La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Modulo II La ricerca psico-sociale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Modulo II La ricerca psico-sociale."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Modulo II La ricerca psico-sociale sul benessere organizzativo Dott. S. Scarcella Prandstraller CORSO DI SOCIOLOGIA DELLORGANIZZAZIONE 24 novembre 2006

2 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche IL BEN-ESSERE ORGANIZZATIVO Il concetto di salute organizzativa si riferisce alla capacità di unorganizzazione di funzionare, svilupparsi e raggiungere i propri obiettivi promuovendo e garantendo nelle persone un adeguato grado di benessere fisico e psicologico, rilevabile in termini di benessere organizzativo. In unorganizzazione il grado di benessere organizzativo può influire in modo significativo sulle performance dei singoli e dei gruppi. Nella Pubblica Amministrazione il miglioramento del benessere organizzativopuò significare un concreto salto di qualità nellefficienza dellintero sistema.

3 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche IL BEN-ESSERE ORGANIZZATIVO Il benessere organizzativo risiede nella qualità della relazione esistente tra le persone e il contesto di lavoro. Quando si verificano condizioni di scarso benessere organizzativo si determinano, sul piano concreto, fenomeni quali: 1.Diminuzione della produttività 2.Assenteismo 3.Bassi livelli di motivazione 4.Ridotta disponibilità al lavoro 5.Carenza di fiducia 6.Mancanza di impegno

4 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche IL QUESTIONARIO Il questionario utilizzato nella ricerca psico- sociale di tipo quantitativo sul benessere organizzativo è del tipo O.H.Q. (Organisational Health Questionnaire). Il modello di ricerca si riferisce ad una ricerca– intervento : oltre a conoscere determinati processi e fenomeni, si intende intervenire su quegli stessi processi e fenomeni. La teoria presuppone la declinazione del costrutto clima/benessere organizzativo in quattordici concetti, definiti dimensioni. Secondo tale teoria una organizzazione viene considerata in buona salute quando:

5 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Le dimensioni del benessere organizzativo 1. Confortevolezza dellambiente di lavoro: a llestisce un ambiente di lavoro salubre, confortevole e accogliente. 2. Chiarezza degli obiettivi: pone obiettivi chiari ed espliciti ed è coerente tra enunciati e prassi operative. 3. Valorizzazione del personale: riconosce e valorizza le competenze e gli apporti dei dipendenti e stimola nuove potenzialità. 4. Disponibilità allascolto: ascolta le istanze dei dipendenti.

6 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Le dimensioni del benessere organizzativo 5. Circolazione delle informazioni: mette a disposizione le informazioni pertinenti al lavoro. 6. Conflittualità: riesce a mantenere la conflittualità interna a livelli fisiologici. 7. Relazioni Interpersonali: stimola un ambiente relazionale franco, comunicativo e collaborativo. 8. Scorrevolezza operativa: assicura scorrevolezza operativa e rapidità di decisione e supporta lazione verso il conseguimento degli obiettivi.

7 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Le dimensioni del benessere organizzativo 9. Equità di trattamento: assicura equità di trattamento retributivo, di assegnazione di responsabilità e di promozione del personale. 10. Stress: riesce a mantenere lo stress a livelli accettabili. 11. Senso di utilità: stimola, nei dipendenti, la percezione di utilità sociale del proprio lavoro e il loro sentimento di contribuire ai risultati comuni, contribuendo con ciò a dare senso alla giornata lavorativa dei singoli.

8 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Le dimensioni del benessere organizzativo 12. Sicurezza sul lavoro: Adotta tutte le azioni per prevenire gli infortuni e i rischi professionali. 13. Compiti lavorativi: fa sì che le caratteristiche dei compiti lavorativi non pesino in modo eccessivo sui dipendenti. 14. Innovazione tecnologica e culturale: è aperta allambiente esterno e allinnovazione tecnologica e culturale.

9 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche IL QUESTIONARIO Per ciascuna dimensione sono stati previsti degli indicatori (nella maggior parte dei casi, quattro). Gli indicatori sono stati trasformati in altrettante domande di questionario su scala di Likert, in modo che a ciascuno stato sulla proprietà corrisponda un valore numerico: mai =1 raramente =2 a volte =3 spesso =4 In questo modo per ciascuna dimensione è possibile rilevare dati statistici in termini di medie e distribuzioni di frequenza.

10 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche GLI INDICATORI Gli indicatori utilizzati nella costruzione delle domande del questionario sono di due tipi: 1) indicatori SOCIO-TECNICI quando riguardano variabili di contesto a livello macrosociale 2) indicatori PSICO-SOCIALI quando riguardano variabili di contesto a livello microsociale Per ciascuna dimensione sono stati previsti indicatori dei due tipi. Per ciascun indicatore sono state previste delle domande di controllo.

11 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche IL QUESTIONARIO I dati rilevati attraverso il questionario consentono : di costruire un quadro orientativo di riferimento di massima circa la percezione dei partecipanti organizzativi sulle diverse dimensioni; di effettuare una prima serie di considerazioni sul clima presente in ciascuna unità organizzativa nella quale la ricerca psico-sociale ha avuto luogo; di comunicare ai responsabili ed ai partecipanti organizzativi, attraverso la media del valore degli indicatori riferiti a ciascuna dimensione, il modo in cui essa risulta percepita nellunità organizzativa.

12 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche OBIETTIVI DELLA RICERCA-INTERVENTO Il monitoraggio delle dimensioni del benessere organizzativo permette: di effettuare una ricognizione dei punti di forza e di debolezza di ciascuna unità organizzativa e di individuare eventuali tensioni e criticità; di predisporre opportuni accertamenti con metodi qualitativi per approfondirne le cause; di intraprendere un percorso per costruire con la partecipazione di tutti gli interessati soluzioni mirate a risolvere i problemi e/o valorizzare gli assetti che lasciano intravedere lesistenza di un potenziale inatteso o attualmente non utilizzato

13 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Gerarchia delle dimensioni obiettivi chiarezza degli obiettivi comunicazione circolazione delle informazioni disponibilità allascolto tecnologie innovazione tecnologica e culturale politiche di gestione RU valorizzazione relazioni interpersonali equità di trattamento senso di utilità clima organizzativo conflittualità stress processi scorrevolezza operativa compiti lavorativi sicurezza sicurezza sul lavoro comfort confortevolezza dellambiente di lavoro dimensione critica dimensione positiva dimensione media

14 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche I LIMITI DELLA RICERCA QUANTITATIVA La ricerca quantitativa sul benessere organizzativo mediante questionario OHQ non permette di conoscere: i fattori strutturali del contesto organizzativo; i vissuti e le motivazioni profonde degli atteggiamenti e delle opinioni espresse dalle persone; le dinamiche di interazione a livello meso e micro-sociale tra gli attori organizzativi; la cultura (artefatti, valori e assunti impliciti) vigente o prevalente nellorganizzazione o nellunità organizzativa; gli schemi e le mappe cognitive, vale a dire i meccanismi di costruzione di senso, degli attori organizzativi; levoluzione degli atteggiamenti e delle opinioni degli attori organizzativi nel periodo successivo alla somministrazione del questionario.

15 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Repertorio degli Interventi sul Benessere Organizzativo 1)Confortevolezza dellambiente di lavoro Ergonomia Manutenzione Prossemica Ristrutturazione Artefatti 2)Chiarezza degli obiettivi Presentazione della direttiva annuale del vertice politico Presentazione degli obiettivi strategici ed operativi Riunioni di miglioramento continuo di 1° e 2° livello Riunioni di valutazione dei risultati

16 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Repertorio degli Interventi sul Benessere Organizzativo 3)Valorizzazione del personale Colloqui di assessment Banca delle ore Formazione decentrata Formazione congiunta dirigenti-funzionari direttivi Lavoro in gruppi di processo Metabletica Mobilità interna Polifunzionalità degli operatori Progetti finalizzati Rilevazione dei fabbisogni formativi Riunioni di miglioramento continuo di 2° livello

17 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Repertorio degli Interventi sul Benessere Organizzativo 4)Disponibilità allascolto Counseling Dinamiche di gruppo Formazione congiunta dirigenti-funzionari direttivi Metabletica Riunioni di miglioramento continuo di 1° e 2° livello 5)Circolazione delle informazioni Comunicazione interna Lavoro in gruppi di processo Presentazione della direttiva annuale del vertice politico Presentazione degli obiettivi strategici ed operativi Rituali sociali Riunioni di miglioramento continuo di 1° e 2° livello

18 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Repertorio degli Interventi sul Benessere Organizzativo 6)Conflittualità Counseling Dinamiche di gruppo Formazione congiunta dirigenti-funzionari direttivi Rituali sociali Riunioni di miglioramento continuo di 1° e 2° livello 7)Relazioni Interpersonali Counseling Dinamiche di gruppo Formazione congiunta dirigenti-funzionari direttivi Rituali sociali Lavori in gruppi di processi Riunioni di miglioramento continuo di 1° e 2° livello

19 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Repertorio degli Interventi sul Benessere Organizzativo 8) Scorrevolezza operativa Benchmarking Comunicazione interna Lavoro in gruppi di processo Metabletica Polifunzionalità degli operatori Progetti finalizzati Reingegnerizzazione dei processi di lavoro Rilevazione dei carichi di lavoro Riunioni di miglioramento continuo di 1° e 2° livello

20 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Repertorio degli Interventi sul Benessere Organizzativo 9)Equità di trattamento Colloqui di assessment Elogi ed encomi Fondo di amministrazione Rilevazione dei carichi di lavoro Rituali sociali Valutazione del personale 10) Stress Counseling Dinamiche di gruppo Formazione outdoor Tecniche di controllo dello stress

21 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Repertorio degli Interventi sul Benessere Organizzativo 11) Senso di utilità Artefatti Formazione congiunta dirigenti-funzionari direttivi Indagini di customer satisfaction Lavoro in gruppi di processo Polifunzionalità degli operatori Presentazione degli obiettivi strategici ed operativi Progetti finalizzati Rituali sociali Riunioni di miglioramento continuo di 1° e 2° livello

22 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Repertorio degli Interventi sul Benessere Organizzativo 12) Sicurezza sul lavoro Informazione sulla sicurezza Manutenzione Ristrutturazione 13) Compiti lavorativi Banca delle ore Lavoro in gruppi di processo Mobilità interna Polifunzionalità degli operatori Progetti finalizzati Riunioni di miglioramento continuo di 2° livello

23 Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Repertorio degli Interventi sul Benessere Organizzativo 14) Innovazione tecnologica e culturale Artefatti Dinamiche di gruppo Formazione decentrata Formazione sulle ICT Formazione congiunta dirigenti-funzionari direttivi Lavoro in gruppi di processo Polifunzionalità degli operatori Progetti finalizzati Rituali sociali


Scaricare ppt "Università degli Studi di Verona – Facoltà di Giurisprudenza Master di I° livello in Direzione delle Aziende Pubbliche Modulo II La ricerca psico-sociale."

Presentazioni simili


Annunci Google