La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Proposta adottata dal Consiglio Regionale del Veneto il 9 luglio 2014 Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007– 2013 Organismo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Proposta adottata dal Consiglio Regionale del Veneto il 9 luglio 2014 Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007– 2013 Organismo."— Transcript della presentazione:

1 Proposta adottata dal Consiglio Regionale del Veneto il 9 luglio 2014 Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007– 2013 Organismo responsabile dell’informazione: Dipartimento Agricoltura e Sviluppo Rurale, Regione del Veneto Autorità di Gestione: Dipartimento Agricoltura e Sviluppo Rurale, Regione del Veneto Le misure per il capitale umano, agroambiente, diversificazione Riccardo De Gobbi Regione del Veneto, Direttore della Sezione Agroambiente Farra di Soligo, 16 ottobre 2014

2 2 interventi Azioni di formazione professionale e acquisizione di competenze Azioni di informazione e dimostrazione La misura concorre a promuovere l’acquisizione di competenze e conoscenze tecniche e manageriali, la diffusione di innovazioni nei vari ambiti aziendali e il trasferimento delle conoscenze dal sistema della ricerca e della sperimentazione alle imprese. Risorse euro 1. Trasferimento di conoscenze e azioni d’informazione

3 Azioni di formazione professionale e acquisizioni di competenze

4 1.1.1 Intervento Azioni di formazione professionale e acquisizioni di competenze Tipologia di sostegnoBeneficiari Spese ammissibili Condizioni di ammissibilità Criteri di selezioneImporti e aliquote di sostegno - Organismi di formazione accreditati ai sensi della normativa regionale -Progettazione, coordinamento e realizzazione delle iniziative - Docenza e tutoraggio - Noleggio attrezzature, acquisto materiale didattico e materiale di consumo per esercitazioni didattiche Contributi pubblici in conto capitale per: -Iniziative per le quali la vigente normativa impone l’obbligo; -Iniziative previste da progetti integrati di filiera o aziendale o da progetti volti allo sviluppo della cooperazione - Domanda adesione corredata da Progetto di attività formative articolato - Corsi rivolti esclusivamente ad imprenditori agricoli, coadiuvanti, partecipi familiari, detentori di aree forestali, dipendenti agricoli e forestali - No corsi e tirocini che rientrano nei programmi o nei cicli dell’insegnamento secondario o superiore - Possibilità di coaching (no consulenza aziendale) - ricaduta operativa sul territorio del progetto - qualità del progetto - prevalenza tematiche trattate - fino al 100% formazione collettiva - fino all’80% formazione individuale - per formazione su attività extra agricole le intensità massime di aiuto da regolamento di esenzione (non superiore all’80%) 1. Trasferimento di conoscenze e azioni d’informazione MeuroFocus area 18,71c2a2b3a4a4b4c6a Risorse 18,7 Meuro

5 Azioni d’informazione e dimostrazione

6 1.2.1 Intervento Azioni d’informazione e dimostrazione Tipologia di sostegnoBeneficiari Spese ammissibili Criteri di selezione Importi e aliquote di sostegno -Organismi di formazione accreditati ai sensi della normativa regionale - Regione del Veneto Risorse 4,4 Meuro - Progettazione, coordinamento e realizzazione delle iniziative - Docenza e tutoraggio - Noleggio attrezzature, acquisto materiale didattico e materiale di consumo per esercitazioni didattiche - Affitto e noleggio aule e strutture didattiche - Spese generali - Produzione supporti didattici e divulgativi - Consulenze tecnico-scientifiche per realizzazione dei supporti didattici Contributo in conto capitale - ricaduta operativa sul territorio del progetto - qualità, completezza, esaustività del progetto con riferimento agli obiettivi del bando - prevalenza delle tematiche trattate dal progetto Intensità di aiuto 100% 1. Trasferimento di conoscenze e azioni d’informazione MeuroFocus area 4,41a2a4a4b4c

7 2 interventi Utilizzo dei servizi di consulenza da parte delle aziende Formazione dei consulenti I servizi di consulenza contribuiscono al raggiungimento dell’obiettivo di potenziare la redditività e la competitività del settore agricolo permettendo agli agricoltori, ai giovani agricoltori, ai silvicoltori di avvalersi di servizi per aiutarli a migliorare la gestione sostenibile, la performance economica e ambientale della loro azienda. Risorse euro 2. Servizi di consulenza alle aziende agricole

8 Utilizzo dei servizi di consulenza da parte delle aziende

9 2.1.1Intervento Utilizzo dei servizi di consulenza da parte delle aziende Tipologia di sostegnoBeneficiari Spese ammissibili Condizioni di ammissibilitàCriteri di selezioneImporti e aliquote di sostegno - Prestatori di servizi di consulenza, pubblici o privati, selezionati sulla base del par. 3 art. 15 Reg. 1305/2013 Costo della consulenza fornita (stipendi dipendenti, viaggi, materiale ecc.) Gli aiuti non devono riguardare pagamenti diretti in denaro ai produttori primari. Contributo in conto capitale per consulenza attuata, attraverso formule standard o pacchetti, in grado di ottenere un documento/output (es. piano conci- mazione, sicurezza, PUA, business plan) - Competenza esclusiva di liberi professionisti iscritti agli albi qualora previsto dalla legge - Presentazione progetto da sottoporre a valutazione di ammissibilità. - tipologia beneficiario - localizzazione geografica - obbligatorietà consulenza - livello integrazione servizio - argomento/materia della consulenza 80% della spesa ammissibile euro di contributo max 2. Servizi di consulenza alle aziende agricole MeuroFocus area 251a2a2b4a4b4c Risorse 25 Meuro

10 Formazione dei consulenti

11 2.3.1Intervento Formazione dei consulenti Tipologia di sostegnoBeneficiari Spese ammissibili Condizioni di ammissibilità Criteri di selezione Importi e aliquote di sostegno - Azienda regionale Veneto Agricoltura - Attività di progettazione, coordinamento, realizzazione delle iniziative - Attività di docenza e tutoraggio - Noleggio attrezzature e acquisto materiale didattico - Acquisto materiale di consumo per esercitazioni - Affitto e noleggio aule e strutture - Spese per visite didattiche Contributo in conto capitale - durata max 150 h - localizzazione geografica - altri requisiti previsti dai bandi Importo max previsto: euro per tre anni per ciascun ente 2. Servizi di consulenza alle aziende agricole MeuroFocus area 21a2a Risorse 2 Meuro Regìa regionale con affidamento in house a Veneto Agricoltura

12 6 interventi Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda Investimenti per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli Infrastrutture viarie silvopastorali, ricomposizione e miglioramento fondiario e servizi in rete Recupero naturalistico-ambientale e riqualificazione paesaggistica di spazi aperti montani e collinari abbandonati e degradati Introduzione di infrastrutture verdi Strutture funzionali all’incremento e valorizzazione della biodiversità naturalistica Interventi volti al miglioramento delle prestazioni e della sostenibilità globali dell'azienda agricola, che riguardano la trasformazione, la commercializzazione e/o lo sviluppo dei prodotti agricoli. Sono compresi anche gli investimenti non produttivi connessi all'adempimento degli obiettivi agro-climatico-ambientali perseguiti dalle norme comunitarie, nazionali e regionali. Gli interventi riguardano anche l’infrastruttura necessaria allo sviluppo, l'ammodernamento o all'adeguamento dell'agricoltura e della silvicoltura. Risorse euro 4. Investimenti in immobilizzazioni materiali Interventi Agroambientali

13 Nocciolo Specie Nitrofile Recupero naturalistico-ambientale e riqualificazione paesaggistica di spazi aperti montani e collinari abbandonati e degradati

14 4.4.1Intervento Recupero naturalistico-ambientale e riqualificazione paesaggistica di spazi aperti montani e collinari abbandonati e degradati Tipologia di sostegnoBeneficiari Interventi realizzabili Condizioni di ammissibilità Criteri di selezione Importi e aliquote di sostegno - Agricoltori (Art.4 Reg.1307/2013) - Associazioni e/o Consorzi di proprietari privati e/o gestori di superfici agricole - Enti pubblici e loro associazioni - Enti proprietari/gestori del demanio statale o regionale Risorse Viene concesso un aiuto in relazione alle spese sostenute per investimenti non produttivi di recupero di processi di degrado del cotico erboso e di ricolonizzazione forestale su superfici un tempo a prato. Sono previsti operazioni di taglio della vegetazione erbacea-arbustiva-arborea infestante e colonizzante (interventi manuali e meccanizzati), allontanamento materiale di risulta, spietramenti, manutenzioni ordinarie del sito recuperato nel periodo di vincolo… Gli interventi possono riguardare: conservazione della biodiversità delle specie, degli habitat della Rete Natura 2000 e di altri sistemi ad alto valore naturalistico. Contributo in conto capitale - Superficie minima = 1ha - Superficie progettuale montagna e collina del Veneto - Solo aree degradate catastalmente “agricole” - Tipologia beneficiario - Localizzazione geografica - Superficie oggetto dell’intervento Max 100% della spesa ammessa (costi standard) 4. Investimenti in immobilizzazioni materiali MeuroFocus Area 1,54a 1,54b 1,54c 21,9 Meuro 1/2

15 4.4.1Intervento Recupero naturalistico-ambientale e riqualificazione paesaggistica di spazi aperti montani e collinari abbandonati e degradati Risorse 4. Investimenti in immobilizzazioni materiali MeuroFocus Area 1,54a 1,54b 1,54c 21,9 Meuro Importi proposti IMPORTANTE: gli importi proposti sono soggetti a valutazione e validazione da parte degli Uffici della Commissione Europea. Interventi Unit à di misura Pagamento in zona ordinaria € /ha 8.496,31 in siti natura 2000 con ipotesi 2 cantieri9.308,75 in siti Natura 2000 con ipotesi 1 cantiere (se necessaria Vinca di progetto) 8.956,31 Per tale intervento non va tenuta in considerazione alcuna riduzione per il greening 2/2

16 4.4.2 Intervento Introduzione di infrastrutture verdi Tipologia di sostegno BeneficiariInterventi realizzabili Condizioni di ammissibilità Criteri di selezione Importi e aliquote di sostegno - Agricoltori (Art.4 Reg.1307/2013) - Associazioni agricoltori - Aziende agricole di enti pubblici -Enti pubblici e privati connessi alla gestione fluviale e reticolo idraulico Risorse - Impianto di nuovi corridoi ecologici arboreo- arbustivi e boschetti naturalistici; - Realizzazione di operazioni di riqualificazione di fossati aziendali con messa a dimora di chiaviche, fasce riparie e di vegetazione acquatica in alveo e semina di fasce erbacee limitrofe alle rinaturalizzazioni; - Fasce inerbite e canali erbosi, con funzione di intercettare e rallentare i flussi delle acque di ruscellamento, favorendone l’infiltrazione. Si tratta di canali erbosi a sezione parabolica o trapezoidale con larghezza multipla di 3 m. Contributo in conto capitale su costi standard Gli investimenti dovranno essere realizzati in connessione con gli interventi previsti dall’art 28 Reg (CE) , relativi al mantenimento delle infrastrutture verdi - Bacino scolante in Laguna di Venezia e rimanenti Zone Vulnerabili ai Nitrati - Sostenibilità ambientale - Superficie oggetto intervento - Fasce inerbite: progetto unitario Max 100% della spesa ammessa 4. Investimenti in immobilizzazioni materiali MeuroFocus Area 16,54a4b4c 21,9 Meuro 1/2

17 Corridoi ecologici Fasce Tampone Canali Erbosi Boschetti Introduzione di infrastrutture verdi

18

19

20 4.4.2 Intervento Introduzione di infrastrutture verdi Risorse 4. Investimenti in immobilizzazioni materiali MeuroFocus Area 16,54a4b4c 21,9 Meuro Importi proposti Interventi proposti Pagamento al lordo del greening Pagamento al netto del greening Investimento a) nuovi corridoi ecologici arboreo-arbustivosingolo 9,57 € /ml7,84 € /ml gruppo 10,55 € /ml8,96 € /ml Investimento b) boschettisingolo ,67 € /ha9.789 € /ha gruppo ,27 € /ha9.802 € /ha Investimento c) riqualificazione fluviale (allargamento/rinaturalizzazione) singolo (Importi massimi da riconfigurare su “ tipo progettuale ” ) gruppo Investimento c) riqualificazione fluviale (realizzazione)singolo (Importi massimi da riconfigurare su “ tipo progettuale ”) gruppo Investimento d) fasce inerbite - canali erbosisingolo (Importi massimi da riconfigurare su “ tipo progettuale ”) gruppo *Per tali interventi non va tenuta in considerazione alcuna riduzione per il greening IMPORTANTE: gli importi proposti sono soggetti a valutazione e validazione da parte degli Uffici della Commissione Europea. 2/2

21 Strutture funzionali all’incremento e valorizzazione della biodiversità naturalistica Strutture funzionali all’osservazione della fauna selvatica Creazione di zone umide Strutture funzionali alla diffusione della fauna selvatica (nidi artificiali, tunnel attraversamento, barriere, ripristino muretti per riparo fauna)

22 4.4.3Intervento Strutture funzionali all’incremento e valorizzazione della biodiversità naturalistica Tipologia di sostegno BeneficiariInterventi realizzabili Condizioni di ammissibilità Criteri di selezione Importi e aliquote di sostegno Risorse 1. Strutture funzionali all’osservazione della fauna selvatica 2. Strutture funzionale alla diffusione della fauna selvatica 3. Creazione di aree umide 4. Strutture per la raccolta del patrimonio biogenetico Contributo in conto capitale su costi standard - Localizzazione geografica - Zone designate vulnerabili ai nitrati - Superficie oggetto d’intervento 100% della spesa ammessa Massimale di €/progetto per interventi 1, 2 e 3 Massimale di €/progetto per intervento 4 4. Investimenti in immobilizzazioni materiali MeuroFocus Area 0,94a4b4c 21,9 Meuro - Agricoltori (Art.4 Reg.1307/2013) - Associazioni agricoltori - Aziende agricole di enti pubblici Gli investimenti dovranno essere realizzati in connessione con gli interventi previsti dall’art 28 Reg (CE) , relativi al mantenimento delle infrastrutture verdi

23 3 interventi Creazione e sviluppo della diversificazione delle imprese agricole Creazione e sviluppo di attività extra-agricole nelle aree rurali L’attivazione della misura punta a incentivare la fase di avvio della nuova impresa gestita dal giovane agricoltore con gli obiettivi di favorire la permanenza dei giovani nelle aree rurali e incrementare il numero di imprese condotte da giovani imprenditori. Viene sostenuta la diversificazione delle attività agricole e lo sviluppo di attività extra-agricole (artigianali, turistiche, sociali, agromeccaniche). Risorse euro 6. Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese Insediamento di giovani agricoltori Avviamento di microimprese agricole in zone rurali di montagna Interventi Agroambientali

24 Creazione e sviluppo della diversificazione delle imprese agricole

25 6.4.1Intervento Creazione e sviluppo della diversificazione delle imprese agricole Tipologia di sostegno Beneficiari Spese ammissibili Condizioni di ammissibilità Importi e aliquote di sostegno Imprenditori agricoli Imprenditori a prevalente indirizzo zootecnico per produzione energia Risorse 35,5 Meuro - Investimenti materiali (strutturali e di miglioramento dei beni immobili; dotazioni e attrezzature; spese generali investimenti) - Investimenti immateriali (programmi, brevetti, licenze) Contributi in conto capitale -Divieto di creazione di attività agricola o a supporto di attività con prodotto finale agricolo - Connessione con l’attività agricola esercitata - Attività svolte all’interno dei beni fondiari dell’impresa - Per produzione energia: a.Impiego prevalente di reflui zootecnici b.Rendimento maggiore al 75% di quello indicato in scheda tecnica dell’impianto Zone montane: - Interventi strutturali 50% - Interventi su beni mobili e investimenti immateriali 45% Pianura: - Interventi su beni immobili 40% - Interventi su beni mobili e investimenti immateriali 35% Maggiorazione del 10% per approcci collettivi (Misura 16) Sottoposta al regime de minimis 6. Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese MeuroFocus Area 9,55c 266a

26 Creazione e sviluppo di attività extra agricole nelle aree rurali

27 6.4.2Intervento Creazione e sviluppo di attività extra agricole nelle aree rurali 6. Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese Risorse 11 Meuro MeuroFocus Area 116a Tipologia di sostegno Beneficiari Spese ammissibili Microimprese e piccole imprese (Raccomandazione 2003/361 UE) Persone fisiche - Investimenti materiali (strutturali e di miglioramento dei beni immobili; dotazioni e attrezzature; spese generali investimenti). - Investimenti immateriali (programmi, brevetti, licenze). Nelle spese ammissibili non rientrano le attrezzature riguardanti le normali operazioni agronomiche finanziabili nell’ambito della sottomisura 4.1. Contributi in conto capitale Importi e aliquote di sostegno Zone montane: - Interventi strutturali 50% - Interventi su beni mobili e investimenti immateriali 45% Pianura: - Interventi su beni immobili 40% - Interventi su beni mobili e investimenti immateriali 35% Per le imprese che svolgono prevalentemente l’attività agromeccanica, sono ammissibili altresì le attrezzature per la corretta distribuzione dei fitofarmaci in attuazione del PAN fitofarmaci, per l’adozione di tecniche di agricoltura conservativa e i dispositivi finalizzati all’agricoltura di precisione.

28 3 interventi Accessibilità alla banda larga Infrastrutture e informazione per lo sviluppo del turismo sostenibile nelle aree rurali La misura è finalizzata al sostegno di interventi in grado di stimolare la crescita e promuovere la sostenibilità ambientale e socio-economico delle aree rurali, in particolare attraverso lo sviluppo di investimenti ed infrastrutture locali, compreso lo sviluppo della banda larga veloce e ultralarga, e l’erogazione di servizi di base locali rivolti in particolare alla qualificazione e consolidamento delle attività turistiche nelle aree rurali, anche in funzione del restauro e della riqualificazione del patrimonio culturale e naturale di borghi e paesaggi rurali. Risorse euro 7. Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali Recupero e riqualificazione del patrimonio architettonico dei villaggi e del paesaggio rurale. Intervento Agroambientale

29 Edifici rurali (Feltrino, Altopiano di Lamon, Arsiè) Recupero e riqualificazione del patrimonio architettonico dei villaggi e del paesaggio rurale

30

31 7.6.1Intervento Recupero e riqualificazione del patrimonio architettonico dei villaggi e del paesaggio rurale Beneficiari -Agricoltori, come definiti dall’art. 4, par. 4, lett. a) del Reg. (UE) n. 1307/2013 -Associazioni di agricoltori -Associazioni miste di agricoltori e altri gestori del territorio Condizioni di ammissibilità -Sono ammissibili investimenti aventi ad oggetto immobili del patrimonio architettonico culturale dei villaggi e del paesaggio rurale di comprovato interesse storico-testimoniale, caratterizzanti per tipologie e/o caratteristiche costruttive e/o architettoniche, individuati sulla base (a) degli “studi e censimenti” approvati e finanziati ai sensi della Misura 323 a-Azione 1 del PSR , laddove presenti e pertinenti, e/o (b) delle indicazioni fornite nell’ambito degli strumenti per il governo del territorio (PTRC; PTCP; PAT e PI, PPRA). -Gli investimenti sono ammissibili se realizzati negli ambiti territoriali designati (ATD) dei GAL selezionati dalla Regione. -Gli interventi su tali immobili non dovranno compromettere l’immagine architettonica e la struttura storica e dovranno essere eseguiti nel rispetto delle tipologie e delle caratteristiche costruttive, architettoniche, storiche e paesaggistiche che li caratterizzano, come asseverato dal progettista. Risorse 55* Meuro MeuroFocus Area 63,6*6b 7. Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali 1/2 *l’intervento sarà attuato esclusivamente nell’ambito delle strategie di sviluppo locale LEADER attraverso i Programmi di Sviluppo Locale selezionati dalla Regione.

32 Tipologia di sostegno Importi e aliquote di sostegno Contributo in conto capitale e contributo in conto interesse - Il livello di aiuto è pari al 50% della spesa ammissibile. - Per i richiedenti ad esso assoggettati, rispetto del regime de minimis del Reg. (UE) n. 1407/2013. Spese ammissibili -Spese di carattere edilizio relative alla manutenzione straordinaria e restauro di immobili appartenenti al patrimonio architettonico dei villaggi e al recupero di elementi tipici del paesaggio rurale. -Spese generali. Risorse 55* Meuro MeuroFocus Area 63,6*6b *l’intervento sarà attuato esclusivamente nell’ambito delle strategie di sviluppo locale LEADER attraverso i Programmi di Sviluppo Locale selezionati dalla Regione. 7. Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali 2/ Intervento Recupero e riqualificazione del patrimonio architettonico dei villaggi e del paesaggio rurale

33 8 interventi Tecniche agronomiche a ridotto impatto ambientale Ottimizzazione ambientale delle tecniche agronomiche ed irrigue Gestione attiva di infrastrutture verdi La misura si propone di sviluppare le linee di intervento ed i correlati impegni agro-climatico-ambientali, in grado di rispondere ai fabbisogni ambientali emersi nella fase di analisi e nel rispetto dei principali obiettivi enunciati dalla Strategia “Europa 2020”. Risorse euro 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Mantenimento di prati, prati seminaturali, pascoli e prati-pascoli Miglioramento della qualità dei suoli agricoli Tutela ed incremento degli habitat seminaturali Biodiversità – Allevatori e coltivatori custodi Conservazione e uso sostenibile delle risorse genetiche in agricoltura

34

35 Tecniche agronomiche a ridotto impatto ambientale

36 Intervento Tecniche agronomiche a ridotto impatto ambientale 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 10,5 Meuro MeuroFocus Area 3,54a 3,54b 3,54c Beneficiari Impegni (B) Condizioni di ammissibilità INTRODUZIONE E MANTENIMENTO AGRICOLTURA CONSERVATIVA (NT) superfici di pianura e collina ISTAT SOI almeno pari al 25% della superficie seminativa aziendale; SOI minima di 10 ha nel caso di introduzione del NT Minimo 1 ha di superficie a impegno  Agricoltori (Art.4 Reg.1307/2013)  Associazioni agricoltori  Enti pubblici che conducono aziende agricole MINIMA LAVORAZIONE (MT) Divieto: inversione strati del terreno, aratura, ripuntatura Adottare in via esclusiva la semina su sodo (sod seeding) Trebbiatura con pneumatici flottanti, ruote gemellate o cingoli obbligo di scouting Specifici avvicendamenti con l’introduzione di cover crops ed erbai Divieto: inversione strati del terreno, aratura, ripuntatura Adozione esclusiva di lavorazioni superficiali senza fresatura Distribuzione organica precedente alla fase di disseccamento della cover crop al termine del ciclo colturale della cover crop Specifici avvicendamenti con l’introduzione di cover crops ed erbai Criteri di selezione -Localizzazione geografica (zone vulnerabili ai Nitrati) -Estensione della superficie oggetto d’impegno 1/2 Impegni (A)

37 Intervento Tecniche agronomiche a ridotto impatto ambientale 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 10,5 Meuro MeuroFocus Area 3,54a 3,54b 3,54c Tipologia di sostegno Importi proposti Pagamenti a superficie: euro/ettaro/anno per cinque anni Introduzione all’agricoltura conservativa (NT): 600 (€/ha) senza riduzione della componente “greening” e 600 (€/ha) con riduzione della componente “greening” Mantenimento dell’agricoltura conservativa (NT): 600 (€/ha) senza riduzione della componente “greening” e 600 (€/ha) con riduzione della componente “greening” Minima Lavorazione (MT): 322 (€/ha) senza riduzione della componente “greening” e 291 (€/ha) con riduzione della componente “greening” IMPORTANTE: gli importi proposti sono soggetti a valutazione e validazione da parte degli Uffici della Commissione Europea. 2/2

38 Ottimizzazione ambientale delle tecniche agronomiche ed irrigue

39 Intervento Ottimizzazione ambientale delle tecniche agronomiche ed irrigue 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 24 Meuro MeuroFocus Area 124b 124c Beneficiari Impegno opzionale Condizioni di ammissibilità E’ escluso l’impegno irriguo in area montana Superficie minima ad impegno: 1 ettaro Obbligo di adesione sul 25% della SOI aziendale destinata alle colture seminative ammissibili  Agricoltori (Art.4 Reg.1307/2013)  Associazioni agricoltori  Enti pubblici che conducono aziende agricole Successioni colturali agronomicamente ed ecologicamente compatibili Criteri di selezione Localizzazione geografica (zone vulnerabili ai Nitrati) Tipologia di impegno (riduzione uso irriguo dell’acqua) Impegni obbligatori copertura autunno vernina del suolo riduzione dei concimi azotati e distribuzione ottimizzata dei fertilizzanti compilazione del registro web di coltivazione con inserimento delle seguenti operazioni impegni per l’applicazione della sottomisura con specifiche finalità paesaggistiche impegni irrigui autoesclusivi nelle coltivazioni irrigue, con riduzione dei volumi irrigui per aspersione, microirrigazione e fertirrigazione Impegno con specifiche finalità paesaggistiche semina di colture erbacee non più ordinarie (lino, girasole, sorgo rosso e giallo, miglio, panico, pisello proteico, frumenti aristati, orzo distico e polistico, triticale, segale, colza; …) possibile semina del prato polifita divieto di ripetizione della medesima coltura principale sulla SOI a impegno 1/4

40 Dati meteo Datisuolo Datifalda Momento intervento irriguo Volume irrigazione Convenienza economica Dati distretto irriguo consorzio Bilancio idrico e allineamento del consiglio irriguo col turno o disponibilità idrica Input e Output del Servizio Dati colturali tipo e pluviometria impianto aziendale Ottimizzazione ambientale delle tecniche agronomiche ed irrigue

41 Intervento Ottimizzazione ambientale delle tecniche agronomiche ed irrigue 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 24 Meuro MeuroFocus Area 124b 124c Tipologia di sostegno Pagamenti a superficie: euro/ettaro/anno per cinque anni IMPORTANTE: gli importi proposti sono soggetti a valutazione e validazione da parte degli Uffici della Commissione Europea. 2/4 Impegni Pagamento al lordo del greening ( € /ha) Pagamento al netto del greening ( € /ha) Alternativa 1 : Impegni obbligatori + riduzione 25% volume irriguo aspersione mais sorgo soia girasole barbabietola frumento colza tabacco1.450 (*)1429 (*) Alternativa 1 - aspersione (*) giustificazione eccezionalità – Allegato II Reg. (UE) n. 1305/2013

42 Intervento Ottimizzazione ambientale delle tecniche agronomiche ed irrigue 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 24 Meuro MeuroFocus Area 124b 124c Tipologia di sostegno Pagamenti a superficie: euro/ettaro/anno per cinque anni IMPORTANTE: gli importi proposti sono soggetti a valutazione e validazione da parte degli Uffici della Commissione Europea. 3/4 Impegni Pagamento al lordo del greening ( € /ha) Pagamento al netto del greening ( € /ha) Alternativa 2: Impegni obbligatori + riduzione 25% volume irriguo microirrigazione mais sorgo soia girasole barbabietola frumento colza tabacco1.370 (*)1.348 (*) tabacco fertirrigazione 818 (*)797 (*) Alternativa 2 - microirrigazione (*) giustificazione eccezionalità – Allegato II Reg. (UE) n. 1305/2013

43 Intervento Ottimizzazione ambientale delle tecniche agronomiche ed irrigue 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 24 Meuro MeuroFocus Area 124b 124c Tipologia di sostegno Pagamenti a superficie: euro/ettaro/anno per cinque anni IMPORTANTE: gli importi proposti sono soggetti a valutazione e validazione da parte degli Uffici della Commissione Europea. 4/4 Alternativa 3 – no impegno irriguo Alternativa 3 “ Opzione impegno paesaggistico ” Alternativa 3 – impegno paesaggistico Impegni Pagamento al lordo del greening ( € /ha) Pagamento al netto del greening ( € /ha) Alternativa 3 Impegni obbligatori mais sorgo soia girasole barbabietola frumento colza334312

44 La rotonda del Palladio Ottimizzazione ambientale delle tecniche agronomiche ed irrigue

45 Gestione attiva di infrastrutture verdi

46

47 Intervento Gestione attiva di infrastrutture verdi 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 28,5 Meuro MeuroFocus Area 9,54a 9,54b 9,54c Beneficiari Impegni Condizioni di ammissibilità limite minimo per la conservazione di corridoi ecologici, fasce tampone, siepi: 0,125 ha boschetti: estensione minima 0,05 ha; estensione massima 1 ha limite massimo di superficie aziendale ad impegno: 20%; formazione lineare arboreo- arbustiva è costituita da un “modulo base” di 1 metro lineare di fascia arboreo-arbustiva cui sono associati 5 metri lineari di fascia inerbita  Agricoltori (Art.4 Reg.1307/2013)  Associazioni agricoltori  Enti pubblici che conducono aziende agricole mantenimento fasce tampone, siepi e boschetti, fasce inerbite e canali erbosi con connessa fascia erbacea di rispetto nel caso di necessario infoltimento, utilizzo di specie indicate trinciatura della fascia erbacea almeno una volta l’anno; divieto di impiego di prodotti fitosanitari, fertilizzanti, fanghi divieto di taglio a raso regolamentazione delle potature in riferimento alle specie; controllo delle specie erbacee, lianose e arboreo-arbustive invadenti. Criteri di selezione Localizzazione geografica (BSLV, ZVN, Rete Natura 2000, parchi e aree protette, ecc.); Estensione dell’intervento, differenziata per tipologia 1/2

48 Intervento Gestione attiva di infrastrutture verdi 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 28,5 Meuro MeuroFocus Area 9,54a 9,54b 9,54c Importi proposti IMPORTANTE: gli importi proposti sono soggetti a valutazione e validazione da parte degli Uffici della Commissione Europea. Senza riduzione componente greening Con riduzione componente greening Fasce tampone e Siepi Totale annuale singolo aderente2,41 €/ml (*)1,77 €/ml (*) Totale annuale gruppo aderente2,67 €/ml (*)2,03 €/ml (*) Boschetti Totale annuale singolo aderente192 €/ha183 €/ha Totale annuale gruppo aderente208 €/ha198 €/ha 2/2 (*) giustificazione eccezionalità – Allegato II Reg. (UE) n. 1305/2013

49 Mantenimento di prati, prati semi-naturali, pascoli e prati-pascoli

50 Intervento Mantenimento di prati, prati semi-naturali, pascoli e prati-pascoli Beneficiari Impegni Condizioni di ammissibilità Criteri di selezione  Nessun impegno a calendario;  Sfalci ordinari con asporto dell’erba sfalciata;  Rilascio di parcelle non sfalciate di dimensione fra 500 e mq;  Concimazione max 170 kg/ha di N organico;  No concimi di sintesi e No fitofarmaci;  Mantenimento arbusti rosa canina, ginepro, …;  Possibilità di eliminazione arbusti invadenti. Gli Impegni dovranno essere realizzati su Superfici a prato e pascolo permanente Impegni ESCLUSIVAMENTE CON APPROCCIO COLLETTIVO SU BASE CARTOGRAFICA PER: Prati ricchi di specie Pascoli ricchi di specie - localizzazione geografica (pianura, collina, montagna) -Zone Vulnerabili ai Nitrati - specifica cartografia per prati e pascoli ricchi di specie 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 39 Meuro MeuroFocus Area 134a 134b 134c  Agricoltori (Art.4 Reg.1307/2013)  Associazioni agricoltori  Enti pubblici che conducono aziende agricole IMPORTANTE: la proposta di misura dovrà necessariamente tenere conto di una serie di aggiornamenti normativi che sono stati approvati dopo la sua elaborazione, nonché del Rapporto Ambientale VAS comprensivo di VINCA. 1/2

51 Mantenimento di prati, prati semi-naturali, pascoli e prati-pascoli

52 Intervento Mantenimento di prati, prati semi-naturali, pascoli e prati-pascoli Tipologia di sostegno Importi proposti Pagamenti a superficie: euro/ettaro/anno per cinque anni 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 39 Meuro MeuroFocus Area 134a 134b 134c IMPORTANTE: gli importi proposti sono soggetti a valutazione e validazione da parte degli Uffici della Commissione Europea. 2/2 Tipologia di intervento Pagamento in Zona Vulnerabile ( € /ha) Pagamento in Zona Ordinaria ( € /ha) Prati di pianura, collina, montagna 450 (massimale definito dal Reg. UE 1305/13) Pascoli e prati-pascoli di montagna 235 Prati seminaturali ricchi di specie: prati di pianura 999 (*)1.078 (*) Prati seminaturali ricchi di specie: prati di collina 856 (*)849 (*) Prati seminaturali ricchi di specie: prati di montagna 823 (*)784 (*) Pascoli ricchi di specie 599 (*) (*) condizione di “ eccezionalit à” – Reg. (UE) n. 1305/2013

53 Intervento Mantenimento di prati, prati semi-naturali, pascoli e prati-pascoli ALCUNE PRECISAZIONI SULLA PROPOSTA 1.Esiste il vincolo di Condizionalità che prevede l’obbligo di almeno uno sfalcio/anno (si può pagare esclusivamente ciò che supera questa soglia) 2.Non ci sono date di calendario da dover rispettare prima di sfalciare; 3.Ai fini del controllo, non è sostanziale la verifica di “quante volte” ho sfalciato nella stagione, ma che ci sia il mantenimento dell’area non sfalciata sul 10% della superficie aziendale. 4.Alla fine della stagione produttiva, il prato dovrà essere completamente sfalciato; 5.Il limite di 170 kg/ha di azoto da letame/liquame è lo stesso della passata programmazione. Chi usa gli effluenti predispone comunicazione “sotto soglia” nitrati; 6.Il vincolo di non usare concimi di sintesi e fitofarmaci è lo stesso della passata programmazione; 7.Viene riconosciuto il tempo impiegato dall’agricoltore per falciare mantenendo in loco rosa canina e ginepro, eliminando (se necessario) gli altri arbusti invadenti; 8.Viene riconosciuto il tempo impiegato dall’agricoltore per organizzarsi la dislocazione delle aree da preservare dallo sfalcio; 9.Non ci sono registri per dimostrare gli sfalci né per dimostrare la turnazione del pascolo; 10.Il pagamento proposto è di oltre 160 €/ha superiore a quello dell’attuale 214/e; 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 39 Meuro MeuroFocus Area 134a 134b 134c 3/3

54 Miglioramento della qualità dei suoli agricoli

55 Intervento Miglioramento della qualità dei suoli agricoli 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 4,5 Meuro MeuroFocus Area 1,54a 1,54b 1,54c Beneficiari Impegni Condizioni di ammissibilità Superfici classificate a ridotta dotazione di Carbonio Organico, (inferiore al 2%) Superficie minima ad impegno 1 ettaro SOI pari almeno al 25% della SAU seminativa Sono escluse le superfici non investite a seminativi Obbligo di presentare comunicazione sotto soglia  Agricoltori (Art.4 Reg.1307/2013)  Associazioni agricoltori  Enti pubblici che conducono aziende agricole Possono essere utilizzati solo: Effluenti zootecnici classificati come materiali palabili e non palabili dalla normativa in materia; Le modalità di gestione dei fertilizzanti azotati e, in particolare, degli effluenti zootecnici devono essere frazionate e orientate alla massimizzazione dell’efficienza d’uso Previsto interramento No carrobotte con piatto deviatore Apporto di matrice organica e quantità di azoto chimico nei limiti complessivi di azoto dei parametri MAS Divieto di utilizzo di Fosforo di sintesi chimica Predisposizione del Registro delle concimazioni Criteri di selezione Localizzazione geografica (zone vulnerabili ai nitrati) percentuale di colture seminative rispetto alla SAU totale dell’azienda; Dimensione della SAT decrescente 1/2

56 Intervento Miglioramento della qualità dei suoli agricoli 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 4,5 Meuro MeuroFocus Area 1,54a 1,54b 1,54c Tipologia di sostegno Importi proposti Pagamenti a superficie: euro/ettaro/anno per cinque anni Il pagamento è pari a 351€/ha in Zona Vulnerabile e 410€/ha in Zona Ordinaria. Non deve essere detratta alcuna componente greening. IMPORTANTE: gli importi proposti sono soggetti a valutazione e validazione da parte degli Uffici della Commissione Europea. 2/2

57 Tutela ed incremento degli habitat seminaturali

58 Intervento Tutela ed incremento degli habitat seminaturali 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 2,1 Meuro MeuroFocus Area 0,74a 0,74b 0,74c Beneficiari Impegni Condizioni di ammissibilità Superficie minima ad impegno 1 ettaro. Derogano gli interventi di riqualificazione della rete idraulica minore realizzati con la sottomisura 4.4  Agricoltori (Art.4 Reg.1307/2013)  Associazioni agricoltori  Enti pubblici che conducono aziende agricole mantenimento di prati umidi e zone umide impegni derivanti dagli interventi di riqualificazione della rete idraulica minore della sottomisura 4.4 colture a perdere conversione a prato delle superfici seminative Criteri di selezione “MANTENIMENTO DI PRATI UMIDI E ZONE UMIDE “ e “COLTURE A PERDERE” - Localizzazione geografica (Aree della Rete Natura 2000, parchi e altre aree naturali protette) - interventi e investimenti non produttivi già realizzati con altri programmi o misure ( PSR , Piano Direttore per il Bacino Scolante della Laguna di Venezia (misura C5.1.3), o realizzati con la sottomisura 4.4 del PSR “CONVERSIONE A PRATO DELLE SUPERFICI SEMINATIVE” zone di rispetto delle opere pubbliche di presa e captazione delle acque destinate al consumo umano, aree golenali dei fiumi del territorio regionale, ZVN 1/2

59 Intervento Tutela ed incremento degli habitat seminaturali 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 2,1 Meuro MeuroFocus Area 0,74a 0,74b 0,74c Tipologia di sostegno Importi proposti Pagamenti a superficie: euro/ettaro/anno per cinque anni IMPORTANTE: gli importi proposti sono soggetti a valutazione e validazione da parte degli Uffici della Commissione Europea. 2/2 Impegni Calcolo dei maggiori costi e mancati redditi al lordo del greening ( € /ha) Calcolo dei maggiori costi e mancati redditi al netto del greening ( € /ha) Pagamento a fronte giustificazione eccezionalit à ( € /ha) a) Mantenimento prati e zone umide singolo892,10 Non applicabile 700 (*) gruppo922,10 a) Mantenimento rete idraulica minore singolo 2,45 ( € /m)2,41 ( € /m) (*) gruppo 2,71 ( € /m)2,67 ( € /m) (*) a) Colture a perdere singolo1.492,50429, (*) gruppo1.522,50459,50 a) Conversione seminativi a prati singolo , (*) gruppo ,80 a) Conversione seminativi a prati in rete idraulica minore singolo990,90-72, (*) gruppo1.020,90-42,10 (*) giustificazione eccezionalità – Allegato II Reg. (UE) n. 1305/2013

60 Biodiversità - Allevatori e coltivatori custodi

61 Intervento Biodiversità - Allevatori e coltivatori custodi Importi proposti 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali SpecieRazzaPagamento Unit à BovinaBurlina *512 (*) euro/UBA Rendena Grigio alpina200euro/UBA EquinaCAITPR *506 (*) euro/UBA Norico *378 (*) euro/UBA Maremmano200euro/UBA Cavallo del Delta200euro/UBA OvinaLamon e Foza/Vicentina *600 (*) euro/UBA Alpagota e Brogna *400 (*) euro/UBA AvicoliIn minaccia di abbandono200euro/UBA Frumento e altri cereali a paglia488euro/ha mais 565 euro/ha IMPORTANTE: gli importi proposti sono soggetti a valutazione e validazione da parte degli Uffici della Commissione Europea. Risorse 5 Meuro MeuroFocus Area 54a (*) giustificazione eccezionalità – Allegato II Reg. (UE) n. 1305/2013

62 Sostegno per la conservazione e l’uso sostenibile delle risorse genetiche in agricoltura

63 Intervento Sostegno per la conservazione e l’uso sostenibile delle risorse genetiche in agricoltura Tipologia di sostegno e importi e aliquote di sostegno BeneficiariDescrizione intervento Condizioni di ammissibilità Criteri di selezione Azioni mirate: per la conservazione ex situ e in situ, la caratterizzazione, la raccolta e l’utilizzazione delle risorse genetiche in agricoltura, nonché la compilazione di inventari, le attività di conservazione delle risorse genetiche in situ/nell’azienda agricola, sia delle collezioni ex situ e delle banche dati. Azioni concertate: volte a promuovere lo scambio di informazioni nell’Unione Europea;. Azioni di accompagnamento: di informazione, diffusione e consulenza, corsi di formazione e preparazione di rapporti tecnici. - Presentazione di un progetto; -Dimostrazione da parte dei soggetti Richiedenti di pregressa esperienza nella conservazione o caratterizzazione delle risorse genetiche; - Rispetto delle prescrizioni tecniche dettate dai piani di selezione/conservazione previsti dai libri genealigici/registri anagrafici;  Coerenza con ordinamenti Nazionali e regionali;  Rappresentatività delle razze e varietà proposte in conservazione;  Tipologia di azioni 10. Pagamenti agro-climatici-ambientali Risorse 1.5 Meuro MeuroFocus Area 1.54a  Enti PubbliciContributo in conto capitale delle spese effettivamente sostenute 100% della spesa sostenuta

64 2 interventi Pagamenti per la conversione all’agricoltura biologica Pagamenti per il mantenimento dell’agricoltura biologica Uno degli elementi fondamentali che caratterizzano l’agricoltura biologica è l’utilizzo prevalente di risorse rinnovabili nell’ambito di sistemi agricoli organizzati a livello locale. In linea generale, i metodi di agricoltura biologica prevedono rotazioni colturali, impiego di specie e varietà resistenti e metodi di lotta biologica, riutilizzo di sottoprodotti di origine animale o vegetale, divieti di uso di sostanze di sintesi (fertilizzanti, fitosanitari, antibiotici) e di OGM. La produzione biologica vegetale tende a mantenere e a potenziare la fertilità del suolo nonché a prevenirne l’erosione. In questa logica, Risorse euro 11. Agricoltura biologica

65 Pagamenti per la conversione all’agricoltura biologica

66 11.1.1Intervento Pagamenti per la conversione all’agricoltura biologica 11. Agricoltura biologica Risorse 3 Meuro MeuroFocus Area 34a4b4c Beneficiari -Agricoltori in attività quali definiti all'articolo 9 del Reg (UE) n. 1307/2013 -Associazioni di agricoltori e aziende agricole di Enti pubblici. Condizioni di ammissibilità -Sono ammesse le colture foraggere, nel limite del 30% della SAU, e comunque non oltre 5 ettari. Superfici superiori solo se utilizzate nella medesima azienda agricola per allevamenti zootecnici biologici con il vincolo 1 UBA/ha: il sostegno delle colture foraggere è ricollegato, secondo i principi dello stesso Reg CE 834/07, all’utilizzo nell’azienda zootecnica di tali produzioni. -limite minimo di SAU aziendale è pari ad 1 ha. L’azienda deve essere assoggettata al metodo biologico su tutta la SAU aziendale, pari ad almeno una UTE completa. - le associazioni agricole o enti pubblici, il richiedente presenta una singola domanda di sostegno comune a tutti i beneficiari, che dovranno essere in numero almeno pari o superiore a 10. -Non sono ammessi i produttori che si siano già ritirati dall’applicazione dei disciplinari biologici dopo aver ricevuto provvidenze quinquennali a valere del Reg. CE n. 1257/99 (PSR 2000/2006) o del Reg CE n. 1698/05 (PSR 2007/2013) 1/2

67 Pagamenti per la conversione all’agricoltura biologica

68 11.1.1Intervento Pagamenti per la conversione all’agricoltura biologica Tipologia di sostegno Pagamento a superficie Spese ammissibili -L’aiuto compensa le perdite di reddito e dei costi aggiuntivi derivanti dagli impegni assunti per quanto riguarda la conversione a pratiche e metodi di agricoltura biologica, come definito nella normativa pertinente all’agricoltura biologica. Il calcolo dei costi delle pratiche di agricoltura biologica è stabilito dal loro confronto con metodi di coltivazione convenzionali. 11. Agricoltura biologica Risorse 3 Meuro MeuroFocus Area 34a4b4c 2/2 colturapremio euro/ha seminativi 559 orticole 1000 (*) vite900 fruttiferi900 prato stabile 450 pascolo 282 colture in serra 1200 (*) IMPORTANTE: gli importi proposti sono soggetti a valutazione e validazione da parte degli Uffici della Commissione Europea. Importi e aliquote di sostegno (a lordo del greening) (*) giustificazione eccezionalità – Allegato II Reg. (UE) n. 1305/2013 Impegno aggiuntivo “insetti pronubi/insetti utili” per colture in serra e colture frutticole: 450 €/ha Impegno aggiuntivo “colture da sovescio”: 192 €/ha

69 Pagamenti per il mantenimento dell’agricoltura biologica

70 11.2.1Intervento Pagamenti per il mantenimento dell’agricoltura biologica Risorse 11,5 Meuro MeuroFocus Area 11,54a4b4c Beneficiari -Agricoltori in attività quali definiti all'articolo 9 del Reg (UE) n. 1307/2013 -Associazioni di agricoltori e aziende agricole di Enti pubblici. Condizioni di ammissibilità -Sono ammesse le colture foraggere, nel limite del 30% della SAU, e comunque non oltre 5 ettari. Superfici superiori solo se utilizzate nella medesima azienda agricola per allevamenti zootecnici biologici con il vincolo 1 UBA/ha: il sostegno delle colture foraggere è ricollegato, secondo i principi dello stesso Reg CE 834/07, all’utilizzo nell’azienda zootecnica di tali produzioni. -limite minimo di SAU aziendale è pari ad 1 ha. L’azienda deve essere assoggettata al metodo biologico su tutta la SAU aziendale, pari ad almeno una UTE completa. - le associazioni agricole o enti pubblici, il richiedente presenta una singola domanda di sostegno comune a tutti i beneficiari, che dovranno essere in numero almeno pari o superiore a 10. -Non sono ammessi i produttori che si siano già ritirati dall’applicazione dei disciplinari biologici dopo aver ricevuto provvidenze quinquennali a valere del Reg. CE n. 1257/99 (PSR 2000/2006) o del Reg CE n. 1698/05 (PSR 2007/2013) 11. Agricoltura biologica 1/2

71 11.2.1Intervento Pagamenti per il mantenimento dell’agricoltura biologica Risorse 11,5 Meuro Tipologia di sostegno Pagamento a superficie Importi e aliquote di sostegno (a lordo del greening) Spese ammissibili -L’aiuto compensa le perdite di reddito e dei costi aggiuntivi derivanti dagli impegni assunti per quanto riguarda la conversione a pratiche e metodi di agricoltura biologica, come definito nella normativa pertinente l’agricoltura biologica. Il calcolo dei costi delle pratiche di agricoltura biologica è stabilito dal loro confronto con metodi di coltivazione convenzionali. MeuroFocus Area 11,54a4b4c 11. Agricoltura biologica 2/2 colturapremio euro/ha seminativi452 orticole1000 (*) vite661 fruttiferi900 prato stabile450 pascolo261 colture in serra 1173 (*) IMPORTANTE: gli importi proposti sono soggetti a valutazione e validazione da parte degli Uffici della Commissione Europea. (*) giustificazione eccezionalità – Allegato II Reg. (UE) n. 1305/2013 Impegno aggiuntivo “insetti pronubi/insetti utili” per colture in serra e colture frutticole: 450 €/ha Impegno aggiuntivo “colture da sovescio”: 192 €/ha

72 6 interventi Costituzione e gestione dei gruppi operativi del PEI in materia di produttività e sostenibilità dell’agricoltura Realizzazione di progetti pilota e sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie Cooperazione per lo sviluppo delle filiere corte La misura si sviluppa in interventi che sostengono forme di cooperazione e beneficiari diversificati ed è finalizzata al superamento degli svantaggi economici, ambientali e di altro genere derivanti dalla frammentazione, oltre che allo sviluppo dell’innovazione e alla promozione del trasferimento di conoscenze nel settore agricolo, forestale e nelle zone rurali. Risorse euro 16. Cooperazione Progetti collettivi a carattere ambientale funzionali alle priorità dello sviluppo rurale Sostegno alle filiere per la produzione di biomasse nel settore alimentare, energetico e per i processi industriali Creazione e sviluppo di pratiche e reti per la diffusione dell’agricoltura sociale e delle fattorie didattiche.

73 Individuare un’idea o un problema 1 Descrivere il progetto per testare l’idea o risolvere il problema 2 Creare un piano d’azione con obiettivi, tempistica, budget,… 4 Trovare i partners giusti 3 Individuare le Misure e presentare domanda di finanziamento 5 Cooperazione

74 Cosa finanzia la Misura Cooperazione? Nuovi gruppi, nuovi progetti Gruppi esistenti, nuovi progetti Gruppi esistenti, progetti esistenti  Stimolare soggetti diversi a collaborare, a lavorare insieme per un progetto comune. Cooperazione

75 16.1.1Intervento Costituzione e gestione dei gruppi operativi del PEI in materia di produttività e sostenibilità dell’agricoltura 16. Cooperazione Risorse 6,5 Meuro MeuroFocus area 6,51b2a4a4b4c5d6a 1/4 Agricoltori ONG Consulenti Ricercatori Agri- business Gruppo Operativo Gruppo Operativo: gli attori chiave

76 16.1.1Intervento Costituzione e gestione dei gruppi operativi del PEI in materia di produttività e sostenibilità dell’agricoltura 16. Cooperazione Risorse 6,5 Meuro MeuroFocus area 6,51b2a4a4b4c5d6a 2/4 Obiettivo: innescare processi di sviluppo con obiettivi misurabili che siano in grado di produrre risultati prontamente applicabili nelle aziende agricole, sulla base delle effettive esigenze degli agricoltori in termini di maggiore produttività, sviluppo sostenibile e riduzione dei costi. PEI: Partenariato Europeo per l’Innovazione, in materia di produttività e sostenibilità dell'agricoltura (art. 53 Reg. 1305/2013)

77 16.1.1Intervento Costituzione e gestione dei gruppi operativi del PEI in materia di produttività e sostenibilità dell’agricoltura Beneficiari Spese ammissibili Gruppi Operativi (GO) del Partenariato Europeo per l’Innovazione (PEI) - almeno due soggetti con personalità giuridica funzionali allo svolgimento del Piano delle attività - devono costituirsi in: associazioni temporanee di scopo (ATS), contratti di rete, consorzi. - devono dotarsi di un regolamento interno (ruoli, modalità organizzative e attribuzione precisa delle responsabilità). - devono assicurare massima trasparenza nel processo di aggregazione e assenza di conflitto di interessi. - almeno uno dei soggetti componenti con la qualifica di impresa del settore agricolo, agroalimentare o forestale o loro associazione. costi amministrativi e legali per la costituzione del GO; costi per la predisposizione di studi di fattibilità del Piano; costi per la predisposizione del Piano delle attività; costi dell’animazione dell’area interessata al fine di rendere fattibile il Piano del GO; costi di esercizio della cooperazione compresi quelli relativi al personale, ai viaggi e alle trasferte e le spese generali di funzionamento; costi per le attività di divulgazione dei risultati 16. Cooperazione Risorse 6,5 Meuro MeuroFocus area 6,51b2a4a4b4c5d6a 3/4

78 16.1.1Intervento Costituzione e gestione dei gruppi operativi del PEI in materia di produttività e sostenibilità dell’agricoltura Tipologia di sostegno Condizioni di ammissibilità Criteri di selezione Importi e aliquote di sostegno Contributo in conto capitale Il GO deve presentare un Piano delle attività che contenga almeno le seguenti informazioni: - descrizione del tema/problema da risolvere mediante soluzioni innovative - descrizione delle attività del GO; - descrizione dei risultati attesi e del contributo per il raggiungimento degli obiettivi del PEI; - lista dei soggetti partecipanti al GO e loro descrizione; - tempistiche di svolgimento del Piano e ripartizione delle attività tra i vari soggetti del GO; - descrizione del budget complessivo e sua ripartizione; - indicazione delle Misure e/o Sottomisure che si intende attivare per lo svolgimento del Piano; -descrizione delle attività di divulgazione dei risultati; -l’attività del GO deve coinvolgere imprese con sede legale in Veneto o con almeno una sede operativa in Veneto. a) qualità del piano delle attività in termini di grado di innovazione e fondatezza tecnico- scientifica; b) dimensione regionale e sovraregionale del tema/problema da affrontare; c) grado di rappresentatività del settore agricolo, agroalimentare e forestale regionale del partenariato privato coinvolto; d) capacità organizzativa e gestionale dei singoli componenti il GO, con particolare riguardo alla partecipazione alle attività della Rete PEI; e) grado di completezza della composizione del GO in funzione delle attività da realizzare; f) attivazione con il Piano delle Sottomisure 1.1, 1.2, 2.1, % della spesa ammessa Massimale non superiore a 15% della spesa del Piano Attività e comunque non superiore a euro/anno. 16. Cooperazione Risorse 6,5 Meuro MeuroFocus area 6,51b2a4a4b4c5d6a 4/4

79 16.2.1Intervento Realizzazione di progetti pilota e sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi, tecnologie Beneficiari Spese ammissibili 16. Cooperazione Risorse 13 Meuro Meuro Focus area 131b2a3b4a4b4c5a5c5d6a Condizioni di ammissibilità Criteri di selezione Tipologia di sostegno Importi e aliquote di sostegno Contributo in conto capitale Forma di aggregazione/integrazione e suoi componenti coinvolti nelle attività previste nel progetto. - costi amministrativi e legali per la costituzione della forma di aggregazione; - materiali e attrezzature tecnico-scientifiche; - acquisto di brevetti, software e licenze; - lavorazioni esterne, materiali e stampi per la realizzazione di prototipi; - consulenze esterne qualificate per la realizzazione dell’intervento; - spese per la diffusione dei risultati del progetto; - spese di personale; - spese di missione e trasferte; - materiale di consumo; - spese generali di funzionamento. Il progetto deve essere descritto seguendo la struttura di un progetto tipo comune a tutti. Nel progetto deve essere prevista l’attività di diffusione dell’innovazione e di divulgazione dei risultati. -un’efficace diffusione dei risultati, anche tramite le attività di collaudo dell’innovazione, informazione e divulgazione; -una corretta gestione organizzativa ed amministrativa; -un contributo positivo ai temi trasversali di salvaguardia dell’ambiente, mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici. 100% della spesa ammessa Valore totale: tra e euro

80 Cooperazione per lo sviluppo delle filiere corte

81 16.4.1Intervento Cooperazione per lo sviluppo delle filiere corte Beneficiari Spese ammissibili 16. Cooperazione Risorse 1,5 Meuro Meuro Focus area 1,53a Condizioni di ammissibilità Criteri di selezione Tipologia di sostegno Importi e aliquote di sostegno Contributo in conto capitale Il beneficiario del sostegno è il Gruppo di Cooperazione (GC), costituito da: - imprese agricole per la vendita diretta del prodotto; - imprese agricole, singole o associate, e altro soggetto della filiera. - costi amministrativi e legali costituzione GC; - costi per la predisposizione del progetto di cooperazione; - costi di animazione dell’area interessata; - costi di esercizio della cooperazione compresi personale e spese generali; - costi per le attività di promozione filiera corta Il progetto deve contenere le seguenti informazioni: - descrizione degli obiettivi e delle attività del GC; - descrizione dei risultati attesi; - elenco dei soggetti partecipanti al GC, loro descrizione e ruolo nel GC; - tempistiche di svolgimento del progetto. L’aliquota di sostegno 70% della spesa ammessa Importo minimo euro Importo massimo euro numero di partecipanti al GC; - tipologia di partecipanti al GC; - gamma di prodotti canalizzati; - presenza di azioni di accompagnamento.

82 Progetto Integrato d’Area Agroambientale (PIAAG) Foto 4 Foto 5 Foto 6 Foto 1 Foto 2 Foto 3 Progetti collettivi a carattere ambientale funzionali alle priorità dello sviluppo rurale

83 16.5.1Intervento Progetti collettivi a carattere ambientale funzionali alle priorità dello sviluppo rurale Beneficiari Spese ammissibili 16. Cooperazione Condizioni di ammissibilità Criteri di selezione Tipologia di sostegno Importi e aliquote di sostegno Risorse 3 Meuro MeuroFocus area 31b4a4b4c5a5b5c5d Contributo in conto capitale Soggetti privati e pubblici interessati alla costituzione di Progetti collettivi. Sono richiesti almeno due soggetti rappresentati da imprese e loro associazioni, enti di ricerca, organismi di formazione e di consulenza, associazioni rappresentative di interessi diffusi e collettivi, enti pubblici. - Costi amministrativi e legali per la costituzione della forma associativa; - Studi sulla zona interessata dal progetto collettivo; - Studi di fattibilità; - Animazione della zona interessata per rendere fattibile un progetto territoriale collettivo; - Organizzazione di programmi di formazione; - Collegamento in rete tra i membri del progetto; - Costi di esercizio della cooperazione e di coordinamento dei progetti cooperazione; - Costi per le attività di divulgazione dei risultati; - Spese generali di funzionamento. Il Progetto collettivo deve contenere: - tematica ambientale affrontata, - obiettivi del progetto, - zona e superficie interessata - soggetti coinvolti nella forma associativa - lista delle misure attivate. Saranno ispirati ai principi definiti in ognuna delle misure ed interventi che compongono il progetto integrato. La selezione è riservata agli interventi che raggiungono un punteggio minimo al di sotto del quale non vengono ammessi. 100% spesa ammessa massimale: euro

84 Sostegno alle filiere per la produzione di biomasse nel settore alimentare, energetico e per i processi industriali

85 16.6.1Intervento Sostegno alle filiere per la produzione di biomasse nel settore alimentare, energetico e per i processi industriali Beneficiari Spese ammissibili 16. Cooperazione Condizioni di ammissibilità Criteri di selezione Tipologia di sostegno Importi e aliquote di sostegno Risorse 1,5 Meuro MeuroFocus area 1,51b5c Contributo in conto capitale Soggetti pubblici e privati interessati alla costituzione di aggregazioni per la creazione di filiere per l’utilizzo della biomassa proveniente dal settore agricolo o forestale - costi degli studi sulla zona interessata studi di fattibilità, piani di gestione; - costi di animazione della zona interessata; - costi di esercizio della cooperazione; - costi diretti di specifici progetti legati all’attuazione di un piano aziendale - costi delle attività promozionali Deve essere presentato un Piano di attività attestante la partecipazione di soggetti che saranno coinvolti nella creazione e gestione delle filiere di approvvigionamento di biomasse. - interventi localizzati in aree a gestione forestale sostenibile certificata o dove una o più aziende sia dotata di certificazione - interventi localizzati in aree forestali con particolari svantaggi stazionali o orografici, o aree della rete ecologica Natura 2000; - approvvigionamento di biomassa di origine agricola proveniente da processi di produzione per la produzione diretta della biomassa 100% spesa ammessa

86 Creazione e sviluppo di pratiche e reti per la diffusione dell’agricoltura sociale e delle fattorie didattiche

87 16.9.1Intervento Creazione e sviluppo di pratiche e reti per la diffusione dell’agricoltura sociale e delle fattorie didattiche Beneficiari Spese ammissibili 16. Cooperazione Risorse 2 Meuro MeuroFocus area 21b6a Il beneficiario del sostegno è il Gruppo di Cooperazione (GC). Possono far parte del GC: - fattorie sociali iscritte all’elenco regionale e loro associazioni - fattorie didattiche iscritte all’elenco regionale e loro associazioni - enti pubblici - scuole private - organismi di formazione e consulenza - soggetti misto pubblico-privati - costi amministrativi e legali per la costituzione della Forma associata; - costi per la predisposizione di studi di fattibilità del Progetto; - costi per la predisposizione del Progetto; - costi dell’animazione dell’area interessata; - costi di esercizio della cooperazione compresi quelli relativi al personale, ai viaggi e le trasferte e le spese generali e di funzionamento; - costi per le attività di divulgazione; - costi per la realizzazione dei servizi e pratiche di agricoltura sociale; 1/2

88 16.9.1Intervento Creazione e sviluppo di pratiche e reti per la diffusione dell’agricoltura sociale e delle fattorie didattiche 16. Cooperazione Condizioni di ammissibilità Criteri di selezione Tipologia di sostegno Importi e aliquote di sostegno Risorse 2 Meuro MeuroFocus area 21b6a Contributo in conto capitale Le pratiche di agricoltura sociale devono rientrare tra quelle previste dalla legge regionale n. 14/2013 ed essere svolte presso una o più fattorie sociali iscritte all’elenco regionale; L’attività della forma associata deve coinvolgere soggetti con sede legale in Veneto od almeno una sede operativa in Veneto e può essere parte di un progetto più ampio a valenza interregionale o comunitaria; Nel caso di creazione di reti queste devono essere di nuova costituzione o intraprendere una nuova attività; Presentazione di un Progetto di pratica/cooperazione/rete - numero dei componenti del Gruppo di Cooperazione; - diversa tipologia dei componenti del Gruppo di Cooperazione - integrazione con la programmazione locale - territorializzazione degli interventi; - creazione di nuove opportunità occupazionali - tipologia soggetti svantaggiati - tematica trattata dal progetto 100% spesa ammessa 2/2


Scaricare ppt "Proposta adottata dal Consiglio Regionale del Veneto il 9 luglio 2014 Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007– 2013 Organismo."

Presentazioni simili


Annunci Google