CV (€)10x44000=440000CVacqdisplay+CVmakehandy = 34x x300000= = = CF specifici (eliminabili) (€) 0.4x = x(0.4x )= ° MdC (€) Potrei confrontare le due soluzioni anche non considerando i Ricavi display, comuni alle due opzioni!

32 Esercizio 9: Full costing a base multipla (1/4) La Trinco spa è una società che produce modellini di macchine di altissima precisione. Il processo produttivo è suddiviso in tre fasi, ossia lo stampaggio delle componenti (ST), l’assemblaggio (AS) ed il controllo qualità dei prodotti (CQ). Due ulteriori reparti, ossia l’ufficio Tempi&Metodi (T&M) e la Direzione Generale di Stabilimento (DGS) svolgono compiti di supervisione di tutto il processo. Nello stabilimento si producono in particolare due modellini di successo: la Buggy, riproduzione di una macchina sportiva, e la Massi, riproduzione di un fuoristrada. I due prodotti assorbono in maniera molto differenziata la capacità produttiva delle tre fasi produttive, ed il controller, in previsione di calcolare un costo pieno di prodotto, ha raccolto una serie di informazione fisico-tecniche, riportate di seguito oltre a dati di costo annuali.

33 Esercizio 9: Full costing a base multipla (2/4) Dati di costo annuali RepartiSTASCQT&MDGSTOT Manodopera diretta (variabile) Costi variabili di funzionamento Ammortamenti macchinari Manodopera indiretta Altri costi fissi di struttura Costi fissi discrezionali Totale

34 Esercizio 9: Full costing a base multipla (3/4) Informazioni fisico-tecniche Reparti STASCQT&MDGSTOT Capacità max/anno (ore uomo) Capacità max/anno (ore macchina) Tempi di attraversamento unitari di Buggy (min) Tempi di attraversamento unitari di Massi (min) N. persone dedicate al reparto

35 Esercizio 9: Full costing a base multipla (4/4) Sapendo che:  I costi relativi alla DGS vengono allocati sugli altri reparti in base all’ammontare totale dei costi fissi di reparto  I costi relativi al T&M vengono allocati sui rimanenti reparti in base al numero del personale di reparto  Il costo di materia prima per un modellino Buggy è pari a 6.80 €, mentre quello per uno Massy è pari a 7.30 € Si determini:  Il coefficiente di riparto dei tre reparti produttivi  Il costo pieno del prodotto Buggy e del prodotto Massi La Trinco aveva ricevuto un’offerta dalla Tocai per esternalizzare il controllo qualità. La Tocai sarebbe stata disposta a fornire ore di controllo qualità a un prezzo orario di 80 €. Accettando tale offerta, la Trinco avrebbe potuto reimpiegare utilmente tutto il personale del controllo qualità in altri reparti dell’impresa. Inoltre avrebbe eliminato sia i costi variabili di funzionamento che i costi fissi discrezionali. I costi fissi di struttura e gli ammortamenti, per contro, non sarebbero eliminabili.  Dal punto di vista economico, e ragionando a piena saturazione delle ore di reparto, la Trinco dovrebbe accettare l’offerta della Tocai?  Esiste una quantità di indifferenza (di ore CQ) rispetto alla decisione precedente?

36 Risoluzione Possibile organigramma DGS STASCQT&M Reparti ausiliari Reparti produttivi

37 Risoluzione DGS STASCQ Reparto ausiliario Reparti produttivi T&M Buggy Massi Reparto ausiliario Schema processo produttivo

38 Risoluzione Schema di riparto DGS STASCQT&M Massi Buggy 1 2 3

39 Risoluzione (x1000€)STASCQT&MDGSTOT Costi attribuiti Allocazione costi DGS Subtotale Allocazione costi T&M Subtotale Es x1050 Es x3

40 Risoluzione (x1000€)STASCQT&M CF reparto Coefficiente di riparto DGS= =CT DGS /Somma basi di riparto= =650/( )=650/2295= Coefficiente di riparto T&M= =CT T&M /Somma basi di riparto= =725.1/(3+10+6)=725.1/19=38.16 STASCQ N. persone3106

41 Risoluzione Determinazione costo pieno di prodotto: STASCQCosto totale nei reparti (€) Costo/h (€/h) /8800= /10000 = /6000= Costo 1 Buggy nei reparti (€) x6/60= x10/60= x3/60= Costo 1 Massi nei reparti (€) x12/60= x5/60= x5/60= Costo tot buggy= =55.22 € Costo tot massi= =66.13 €

42 Risoluzione MakeBuy Costo di acquisto ore CQ -6000x80= MdO diretta MdO indiretta60000 CV funzionamento20000 CF discrezionali

43 Risoluzione Qind: Costi make=Costi buy CVorario=(MdOdiretta+CVfunzionamento)/ore a piena saturazione produttiva= ( )/6000=46.67€/h CVorarioxQind+MdOind+CFdiscr=PacqxQind Qind=(MdOind+CFdiscr)/(Pacq-CVorario)= ( )/( )=4200 ore

44 Esercizio 10: Full costing a base multipla (1/3) La Children Spa è un’azienda che produce articoli per l’infanzia. Commercializza due linee di prodotto, A e B ed è suddivisa in quattro centri di costo: Up, Do, Sx, Dx. Up e Do sono centri finali, mentre Sx e Dx sono centri ausiliari. I costi rilevati in ciascuno di essi nel mese di luglio 2010 sono riportati in tabella 1. I costi del centro Dx vengono ribaltati sugli altri centri in base al consumo di materiale indiretto, mentre quelli di Sx in base alla metratura occupata dal centro stesso. I centri Up e Do misurano rispettivamente 100 e 46 m 2. I costi dei due centri finali, Up e Do, vengono ribaltati sulle unità di prodotto in base rispettivamente all’utilizzo di manodopera diretta ed al consumo di materie prime. Le due linee di prodotto utilizzano come materia prima la plastica, che costa 10 €/Kg, e vengono assemblati per mezzo di manodopera diretta (salario orario 14 €/h). Il consumo per unità di prodotto di materia prima e manodopera diretta è riportato in tabella 2. Sapendo che nel mese di luglio sono state prodotte unità di A e 5000 di B, si calcoli il costo pieno unitario dei due prodotti

45 Esercizio 10: Full costing a base multipla (2/3) UpDoSxDx Energia elettrica Ammortamenti MdO indiretta Materiale indiretto Pulizia TOTALE Tabella 1

46 Esercizio 10: Full costing a base multipla (3/3) Tabella 2 AB Plastica500 gr200 gr MdO diretta0.2 h0.4 h

47 Risoluzione UpDoSxDx Costi attribuiti Allocazione costi Dx Subtotale Allocazione costi Sx Subtotale Prodotto A10000 Prodotto B Es. 4.5x800Es. 100x100Es. 5x0.2x10000Es. 2x10 -3 x5x10 6

48 Risoluzione Coefficiente riparto Dx=10800/( )=4.5 Coefficiente di riparto Sx=14600/(100+46)=100 Coefficiente di riparto Up= 20000/(0.2h/ux10000u+0.4h/ux5000u)=5 Coefficiente di riparto Do= 12000/(500gr/ux10000u+200gr/ux5000u)=2x10 -3 CFA=20000/10000=2 € CFB=12000/5000=2.4 € CVA=500grx10€/1000gr+0.2hx14€/h=7.80 € CVB=200grx10€/1000gr+0.4hx14€/h=7.60 € Costo Pieno A=7.80+2=9.80 € Costo Pieno B= =10 €


Scaricare ppt "Contabilità industriale Esercitazione Elementi di Economia CdL in Ing. Meccanica CdL in Ing. Meccanica Stefano Lisi DIMeG, Politecnico di Bari."

Presentazioni simili


Annunci Google