La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il benessere organizzativo Arbeitszufriendenheit Klima 2012 Committente Comune di Bolzano, assessorato al Personale. Incarico di ricerca a Università di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il benessere organizzativo Arbeitszufriendenheit Klima 2012 Committente Comune di Bolzano, assessorato al Personale. Incarico di ricerca a Università di."— Transcript della presentazione:

1 Il benessere organizzativo Arbeitszufriendenheit Klima 2012 Committente Comune di Bolzano, assessorato al Personale. Incarico di ricerca a Università di Trento - Facoltà di sociologia.

2 Obiettivi del progetto Fotografare il vissuto, le percezioni, Fotografare il vissuto, le percezioni, le aspettative le aspettative Cogliere le rappresentazioni individuali e collettive Cogliere le rappresentazioni individuali e collettive Definire possibili strategie Definire possibili strategie finalizzate al- miglioramento del clima interno, della soddisfazione lavorativa e quindi indirettamente a favorire la buona qualità dei servizi comunali.

3 Il gruppo di ricerca Sabina Frei Alberto Zanutto Annalisa Murgia Carlo BuzziFrancesca Sartori Letizia Caporusso Martina Bazzoli

4 I tempi del progetto genfebmaraprmaggiulugagosetottnovdicgen 1. FASE 1 Organizzazione della ricerca 2. FASE 2 Analisi delle indagini 2002 e FASE 3 Costruzione questionario e focus group di validazione dello strumento 4. FASE 4 Somministrazione questionario cawi e, laddove necessario, cartaceo 5. FASE 5 Inserimento dati, controllo, elaborazioni e analisi 6. FASE 6 Approfondimento qualitativo tramite 10 focus group 7. FASE 7 Stesura e consegna del rapporto PRESENTAZIONE DEI RISULTATI

5 Metodologia di ricerca QUANTITATIVA questionario Stimare la diffusione di comportamenti, atteggiamenti, opinioni e aspirazioni QUALITATIVA Focus group di ripartizione Approfondimento e comprensione dei fenomeni oggetto di indagine

6 Fase quantitativa 1066 dipendenti 704 risposte maggio-giugno 2012 Tasso risposta: 66% 1: Affari generali e personale55,8 2: Prog., controllo e sist. inf.67,3 3: Amm. delle risorse finanz.80,4 4: Servizi alla comunità locale47,0 5: Pianif. e svil. del territorio56,7 6: Lavori pubblici63,6 7: Servizi culturali40,3 8: Patrimonio ed att. econ.59,3 Vigili urbani45,4 Uffici di Staff35,5

7 Fase qualitativa Realizzazione di 10 focus group in ogni ripartizione del comune di Bolzano Sono stati coinvolti 90 dipendenti ottobre- novembre 2012

8 Le dieci dimensioni del benessere Coordinamento (chiarezza informazioni, adeguatezza carico lavoro) Coordinamento (chiarezza informazioni, adeguatezza carico lavoro) Relazioni orizzontali (rapporti fra pari) Relazioni orizzontali (rapporti fra pari) Relazioni verticali (relazione con i diretti superiori) Relazioni verticali (relazione con i diretti superiori) Relazioni tra uffici ( spirito di collaborazione fra i diversi uffici) Relazioni tra uffici ( spirito di collaborazione fra i diversi uffici) Senso di realizzazione personale Senso di realizzazione personale Valutazione del proprio lavoro (percezione di essere valutati in modo equo) Valutazione del proprio lavoro (percezione di essere valutati in modo equo) Identificazione del dipendente con lorganizzazione e con i suoi valori Identificazione del dipendente con lorganizzazione e con i suoi valori Assenza di stress lavoro-correlato ( andare a lavorare senza avvertirne il peso) Assenza di stress lavoro-correlato ( andare a lavorare senza avvertirne il peso) Interesse per la formazione Interesse per la formazione Ambiente in cui si svolge la propria mansione (spazio, sicurezza etc) Ambiente in cui si svolge la propria mansione (spazio, sicurezza etc)

9 Cosa conta di più per vivere bene il proprio lavoro? Effetto di ciascuna dimensione del benessere sulle prospettive nei confronti del futuro (coeff. Beta non standardizzati)

10 Medie degli indici di benessere emerse dai questionari N=666

11 Limmagine del futuro Solo una minoranza esprime il desiderio di andare a lavorare altrove, di voler cambiare ufficio/servizio o di trovarsi male dove lavora. Solo una minoranza esprime il desiderio di andare a lavorare altrove, di voler cambiare ufficio/servizio o di trovarsi male dove lavora. Lindice sintetico propensione alla stabilità lavorativa ha una media pari a 0,73 Lindice sintetico propensione alla stabilità lavorativa ha una media pari a 0,73 Settore tecnico: 0,81 Settore operaio: 0,76 Settore ausiliario: 0,74 Settore amministrativo: 0,71

12 Conciliare vita privata e vita lavorativa (I) Iniziative più conosciute: tutor per i neoassunti flessibilità negli orari possibilità di fare ricorso al part-time. Iniziative meno conosciute: la prassi di mantenere il contatto con il personale assente per lunghi periodi il/la referente per gli affari familiari linfopoint per le famiglie

13 Iniziative valutate maggiormente utili: la possibilità di accedere al part-time la possibilità di personalizzare i propri orari lasilo aziendale Iniziative poco conosciute ma desiderate* linfopoint per le famiglie la prassi di mantenere contatti con i dipendenti assenti per lunghi periodi neoassunti i percorsi di formazione dei neoassunti * Da almeno un rispondente su 10 Conciliare vita privata e vita lavorativa (II)

14 La distribuzione della (in)soddisfazione clusterfreq% Molto soddisfatti 22133,2 Abbastanza soddisfatti 24636,9 Poco soddisfatti 14722,1 Per niente soddisfatti 527,8 Soddisfatti: 70,1% Non Soddisfatti: 29,9% dei 666 dipendenti intervistati per cui disponiamo di tutti i dati utili

15 La distribuzione della insoddisfazione per ripartizione % insoddisfatti Vigili urbani42,4 5: Pianificazione e sviluppo del territorio34,7 7: Servizi culturali34,4 3: Amministrazione delle risorse finanziarie33,8 6: Lavori pubblici24,7 4: Servizi alla comunità locale23,4 8: Patrimonio ed attività economiche22,9 1: Affari generali e personale22,0 2: Programmazione, controllo e sistema inf.9,3

16 La distribuzione della insoddisfazione Più diffusa tra gli uomini (36%) che tra le donne (24%) Cresce al crescere delletà / anzianità in servizio Più comune tra gli operai (38%) gli ausiliari (33%) gli amministrativi (29%) che non tra i tecnici (10%)

17 Approfondimento qualitativo per le singole ripartizioni

18 Alcuni Temi emersi dai focus group Strutturali: anagrafe, biblioteca Favorire la rotazione - mobilità interna Rapporto con i superiori/ colleghi Maggiore coinvolgimento dal basso Migliorare la comunicazione/collaborazione fra uffici e ripartizioni Alleggerire la burocrazia Migliorare i sistemi di valutazione e incentivo Dare maggiori opportunità di miglioramento professionale. formazione


Scaricare ppt "Il benessere organizzativo Arbeitszufriendenheit Klima 2012 Committente Comune di Bolzano, assessorato al Personale. Incarico di ricerca a Università di."

Presentazioni simili


Annunci Google