La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MusicoterapiaEducazione musicale Musica per l’handicap Lo spazio di azione dell’intervento di sostegno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MusicoterapiaEducazione musicale Musica per l’handicap Lo spazio di azione dell’intervento di sostegno."— Transcript della presentazione:

1 MusicoterapiaEducazione musicale Musica per l’handicap Lo spazio di azione dell’intervento di sostegno

2 Musicoterapia Uso della musica per raggiungere obiettivi terapeutici: Riabilitazione Mantenimento Miglioramento della salute mentale e fisica Applicazione sistematica della musica e delle attività musicali per raggiungere obiettivi terapeutici specifici (Associazione Nazionale di Musicoterapia degli USA) Musicoterapia Uso della musica per raggiungere obiettivi terapeutici: Riabilitazione Mantenimento Miglioramento della salute mentale e fisica Applicazione sistematica della musica e delle attività musicali per raggiungere obiettivi terapeutici specifici (Associazione Nazionale di Musicoterapia degli USA) Educazione musicale Sviluppo di competenze disciplinari (educare alla musica) Comportamenti tesi a migliorare il sé nell’area psicomotoria, affettivo-motivazionale, sociale, comunicativa e cognitiva (educare con la musica) Educazione musicale Sviluppo di competenze disciplinari (educare alla musica) Comportamenti tesi a migliorare il sé nell’area psicomotoria, affettivo-motivazionale, sociale, comunicativa e cognitiva (educare con la musica)

3 Perché la musica? Attraverso l’interazione non-verbale apre nuovi canali di comunicazione sonora e corporea Tutti siamo ‘strumenti musicali’ (strutturazione ritmica a livello biologico e percettivo) La musica è innata in ogni essere umano La musica è parte della cultura di ogni comunità Il suono ha un potere di penetrazione nella pelle e nella psiche più efficace della sola parola Stabilisce una possibilità di relazione basata sulla capacità di gratificarsi Utilizza una sintassi della ripetizione che genera senso di sicurezza e prevedibilità Facilita la percezione uditiva e la memoria con strutture meno complesse del linguaggio verbale Offre la possibilità di conseguire risultati appaganti e di partecipare ad esperienze positive Consente la diagnosi il livello di rendimento, sviluppo e le potenzialità del soggetto Sviluppa la capacità di discriminazione dei suoni, alla base del linguaggio verbale e della lettoscrittura Attraverso l’interazione non-verbale apre nuovi canali di comunicazione sonora e corporea Tutti siamo ‘strumenti musicali’ (strutturazione ritmica a livello biologico e percettivo) La musica è innata in ogni essere umano La musica è parte della cultura di ogni comunità Il suono ha un potere di penetrazione nella pelle e nella psiche più efficace della sola parola Stabilisce una possibilità di relazione basata sulla capacità di gratificarsi Utilizza una sintassi della ripetizione che genera senso di sicurezza e prevedibilità Facilita la percezione uditiva e la memoria con strutture meno complesse del linguaggio verbale Offre la possibilità di conseguire risultati appaganti e di partecipare ad esperienze positive Consente la diagnosi il livello di rendimento, sviluppo e le potenzialità del soggetto Sviluppa la capacità di discriminazione dei suoni, alla base del linguaggio verbale e della lettoscrittura

4 “Questo testo, letto ad alta voce e rapidamente, si compone di centosessanta lettere, che siamo in grado sia di emettere con il nostro apparato boccale che di comprendere attraverso l’orecchio”. “Questo testo, letto ad alta voce e rapidamente, si compone di centosessanta lettere, che siamo in grado sia di emettere con il nostro apparato boccale che di comprendere attraverso l’orecchio”. EMISSIONE RAPIDA Tempo 6” pari a 26 suoni al secondo EMISSIONE RAPIDA Tempo 6” pari a 26 suoni al secondo EMISSIONE NORMALE Tempo 9” pari a 17 suoni al secondo EMISSIONE NORMALE Tempo 9” pari a 17 suoni al secondo Laboratorio

5 PARLATO NORMALE suoni al secondo 1000 suoni al minuto all’ora = parole al giorno = parole J.Luis Arsuaga, I primi pensatori Feltrinelli, 2001 J.Luis Arsuaga, I primi pensatori Feltrinelli, 2001 COMUNICAZIONE = CULTURA

6 Dalla straordinaria capacità di riprodurre e analizzare rapidamente flussi di suoni si generano due superspecializzazione dell’Homo Sapiens: La parola La musica

7 POTENZIAMENTO DELLA RELAZIONE Sviluppo delle abilità di base Crescita della consapevolezza di Sé Conoscenza della propria struttura emotiva profonda Aumento dell’autostima Ricerca del piacere dell’autoespressione Miglioramento delle potenzialità comunicazionali e relazionali OBIETTIVI DELLA MUSICOTERAPIA Emerenziana d’Ulisse, Federica Polcaro, Musicoterpia e autismo Phoenix Ed.2000 Quali gli obiettivi coerenti con il sostegno? Laboratorio

8 GLI STRUMENTI SONORO-MUSICALI NON-VERBALI Voce espressiva Espressioni para-verbali Canto Corpo Strumenti sonoro-musicali Il corpo-strumento Voce Fiato Percussione I suoni d’ambiente reali immaginati Riprodotti Registrati Gli oggetti quotidiani Oggetti di natura Oggetti artificiali Strumenti creati Per manipolazione Per costruzione Strumenti musicali Di tradizione Non tradizionali Uso convenzionale Uso divergente Strumenti elettronici Per riprodurre registrazione Per produrre, manipolare suoni

9 ANALOGICO: SIA-SIA Continuo Rappresentazione per somiglianza per simulazione Concreto Tutto, Intero, Infinito Visione globale Simultaneità nel flusso temporale Intuizione del tutto Senso (meaning) Contraddizioni gerarchiche inclusivo DIGITALE: O/O Quantità discrete (codice binario) Rappresentazione arbitraria con codici Astratto, teorico Finito, particolare Visione analitica Successione Segmentazione in parti semplici Significazione per concetti Opposizione binaria (poli opposti) esclusivo LA COMUNICAZIONE ANALOGICA

10 COMUNICAZIONE ANALOGICA Gestualità non formalizzata, mimica facciale. Percezioni olfattive, tattili, gustative, cinetico-ponderali, tratti sovrasegmentali della voce (ritmo, intensità, inflessione, intonazione) Percezione di differenze… - rapporti di > <, sia-sia - rapporto immediato e concreto - identificazione nel contesto, contraddizione inclusiva, terzo incluso - relazioni complementari - interdipendenza COMUNICAZIONE DIGITALE Trasmissione e riproduzione di modelli e strutture Denotazione, Metacomunicazione Descrizione di entità e di rapporti comparabili Strumento decisionale...selezionate poi come distinzioni: - intervalli discreti, classificazione - mediazione di codici e astrazioni - principio di identità, non contraddizione, terzo escluso - relazioni simmetriche (  uguaglianza) - indipendenza

11 DIDATTICA ANALOGICA Suono dal vivo Suono in presenza Musica come atto collettivo Coinvolgimento polisensoriale Espressione della comunità Nello spazio totale (dentro) Percezione policentrica Imitazione diretta Guida informale ‘lingua musicale materna’ Ascolto globale empatico Assimilazione nel contesto Percezione di differenze nella globalità Attribuzione di senso DIDATTICA DIGITALE Suono scritto (registrato) Suono in assenza Musica come oggetto Percorso nella mente Espressione del singolo Nello spazio frontale (davanti) Percezione rettilinea Apprendimento attraverso codici Istruzione formalizzata Repertorio codificato Ascolto strutturale Accomodamento alle regole Percezione di distinzioni per somma di parti semplici Attribuzione di significati


Scaricare ppt "MusicoterapiaEducazione musicale Musica per l’handicap Lo spazio di azione dell’intervento di sostegno."

Presentazioni simili


Annunci Google