La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Auditorium Ministero Salute Via G. Ribotta, 5 ROMA Dr. Lena Fabio Direttore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Auditorium Ministero Salute Via G. Ribotta, 5 ROMA Dr. Lena Fabio Direttore."— Transcript della presentazione:

1 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Auditorium Ministero Salute Via G. Ribotta, 5 ROMA Dr. Lena Fabio Direttore Dipartimento Politiche del Farmaco e Attività Farmaceutiche Azienda U.S.L. 9 Grosseto Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica

2 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica Erogazione gratuita degli alimenti per celiaci: i canali alternativi alla Farmacia Dr. Lena Fabio Direttore Dipartimento Politiche del Farmaco e Attività Farmaceutiche Azienda U.S.L. 9 Grosseto CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI

3 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Evoluzione Normativa e Organizzativa De- medicalizzazione dellerogazione dei prodotti senza glutine Progetto Erogazione prodotti senza glutine: progetto obiettivi Sperimentazione Regione Toscana flusso funzionale: emissione/accettazione/fatturazione dei buoni gestione flussi dati interscambio dati risultati sperimentazione Riflessioni conclusive Sommario

4 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica D.G.R.T. n. 246/2000: erogazione prodotti dietetici per soggetti affetti da celiachia Evoluzione normativa e organizzativa Regione Toscana CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI …. erogazione agli assistiti dei prodotti privi di glutine direttamente dai presidi delle Aziende Unità Sanitarie Locali sulla base di direttive emanate dalle regioni ….

5 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica Evoluzione normativa e organizzativa Regione Toscana CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI D.M. 8 giugno 2001 art. 6 : Assistenza sanitaria integrativa Relativa ai prodotti destinati ad una alimentazione particolare …. prevede che la erogazione agli assistiti dei prodotti privi di glutine (.. registro di cui allart. 7..) oltre che direttamente dai presidi delle Aziende Unità Sanitarie Locali può avvenire anche attraverso le farmacie convenzionate e da altri fornitori incaricati sulla base di direttive emanate dalle regioni ….

6 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI D.G.R.T. n. 570/2004: presidi regionali competenti nella diagnosi e cura delle malattie rare individuate dal DM 279/2001 che comprende anche la malattia celiaca Evoluzione normativa e organizzativa Regione Toscana

7 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Evoluzione normativa e organizzativa Regione Toscana D.G.R.T. n. 723/2004: Percorso Assistenziale Del Paziente Con Celiachia LAssociazione di volontariato Celiachia della Toscana collabora con le strutture del Servizio sanitario regionale alleducazione dellautocontrollo ed autogestione del paziente …. alle iniziative di formazione ed informazione che si rendano necessarie…. Modalità di percorso: Il cittadino, con la certificazione di diagnosi di malattia celiaca … si reca presso il Distretto della ASL di residenza e/o di domicilio sanitario, dove gli viene rilasciato: 1. Lautorizzazione per acquisire i prodotti senza glutine, presso le Farmacie territoriali dei servizi Asl o presso le Farmacie convenzionate o presso altri fornitori specializzati individuati con apposite direttive regionali e autorizzati dalle Direzioni delle ASL. 2. Le autorizzazioni sono concesse attraverso il rilascio di 12 buoni mensili per anno.

8 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI D.G.R.T. n. 1127/2005: Erogazione prodotti privi di glutine a soggetti aventi diritto. Direttive. Evoluzione normativa e organizzativa Regione Toscana 1.La Azienda Sanitaria Locale sulla base di una richiesta formale da parte di un esercizio autorizzato allattività di commercio nel settore merceologico alimentare (D.L.vo 114/98), …., rilascia specifica autorizzazione ad erogare per conto del SSR prodotti dietetici privi di glutine. … Detta autorizzazione deve essere unica per tutti i punti vendita indicati nella domanda; 2. Nellipotesi in cui lAzienda Sanitaria Locale si avvalga della erogazione attraverso le farmacie convenzionate e/o fornitori autorizzati, deve allatto della autorizzazione rilasciare agli assistiti un blocchetto di buoni mensili di diverso taglio o altro documento di credito, anche di tipo magnetico, di valore pari al tetto di spesa mensile previsto sulla base dellautorizzazione rilasciata ….;

9 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI D.G.R.T. n. 1127/2005: Erogazione prodotti privi di glutine a soggetti aventi diritto. Direttive. Evoluzione normativa e organizzativa Regione Toscana 3. Allassistito deve essere garantita la libertà di poter prelevare i prodotti, con lo stesso blocchetto di buoni mensili, anche in diversi esercizi commerciali; 4. La richiesta di rimborso dei buoni, allAzienda Sanitaria Locale, da parte delle farmacie convenzionate e/o fornitori autorizzati deve essere effettuata allegando ai buoni rilasciati dalla Azienda USL copia dello scontrino fiscale riportante la descrizione analitica dei prodotti dispensati o, in alternativa, devono essere allegate ai buoni stessi le fustelle autoadesive a lettura ottica presenti sulle confezioni dei prodotti erogati.

10 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI D.G.R.T. n. 1127/2005: Erogazione prodotti privi di glutine a soggetti aventi diritto. Direttive. De – medicalizzazione erogazione prodotti senza glutine Progetto erogazioni prodotti senza glutine - dai Presidi delle Aziende USL - dalle Farmacie Convenzionate - dagli esercizi commerciali convenzionati

11 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI D.G.R.T. n. 1127/2005: Erogazione prodotti privi di glutine a soggetti aventi diritto. Direttive. Obiettivi Progetto - Integrazione fra sistemi distributivi - Maggiore scelta di prodotti - Circolarità regionale dei buoni - Convenienza economica De – medicalizzazione erogazione prodotti senza glutine

12 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI D.G.R.T. n. 1127/2005: Erogazione prodotti privi di glutine a soggetti aventi diritto. Direttive. Sperimentazione Regione Toscana - Azienda USL 10 Firenze e USL 6 Livorno - COOP Italia: (Unicoop Firenze - Unicoop Tirreno) - Associazione Italiana Celiachia De – medicalizzazione erogazione prodotti senza glutine

13 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Progetto erogazione prodotti privi di glutine a soggetti aventi diritto

14 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Progetto erogazione prodotti privi di glutine a soggetti aventi diritto Emissione del Buono: Tutte le ASL produrranno buoni con la stessa codifica, (garanzia interscambio dati). Dal 2007 sar à utilizzato un modello unico dei buoni, elaborato dalla regione Toscana con personalizzazione del logo della ASL. La legge sulla privacy vieta di riprodurre (in chiaro) sul buono qualsiasi informazione che possa ricondurre al paziente. Il Buono Celiachia è una forma di pagamento. Il Buono Celiachia non è assimilato al contante. I Buoni Celiachia sono attualmente divisi in tagli da 20, 10, 5. Si prevede di stampare fogli interi (A4) di buoni per ogni assistito (8/10 buoni/mese).

15 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Progetto erogazione prodotti privi di glutine a soggetti aventi diritto Emissione del Buono (foglio A4 da 10 buoni): Fino 2 anni = 60 : - 8 buoni da buoni da 10 3/10 anni = buoni da buoni da buoni da 20 adulti = buoni da buoni da buoni da 20

16 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Progetto erogazione prodotti privi di glutine a soggetti aventi diritto Accettazione del Buono: - La cassa a chiusura scontrino, a seguito del passaggio a scanner del codice a barre del buono, accetta il buono come forma di pagamento: - Solo se la somma degli articoli, iscritti nel registro nazionale, è maggiore o uguale allimporto dei buoni, i buoni non danno diritto a resto; - Solo se si è nel mese di validità; - Il contributo è riconosciuto solo per i prodotti iscritti nel registro nazionale del Ministero Della Salute; - In caso di sconti il Buono Celiachia si applica sugli articoli al netto degli sconti; - Il Buono Celiachia, è al portatore;

17 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Progetto erogazione prodotti privi di glutine a soggetti aventi diritto Fatturazione dei Buoni: - Il Buono Celiachia, è rimborsato dalla ASL erogatrice del buono; - La Fatturazione da parte dei Fornitori Autorizzati sarà mensile e sarà inviata alla singola ASL di competenza; - I flussi verso le ASL contengono tutti i buoni del mese di accettazione dei fornitori. - Eventuali rettifiche alla fatturazione (note di credito), saranno gestite manualmente al di fuori dei sistemi informativi (non sono previsti flussi di interscambio);

18 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Progetto erogazione prodotti privi di glutine a soggetti aventi diritto Nome campoTipoCont.DESCRIZIONE E UTILIZZO TIPO_BUONON(2)02 – Buono per celiaci COD_EMITTENTEN(6)Si utilizza un codice composto dal codice regione + identificativo che la Regione attribuisce alle singole ASL 090 = Toscana 110 = ASL10 - Firenze 106 = ASL 6 - Livorno Esempio: Codice = – ANNO_EMISSIONEN(2) Anno di emissione del buono. NUMERO_BUONO_EMESSON(9)É un numero progressivo allinterno della ASL che si azzera ogni anno. IMPORTON(4,2)Importo del buono in centesimi senza virgola DATA_INIZIO_VALIDN(6)AAMMGG DATA_FINE_VALIDITAN(6)AAMMGG Il buono può essere accettato solo nel periodo di riferimento. Codice a barre Buoni : CODE 128 Lunghezza 37 caratteri numerici

19 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Progetto erogazione prodotti privi di glutine a soggetti aventi diritto Il Buono Contiene: Codice a barre secondo la codifica adottata Mese di validit à del buono Stringa in chiaro con i dati identificativi del Buono. Logo ASL emittente Logo Regione Importo del Buono

20 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Progetto erogazione prodotti privi di glutine a soggetti aventi diritto Flussi Dati verso lAzienda U.S.L. File buoni fatturati file testata (dati amministrativi) file buoni (descrizione dei buoni – valore, validità, etc…) file referenze (descrizione prodotti – registro, prezzo, etc…) file record chiusura file negozi Modalità interscambio dati

21 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI File - Testata: dati amministrativi Nome campoTipoCont.DESCRIZIONE E UTILIZZO TIPO_RECORDA(1)NOT NULLA = Amministrativo TIPO_BUONOA(2)NOT NULL02 – Buono per celiaci COD_SOCIETAA(13)NOT NULLGLN Società È il codice global location number, da richiedere ad INDICOD del Fornitore Autorizzato. DESC_SOCIETAA(30)NOT NULLDescrizione del Fornitore Autorizzato COD_ EMITTENTEA(6)NOT NULLCodice regione + identificativo che la Regione attribuisce alle singole ASL DESC_EMITTENTEA(30)NOT NULLDescrizione ASL DATA_FATTURAA(8)NOT NULLNella forma AAAAMMGG NUMERO_FATTURAA(20)NOT NULL IMPORTO_FATTURAN(8)NOT NULLSomma dei record dei tagli dei Buoni LOTTO_FATTURAN(6)NOT NULLNumero progressivo del lotto di elaborazione. Univoco allinterno del singolo Fornitore Autorizzato. Progressivo assoluto, non si azzera alla fine dellanno.

22 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI File - Buoni (descrizione dei buoni – valore, validità, etc…) Nome campoTipoCont.DESCRIZIONE E UTILIZZO TIPO_RECORDA(1)NOT NULLB = Buoni COD_SOCIETAA(13)NOT NULLGLN Società COD_ESERCIZIOA(13)NOT NULLGLN esercizio È il codice del punto di vendita della società. NUMERO_CASSAN (3)Numero della cassa in barriera COD_TRANS N (5) Codice transazione sulla cassa DATA_TRANSA(8)Nella forma AAAAMMGG ORA_TRANSA(4)Nella forma HHMM TIPO_BUONOA(2)Buono COD_EMITTENTEA(6)Buono ANNO_EMISSIONEA(2) Anno Buono NUMERO_BUONON (9) Numero Buono IMPORTON(6)Buono In centesimi di DATA_INIZIO_VALIDITAA(6)Buono AAMMGG DATA_FINE_VALIDITAA(6)Buono AAMMGG LOTTO_FATTURAN(6)NOT NULLNumero progressivo del lotto di elaborazione.

23 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI File - Referenze (descrizione prodotti – registro, prezzi, ect…) Nome campoTipoCont.DESCRIZIONE E UTILIZZO TIPO_RECORDA(1)NOT NULLR = Referenze COD_SOCIETAA13)NOT NULLGLN Società COD_ESERCIZIOA(13)NOT NULLGLN esercizio NUMERO_CASSAN (3)Numero della cassa in barriera COD_TRANS N (5) Codice transazione sulla cassa DATA_TRANSA(8)Nella forma AAAAMMGG ORA_TRANSA(4)Nella forma HHMM EANA(13)Codice EAN della referenza con check digit. TIPO _CODICE_EANA (1)I = Interno del Fornitore Autorizzato E = Ean Indicod DESCRIZIONE _REFERENZAA (30)Descrizione della referenza QUANTITÀ_REFERENZAN (6)Quantità referenza eventualmente espressa in grammi per i prodotti a peso (con tre cifre da considerare millesimi di kg). 1 pezzo = , 1,5 KG = UNITA DI MISURAA (2)PZ = Pezzi anche per liquidi ecc. KG = Per i prodotti a peso IVAN (4)Percentuale IVA con due decimali 0000 per esenti IVA IMPORTON (7)Costo della referenza al netto di eventuali sconti commerciali. Le ultime due cifre sono da considerarsi decimali. LOTTO_FATTURAN(6)NOT NULLNumero progressivo del lotto di elaborazione

24 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI File - Record di chiusura Nome campoTipoCont.DESCRIZIONE E UTILIZZO TIPO_RECORDA(1)NOT NULLZ = Record chiusura NUMERO_RECORDN(6)NOT NULLNumero progressivo di record del LOTTO_FATTURA, compresi testata e chiusura. LOTTO_FATTURAN(6)NOT NULLNumero progressivo del lotto di elaborazione. Nome campoTipoCont.DESCRIZIONE E UTILIZZO COD_SOCIETAA(13)NOT NULLGLN Società. COD_ESERCIZIOA(13)NOT NULLGLN esercizio DES_ESERCIZIOA (30)NOT NULLDescrizione Esercizio File - Negozi

25 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Modalità interscambio dati ASLRRRAAA ASLASL – Testo costante RRRCodice regione AAACodice ASL La Regione Toscana dispone di fornire un servizio di FTP server ai Fornitori Autorizzati i quali dovranno immettere i dati richiesti. La Regione dar à il permesso di accesso ai Fornitori Autorizzati. Per ogni ASL sar à disponibile una cartella denominata: Esempio: - ASL – Regione Toscana ASL 10 - ASL – Regione Toscana ASL 6 Allinterno di questa cartella saranno disponibili delle sottocartelle per ciascun fornitore autorizzato. I Fornitori Autorizzati appartenenti alla grande distribuzione (COOP, ESSELUNGA, CONAD, ecc) forniranno alle ASL lelenco dei GLN relativi ai negozi abilitati allaccettazione dei buoni e quello della Società tramite un file disponibile nella cartella di ogni ASL:

26 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Modalità interscambio dati Il Lotto Fatturazione è il progressivo di spedizione (codificare il file in modo univoco) Sarà compito del fornitore operare in modo corretto: 1.senza mai utilizzare stesso numero di lotto per spedizioni differenti 2.senza mai usare numeri diversi per stesse banche dati. Nel primo caso la Regione Toscana non sarà in alcun modo responsabile della eventuale perdita dei dati; Nel secondo caso i dati saranno automaticamente scartati. I Fornitori Autorizzati hanno lobbligo di registrare nel file i dati relativi a fattura, buoni e gli articoli forniti al paziente A fine mese i Fornitori Autorizzati devono essere in grado di inviare telematicamente alla Regione Toscana un file contenente i dati amministrativi, buoni, referenze, chiusura, distinto per ASL di appartenenza, secondo le modalità e i tracciati descritti in precedenza I file sono diversi per ASL/Tipo buono/Fornitore Autorizzato e possono contenere dati potenzialmente riferiti a fatturazioni diverse. I Fornitori Autorizzati genereranno sempre un file diverso per lotto. Le ASL rinomineranno i file acquisiti con il suffisso *.ASL. Per evitare concorrenza di accessi sui file in lettura-scritture, i Fornitori Autorizzati alimenteranno via FTP il file server con il file dei buoni con una estensione *.???, rinominandola poi in *.TXT

27 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Azienda U.S.L. 6 Livorno – dati celiachia anno 2009 Assistiti: - numero = Spesa: - importo = Distribuzione nei diversi canali (valore economico) : - farmacie = 72,6% - grande distribuzione = 23,1% - esercizi commerciali = 4,3%

28 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Riflessioni conclusive Importanza della dieta priva di glutine nel paziente affetto da MC o DE Importanza dello sviluppo dellautocontrollo Importanza della DE-medicalizzazione dellerogazione degli alimenti privi di glutine grande distribuzione, esercizi commerciali aumento dellofferta dei prodotti privi di glutine ristorazione Importanza della promozione di alternative/integrazioni della distribuzione dei prodotti senza glutine introduzione della circolarità regionale dei buoni convenienza economica Sperimentazione Regione Toscana: emissione dei buoni/accettazione buoni/fatturazione buoni interscambio dati Risultati dellesperienza: gradimento dei cittadini contenimento dei prezzi accesso diverso alle varie tipologie di esercizi

29 Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Farmaceutica GRAZIE PER LATTENZIONE Dr. Lena Fabio Direttore Dipartimento Politiche del Farmaco e Attività Farmaceutiche Azienda U.S.L. 9 Grosseto CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI


Scaricare ppt "Roma, 09/06/2010 Dr. Fabio Lena CELIACHIA: SCIENZA ED EPIDEMIOLOGIA, NUOVI APPROCCI Auditorium Ministero Salute Via G. Ribotta, 5 ROMA Dr. Lena Fabio Direttore."

Presentazioni simili


Annunci Google