La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA SICUREZZA NELLE SCUOLE Guida alla prevenzione La guida non sostituisce le procedure, i manuali operativi, i regolamenti e le disposizioni emesse dalle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA SICUREZZA NELLE SCUOLE Guida alla prevenzione La guida non sostituisce le procedure, i manuali operativi, i regolamenti e le disposizioni emesse dalle."— Transcript della presentazione:

1 LA SICUREZZA NELLE SCUOLE Guida alla prevenzione La guida non sostituisce le procedure, i manuali operativi, i regolamenti e le disposizioni emesse dalle scuole e dai loro rispettivi S.P.P.

2 Presentazione In seguito ai dati pubblicati, la frequenza dei rischi è in aumento e gli stessi livelli di gravità non sono per niente trascurabili. Il primo presupposto per la prevenzione è la conoscenza dei rischi: è opportuno che tale conoscenza sia patrimonio soprattutto di coloro che lavorano nelle scuole e debbono mettere in atto quei comportamenti e quelle misure che possono concretamente ridurre il rischio per la salute. Con questa Guida si intende fornire uno strumento, sicuramente non esaustivo dellimmenso arco di questioni, ma utile a quella sete continua di informazione. La Guida è stata suddivisa in più sezioni, Politica della sicurezza- Principi e norme di comportamento; La denuncia degli infortuni sul lavoro; Entrata ed uscita; La scuola: a) le cause degli incidenti- b) lambiente; Videoterminali; I servizi: a) di ristoro- b) igienici; Le allergie Valutazione del rischio.

3 LA POLITICA DELLA SICUREZZA Principi e norme di comportamento Premessa La politica della sicurezza è quel comportamento concreto che le scuole, devono avere al fine di prevenire gli incidenti sul lavoro; a tale scopo le scuole devono impiegare tutte le risorse necessarie. La sicurezza è un impegno incondizionato, sia individuale sia collettivo, tanto dell organizzazione interna ad ogni livello, quanto del sindacato e delle strutture sanitarie. Gli obiettivi della prevenzione Prevenire gli infortuni e le malattie comporta darsi innanzi tutto degli obiettivi, quali: Educare e sensibilizzare alla sicurezza i lavoratori e gli alunni; Mantenere le condizioni per la salvaguardia dell incolumit à individuale e collettiva, in ottemperanza alle prescrizioni di legge e nel rispetto delle relazioni sindacali; Promuovere la formazione e l informazione in continuo aggiornamento e verificare l osservanza delle norme e delle procedure in fatto di prevenzione ed infortuni sul lavoro; Valutare il rischio, preventivamente e congiuntamente al rappresentante sindacale, anche in fase d installazione di nuovi macchinari, di cambiamenti organizzativi, di presenza d imprese d appalto. Buoni risultati nella prevenzione Buoni risultati nella prevenzione degli infortuni si ottengono se: Chi opera, a qualunque livello, ha acquisito la mentalit à e l abitudine al lavoro in sicurezza; Sono disponibili e sono eseguite con scrupolo le procedure per ogni tipo di applicazione. Tutti i lavoratori, e la Direzione in testa, partecipano all attivit à di prevenzione e intervengono tempestivamente per correggere situazioni nelle quali le norme non sono rispettate.

4 Fattori fondamentali per la sicurezza I fattori fondamentali per lavorare in sicurezza sono: Eseguire il proprio lavoro in modo professionalmente ineccepibile; Considerare latteggiamento verso la sicurezza come elemento essenziale nella valutazione della propria professionalità; Rispettare attentamente norme e procedure; analizzare con cura situazioni di presunto pericolo; Comportarsi con senso di responsabilità ed evitare azioni incaute durante lo svolgimento del proprio lavoro; Operare con la stessa attenzione sia sul lavoro sia al di fuori.

5 Condizioni pericolose Sono condizioni pericolose, ad esempio: Non aver valutato i rischi; Assenza di un piano di bonifica ambientale e/o della manutenzione; Illuminazione inadeguata; Uso dattrezzature non adeguate o difettose o in cattivo stato di conservazione; Uso di macchinari non a norma; Mancanza dinformazione; Locali non a norme; Disordine e mancanza di pulizia.

6 Azioni pericolose Sono azioni pericolose: togliere punti metallici); Usare in modo improprio le attrezzature (es.: usare la punta delle forbici per aprire punti, usarle rivolte verso la mano, ecc.) Eseguire lavori non di competenza e/o autorizzati (es.: spostare mobili o scrivanie…); Agire frettolosamente (es.: percorrere i corridoi di corsa, scendere le scale senza attenzione, ecc); Usare metodi di lavoro errati (es.: usare la fotocopiatrice senza abbassare il coperchio…); Usare fiamme libere

7 COMPORTAMENTI INADEGUATI Sono comportamenti inadeguati, ad esempio: Insistere nel fare un lavoro di cui non si è a perfetta conoscenza; Non essere nelle condizioni fisiche e mentali normali; Cercare scorciatoie per eseguire procedure di sicurezza.

8 Prevenire Per prevenire un incidente, quindi, occorre intervenire su tutte le possibili cause che lo possono provocare: Verificare che chi esegue il lavoro abbia ricevuto la necessaria formazione e informazione; Che i lavoratori dufficio rispettino le norme impartite dal S.P.P. (in particolare per gli impiegati) Eliminare, se possibile, il pericolo alla fonte; Adottare misure protettive addizionali; A fronte di azioni pericolose, fermarsi subito e analizzare dal punto di vista organizzativo le modifiche da apportare.

9 LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO TUTTI GLI INFORTUNI POSSONO ESSERE PREVENUTI E QUINDI EVITATI La legge pone a carico del datore di lavoro (industria) lobbligo di denunciare allINAIL gli infortuni sul lavoro che abbiano coinvolto i suoi lavoratori (T.U. n. 1124/ 65- art. 53). Lassicurazione è obbligatoria e copre ogni incidente avvenuto per causa violenta in occasione di lavoro dal quale derivi la morte o linabilità permanente o linabilità assoluta per più di 3 gg. (T.U. n. 1124/65- art. 2). Lobbligo della denuncia scatta nellipotesi in cui linfortunio abbia come conseguenza uninabilità al lavoro di almeno quattro giorni: sia, in altre parole, prognosticato come non guaribile entro tre giorni (corrispondenti, ai tre giorni di carenza dellassicurazione successivi il giorno in cui è accaduto l'infortunio). Il datore di lavoro è tenuto ad inoltrare la denuncia, senza entrare nel merito dellesistenza o meno dei requisiti, fissati dalla legge, per lindennizzabilità dellinfortunio. Il lavoratore, dal suo canto, è obbligato a comunicare immediatamente al suo datore dellincidente occorsogli, anche se di lieve entità (T.U. n. 1124/ 65- art. 52). Lomissione o il ritardo dellinformazione dellinfortunio accaduto, con la conseguenza del mancato o ritardato inoltro della denuncia da parte del datore di lavoro, pregiudicano il diritto alla prestazione. La denuncia deve essere eseguita: entro ventiquattro ore dallaccadimento dellinfortunio e per mezzo telegramma (o fax), qualora esso abbia cagionato la morte del lavoratore o sia prevedibile lesito mortale dellinfortunio; entro due giorni allorquando linfortunio abbia causato linvalidità al lavoro per almeno quattro giorni. Tale termine decorre dal giorno in cui il datore ne ha avuto notizia (giurisprudenza: coincide con il giorno in cui il datore riceve il certificato medico).

10 Denuncia allAutorità di pubblica sicurezza Oltre che allInail, linfortunio va denunciato anche allAutorità di pubblica sicurezza. Si tratta dellAutorità locale: quella del Comune in cui è avvenuto linfortunio sul lavoro (questore, commissario o sindaco). Nei Comuni in cui manca un ufficio di pubblica sicurezza, lAutorità è il Sindaco, quale ufficiale del Governo (la denuncia va presentata al Comando dei Vigili urbani). Linfortunio deve essere denunciato allAutorità di P.S. qualora esso abbia causato la morte ovvero linabilità al lavoro per almeno quattro giorni (T.U. n. 1124/ 65- art. 54, c.1). Conseguenze dellinosservanza dellobbligo della denuncia Linosservanza dellobbligo della denuncia dellinfortunio, tanto nella condotta omissiva quanto nel ritardo, allInail o allAutorità di pubblica sicurezza, costituisce un illecito amministrativo. La Cassazione ha stabilito con sentenza del 12 ottobre 1967, n. 2423, che nellipotesi dinerzia della denuncia dellinfortunio allInail da parte del datore di lavoro, il lavoratore, che è titolare delle prestazioni assicurative, ha il potere di denunciare egli stesso linfortunio subito, al fine di ottenere lindennizzo. Tuttavia lomissione o il ritardo della denuncia dellinfortunio sono ascrivibili al datore di lavoro nellipotesi in cui la mancata o ritardata conoscenza dellinfortunio, da parte del datore di lavoro, siano dovute ad una sua condotta omissiva colposa: in particolare per non aver predisposto unorganizzazione aziendale che gli consentisse di essere informato tempestivamente dellinfortunio (Cass. 23 novembre 1988, n ).

11 Art. 9- Tutela della salute e dellintegrità (fisica) I lavoratori, mediante loro rappresentanze, hanno diritto di controllare lapplicazione delle norme per la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali e di promuovere la ricerca, lelaborazione e lattuazione di tutte le misure idonee a tutelare la loro salute e la loro integrità fisica. Legge 20 maggio n° 300 (Statuto dei lavoratori)

12 Infortunio in itinere Linfortunio in itinere è quellevento accidentale nel quale incorre il lavoratore durante lo stretto percorso che collega la propria abitazione con il luogo di lavoro e viceversa. Tale infortunio, perciò, non va confuso con lincidente che accade sulla strada durante lo svolgimento del lavoro, quando la strada non rappresenta il tragitto casa- lavoro, ma leffettivo posto dove è svolta lattività lavorativa. Dal momento che si è in assenza di una specifica configurazione legislativa in materia, è la giurisprudenza il più delle volte che provvede a giudicare linfortunio occorso in itinere, in genere col criterio molto rigido del rischio specifico da lavoro: ciò sta a significare che sarà oggetto dindennizzo solo quellinfortunio, occorso al lavoratore, che sinserisce nella normale attività lavorativa svolta dallo stesso, e non invece quello subìto percorrendo un tratto di strada per motivi strettamente personali (Cass. Del 9 giugno 1995). NOTA BENE Ogni infortunio, comprese le lesioni di minima entità, deve essere immediatamente segnalato in modo che si possa provvedere alle cure e al soccorso del caso. (D.P.R art. 388) Art. 388 – I lavoratori, salvo impedimento per causa di forza maggiore, sono tenuti a segnalare subito al proprio datore di lavoro od ai propri capi gli infortuni, comprese le lesioni di piccola entità, loro occorsi in occasione di lavoro. Il datore di lavoro deve disporre che per gli infortuni, comprese le lesioni di piccola entità, siano immediatamente prestati allinfortunato i soccorsi durgenza.

13 ENTRATA ED USCITA La giornata di lavoro inizia nel momento in cui si varca il cancello della scuola e finisce quando lo si riattraversa per uscire: in genere si attraversa un piazzale a piedi o percorrendolo con lautovettura per raggiungere il posteggio. Di seguito sono elencati, sulla base dellesperienza, alcuni tra i rischi maggiori che possono accadere: ALLINGRESSO E ALLUSCITA Rischi (riferito alla scuola Cartesio-Luxemburg) pavimentazione bagnata (pioggia), scivolosa (olio), ghiacciata, sconnessa; presenza di tombini; scalini, marciapiedi; cordoni per rallentare la velocità degli autoveicoli; guide di cancelli sporgenti dal piano stradale; prolunghe elettriche o tubazioni non debitamente segnalate; fretta (correre anziché camminare); le altre autovetture, i pedoni. Nel raggiungere o lasciare il posto di lavoro, occorrerà superare altri ostacoli costituiti da porte, scale, ascensori, corridoi…

14 Porte Iniziamo dalle porte; le prime che sincontrano sono in genere di larghezza sufficiente a permettere il flusso dentrata ed uscita del personale. Il vetro, materiale duro e fragile ha labitudine di non farsi vedere ma sentire. Le porte a vetro senza infisso devono quindi essere segnalate con strisce e vetrofanie collocate a circa 150 cm da terra. Ai sensi dellart. 14 del D.P.R. 547/55, modificato per sostituzione dal numero 2 dellart. 33 del D.lgs 626/94 e D.lgs 242/96, nei luoghi di lavoro che abbiano iniziato ad essere utilizzati dopo il 27/11/94 o che devono ancora essere utilizzati. Le porte devono rispondere alle seguenti caratteristiche: le porte dei locali da lavoro devono, per numero, dimensioni, posizione e materiali di realizzazione, consentire una rapida uscita delle persone ed essere agevolmente apribili dallinterno durante il lavoro; quando in un locale le lavorazioni ed i materiali comportino rischi di esplosione e di incendio e siano adibiti alle attività che si svolgono nel locale stesso più di 5 lavoratori, almeno una porta ogni 5 lavoratori deve essere apribile nel senso dellesodo ed avere larghezza minima (l.m.)di m. 1,20; non è il nostro caso

15 quando in un locale si svolgono lavorazioni diverse da quelle che comportino rischi di esplosione e di incendio, la l.m. delle porte è la seguente: fino a 25 lavoratori occupati nello stesso locale: porta avente l. m. di m. 0,80; con un numero di lavoratori occupati nello stesso locale da 26 a 50: porta con l. m. di m. 1,20 con apertura verso lesodo; con un numero di lavoratori occupati nello stesso locale da 51 a 100: due porte che si aprono verso lesodo; la prima con l.m. di m. 1,20 e laltra di l. m. m. 0,80; con un numero di lavoratori normalmente ivi occupati superiore a 100: oltre alle porte previste al punto precedente, almeno una porta avente l.m. di m. 0,80 ogni 50 lavoratori ivi occupati o frazione compresa tra 10 e 50… e) il numero complessivo delle porte di cui sopra può anche essere minore, purché la loro larghezza complessiva non risulti inferiore.

16 Ascensori Le regole per luso corretto degli ascensori sono: non salire più persone di quelle previste dalla targhetta di utilizzo; quando le porte sono in movimento di chiusura, non si deve contrastare il loro movimento inserendo le mani per impedirne la chiusura; negli ascensori occorre astenersi dal fumare; occorre avvisare se il piano ascensore non è a livello col piano esterno; chiamare la manutenzione quando si avvertono rumori inconsueti.

17 Scale Le scale di sicurezza, esterne agli edifici, risentono delle condizioni atmosferiche; pertanto è opportuno che esse siano possibilmente coperte e con listello antisdrucciolo. Devono essere sufficientemente larghe per permettere la discesa e la salita delle persone. Nel caso di flusso inferiore a 100 persone la scala deve avere una larghezza minima di 120 cm.

18 CORRIDOI Rischi Bagnati Scivolosi Fornire occasioni dinciampo per via di dislivelli del pavimento, gradini, oggetti vari posteggiati CORRIDOI Caratteristiche Lisci e senza ostruzioni Larghi almeno XX cm., se sono usati solo dal personale e non vi sia transito di gente esterna, o di carrelli a mano Rampe, gradini e restringimenti opportunamente segnalati Attenzione alle calzature indossate (tacco alto, suole in cuoio).

19 LAULA Lambiente- Le cause degli infortuni Lambiente Proviamo ad analizzare lambiente in cui si lavora, secondo lo schema tradizionale dei quattro gruppi di fattori di rischio (tabella sottostante). 1° GRUPPO 2° GRUPPO 3° GRUPPO 4° GRUPPO Temperatura Polveri Lavoro fisico Posizioni disagevoli Umidità Liquidi Ritmi, carichi Ventilazione Fumi Monotonia- Ripetitività Rumore Gas- vapori Stress Illuminazione Vibrazioni Responsabilità Cubatura e spazio Radiazioni Turni Gli effetti sulla salute che ne derivano sono:

20 A) INFORTUNIB) DISTURBI-MALATTIE Senza voler fare un discorso riduttivo, si pensa che i fattori più importanti presenti nel lavoro in aula siano quelli appartenenti al primo e al quarto gruppo. Ciò non significa negare la presenza degli elementi che compongono il secondo e terzo gruppo, particolarmente per chi svolge il proprio lavoro a stretto contatto con i reparti di produzione o a rischio desposizioni radioattive. (Non al Cartesio)

21 1° GRUPPO Lilluminazione Lilluminazione è un fattore importante nel lavoro dufficio: una cattiva illuminazione vuol dire luce insufficiente, abbagliante, mal disposta, mal diretta (art. 10- D.P.R. 303/56). Gli effetti di una cattiva illuminazione possono essere di due tipi: lesioni da radiazioni infrarosse che provocano la cataratta; lesioni da radiazioni ultraviolette che ledono la retina. Oltre alle lesioni allorgano della vista, una cattiva illuminazione è responsabile nell incidere in modo rilevante sugli infortuni. Occorre pertanto verificare:

22 ILLUMINAZIONE Verificare la dimensione delloggetto che si fissa la sua distanza la nitidezza dei contorni il contrasto tra loggetto e lo sfondo lilluminazione generale o il fondo rispetto allilluminazione specifica del posto di lavoro. Per il Livello di Illuminazione di Esercizio si fa riferimento alla norma tecnica UNI 10380: i valori medi desercizio sono espressi il lux (vedi tabella A).

23 Aerazione Dovranno essere installate finestre o altri tipi di infissi apribili verso lesterno delledificio che, per ciascun locale, garantiscano una superficie aerante pari ad almeno 1/8 della superficie del pavimento. Qualora ciò non fosse possibile, laerazione dovrà essere integrata o interamente sostituita da idoneo impianto di ventilazione meccanica e/o condizionamento dellaria, attenendosi alla normativa di riferimento UNI 8852 e UNI (vedi tabella B).

24 Il rumore Il rumore, in genere, non dovrebbe costituire un problema nella maggioranza dei casi. Se londa di pressione (decibel- dBA) è contenuta non si può dire la stessa cosa per la frequenza e in altre parole il numero di vibrazioni emesse. Rumori modesti ma ad elevata frequenza possono affaticare i lavoratori dal punto di vista mentale, producendo nei casi più gravi, vari disturbi derivanti dallo stato ansioso ed aumentando il rischio dinfortuni.

25 Problematiche connesse al D.lgs 277/91 (Capo IV) Nei luoghi di lavoro, il datore di lavoro/dirigente/preposto devono attuare le misure per la riduzione del rumore, informare circa i livelli di rumore, fornire mezzi di protezione adeguati, effettuare la misura del Livello di Esposizione Quotidiana al rumore riferita alle otto ore giornaliere. Provvedimenti particolari devono essere adottati quando il rumore supera la soglia degli 80dB e ancora più restrittivi quando supera i 90dB. E previsto il controllo sanitario quando il rumore oscilla tra 80 e 85dB. Le misure di prevenzione per ridurre il rumore possono essere:

26 interventi alla sorgente (pompe, riscaldamento, condizionamento, ventilatori, laboratori, centri informatici) attraverso ristrutturazioni, manutenzione, isolamento con barriere; interventi sullambiente: posa materiali fonoassorbenti; interventi sugli operatori: posizionamento in ambienti insonorizzati, uso di dispositivi di protezione individuale, riduzione del tempo di esposizione.

27 Il microclima (art D.P.R. 303/56) Questo è un altro fattore del 1° GRUPPO altrettanto importante ed è sicuramente legato al tipo dimpegno fisico e mentale che si è chiamati a fornire. In una situazione normale il corpo umano mantiene facilmente la propria temperatura senza dovere ricorrere a risorse particolari. Nei casi in cui lorganismo è sottoposto ad uno sforzo o se vi è eccesso di calore nellambiente, entra in gioco il meccanismo di termoregolazione che attraverso la sudorazione ricerca lequilibrio perduto. L'equilibrio che si raggiunge appunto attraverso la sudorazione od evaporazione che dir si voglia, è raggiunto tanto più facilmente quanto minore è lumidità e quanto maggiore è la ventilazione, entro certi limiti naturalmente. Si può controllare il microclima senza bisogno di strumenti; per esempio: bocca secca grado di umidità troppo basso indumenti attaccaticci umidità elevata sudorazione frequente temperatura elevata e/o umidità alta e/o scarso ricambio dellaria

28 Il microclima, qualora non corrisponda alle esigenze dellorganismo umano, può produrre anche effetti infortunistici: se pensiamo ai mesi estivi, avvertiamo più facilmente il senso di spossatezza, di stanchezza, perdiamo la capacità di concentrarci, anche per brevi periodi.

29 Sempre a riguardo dellaria che respiriamo negli uffici oggi si parla di sick building syndrome ovvero sindrome da edificio malato. Vi sono molti malesseri che possono derivare da questa sindrome; tra questi raffreddori che durano nel tempo, mal di testa, male alla gola, irritazione agli occhi, difficoltà respiratorie e via elencando. Tali malesseri hanno la caratteristica dessere stabili nel tempo e non legati alle stagioni o a particolari periodi epidemici e devono essere ascritti a fattori quali: SINDROME LOCALI DI LAVORO MALATI Cause cattivo funzionamento degli impianti di condizionamento presenza di sostanze nocive nei mobili o negli arredi (formaldeide, amianto) moquette con carico di batteri, acari e altri microrganismi localizzazione degli uffici: a) nelle officine- b) a ridosso darterie stradali molto trafficate o daree fortemente inquinate ionizzazione dellaria temperatura

30 Tabella A- ILLUMINAMENTO DI ESERCIZIO Tipo di locale Valore minimo (lux) AMBIENTI COMUNI Corridoi, aree di passaggio 50 /100 Ascensori, scale 100 Magazzini e depositi 100 LUOGHI DI LAVORO Uffici generici, aule, sala computer 300 Uffici di progettazione (con disegnatori) 500 Sale riunioni 300

31 Tabella B- PORTATE D ARIA ARIA DI RICAMBIO (valori espressi in mc/ora/persona) Tipo di locale Portata per persona (mc/ora x persona) raccomandato minimo Locali singoli Open space Locali riunione Uffici con computer Servizi nota A A- Ricambio richiesto nei servizi igienici, edifici adibiti a residenza e assimilabili: 0,0011 vol/sec (4vol/sec).

32 Aria condizionata Gli impianti di condizionamento si possono classificare in tre gruppi: Che trattano laria in ununica centrale e poi inviata nei vari ambienti; Che trattano lacqua in centrale e poi la inviano agli scambiatori di calore situati nei vari ambienti; Che trattano in centrale sia lacqua che laria. Per verificare se gli impianti esistenti sono a norma, il S.P.P. di unazienda dovrebbe procedere ad analizzare i seguenti punti: Analisi del microclima: a) verifica degli indici termometrici; b) controllo della velocità dellaria nei posti di lavoro. Verifica della adeguatezza dei parametri sopra rilevati con le dimensioni dei locali, e le variazioni nel tempo. Verifica della portata daria reale esterna e della omogeneità di distribuzione nei vari ambienti. Controllo del posizionamento delle prese daria esterne e dellefficienza dei filtri. Controllo dellefficienza della manutenzione con riferimento alla presenza di materiali inquinanti nelle canalizzazioni (Tab.C).

33 Note per il controllo del microclima I filtri devono essere in grado di trattenere tutte le particelle solide di dimensioni superiori a 50 micron ed il 90% di quelle con dimensioni comprese tra 50 e 0.5 micron. Le norme UNI consigliano una velocità dellaria (Va) di <0.15 m/sec. Portata dellaria esterna filtrata non inferiore a 20 mc/persona/ora. I parametri per il controllo del comfort termico in ambienti con ridotto dispendio di energie sono: Temperatura dellaria (Ta): estate °C; inverno 22-23°C. Umidità relativa (UR): 40-60%. Sufficiente apporto di aria di ricambio. Qualità dellaria (senza inquinanti). Omogeneità delle condizioni microclimatiche nei vari punti dei locali e nelle diverse ore del giorno. Le prese daria esterna devono essere posizionate a m. 3 dal suolo (cortili) o a m. 6 da camini o altre fonti di emissioni.

34 Tabella C- PUREZZA DELLARIA (valori limite espressi in mg./mc) livello di punta media annua Particolati Anidride solforosa Ossido di carbonio Ossido di azoto Ossidanti fotochimici

35 4° GRUPPO Posizioni disagevoli Nelle posizioni disagevoli si possono tranquillamente ricondurre quelle statiche di chi lavora ore senza cambiare posizione. Può sembrare strano a chi non lavora seduto per otto ore, ma il lavoro muscolare statico, in altre parole la contrazione continua di un gruppo di muscoli, sempre quelli, fa comparire la fatica più di un lavoro dinamico. Alla fatica fisica si aggiunge la fatica psicologica producendo spesso stati dansia, perdita di concentrazione e altro. Ovviare a questi inconvenienti è possibile, a patto di poter cambiare, con una certa frequenza la posizione statica. Sarà perciò utile alzarsi dalla scrivania ogni tanto e distribuire con oculatezza le pause fisiologiche. Ripetitività, monotonia, ritmi eccessivi, saturazione dei tempi producono effetti stancanti soprattutto di carattere psicologico. Il risultato conseguente è lo scarso rendimento e il senso di spersonalizzazione. Vi sono certamente casi limite, ove si presenti la necessità di modificare lorganizzazione del lavoro. Infine lansia e le frustrazioni. Ognuno di noi ha di sé, frequentemente, una valutazione superiore rispetto a quella degli altri nei suoi confronti. In certi casi ed in presenza delle difficoltà di soddisfare le proprie attese personali si possono ingenerare fasi di frustrazione e ansia. La medicina consiste nel non abbandonarsi nel cosiddetto adattamento passivo, ma di cercare una proficua integrazione tra i propri obiettivi e quelli dellazienda. Norme tecniche di riferimento: UNI UNI Prospetto 3- UNI (maggio 1994) Leggi: D.P.R. 303/56- D.P.R. 547/55

36 Lo stress da lavoro Stress è un termine usato per indicare la reazione a una situazione che si percepisce di non poter affrontare con successo e che ha come conseguenza un indesiderato deterioramento fisico, mentale ed emotivo. La classe di fattori che inducono lo stress sono molteplici: ad esempio il carico di lavoro può divenire fattore di stress sia se il carico è eccessivo, sia che esso sia scarso. Ma leccesso e la carenza di lavoro vanno intesi anche in senso quantitativo e qualitativo, in senso fisico e psichico. Un alto carico di lavoro può rivelarsi non stressante se associato ad unelevata discrezionalità da parte del lavoratore. Un altro fattore individuato risiede nella complessità del lavoro o, viceversa, nella sua monotonia. Lo stress in questo caso deriva da unelevata richiesta di lavoro e da una mancanza di controllo dello stesso.

37 Altro fattore di stress è determinato dai problemi ambientali non conosciuti e non controllati, quali il rumore, l illuminazione scadente, il microclima, i locali angusti (punti trattati nella presente guida). E pertanto fondamentale conoscere, perchè un rischio ignoto è più stressante di un rischio riconosciuto e controllato. E possibile il verificarsi di un altro fattore: il conflitto di ruolo allorché un lavoratore deve ricoprire ruoli diversi e tra loro incompatibili; si dice invece ambiguità di ruolo quando manca chiarezza circa i compiti che il lavoratore deve svolgere e circa le prospettive che gliene derivano.

38 Vi è poi un altro elemento di stress che deriva dallinsufficiente partecipazione di un lavoratore alla determinazione di un processo lavorativo. Quasi sempre questo fattore è determinato da una non adeguata organizzazione del lavoro e/o da una struttura organizzativa e gerarchica di carattere accentratrice e burocratica. Se poi passiamo ai rapporti coi superiori o tra colleghi, si può verificare come questi, se la loro qualità e quantità sono scadenti, deludenti e vessatori, possano essere per molti lavoratori una fonte di stress. Oggi va sotto il termine mobbing proprio questo tipo di problema che, a quanto risulta dalla ricerca fatta in Europa, sta assumendo dimensioni tali da richiedere un attenzione particolare anche da parte del sindacato. Nelle scuole è una questione degna di massima attenzione lo sviluppo della carriera degli linsegnanti. Sappiamo di molti casi di stress e di conseguenti malattie allorché si è diffusa la paura di perdere il posto di lavoro; o talvolta di fronte alla perdita delle capacità necessarie a svolgere efficacemente i propri compiti; o per un eccessivo o assente iter di crescita professionale e promozionale. Unultima categoria di problemi attiene allinterfaccia tra lavoro e lambiente esterno, in primo luogo lambito familiare.

39 Fattori moderatori dello stress Numerosi fattori possono agire come moderatori dello stress. Tra questi vi è il sostegno sociale, che può tamponare, fino ad un certo punto gli effetti di una condizione lavorativa sfavorevole. Il sindacato può certamente svolgere un ruolo attivo in tal senso. Anche i tratti della personalità si associano allo stress da lavoro, anche se la personalità non è un fattore immutabile. Dalle ricerche condotte si ricava unassociazione tra effetti dello stress e carattere tendente allinstabilità emotiva e tensione. Alcune caratteristiche della personalità, come lestroversione/introversione, potrebbero modificare la risposta allo stress. Un altro parametro che influenza la resistenza allo stress è il concetto di sé : un elevato concetto di se stessi si associa spesso a successo e soddisfazione nel lavoro, mentre la svalutazione di se stessi si accompagna spesso a depressione.

40 Fase di resistenza Fase di allarme Fase di esaurimento Nella fase A (reazione di allarme) tutte le risposte corporee allo stress sono in atto; ma se lo stress dura a lungo, dopo un po il corpo vi si abitua e subentra una fase di adattamento o resistenza (B). Se lo stress persiste, vi è un limite al periodo di adattamento, oltre il quale si entra nella fase di esaurimento (C). Ricerche effettuate sugli equipaggi dei bombardieri alleati durante la II Guerra Mondiale hanno dimostrato che la fase di allarme si manteneva per le prime cinque o sei missioni; in seguito subentrava la fase di adattamento, che però, dati gli altissimi livelli di stress, durava solo per altre cinque missioni. Dopo lundicesimo volo si entrava nella fase finale di esaurimento: questa fase si contraddistingueva con forme di rassegnazione, si poteva vedere giovani diventare vecchi quasi da un giorno allaltro. Gli stessi principi valgono per gli stress giornalieri, anche se in modo meno accentuato

41 Stress: effetti a lungo termine FISICI EMOTIVI IperventilazioneRifiuto Cattiva respirazioneRabbia e irritazione Disturbi della vistaInfelicità Dolori al pettoDepressione, apatia Affaticamento muscolareFacilità alle lacrime Dolori al colloAllontanamento dalle amicizie Rischio di dolori alla schiena Paranoia Affaticamento muscolareIsolamento Cattiva digestionePerdita della capacità di amare/ voler bene Possibilità di ulcere COMPORTAMENTALI Indolenza Sistema immunitarioLunghe pause InfluenzaLunghe permanenze in ufficio ArtriteInsonnia Pressione sanguignaUso di stimolanti InvecchiamentoAttenzione ossessiva allorologio

42 Le cause degli infortuni Per quanto possa sembrare inverosimile, ci sono innumerevoli occasioni dinfortunio negli ambienti scolastici. La tabella che segue, con buona approssimazione, riporta quelle che sono le cause maggiori degli infortuni : Tutti i locali Rischi Cadute e scivolamenti Urti e schiacciamenti Ferite da punta e da taglio Impianti elettrici Sollevamento e trasporto Disordine

43 Cadute e scivolamenti Sono le voci responsabili di circa la metà di tutti gli infortuni che avvengono negli ambienti. Prima degli aspetti tecnici, occorre ricordare che quelli emotivi, quelli psicologici, la stanchezza e lumore entrano prepotentemente in gioco e contribuiscono ad accentuare la gravità delle conseguenze. Cadute e scivolamenti Cause Oggetti fissati al pavimento (colonnine per lallacciamento elettrico e telefonico) Prolunghe che sporgono dalla scrivania e che non sono fissate al pavimento Oggetti depositati a terra (borse, scatole …) Tappeti mal fissati o con bordi alzati Moquette scollata o deteriorata Oggetti scivolosi caduti sul pavimento (fogli dacetato, piccoli coperchi di plastica, floppy disk …) Pavimento bagnato dallacqua usata anche per piante e fiori Dislivelli del pavimento non segnalati Sedie rotte o usate in modo errato

44 Sembra che il guaio maggiore, legato alle cadute ed agli scivolamenti, risieda nellabitudine: gradualmente impariamo a vivere con le situazioni anomale e a tenerle sotto controllo, tanto da riuscire a schivarle senza neanche pensarci più. Conviviamo coi pericoli presenti nel nostro ambiente e ne consegue la certezza che non esistono rischi di cui preoccuparsi: fino a prova contraria.

45 Evitare i rischi di scivolamento e cadute comporta: Non lasciare oggetti sul pavimento Assicurarsi che le colonnine portautenze siano sempre collocate sotto la scrivania o in posizione di sicurezza Controllare che le prolunghe e il filo del telefono non siano occasione dinciampo Non spostarsi a spinta sulle sedie a rotelle Evitare di indossare calzature che possono essere pericolose, come ad esempio i tacchi a spillo … Ricordarsi che la fretta è cattiva consigliera, quindi non correre Appoggiarsi sempre ai corrimani delle scale (quando presenti) Nel trasporto doggetti voluminosi guardarsi sempre intorno per evitare di cadere e urtare altri Non salire in piedi sulle sedie, specie se a rotelle Controllare che il pavimento sia sempre in buono stato di manutenzione Verificare (se presenti) che le lamine dottone o alluminio poste sulle soglie delle porte siano sempre perfettamente aderenti al pavimento

46 Urti e schiacciamenti I motivi per cui accadono questi tipi dincidenti sono di tre ordini: A)spazi di movimento limitati; B)uso scorretto di procedure di lavoro; scordarsi dellesistenza della forza di gravità. Caso A- Spazi di movimento limitati porte aperte degli armadi cassetti di scrivania aperti sostare dietro una porta sedie, tavolini o altro fuori posto urto contro mobili a spigolo vivo urto contro chiavi lasciate nelle toppe delle serrature chiusura di ante o cassetti con il ginocchio o con il corpo

47 Caso B Uso scorretto di procedure di lavoro chiusura dei cassetti afferrandoli per il bordo e non per le maniglie chiusura di ante a scorrimento degli armadi afferrandole per il bordo e non per le maniglie aprire e chiudere finestre a scorrimento orizzontale esercitando pressione sul telaio contrastare la chiusura di porte o cancelli di ascensori con le mani spostamento di mobili o attrezzature dufficio quando non è previsto nella mansione apertura scorretta dei cassetti provocandone il ribaltamento

48 caso C Scordarsi dellesistenza della forza di gravità disposizione di oggetti pesanti e attrezzature voluminose e pericolose (taglierine…) nei piani alti di armadi apertura violenta di cassetti senza battuta darresto quadri non fissati correttamente alle pareti armadi o scaffali non ancorati al muro Rispetto agli scivoloni gli schiacciamenti sono un fatto più soggettivo che si lega molto anche allo stato danimo del lavoratore, o a fattori di stress, dansia, di stanchezza…

49 Ferite da taglio Le cause sono di duplice natura: condizioni tecniche di pericolo azioni pericolose Caso A- Condizioni tecniche di pericolo porte a vetri e finestre non in sicurezza mobili metallici con spigoli vivi o piani taglienti taglierine con lame non protette oggetti in vetro (posacenere, vasi, quadri …) forbici e tagliacarte appuntiti puntine da disegno, lamette, temperini, coltelli … chiodi o viti sporgenti da muri o porte o mobili … bottigliette di vetro e lattine Caso B- Azioni pericolose Per evitare i rischi di incidente sono utili alcune piccole precauzioni quali: controllare che non vi siano chiodi o viti sporgenti richiedere il montaggio di vetri di sicurezza eliminare strumenti taglienti e appuntiti non riporre alla rinfusa oggetti taglienti nei cassetti dotarsi di forbici e tagliacarte con punte arrotondate collocare gli oggetti di vetro in posizione sicure non raccogliere con le mani vetri rotti i frammenti di vetro gettati nei cestini o in contenitori siano avvolti in abbondante carta o stracci non inumidire con le labbra i bordi delle buste allo scopo di chiuderle maneggiare i fogli di carta prendendoli per gli angoli e non per i lati sostituire velocemente i vetri rotti non infilare le mani in fotocopiatrici, macchine da scrivere …

50 Impianti elettrici Per accendere una lampada da 100 Watt a 220 Volt, occorrono 0,45Ampere; per avviare un motore elettrico da 1 kW a 220 Volt occorrono circa 3,3 Ampere. Per uccidere un uomo è più che sufficiente applicargli per qualche secondo 0,1 Ampere! I cavi elettrici di tensione trasportano energia non immediatamente quantificabile, se tal energia è mal utilizzata o indirizzata può produrre danni irreversibili fino alla morte. Il nostro corpo, di fronte ad una corrente elettrica è debolissimo, non è in altre parole in grado di opporre resistenza; riesce a sopportare unintensità di corrente inferiore a 0,01 Ampere (1 millesimo di Ampere) con differenza di potenziale di 25/50 Volt rispettivamente se corrente continua o alternata. Tale vulnerabilità deriva dal fatto che la resistenza che il corpo umano riesce a realizzare nei confronti del passaggio di corrente varia nellordine di 500/ Ohm. Nel caso di elettrocuzione ciò significa, riferendoci ad una tensione di 220 V, essere attraversati da una corrente variante tra 0,44 e 0,11 Ampere: decisamente letale. La resistenza al passaggio di corrente può aumentare se indossiamo guanti dielettrici, calzature di gomma, pedane isolanti; può invece diminuire se siamo a piedi nudi e bagnati, con contatto prolungato, dipende inoltre dalla stanchezza, dallumidità del corpo … Nella tabella sottostante sono elencati alcuni accorgimenti, tenendo conto delle cause più frequenti di elettrocuzione:

51 SCOSSE ELETTRICHE Accorgimenti prolunghe e cavi devono essere disposti e fissati in modo da evitare deterioramento per schiacciamento o taglio non fare passare cavi elettrici sotto tappeti o moquette perchè non è controllabile lisolamento dei conduttori non fare passare cavi o prolunghe sotto le porte usare per quanto possibile prolunghe adatte allo scopo e che non richiedono luso di adattatori le prese a muro dovrebbero ricevere una sola spina le spine volanti devono essere dotate di dispositivo di antitrazione e antitorsione ogni utilizzatore, macchine, portalampade, ecc … dovrà essere munito d interruttore le spine devono essere estratte dalle prese dopo aver spento linterruttore ed agendo sulla spina stessa e non tirando il cavo evitare di attorcigliare i cavi allontanare cavi e prolunghe da fonti di calore

52 Norme CEI 11-8:Impianti di produzione, trasmissione e distribuzione energia; impianti di terra; 64-2: impianti elettrici nei luoghi con pericolo desplosione; 64-8: impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua; 64-8 versione 2: ambienti a maggior rischio in caso dincendio; 81-10/ : protezione di strutture contro i fulmini. Leggi legge. 134/71; legge 186/90; legge 37/09; D.P.R. 447/91; legge 10/91.

53 Sollevamento e trasporto Alle volte accade di movimentare oggetti pesanti o voluminosi. Lesperienza insegna che molti incidenti sono legati a cause di trasporto o sollevamento e le conseguenze ricadono su parti del corpo quali polsi, caviglie, gomiti, ginocchia e articolazioni varie. A volte si sostiene che non è il caso di esagerare quando, per esempio, si sollevano pesi di 10/ 15 Kg.: si dice che non è il caso di chiamare gli incaricati per simili banali operazioni. E' proprio in questi casi che succede lincidente, perché si fa loperazione in modo scorretto o perché si compie un movimento inconsueto, o perché non si valuta sufficientemente il rapporto peso/volume delloggetto. Allo scopo di evitare danni alle articolazioni o alla spina dorsale, riportiamo una tabella di riferimento ed alcuni accorgimenti:

54 MOVIMENTAZIONE CARICHI Accorgimenti Non strafare Visuale libera Usare attrezzature specifiche come carrelli, cinghie, funi, pattini … Usare dispositivi di protezione come i guanti Sollevare i carichi piegando le ginocchia e mantenendo schiena e testa diritte, gambe larghe e piedi rivolti verso la direzione del movimento Assicurarsi di avere afferrato bene loggetto e sollevarlo applicando una forza progressiva evitando il sollevamento a strappo Non torcere il busto durante il movimento Tenere il carico il più vicino possibile al corpo Articoli di riferimento: Artt del D.lgs 81/08

55 Verifica del valore di peso sollevato in rapporto alla frequenza di sollevamento (turno di 8 ore o meno). Condizioni di piena accettabilità PESO DEL CARICO FREQUENZA DI SOLLEVAMENTO Maschi Femmine 18 kg. 12 kg. 1 volta ogni 5 minuti 15 kg. 10 kg. 1 volta ogni minuto 12 kg. 8 kg. 2 volte ogni minuto 6 kg. 4 kg. 5 volte ogni minuto

56 Disordine Il disordine può anche essere causa dincidenti, e in genere esso è associato allaspetto organizzativo. Nel comune pensare esso indica: confusione, disorganizzazione, mancanza di programmazione, mancanza di controllo. Va da sé che il buon ordine non può essere un optional e tanto meno una mania, ma può rappresentare un atteggiamento corretto e sensibile nei confronti dei pericoli insiti nellambiente di lavoro.

57 Videoterminali Come intendere la postazione di lavoro Il titolo VII D.lgs 81/08 parla di uso dattrezzature munite di videoterminale e il primo comma dellart. 174 recita: Il datore di lavoro, allatto della valutazione del rischio di cui allart. 4, c. 1, analizza i posti di lavoro con particolare riguardo: ai rischi per la vista e gli occhi; b) ai problemi legati alla postura e allaffaticamento fisico e mentale; c) alle condizioni ergonomiche e digiene ambientale.

58 Lart. 173 descrive le definizioni di postazione di lavoro: a) Videoterminale: sintende uno schermo alfanumerico o grafico, a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato; b) posto di lavoro: linsieme che comprende le attrezzature munite di videoterminale, eventualmente con tastiera o altro sistema dimmissione dati, in altre parole software, per linterfaccia uomo-macchina, gli accessori opzionali, le apparecchiature connesse, comprendenti lunità a dischi, il telefono. Il modem, la stampante, il supporto per documenti, la sedia, il piano di lavoro nonché lambiente di lavoro immediatamente circostante; c) lavoratore: colui/colei che utilizza unattrezzatura munita di videoterminale in modo sistematico e abituale, per 20 ore settimanali, dedotte le interruzioni di di cui allart. 173, in conformità ai requisiti minimi di cui allallegato XXXIV.

59 Da ciò si può evidenziare che la prestazione di lavoro non si compone del solo schermo; che in conformità a dati scientifici attualmente disponibili la legge italiana ha convenzionalmente stabilito 4 ore, il tempo continuativo, ai fini della valutazione del rischio da VDT (ma su tale punto è aperta una discussione di revisione); che nellinstallare una postazione di lavoro è opportuno che questa corrisponda a criteri ergonomici e digiene; che, infine, anche il lavoro ad un portatile può essere considerato alla stessa stregua di un lavoro ad un videoterminale (ma su questo punto il legislatore è carente).

60 In base allart. 177, il datore di lavoro è tenuto a fornire per ciascun posto di lavoro: a) le informazioni sulle misure applicabili in base allanalisi fatta; b) le informazioni sulle modalità di svolgimento dellattività; c) le informazioni circa la protezione degli occhi e della vista. Inoltre, al 2° comma si prevede una formazione adeguata, non solo uninformazione, in particolare su quanto previsto al comma precedente.

61 I rischi e gli effetti dannosi sul lavoratore Radiazioni- Elettricità- Vista- Affaticamento fisico/mentale- Disturbi muscolari Alcune prime osservazioni che riguardano i possibili danni alla salute, si possono ricavare dalla ricerca medica. Le radiazioni emesse dallo schermo sono più o meno come quelle di un qualunque televisore; si escludono possibilità di danni per le radiazioni ionizzanti e non ionizzanti, in normali condizioni desercizio e con apparecchiature in buono stato e dellultima generazione. Una causa di rischio è costituita dallelettricità, per questa ragione è obbligatoria lassicurazione INAIL (vedi paragrafo a parte). Il rischio maggiormente accertato è laffaticamento visivo (astenopia). Alla domanda … se uno vede bene e lavora molto al vdt, corre il rischio di andare incontro ad una diminuzione visiva permanente o ad una malattia degli occhi?. La risposta della medicina è no. Invece alla domanda: … se uno ha già alterazioni della vista (presbiopia, miopia, ipermetropia) alla lunga può andare incontro ad un peggioramento? La risposta è, che senza adeguate misure preventive, probabilmente si.

62 Nella sentenza del 15 dicembre 1991 del dr. Guariniello, in seguito alle perizie, si afferma tra laltro: … il lavoro al terminale ottico, pur causando disturbi visivi ed oculari, non produce alterazioni permanenti allapparato visivo a breve termine (mesi) nella maggioranza dei casi. Non è possibile escludere, tuttavia, per particolari soggetti (eteroforici [gravi in caso di scompenso) un aggravamento del quadro patologico anche a breve termine. [ I disagi oculari consistono per lo più in bruciore, rossore, dolore, senso di corpo estraneo e sono più frequenti di quelli visivi, in altre parole visione sdoppiata o confusa o sfarfallamento. In genere il lavoro al vdt mette in evidenza vizi oculari minori non corretti. [1] Eteroforico: strabismo latente [1]

63 Unaltra categoria di disturbi addebitati al lavoro al vdt si riferisce a quelli muscolari (stanchezza, rigidità, crampi, formicolii), i quali sono dovuti in gran parte a posture non confacenti, mantenute anche per diverso tempo. Sono rischi legati a tutti i lavori sedentari, ma quello al video è probabilmente più accentuato, a causa del minor movimento dei muscoli. Infine i rischi connessi allaffaticamento fisico e mentale: in pratica, secondo la Medicina, laffaticamento rompe gli automatismi utili del comportamento e le operazioni più semplici richiedono un surplus di controllo. Da una parte possono comparire sintomi diniziale ipoglicemia, come sudori e tremori, dallaltra disturbi, come depressione, irritabilità prostrazione. Un aumento dellansia è un fatto generalizzato. Inoltre, tutta una vasta gamma di manifestazioni da stress, in relazione a specifici agenti stressanti come temperatura non adeguata, rumore continuo non controllato, illuminazione abbagliante o non adeguata, inquinamento aereo, problemi organizzativi (interruzioni, ritmi,organizzazione del lavoro in generale). Misure per leliminazione o la limitazione del rischio La principale misura di prevenzione consiste nellinterrompere lattività visiva e abbandonare la postura seduta per far altro che non sia leggere o lo star fermo; meglio cambiare ambiente.

64 Intervenire sullorganizzazione del lavoro Lart Il lavoratore, ha diritto ad una interruzione della sua attivit à mediante pause ovvero cambiamento di attivit à. 2. Le modalit à di tali interruzioni sono stabilite dalla contrattazione collettiva anche aziendale. 3. In assenza di una disposizione contrattuale riguardante l'interruzione di cui al comma 1, il lavoratore comunque ha diritto ad una pausa di quindici minuti ogni centoventi minuti di applicazione continuativa al videoterminale. 4. Le modalit à e la durata delle interruzioni possono essere stabilite temporaneamente a livello individuale ove il medico competente ne evidenzi la necessit à. 5. È comunque esclusa la cumulabilit à delle interruzioni all'inizio ed al termine dell'orario di lavoro. 6. Nel computo dei tempi di interruzione non sono compresi i tempi di attesa della risposta da parte del sistema elettronico, che sono considerati, a tutti gli effetti, tempo di lavoro, ove il lavoratore non possa abbandonare il posto di lavoro. 7. La pausa è considerata a tutti gli effetti parte integrante dell'orario di lavoro e, come tale, non è riassorbibile all'interno di accordi che prevedono la riduzione dell'orario complessivo di lavoro.

65 Quindi nel determinare il tempo di lavoro e il tempo di riposo al vdt, noi entriamo nel campo della contrattazione dellorganizzazione del lavoro. E compito del RLS non lasciare che questo aspetto che tocca la salute, la professionalità e la stessa occupazione sia lasciato ad un rapporto unilaterale tra aziende e lavoratori. Laspetto organizzativo è tanto importante, quanto altrettanto strategico è un nostro controllo se si pensa allevoluzione che sta avendo il lavoro mobile. Si parla di quei lavoratori, che sono sempre più numerosi, che lavorano in luoghi diversi con un portatile. Innanzi tutto va precisato che la legge su questo versante è carente, perché non specifica la fattispecie di lavoro col portatile, che deve essere considerato una postazione di lavoro come altre. I notebook non sono né normati, né assicurati per il lavoro allesterno della propria azienda: un qualunque incidente legato allapparecchiatura come potrebbe essere coperto assicurativamente? Inoltre sul piano organizzativo il lavoro al portatile apre scenari nuovi e per certi versi anche poco controllabili, almeno sindacalmente. Dal punto di vista aziendale la cosa va certamente bene, in quanto i lavoratori usano il computer anche a casa, lavorano di sera e/o nei giorni festivi, oltre lorario contrattuale: un bel modo per aggirare il controllo sindacale e i diritti

66 Visite mediche E lart. 176 che istituisce la sorveglianza sanitaria per quegli stessi lavoratori, 1. I lavoratori sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria di cui all articolo 41, con particolare riferimento: a) ai rischi per la vista e per gli occhi; b) ai rischi per l apparato muscolo-scheletrico. 2. Sulla base delle risultanze degli accertamenti di cui al comma 1 i lavoratori vengono classificati ai sensi dell articolo 41, comma Salvi i casi particolari che richiedono una frequenza diversa stabilita dal medico competente, la periodicit à delle visite di controllo è biennale per i lavoratori classificati come idonei con prescrizioni o limitazioni e per i lavoratori che abbiano compiuto il cinquantesimo anno di et à ; quinquennale negli altri casi. 4. Per i casi di inidoneit à temporanea il medico competente stabilisce il termine per la successiva visita di idoneit à. 5. Il lavoratore è sottoposto a visita di controllo per i rischi di cui al comma 1 a sua richiesta, secondo le modalit à previste all articolo 41, comma 2, lettera c). 6. Il datore di lavoro fornisce a sue spese ai lavoratori i dispositivi speciali di correzione visiva, in funzione dell'attivit à svolta, quando l esito delle visite di cui ai commi 1, 3 e 4 ne evidenzi la necessit à e non sia possibile utilizzare i dispositivi normali di correzione. In pratica con le pause si diminuiscono le entità dei vari rischi al vdt e con le visite mediche si tiene sotto controllo il possibile danno.

67 LAVORO AL VDT Consigli Tabella di sintesi Disponi il vdt in modo che non abbia fonti di luce diretta né dietro (cioè di fronte ai tuoi occhi), né davanti allo schermo In generale, la luce artificiale è preferibile a quella naturale e lilluminazione diffusa è preferibile a quella diretta Se il tuo video non è di buona qualità, usa uno schermo antiriflesso a intensificazione di contrasto Se hai un difetto di rifrazione (miopia, ipermetropia, astigmatismo, presbiopia) usa le lenti correttive che loculista ti ha prescritto: eviterai di stancare gli occhi Aggiusta laltezza della sedia in modo da non dover curvare la schiena mentre lavori e da tenere lo sguardo orientato in avanti e leggermente in basso Cerca di appoggiare gli avambracci al tavolo (non ai braccioli della sedia) ed i piedi ad un supporto Cambia ogni tanto posizione: mantenere a lungo immobili gli arti o il tronco determina fastidiosi dolori tendinei e muscolari Diversifica per quanto ti è possibile il tuo lavoro, in modo da rispettare un numero ragionevole di pause NOTA BENE I riferimenti legislativi su questa materia sono nel D.lgs 81/08.

68 SERVIZI (da art. 36 a art. 42- D.P.R. 303/56) di ristoro- igienici Servizi di ristoro La giornata di lavoro si snoda in ambienti anche diversi dal proprio lavoro specifico, che possono essere salotti per visitatori e clienti, sale riunioni, locali di refezione, aree di ristoro, archivi … Per queste ragioni la lista che segue, lungi dallessere completa, evidenzia una serie di rischi, simili a quelli che si corrono tra le mura domestiche. Attenzione alle bevande calde Occhio agli affollamenti Diffidare dal pavimento bagnato Consumare le bibite in prossimità del distributore Non prendere a pugni i distributori automatici Evitare flussi incrociati con i vassoi della mensa Riporre sedie e sgabelli in posizione di sicurezza, sotto il tavolo Sostituire piatti, oliere, bicchieri, vassoi scheggiati Eliminare sedie difettose Non permettere le sistemazioni dei carrelli-raccogli vassoi sulle via di fuga o davanti alle uscite di sicurezza Non fumare Servizi igienici Si propone un analogo elenco per i servizi igienici: Attenzione ai pavimenti bagnati Le lampade devono essere munite di protezione che ne impedisca la caduta accidentale Non ci devono essere prese vicino ai lavabi Interruttori posizionati allesterno Le porte dei bagni devono potersi chiudere con chiavistello o con maniglia autobloccante Assicurarsi che i sanitari siano in buone condizioni sia igieniche sia strutturali

69 LE ALLERGIE Unindagine allergologica dovrà sempre essere programmata in funzione delle specificità del settore di lavoro: si dovranno prendere in considerazione tutte le operazioni o mansioni, nonché i materiali usati, nel ciclo lavorativo e presenti nellambiente. Nella presente Guida ci siamo limitati a considerare i rischi per la salute che derivano dalle operazioni di duplicazione, che implicano luso di macchine da riproduzione di documenti e disegni.

70 Le carte La carta copiativa (copiatura di bolle …), oggi molto meno usata, è stata causa di rari casi di dermatite a causa di alcune sostanze in essa contenute (vedi tabella sottostante). Più gravi sono i fenomeni causati dalle carte autocopianti (bollettari, moduli, …), a causa della presenza di solventi. Si è riscontrato che le lavoratrici o i lavoratori possono presentare secchezza, prurito con o senza eruzione cutanee, bruciore, parestesie alle mani o ad altre parti del corpo come il collo o il viso. Talora può comparire un eczema, gli occhi e le mucose possono essere interessati col verificarsi di congiuntiviti, secchezza della bocca e delle labbra, naso chiuso, mal di gola, cefalee (da VIVERE IN UFFICIO- Nicola Magnavita- Ed Lavoro 1990): è la sindrome da ufficio malato. La produzione di diazocopie (riproduzione di lucidi) è stata associata allinsorgenza di dermatiti da contatto, causati dai cloruri di diazonio.(es. acido nitroso/ nitrito di sodio) Si sono verificate dermatiti desquamative, irritative, dovute al rilascio di ammoniaca dai fogli usciti dalla macchina; dermatiti pruriginose; in altri casi sono state riscontrate asme bronchiali. E pertanto importante aerare i locali dove sono presenti tali macchine. La produzione di fotocopie può anchessa essere allorigine di una serie di problemi per la salute, ai quali è possibile ovviare innanzitutto con una buona ventilazione dei locali. Il processo fotoelettrico determina

71 SEGNALETICA I segnali di pericolo e di divieto dovrebbero essere presenti in tutti i luoghi di lavoro. La cartellonistica non è utile solamente a chi lavora in quell ambiente, ma anche a coloro che ci transitano occasionalmente.

72 In caso di evacuazione In questi casi non bisogna mai servirsi degli ascensori, ma usare le scale o ancor meglio, se esistente, la scala antincendio. Se non è possibile uscire dalla stanza in cui si è imprigionati, cercare di adottare le seguenti misure: Chiudere la porta e sigillarla con panni bagnati, se possibile Non spalancare le finestre, ma avvicinarsi ad esse per respirare, tenendole semichiuse per non alimentare la combustione Chiedere aiuto Evitare di sporgersi eccessivamente Non saltare assolutamente nel vuoto Se i vestiti prendono fuoco, rotolarsi sul pavimento o soffocare le fiamme con una coperta Attendere laiuto dei vigili del fuoco senza panico

73 LA LISTA DELLE OSSERVAZIONI Questionario- Check list I R.L.S, insieme ai lavoratori, devono essere in grado di valutare i rischi; la check- list di seguito riportata, che subirà tutte le modifiche necessarie caso per caso, è uno utile strumento di lavoro. Osservazione generali Nella zona in cui si lavora, si osservino le seguenti cose: Ci sono pericoli evidenti I colleghi lavorano in modo sicuro Larea dà unimpressione di pulizia ed efficienza Comportamento Qualcuno ha labitudine di correre per corridoi e scale? Ci sono interventi su apparecchiature in moto? Sono aperte porte senza guardare con dovuta circospezione? Sono sollevati, trasportati oggetti pesanti? Sono sollevati oggetti in modo scorretto? Esiste il corrimano per le scale? E adoperato? Cè disordine? Si fuma? Si rispetta il carico degli ascensori? Le taglierine sono usate con attenzione? Sono riposte in fase di stasi in un posto sicuro, non alto, con la lama abbassata? Le fotocopiatrici sono piazzate in aree isolate? Tagliacarte e forbici hanno le punte arrotondate? Vi sono cassetti e armadi aperti?

74 Vi sono sparsi sulle scrivanie o sui mobili oggetti appuntiti e taglienti? Vi sono vetri, porte o scrivanie scheggiate? Vi sono cavi elettrici e telefonici per terra senza protezioni? Vi sono chiavi lasciate nelle serrature? Vi sono tappeti o moquette consumati o rotti e quindi insicuri? Vi sono ostacoli sul pavimento o per i corridoi? Vi sono oggetti riposti con scarsa attenzione in cima agli armadi? Impianti ed apparecchiature elettriche Funziona tutto bene? Ci sono le protezioni? Si è in presenza di cavi logori? Le prese di corrente sono sovraccariche? Sono appropriate le istruzioni per luso di fotocopiatrici, computer, macchine da scrivere, lavagne luminose … Le lampade da tavolo sono di materiale igroscopico? Ogni apparecchiatura elettrica è munita di interruttore? Limpianto di condizionamento è ben funzionante?

75 Mobili Sono solidi e ancorati bene al muro o a terra? Sono adatti al lavoro e collocati al posto giusto? Sono senza sporgenze pericolose? Lambiente Vi sono uscite senza ostacoli? I locali sono adeguati? Lilluminazione è sufficiente? Vi è ordine e pulizia? Vi sono sfiati dellaria non ostruiti? I locali sono periodicamente rinfrescati con pitture? Interesse per la sicurezza Sono stati fatti corsi di formazione sulla sicurezza ambientale? Tutti conoscono le proprie responsabilità relative alla sicurezza individuale e collettiva? Sono conosciute le politiche del S.P.P. Tutti conoscono la procedura antincendio? E luso? Tutti sanno a chi si deve riferire in caso dincidenti e infortuni?

76 Situazioni pericolose Quali conclusioni traete dai vostri controlli? Sono necessari ulteriori provvedimenti? Ulteriore addestramento? Cambiare mobili o variarne la disposizione? Riparazioni o modifiche da apportare? Sono necessari interventi di riorganizzazione del lavoro? Altro?


Scaricare ppt "LA SICUREZZA NELLE SCUOLE Guida alla prevenzione La guida non sostituisce le procedure, i manuali operativi, i regolamenti e le disposizioni emesse dalle."

Presentazioni simili


Annunci Google