La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Malattia di Lyme AA 2007-2008. Malattia di Lyme Malattia infettiva a decorso polifasico causata da una Spirocheta : Borrelia burgdorferi Stadio 1: stagione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Malattia di Lyme AA 2007-2008. Malattia di Lyme Malattia infettiva a decorso polifasico causata da una Spirocheta : Borrelia burgdorferi Stadio 1: stagione."— Transcript della presentazione:

1 Malattia di Lyme AA

2 Malattia di Lyme Malattia infettiva a decorso polifasico causata da una Spirocheta : Borrelia burgdorferi Stadio 1: stagione estiva. Lesione cutanea eritematosa in estensione dal punto di inoculo “ erythema migrans” Stadio 2, 3 : coinvolgimento di - Sistema articolare - Apparato cardiocircolatorio - Sistema nervoso

3 Cenni storici 1910 Afrelius : Eritema cronico migrante per punture di zecche del genere Ixodes ricinus 1975 Old Lyme (Connecticut): numerosi casi di artrite reumatoide giovanile e dell’adulto a esordio nei mesi estivi (artrite di Lyme). Nel 25% di questi casi  esordio con eritema cronico migrante. Segnalazioni successive di punture da zecca (Ixodes dammini) 1981 Burgdorferi identificò nella zecca Ixodes dammini spirochete del genere Borrelia  (Borrelia burgdorferi)

4 Malattia di Lyme - Eziologia Borrelia burgdorferi: famiglia Spirochetaceae, ordine Spirochetales Dimensioni micron x micron Cilindro protoplasmatico -membrana citoplasmatica interna, membrana esterna. Elicoidale, flagellato (7-11), microarofilo NB: maggiore lunghezza, minore spessore, minor numero di flagelli di tutte le Borrelie

5 Borrelia burgdorferi

6 Malattia di Lyme: epidemiologia La borrelia viene trasmessa con il morso di zecche del genere Ixodes Le zecche hanno un ciclo vitale che dura due anni e si svolge in 3 fasi : larva, ninfa, adulto Lo sviluppo richiede periodici pasti ematici da un ospite vertebrato - larve e ninfe si nutrono su roditori – altri vertebrati - zecche adulte si nutrono su mammiferi di media- grossa taglia (cervi)

7 Malattia di Lyme: epidemiologia L’uomo viene punto occasionalmente. La trasmissione avviene durante il pasto ematico. La zecca deve rimanere attaccata almeno 24 ore per trasmettere la borrelia

8 Malattia di Lyme: epidemiologia

9 I. scapularis (I. dammini) negli USA, I. ricinus in Europa, I. persulcatus in Asia Queste zecche possono trasmettere anche la Babesiosi, Erlichiosi e TBE In Europa il vettore predilige il caldo umido temperato, zone boschive, altitudini < 1200 m

10 Ixodes

11 MALATTIA DI LYME Ciclo biologico vettore Ciclo in 2-4 aa Primavera: deposizione uova. Dopo mesi  larve a sei zampe  Infezione roditori, nutrizione per pasto ematico Primavera successiva  ninfe ( 8 zampe ) Estate: infezione grandi mammiferi e uomo Autunno: metamorfosi  adulti, fecondazione Primavera: deposizione uova

12 MALATTIA DI LYME Ciclo biologico Borrelia burgdorferi Larva e Ninfa Ixodes  Infezione roditore Adulto Ixodes  Infezione uomo, grandi mammiferi Serbatoio : animali con spirochetemia E’ critico che larve e ninfe della zecca si nutrano dallo stesso ospite  trasmissione orizzontale della borrelia tra ninfe e larve delle zecche.

13

14

15 Diffusione M. Lyme

16 Malattia di Lyme : epidemiologia In Italia prime descrizioni nel 1984 (Liguria) Maggiore frequenza in Liguria, Veneto, Friuli- Venezia-Giulia, Trentino-Alto Adige. Prevalenza anticorpi nella popolazione va da 2.4 % (Sicilia) a 4.1% (Bologna) Mesi estivi-autunnali. Boschi, campagne Popolazioni rurali, cacciatori, campeggiatori Entrambi i sessi, qualsiasi età

17 Malattia di Lyme : patogenesi Ingresso attraverso la cute per mezzo del vettore Incubazione 3-32 giorni Punto di inoculo, moltiplicazione locale  erithema migrans (infezione circoscritta) Diffusione ematogena facilitata dalla adesione sulla superficie del batterio del plasminogeno e del suo attivatore  produzione di plasmina (proteasi) Tropismo per SNC, miocardio, retina,muscoli..

18 Malattia di Lyme:patogenesi Manifestazioni generali legate alla produzione di TNFα e interleuchina 1β Manifestazioni tardive: persistenza di borrelia nell’organismo (anche anni), fenomeni autoimmuni, liberazione di interleuchine, proteasi, collagenasi intra- articolari

19 Clinica Fase precoce 1° stadio : eritema cronico migrante (60% - 80% pz) Lesione eritemato papulosa centrale che tende ad accrescersi  vasta lesione anulare (3- 65 cm) a bordi eritematosi lievemente rilevati tipo eritema marginato con al centro area di colorito acceso, vescicolare o necrotica. Termotatto positivo, non dolorabilità. Linfoadenopatia regionale. Possibili lesioni cutanee secondarie (più caratteristiche nel 2° stadio) Febbre, malessere generale, cefalea, artromialgie Autorisoluzione in qualche settimana

20 Eritema cronico migrante

21

22 Erythema migrans

23 Eritema cronico migrante

24 M.di Lyme: clinica(fase precoce) 2° stadio: (dopo giorni o settimane) Interessamento sistemico Possibili lesioni cutanee anulari secondarie (simili a primarie, ma più piccole, con centro meno infiltrato): svaniscono nel giro di 3-4 settimane ( range 1gg – 14 mesi) Cefalea, mialgie, febbre. SNC e SNP (  15%) quadri di poliradicolonevrite, meningoradicolonevrite, meningite a liquor limpido,  lievi note di encefalite, nevrite dei nervi cranici (VII), mielite. Interessamento cardiaco (  8%); blocco A-V di grado variabile,  miocardite, pericardite.

25 Clinica: fase precoce Coesistono astenia intensa e sintomatologia dolorosa muscolo scheletrica migrante, specie grandi articolazioni ( tipo monoartrite di breve durata ) Normalizzazione in settimane, poi possibili recidive.

26 Malattia di Lyme: clinica (fase tardiva) Fase tardiva  3° stadio (  60%)  infezione persistente Dopo mesi: poliartriti grandi e piccole articolazioni della durata di settimane-mesi con erosione delle cartilagini articolari Decorso cronico con persistenza o intermittenza della sintomatologia Nel liquido sinoviale: pleiocitosi neutrofila e IC Attacchi ricorrenti meno frequenti nel corso degli anni

27 Malattia di Lyme :clinica (fase tardiva) Dopo mesi - anni Al SNC encefalomielite cronica progressiva con deficit VII, VIII (simile a sclerosi multipla) che interessa la memoria, l’umore, il sonno, il linguaggio. Dopo anni Acrodermatite cronica atrofizzante ( lesioni violacee che divengono sclerotiche e atrofiche )

28 Acrodermatite cronica atrofizzante

29 Malattia di Lyme : diagnosi Sierologia: Problemi di sensibilità e specificità Positività 40 % in fase acuta 70 % dopo 4 settimane 90 % dopo 6 settimane Elisa IgM e IgG + WB ( test di conferma ) IgM positive nel 1° mese Nella neuroborreliosi valutazione Ig specifiche Sangue/Liquor PCR sensibile in artriti,  in neuroborreliosi

30 Doxiciclina 100 mg x 2 os per gg Amoxicillina 500 mg x 4 os per gg Cefuroxime 500 mg x 2 i.m. per gg Ceftriaxone 2 gr i.m. per gg Penicillina 5 milioni x 4 e.v. per 30 gg Nb Nelle artriti la terapia va prolungata per almeno 2 mesi Malattia di Lyme : terapia

31 Febbre Bottonosa Malattia infettiva acuta causata da Rickettsia conorii, trasmessa all’uomo dalla puntura di una zecca del cane. E’ caratterizzata da febbre, periodo di invasione di 3-5 giorni, una escara nerastra in corrispondenza della puntura (tache noire) e da una eruzione cutanea maculo- papulosa lenticolare, discreta.

32 Febbre bottonosa : eziologia Rickettsia conorii è un piccolo batterio gram-negativo, parassita intracellulare obbligato per cellule eucariote. Coccobacilli di micron, endotossina simile a quella dei gram -. Può essere coltivata nel sacco vitellino di embrione di pollo o in colture di tessuti

33 Febbre bottonosa: epidemiologia R. conorii è ospite abituale di alcune zecche, soprattutto della zecca del cane Rhipicephalus sanguineus. La rickettsia sopravvive indefinitamente nella zecca e si trasmette per via transovarica a tutta la progenie La zecca è il principale serbatoio e funziona da vettore dell’infezione tramite la puntura di vertebrati recettivi tra cui l’uomo

34 Rickettsia conorii Rhipicephalus sanguineus

35 Febbre bottonosa: epidemiologia/patogenesi Diffusa nei Paesi del Mediterraneo, in Italia soprattutto in Sicilia, Calabria, Lazio, Liguria. Andamento stagionale tipico, maggiore incidenza nei mesi estivi Circa 100 casi/anno in Italia Infezione generalizzata con rickettsiemia (7 giorni) Replicazione intracellulare. Cellule bersaglio : cellule endoteliali delle piccole arterie, vene e capillari = quadro istopatologico di vasculite.

36 Febbre Bottonosa: clinica Esordio acuto con febbre elevata (>39°C) Cefalea, artromialgie diffuse,congiuntivite, compromissione condizioni generali Escara nerastra (Tache noire) nella sede della puntura Al 3°-5° giorno di malattia compare l’esantema maculo-papuloso ad elementi lenticolari (6mm),al volto, tronco, arti ( palme e piante comprese) Esantema discreto spesso con componente petecchiale. Risoluzione in 2 settimane

37 TACHE NOIR

38 Febbre bottonosa: complicanze Complicanze neurologiche (alterazioni sensorio, stato soporoso, meningite), respiratorie (bronchiti, polmoniti interstiziali) Diagnosi: ricerca anticorpi specifici (IgM) mediante IFA indiretta. Sierodiagnosi di Weil-Felix (meno sensibile) Terapia: Tetracicline(2 gr/die), doxiciclina (200 mg/die) per 14 gg o CAF( 50mg/Kg/die in 4 dosi os/ev)

39 Febbre bottonosa: complicanze Complicanze neurologiche (alterazioni sensorio, stato soporoso, meningite), respiratorie (bronchiti, polmoniti interstiziali) Diagnosi: ricerca anticorpi specifici (IgM) mediante IFA indiretta. Sierodiagnosi di Weil-Felix (meno sensibile) Terapia: Tetracicline(2 gr/die), doxiciclina (200 mg/die) per 14 gg o CAF( 50mg/Kg/die in 4 dosi os/ev)

40 Febbre bottonosa: complicanze Complicanze neurologiche (alterazioni sensorio, stato soporoso, meningite), respiratorie (bronchiti, polmoniti interstiziali) Diagnosi: ricerca anticorpi specifici (IgM) mediante IFA indiretta. Sierodiagnosi di Weil-Felix (meno sensibile) Terapia: Tetracicline(2 gr/die), doxiciclina (200 mg/die) per 14 gg o CAF( 50mg/Kg/die in 4 dosi os/ev)

41 Febbre bottonosa: complicanze Complicanze neurologiche (alterazioni sensorio, stato soporoso, meningite), respiratorie (bronchiti, polmoniti interstiziali) Diagnosi: ricerca anticorpi specifici (IgM) mediante IFA indiretta. Sierodiagnosi di Weil-Felix (meno sensibile) Terapia: Tetracicline(2 gr/die), doxiciclina (200 mg/die) per 14 gg o CAF( 50mg/Kg/die in 4 dosi os/ev)

42 Febbre bottonosa: complicanze Complicanze neurologiche (alterazioni sensorio, stato soporoso, meningite), respiratorie (bronchiti, polmoniti interstiziali) Diagnosi: ricerca anticorpi specifici (IgM) mediante IFA indiretta. Sierodiagnosi di Weil-Felix (meno sensibile) Terapia: Tetracicline(2 gr/die), doxiciclina (200 mg/die) per 14 gg o CAF( 50mg/Kg/die in 4 dosi os/ev)


Scaricare ppt "Malattia di Lyme AA 2007-2008. Malattia di Lyme Malattia infettiva a decorso polifasico causata da una Spirocheta : Borrelia burgdorferi Stadio 1: stagione."

Presentazioni simili


Annunci Google