La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Definizione Il termine recidiva viene usato per definire la ricomparsa di malattia dopo resezione chirurgica curativa Per recidiva clinica si intende la.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Definizione Il termine recidiva viene usato per definire la ricomparsa di malattia dopo resezione chirurgica curativa Per recidiva clinica si intende la."— Transcript della presentazione:

1 Definizione Il termine recidiva viene usato per definire la ricomparsa di malattia dopo resezione chirurgica curativa Per recidiva clinica si intende la ricomparsa dei sintomi dopo la resezione, sempre che vengano confermate le lesioni dorgano Per recidiva morfologica si intende la comparsa di nuove lesioni anche in assenza di sintomi clinici, in genere localizzate allileo neo-terminale o allanastomosi ileo-colica Per il grado di severità della recidiva morfologica si usa lo score di Rutgeerts

2 Epidemiologia Dopo resezione ileociecale, in assenza di trattamento, la percentuale di recidiva endoscopica varia dal 65 al 90% entro 12 mesi e arriva quasi al 100 % ( ) dopo tre anni Dopo resezione ileociecale la recidiva clinica senza terapia è circa il 25 % allanno. I sintomi appaiono quando le lesioni endoscopiche sono severe, anche se ci sono pazienti asintomatici con lesioni avanzate. Per questi motivi gli score clinici come il CDAI hanno una bassa sensibilità nel discriminare pazienti con o senza recidiva postoperatoria-

3 Fattori predittivi Fumo Pregressa chirurgia intestinale compresa lappendicectomia Malattia di Crohn fistolizzante Malattia perianale Resezione intestinale estesa Età di insorgenza della malattia Durata della malattia Margini di resezione Tipo di intervento

4 Diagnosi di recidiva post-operatoria Si basa sui sintomi clinici e sulle lesioni endoscopiche Spesso la clinica è difficilmente distinguibile da altri sintomi postoperatori ( sindrome aderenziale, alterazioni della motilità, calcolosi colecistica, diarrea da malassorbimento di Sali biliari o da sovracrescita batterica) CDAI non validato In corso di validazione markers sierologici o fecali come la lattoferrrina e la calprotectina

5 Diagnosi di recidiva post-operatoria La ileocolonscopia è il goldstandard nella diagnosi di recidiva postoperatoria Definisce la presenza e la severità della recidiva e ne predice il decorso clinico La ileocolonscopia è raccomandata entro un anno dallintervento chirurgico dove la decisone di intraprendere un diverso trattamento può cambiare il corso della malattia

6 Diagnosi di recidiva post-operatoria La recidiva endoscopica e /o istologica ricorre da poche settimane a diversi mesi dopo lintervento La recidiva endoscopica precede la sintomatologia clinica La lesioni endoscopiche severe predicono una cattiva prognosi

7 Diagnosi di recidiva post-operatoria Lecografia addominale, lenteroRM, lenteroTC e la capsula endoscopica sono metodi diagnostici meno invasivi dellendoscopia Il loro valore nella diagnostica di recidiva postoperatoria non è stato ancora studiato sistematicamente. LECCO non raccomanda lenteroTC come alternativa allileocolonscopia per lesposizione alle radiazioni ionizzanti LECCO considera la capsula meno invasiva della ileocolonscopia, una metodica emergente ed alternativa

8 Diagnosi di recidiva post-operatoria Lecografia transaddominale ha dimostrato valori di sensibilità e specificità fino al 96% soprattutto con il metodo SICUS dimostratosi accurato nel riscontrare le lesioni precoci lievi e le lesioni più severe, la lunghezza del tratto intestinale interessato, le stenosi e le dilatazioni del lume intestinale. SICUS correla bene con lo score di Rutgeers

9 Diagnosi di recidiva post-operatoria Calprotectina fecale 50 microgr/dl Lattoferrina fecale 7,25 microgr/dl Un aumento di due volte i v.n. dopo normalizzazione postoperatoria correla con le recidive endoscopiche più di un aumento della PCR LECCO non ha raccomandato il loro uso nella diagnosi di recidiva postoperatoria

10 Profilassi La terapia medica è raccomandata come profilassi della recidiva post-operatoria I farmaci più efficaci sono gli ISS come le tiopurine La mesalazina ad alte dosi può essere raccomandata dopo resezione di una isolata ansa ileale Gli antibiotici imidazolici si sono dimostrati anchessi efficaci nella prevenzione della recidiva postoperatoria, ma gli effetti collaterali ne limitano il loro uso long- term La terapia profilattica va iniziata entro due settimane dallintervento e prolungata per almeno due anni

11 antiTNF : i trial esistenti dimostrano che Infliximab e Adalimumab mantengono la remissione clinica ed endoscopica ( rispetto a placebo, o mesalazina, o metotrexate) fino all84,6% dei pazienti durante il trattamento di mantenimento, ma se sospeso la recidiva diviene più frequente. Profilassi

12 Anthony Buisson, Jean-Baptiste Chevaux, Gilles Bommelaer, Laurent Peyrin-Biroulet Diagnosis, prevention and treatment of postoperative Crohn's disease recurrence Digestive and Liver Disease Volume 44, Issue

13 … in conclusione Necessità di chirurgia nei malati di Crohn stimata in circa la metà dei pazienti entro 10 anni dalla diagnosi ( ridotta in questi ultimi 10 anni con luso dei biologici) Importanza della recidiva clinica ed endoscopica negli operati Modificare la storia della malattia negli operati di Crohn ad alto rischio di recidiva con terapia medica ( ISS o antiTNF) iniziata entro 2 settimane dallintervento per ottenere il mucosal healing e la riduzione di necessità di reintervento Modulare la terapia in base ai fattori di rischio A causa dellalto costo della terapia con infliximab e adalimumab occorre selezionare i pazienti operati


Scaricare ppt "Definizione Il termine recidiva viene usato per definire la ricomparsa di malattia dopo resezione chirurgica curativa Per recidiva clinica si intende la."

Presentazioni simili


Annunci Google