La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I L CAMBIAMENTO HA INVESTITO LA CULTURA 1 da una visione del mondo OGGETTIVISTA MECCANICISTICA COMPORTAMENTISTA ‘(20 - ’50) orientata al controllo delle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I L CAMBIAMENTO HA INVESTITO LA CULTURA 1 da una visione del mondo OGGETTIVISTA MECCANICISTICA COMPORTAMENTISTA ‘(20 - ’50) orientata al controllo delle."— Transcript della presentazione:

1 I L CAMBIAMENTO HA INVESTITO LA CULTURA 1 da una visione del mondo OGGETTIVISTA MECCANICISTICA COMPORTAMENTISTA ‘(20 - ’50) orientata al controllo delle acquisizioni individuali e creatrice di utenti, scarsamente motivati, ricettori di informazioni o esecutori di funzioni in modo meccanico e ripetitivo.

2 S I È PASSATI 2 ad una visione (dagli anni ‘50) COGNITIVISTA (dagli anni ‘50) volta ad esaltare l’attività della mente umana.  COSTRUTTIVISTA (anni ’80) di diretta emanazione cognitivista,  orientata a ricentralizzare l’apprendimento sul soggetto  ed espressione di utenti attivi, partecipi, creativi, propositivi, altamente motivati, costruttori di conoscenza propria e condivisa.

3 I L COSTRUTTIVISMO PROMUOVE: una conoscenza costruita dall’esperienza Un apprendimento concepito come una personale interpretazione del mondo Un apprendimento attivo, perché il soggetto lo attua in modo consapevole e responsabile Un apprendimento collaborativo, in quanto il significato è negoziato da molteplici prospettive che si incontrano in una comunità Un apprendimento situato o ancorato ad un contesto Un apprendimento intenzionale perché il soggetto persegue deliberatamente gli obiettivi Un apprendimento riflessivo-metacognitivo, perché il soggetto riflette sui compiti svolti e sulle decisioni assunte. 3

4 SI E’ PASSATI ANCORA 4 Ad una visione  COSTRUTTIVISTA “SOCIO-INTERAZIONISTA” (dagli anni ’90) definita “costruttivismo ecologico” che lega l’attività conoscitiva del soggetto all’ambiente sociale- culturale da esso vissuto. La conoscenza è frutto di una interazione continua e prodotto di una costruzione sociale. IL COSTRUTTIVISMO SOCIALE GENERA CONOSCENZA:  per il sostegno di persone maggiormente esperte  per l’interazione socio-cognitiva tra pari,  per la condivisione-negoziazione di significati. (come prodotto di una co-costruzione sociale)

5 I L MODELLO DI INSEGNAMENTO DI RIFERIMENTO AL MODELLO DIDATTICO ISTRUTTIVO / TRASMISSIVO È centrato essenzialmente sull’insegnante ed è espressione di una visione tecnocentrica  si raffigura fortemente individualizzato  È fondato sul rinforzo (feedback)  sul controllo dello stimolo informativo  È proiettato al raggiungimento, da parte di tutti i componenti del gruppo classe, delle competenze e abilità fondamentali, chiaramente selezionate prima dal docente (diritto all’uguaglianza)  È attento ai contenuti da scomporrei in sequenze (U.D)  È calibrato sulla progettazione sequenziale ed oggettiva  È guidato dagli obiettivi e finalità. È centrato essenzialmente sull’insegnante ed è espressione di una visione tecnocentrica  si raffigura fortemente individualizzato  È fondato sul rinforzo (feedback)  sul controllo dello stimolo informativo  È proiettato al raggiungimento, da parte di tutti i componenti del gruppo classe, delle competenze e abilità fondamentali, chiaramente selezionate prima dal docente (diritto all’uguaglianza)  È attento ai contenuti da scomporrei in sequenze (U.D)  È calibrato sulla progettazione sequenziale ed oggettiva  È guidato dagli obiettivi e finalità. 5

6 I L MODELLO DI APPRENDIMENTO DI RIFERIMENTO ALLE TEORIE COSTRUTTIVISTICHE È centrato sull’allievo, è espressione di una visione antropocentrica e si costruisce:  su basi logico riflessive  su dimensione cooperativa  sulla possibilità di una comunicazione distribuita (tra più risorse, umane e tecniche)  sull’opportunità di sviluppare gli altri aspetti dell’intelligenza  sul superamento di una concezione lineare, definita (monomedialità linguistica) per passare a quella non-lineare e aperta.  sul superamento di una fruizione passiva, ad un atteggiamento attivo, rielaborativo delle conoscenze e interattivo nei confronti delle strumentazioni. È centrato sull’allievo, è espressione di una visione antropocentrica e si costruisce:  su basi logico riflessive  su dimensione cooperativa  sulla possibilità di una comunicazione distribuita (tra più risorse, umane e tecniche)  sull’opportunità di sviluppare gli altri aspetti dell’intelligenza  sul superamento di una concezione lineare, definita (monomedialità linguistica) per passare a quella non-lineare e aperta.  sul superamento di una fruizione passiva, ad un atteggiamento attivo, rielaborativo delle conoscenze e interattivo nei confronti delle strumentazioni. 6

7 DAL PARADIGMA DELL’ISTRUZIONE, SI E’ PASSATI A QUELLO:  dell’espressione (comprendente tutti gli editors, inclusi quelli multimediali)  della costruzione (ambienti di programmazione di tipo Logo e relativi micromondi, nonché sistemi di authoring multi-ipermediali)  della esplorazione (scenari ipermediali, navigazione in Internet)  della comunicazione (reti telematiche)  della cooperazione (tecnologie che concorrono ad allestire comunità di apprendimento)  della ricerca informativa (riferimento a tutti i tool informatici e telematici) DAL PARADIGMA DELL’ISTRUZIONE, SI E’ PASSATI A QUELLO:  dell’espressione (comprendente tutti gli editors, inclusi quelli multimediali)  della costruzione (ambienti di programmazione di tipo Logo e relativi micromondi, nonché sistemi di authoring multi-ipermediali)  della esplorazione (scenari ipermediali, navigazione in Internet)  della comunicazione (reti telematiche)  della cooperazione (tecnologie che concorrono ad allestire comunità di apprendimento)  della ricerca informativa (riferimento a tutti i tool informatici e telematici) 7

8 si allontana dal concetto  di misurazione “obiettiva” (tramite test,ecc.)  a favore di una “autovalutazione” (dossier, portfolio),  O di una valutazione “intersoggettiva” si allontana dal concetto  di misurazione “obiettiva” (tramite test,ecc.)  a favore di una “autovalutazione” (dossier, portfolio),  O di una valutazione “intersoggettiva” 8 E il modello di valutazione di riferimento

9 l’approccio collaborativo VIENE A CONIUGARSI con il concetto di “zona di sviluppo prossimale” di Vygotskij, (1978/ 80, trad.it. Il processo cognitivo ) LA ZSP esprime la possibilità potenziale di sviluppo cognitivo sotto la guida, sostegno (scaffolding) di un adulto o di un pari più capace. VYGOTSKIJ ha proposto tale concetto in contrasto con le tecniche psicometriche allora dominanti: riteneva di dover valutare non solo le capacità attuali, ma anche quelle probabili se aiutati. l’approccio collaborativo VIENE A CONIUGARSI con il concetto di “zona di sviluppo prossimale” di Vygotskij, (1978/ 80, trad.it. Il processo cognitivo ) LA ZSP esprime la possibilità potenziale di sviluppo cognitivo sotto la guida, sostegno (scaffolding) di un adulto o di un pari più capace. VYGOTSKIJ ha proposto tale concetto in contrasto con le tecniche psicometriche allora dominanti: riteneva di dover valutare non solo le capacità attuali, ma anche quelle probabili se aiutati. 9

10  SECONDO BRUNER, BARRET, che si richiamano a Vygotskij, l’ apprendimento è un’attività che si svolge in comune e coinvolge la costruzione sociale della conoscenza l’ambiente è parte integrante del processo di cambiamento cognitivo. il linguaggio è l’elemento indispensabile per scoprire e strutturare la conoscenza.  PER BARRET (92 trad.it: Sociomedia) le nuove tecnologie nascono come strumenti sociali, finalizzati alla condivisione, alla negoziazione,alla costruzione sociale della conoscenza  SECONDO BRUNER, BARRET, che si richiamano a Vygotskij, l’ apprendimento è un’attività che si svolge in comune e coinvolge la costruzione sociale della conoscenza l’ambiente è parte integrante del processo di cambiamento cognitivo. il linguaggio è l’elemento indispensabile per scoprire e strutturare la conoscenza.  PER BARRET (92 trad.it: Sociomedia) le nuove tecnologie nascono come strumenti sociali, finalizzati alla condivisione, alla negoziazione,alla costruzione sociale della conoscenza 10

11 LA CONOSCENZA NON È PIÙ INTESA come verità trasmessa, ma come costruita, come emancipatoria (nel senso che nessuno è escluso).  RICHIAMA la teoria dell’attività di Aleksej Leont’ev,(1975/77 trad.it :Attività, coscienza e personalità) che consiste in una rivalutazione del pensiero operatorio, del fare, di fronte quello logico-formale, della teoria, dell’astrazione. TEORIA RECENTEMENTE RIPRESA da David Jonassen (2000): per evidenziare che il “pensiero” vuol dire riflessione e che “il fare” deve precedere il pensiero formale astratto; per cui è dalla pratica che occorre arrivare alla formalizzazione e non viceversa. LA CONOSCENZA NON È PIÙ INTESA come verità trasmessa, ma come costruita, come emancipatoria (nel senso che nessuno è escluso).  RICHIAMA la teoria dell’attività di Aleksej Leont’ev,(1975/77 trad.it :Attività, coscienza e personalità) che consiste in una rivalutazione del pensiero operatorio, del fare, di fronte quello logico-formale, della teoria, dell’astrazione. TEORIA RECENTEMENTE RIPRESA da David Jonassen (2000): per evidenziare che il “pensiero” vuol dire riflessione e che “il fare” deve precedere il pensiero formale astratto; per cui è dalla pratica che occorre arrivare alla formalizzazione e non viceversa. 11

12 PIONIERISTICO in tal senso è stato il tecnologo Papert (80-84 trad.it: bambini, computer e creatività) DEDUCIBILE dalla sua famosa “inversione epistemologica :, “usare per imparare” e “non imparare per usare o, dal suo insistere”più sull’apprendere e meno sull’insegnare (Papert, 1993/94, trad.it: I bambini e il computer) dalla sua visione dell’ informatica come ’“informatica cognitiva”, in cui affermava che : “non è il computer che insegna allo studente, ma il bambino che insegna al computer” (Papert, 80/84) PIONIERISTICO in tal senso è stato il tecnologo Papert (80-84 trad.it: bambini, computer e creatività) DEDUCIBILE dalla sua famosa “inversione epistemologica :, “usare per imparare” e “non imparare per usare o, dal suo insistere”più sull’apprendere e meno sull’insegnare (Papert, 1993/94, trad.it: I bambini e il computer) dalla sua visione dell’ informatica come ’“informatica cognitiva”, in cui affermava che : “non è il computer che insegna allo studente, ma il bambino che insegna al computer” (Papert, 80/84) 12

13 MODELLI COSTRUTTIVISTICI NUOVI MODELLI DIDATTICI IL COSTRUTTIVISMO SOCIALE promuove forme di conoscenza condivisa e distribuita e i modelli più significati di tale espressione sono:  La classe come comunità di apprendimento  Il modello dell’apprendistato cognitivo  I Learning Circles NUOVI MODELLI DIDATTICI IL COSTRUTTIVISMO SOCIALE promuove forme di conoscenza condivisa e distribuita e i modelli più significati di tale espressione sono:  La classe come comunità di apprendimento  Il modello dell’apprendistato cognitivo  I Learning Circles 13

14 ” L A CLASSE COME “ COMUNITÀ DI APPRENDIMENTO ” SI RIFERISCE ad un progetto educativo sperimentato da Ann Brown e da Joseph Campione UNA COMUNITÀ DI APPRENDIMENTO è un particolare ambiente di ricerca cooperativa in un clima di condivisione e scambio reciproco. E’ IL CONCETTO classe o gruppo /reale o virtuale preso in considerazione come comunità di apprendimento dove si evidenzia: La natura attiva e costruttiva dell’apprendere Il ruolo strategico della meta-cognizione La presenza di molteplici ZSP SI RIFERISCE ad un progetto educativo sperimentato da Ann Brown e da Joseph Campione UNA COMUNITÀ DI APPRENDIMENTO è un particolare ambiente di ricerca cooperativa in un clima di condivisione e scambio reciproco. E’ IL CONCETTO classe o gruppo /reale o virtuale preso in considerazione come comunità di apprendimento dove si evidenzia: La natura attiva e costruttiva dell’apprendere Il ruolo strategico della meta-cognizione La presenza di molteplici ZSP 14

15 La conoscenza dialogizzata, socialmente “negoziata” La legittimazione delle differenze Una comunità di pratiche con plurime presenze (studente, docente, tutor, ricercatore, esperto) con interscambialità di ruoli e realizzabile anche oltre le mura della classe grazie alle reti telematiche. L’AMBIENTE è visto come una virtuale intersecazione di ZSP, una varietà di impalcature (scaffolding) Che assistono, orientano in vario modo, Lasciando tuttavia forte spazio alla responsabilizzazione del soggetto. La conoscenza dialogizzata, socialmente “negoziata” La legittimazione delle differenze Una comunità di pratiche con plurime presenze (studente, docente, tutor, ricercatore, esperto) con interscambialità di ruoli e realizzabile anche oltre le mura della classe grazie alle reti telematiche. L’AMBIENTE è visto come una virtuale intersecazione di ZSP, una varietà di impalcature (scaffolding) Che assistono, orientano in vario modo, Lasciando tuttavia forte spazio alla responsabilizzazione del soggetto. 15

16 APPRENDISTATO COGNITIVO IL MODELLO DELL’APPRENDISTATO COGNITIVO SVILUPPATO da Allan Collins, John Brown e Susan Newman 1991 NASCE dalla constatazione della inadeguatezza della scuola tradizionale che non consente agli studenti una piena padronanza delle abilità cognitive 16

17 APPRENDISTATO TRADIZIONALE Strategie per promuovere la competenza esperta MODELLING l’apprendista osserva il maestro che dimostra come fare. Il maestro rende i processi visibili, l’apprendista lo imita. COACHING il maestro assiste continuamente secondo le necessità, dà feedback, agevola il lavoro. SCAFFOLDING il maestro fornisce un appoggio all’apprendista, uno stimolo, preimposta il lavoro FADING il maestro elimina gradualmente il supporto, in modo da dare a chi apprende uno spazio progressivamente maggiore di responsabilità. Strategie per promuovere la competenza esperta MODELLING l’apprendista osserva il maestro che dimostra come fare. Il maestro rende i processi visibili, l’apprendista lo imita. COACHING il maestro assiste continuamente secondo le necessità, dà feedback, agevola il lavoro. SCAFFOLDING il maestro fornisce un appoggio all’apprendista, uno stimolo, preimposta il lavoro FADING il maestro elimina gradualmente il supporto, in modo da dare a chi apprende uno spazio progressivamente maggiore di responsabilità. 17

18 APPRENDISTATO COGNITIVO SI DIFFERENZIA da quello tradizionale per la maggiore attenzione alla dimensione meta-cognitiva. DIVENTARE COMPETENTI vuol dire riflettere e costruire un modello mentale della “prestazione esperta”, rendersi conto in cosa possa consistere. SI DIFFERENZIA da quello tradizionale per la maggiore attenzione alla dimensione meta-cognitiva. DIVENTARE COMPETENTI vuol dire riflettere e costruire un modello mentale della “prestazione esperta”, rendersi conto in cosa possa consistere. 18

19  PER RAGGIUNGERE L’OBIETTIVO è necessario educare alle seguenti strategie: ARTICOLAZIONE va incoraggiato a verbalizzare ciò che l’apprendista sta facendo. RIFLESSIONE spingere a riflettere durante l’azione e a confrontarsi. ESPLORAZIONE indurre a porre domande. Risolvere quindi i problemi in forma nuova.  PER RAGGIUNGERE L’OBIETTIVO è necessario educare alle seguenti strategie: ARTICOLAZIONE va incoraggiato a verbalizzare ciò che l’apprendista sta facendo. RIFLESSIONE spingere a riflettere durante l’azione e a confrontarsi. ESPLORAZIONE indurre a porre domande. Risolvere quindi i problemi in forma nuova. 19

20 AMBIENTI DI APPRENDIMENTO I LEARNING CIRCLES (Riel M.,1993) sono forme di comunità virtuali globali dove è possibile conoscersi, elaborare e realizzare progetti comuni, documentarsi e documentare gli altri su tematiche specifiche. L’AGIRE COLLABORATIVO E COOPERATIVO TRA SCUOLE, CLASSI O GRUPPI DI LAVORO ci orienta verso un processo di crescita collettiva, di differenziazione e di mutuo rilancio delle specificità. 20

21 PROMUOVE forme di intelligenza “collettiva” (Lèvy, 94/96), “connettiva” (Derrik de Kerkhove) nella salvaguardia delle diversità, delle identità individuali. E’ un’intelligenza che si produce nello spazio delle “interconnessioni” tra soggetti aventi un comune centro d’interesse. E’ il risultato della somma delle singole intelligenze PROMUOVE forme di intelligenza “collettiva” (Lèvy, 94/96), “connettiva” (Derrik de Kerkhove) nella salvaguardia delle diversità, delle identità individuali. E’ un’intelligenza che si produce nello spazio delle “interconnessioni” tra soggetti aventi un comune centro d’interesse. E’ il risultato della somma delle singole intelligenze 21

22 L E TRE C : C OMUNICAZIONE, C OORDINAMENTO E C OLLABORAZIONE Sono le attività primarie dei nuovi modelli apprenditivi 22

23 I NUOVI MODELLI APPRENDITIVI Promuovono forme di apprendimento significativo esprimibile in sette concetti (Jonassen 1995) Attivo Costruttivo Collaborativo Intenzionale Conversazionale Contestualizzato Riflessivo 23

24 T IPOLOGIE DI INSEGNAMENTO FORME DI LEZIONE CENTRATE SUL: MODALITÀ PARLARE FARE DOCENTELezione ex cathedra Dimostrazione pratica ALLIEVO Interrogazione oraleLezione produttiva INTERAZIONE Lezione socraticaProduzione collaborativa 24


Scaricare ppt "I L CAMBIAMENTO HA INVESTITO LA CULTURA 1 da una visione del mondo OGGETTIVISTA MECCANICISTICA COMPORTAMENTISTA ‘(20 - ’50) orientata al controllo delle."

Presentazioni simili


Annunci Google