La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CLAUDIO GENTILI Vice Direttore Area Politiche Territoriali, Innovazione e Education Confindustria Napoli, 6 giugno 2013 La partnership scuola-impresa per.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CLAUDIO GENTILI Vice Direttore Area Politiche Territoriali, Innovazione e Education Confindustria Napoli, 6 giugno 2013 La partnership scuola-impresa per."— Transcript della presentazione:

1 CLAUDIO GENTILI Vice Direttore Area Politiche Territoriali, Innovazione e Education Confindustria Napoli, 6 giugno 2013 La partnership scuola-impresa per la qualità

2 SCUOLA E LAVORO: L'ITALIA NEL CONFRONTO INTERNAZIONALE Studenti che lavorano e studiano SCUOLA E LAVORO: L'ITALIA NEL CONFRONTO INTERNAZIONALE Studenti che lavorano e studiano

3 Fonte: Confindustria Education su dati OCSE IN ITALIA POCHI STUDENTI SCELGONO IL VOCATIONAL EDUCATION AND TRAINING (% studenti iscritti alla scuola superiore di II grado) Percorsi professionalizzanti Percorsi professionalizzanti basati su sistema duale scuola-lavoro

4 PIU ISTRUZIONE TECNICA = PIU PIL 4

5 LA SCUOLA ITALIANA PRODUCE MENO TECNICI Il sorpasso dei Licei sugli Istituti Tecnici LIMPRESA ITALIANA ASSUME PIU TECNICI Il sorpasso della Germania LO STRABISMO ITALIANO Limpresa raddoppia i tecnici. La scuola li dimezza LO STRABISMO ITALIANO Limpresa raddoppia i tecnici. La scuola li dimezza MIUR

6 LA DOMANDA DI DIPLOMATI TECNICI E PROFESSIONALI LA DOMANDA DI DIPLOMATI TECNICI E PROFESSIONALI Fonte: dati Excelsior, 2012

7 UMANESIMO TECNOLOGICO E ISTRUZIONE TECNICA Scuola, impresa e professionalità

8 GRANDI SCUOLE GRANDI FIRME Nel dopoguerra listruzione tecnica ha concorso allo sviluppo del Paese: lItalia del boom economico è stata fatta da geometri, commercialisti e periti industriali La diffusione degli Istituti Tecnici Industriali sul territorio ha contribuito allo sviluppo dei sistemi produttivi territoriali Molti Istituti Tecnici sono nati dalla costola di scuole aziendali e oggi molte aziende non potrebbero vivere senza approvvigionarsi dei giovani diplomati che escono ogni anno dagli Istituti Tecnici

9 Delivery Unit Nazionale Attuare le principali innovazioni organizzative, metodologiche e didattiche previste dal riordino Nucleo Operativo Supporto Delivery Unit Nazionale Nucleo Operativo Supporto Delivery Unit Nazionale n. 15 Delivery Unit Regionali n. 948 istituti coinvolti n. 15 Delivery Unit Regionali n. 948 istituti coinvolti Supportare operativamente la Delivery Unit Nazionale Coordinare lattuazione del riordino a livello territoriale Lazio, Lombardia, Puglia, Sicilia, Veneto dalla.s. 2009/2010, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli V.G., Liguria, Piemonte, Sardegna, Toscana Coordinare lattuazione del riordino a livello territoriale Lazio, Lombardia, Puglia, Sicilia, Veneto dalla.s. 2009/2010, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli V.G., Liguria, Piemonte, Sardegna, Toscana Delivery Unit aa.ss. 2010/ /2012

10 5 aree tematiche CTS e dipartimenti Didattiche per competenze Scienze integrate Didattica laboratoriale Orientamento 5 aree tematiche CTS e dipartimenti Didattiche per competenze Scienze integrate Didattica laboratoriale Orientamento Delivery Unit aa.ss. 2010/ / istituti di cui n. 411 Istituti Tecnici n. 279 Licei n. 258 Istituti Professionali 948 istituti di cui n. 411 Istituti Tecnici n. 279 Licei n. 258 Istituti Professionali

11 PER UNA PIU STRETTA COLLABORAZIONE SCUOLA-IMPRESA Le imprese collaborano con le scuole per: contribuire a colmare il forte differenziale tra competenze attese dalle imprese (in forte evoluzione) e le competenze riscontrate, in media, nei neodiplomati superare le carenze nel collegamento tra scuola e mondo del lavoro (aggiornamento docenti, recruiting neodiplomati, potenziamento attività laboratoriali, consulenze reciproche) creare una efficace sinergia tra il contesto formativo scolastico e quello aziendale (opportunità per le imprese e per i loro dipendenti, per i docenti, per gli studenti, per lo sviluppo economico e sociale del territorio)

12 Condizioni di successo dei CTS Coinvolgimento dei capi distituto in iniziative formative con gli imprenditori Stage per insegnanti Alternanza scuola-lavoro Didattica per competenze Placement dei diplomati Indagine sugli sbocchi occupazionali dei diplomati Indagine sui fabbisogni delle imprese IL COMITATO TECNICO SCIENTIFICO

13 CTS di rete di settore Costituire nei distretti industriali e formativi dei comitati di coordinamento scuola-impresa che, per settore, individuino azioni da realizzare attraverso reti di scuole Nella definizione delle reti di scuole dei diversi settori industriali fondamentale il ruolo delle categorie (esperienze già realizzate da Federmeccanica, Federchimica, Sistema Moda Italia) Risulta fondamentale il coinvolgimento delle Piccole Imprese nei CTS di rete IL COMITATO TECNICO SCIENTIFICO

14 Mettere in rilievo le relazioni personali promuovere le relazioni interpersonali, rafforzando il legame tra mondo produttivo e mondo della scuola Fiducia e scambio reciproci dalla scuola limpresa può apprendere le metodologie di trasmissione formale dei saperi dallimpresa la scuola apprende il valore delle conoscenze professionalizzanti e delle competenze spendibili nel mercato del lavoro ALCUNI CONSIGLI PER UN LAVORO EFFICACE ALLINTERNO DEL CTS

15 Essere pazienti il tempo è un fattore di successo per lo sviluppo di un duraturo rapporto di fiducia e di rispetto Essere flessibili non cè spazio per strutture rigide nellinterazione tra mondo della scuola, mondo produttivo e del lavoro Pensare in grande la cooperazione tra scuola e industria è una valida esperienza formativa ALCUNI CONSIGLI PER UN LAVORO EFFICACE ALLINTERNO DEL CTS

16 COSA POSSONO FARE LE IMPRESE? Accrescere la qualità dei laboratori e migliorarne le attrezzature Partecipare ai comitati tecnico scientifici Realizzare opportunita formative in azienda (attraverso stage e percorsi di alternanza scuola-lavoro) Diffondere le best practice sulla collaborazione scuola - impresa (attraverso strumenti come siti web, social network, comunità professionali) Sostenere le scuole per: Stage per insegnanti Insegnamento scienze integrate e didattica per competenze Testimonianze aziendali Orientamento Governance Collegamento tra curricula e sviluppo tecnologico

17 SCUOLA E IMPRESA Teorie e casi di partnership pedagogica

18 CASI ECCELLENTI DI COLLABORAZIONE SCUOLA-IMPRESA PER LOCCUPAZIONE DEI GIOVANI

19 INNOVAZIONE DIDATTICA LA RETE DEI PROGETTI ORIENTAMENTO TRANSIZIONE SCUOLA – LAVORO MANAGEMENT SCOLASTICO GOVERNANCE UNIVERSITA

20 VOCI DI CULTURA DI IMPRESA Una nuova cultura imprenditoriale e manageriale per la crescita del Paese (Fondirigenti) CRESCERE NELLINDUSTRIA Promuovere listruzione tecnica tra studenti, famiglie e docenti -> portale (Confindustria Lombardia) ORIENTAGIOVANI La Giornata Nazionale Orientagiovani è levento che ogni anno Confindustria, nellambito del suo impegno per lorientamento dedica allincontro tra gli imprenditori e i giovani. Le associazioni industriali, in collaborazione con le scuole, centri formativi, università, organizzano eventi di orientamento a livello locale (Confindustria – Associazioni Industriali) ORIENTAMENTO ALBI Portale di interscambio di esperienze e competenze tra mondo della formazione, management e imprese (Fondirigenti) FABBRICHE APERTE Per gli studenti delle Scuole Medie e Superiori (Unione degli Industriali di Savona e Unindustria Bologna)

21 ORIENTAMENTO OR.ME Orientamento per gli studenti di terza media verso il sapere tecnico-scientifico (Confindustria Veneto) PROGETTO ROSA Anche le ragazze scelgono lIstituto Tecnico (Associazioni Industriali-Imprese- Istituti Tecnici CLUB DEI 15) TEENAGER IN FACTORY Studenti di terza media,insegnanti e genitori a contatto con le imprese (Confindustria Modena) IL FUTURO HA POSTI LIBERI Newsletter per dialogo continuo scuola- impresa (Associazioni Industriali-Imprese- Istituti Tecnici CLUB DEI 15) CACCIA AL FUTURO Percorsi esperienziali per docenti IT e ITS guidati dai ragazzi (Associazioni Industriali-Imprese- Istituti Tecnici CLUB DEI 15)

22 TRANSIZIONE SCUOLA - LAVORO Il Network formativo di Confindustria Firenze Una rete di Alta Formazione tra Polimoda, Scuola di Scienze Aziendale, Scuola di Tecnologie Industriali, Scuola Professionale Edile, Scuola di Pelletteria Italiana, Centro Studi Turistici, Maggio Fiorentino Formazione Club dei 15 Istituti della innovazione manufatturiera Limpresa adotta un Istituto Tecnico (Associazioni Industriali- Imprese-Istituti Tecnici) Progetto PARIMUN Partenariato Attivo di Ricerca Imprese e Università nel campo delle scienze umanistiche (Università di Padova - Imprese del Veneto) Imprenditorialità e Management Master di I livello per giovani laureati (GGI Confindustria Genova – Università di Genova) Istituti Tecnici Superiori per Finmeccanica Il collegamento diretto con il mondo del lavoro (Finmeccanica) Dottorato industriale Un modello di PhD per le imprese: il dottorato di ricerca executive (Assolombarda-Università di Milano Veneto – Università Padova e Venezia) Seminari Apprendistato Inserire i giovani nel mondo del lavoro (Confindustria,Firenze,Bergamo,Napoli)

23 MANAGEMENT DIRIGENTI SCOLASTICI E DOCENTI IMPRENDITORI E MANAGER LO SVILUPPO DI RETI DI IMPRESE PER IL RILANCIO DELLISTRUZIONE TECNICA Professionisti, insegnanti di scuola e professori universitari lavorano insieme per capire quali competenze servono alle aziende e come possono essere sviluppate dalla formazione (Assolombarda) I TURISMI Un unico percorso di formazione networking e sperimentazione per i manager della filiera del turismo (Associazioni industriali del Sud – Fondirigenti) IL CTS IN LABORATORIO Costruire una collaborazione produttiva tra imprese e scuole valorizzando le competenze dei manager e le professionalità della scuola (Federmeccanica –Fondirigenti - Federmanager) Più Education nelle PMI Un ciclo di seminari per avvicinare imprenditori e manager al dialogo scuola-università-impresa (Fondirigenti – Confindustria – Federmanager) ISTRUZIONE TECNICA E IMPRESA Come coinvolgere gli imprenditori nei CTS (GGI Confindustria Alessandria) INNOVAZIONE & FORMAZIONE PER IL MADE IN ITALY Valorizzare esperienze del Sud per supportare le aziende calzaturiere (Politecnico Calzaturiero)

24 INNOVAZIONEDIDATTICA INNOVAZIONE AUTOMOTIVE E SCUOLA Il campus automotive per realizzare laboratori specialistici, attività formative e progetti di ricerca legati alla filiera meccanica (HONDA) DIDATTICA LABORATORIALE Impresa: un laboratorio per crescere (Confindustria Ancona e Pesaro- Urbino) FISICA IN MOTO Ducati apre le porte del suo laboratorioFisica in Moto agli studenti (DUCATI) LEAN ORGANIZATION La rete scolastica Lean Education Network per diffondere la cultura della Lean Organization nella scuola: Zero sprechi/Zero difetti/Miglioramento continuo (Unione Industriale Torino) I.de.M. Intelligenza delle Mani Il progetto offre un percorso laboratoriale per i ragazzi di terza media nei laboratori degli istituti tecnici (Istituti Tecnici di Prato)


Scaricare ppt "CLAUDIO GENTILI Vice Direttore Area Politiche Territoriali, Innovazione e Education Confindustria Napoli, 6 giugno 2013 La partnership scuola-impresa per."

Presentazioni simili


Annunci Google