La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

17/02/2006Cristiana Cervini Apporti dell Instructional Design nella didattica della Lingua Francesein Rete Apporti dell Instructional Design nella didattica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "17/02/2006Cristiana Cervini Apporti dell Instructional Design nella didattica della Lingua Francesein Rete Apporti dell Instructional Design nella didattica."— Transcript della presentazione:

1 17/02/2006Cristiana Cervini Apporti dell Instructional Design nella didattica della Lingua Francesein Rete Apporti dell Instructional Design nella didattica della Lingua Francese in Rete

2 17/02/2006 Premessa… Una definizione di Instructional Design: Con il termine Instructional Design si indica la progettazione di attività formative in E-learning. IN PARTICOLARE LID si propone di tradurre il bisogno formativo in progetto didattico attraverso la ricerca e ladozione di modelli, architetture e strategie didattiche OBIETTIVO: REALIZZARE UN PERCORSO EFFICACE, EFFICIENTE ED INTERESSANTE con lausilio ed il supporto delle tecnologie informatiche.

3 17/02/2006 ID e tipologie di materiali nell e-learning LID si sviluppa negli anni 60; Uno dei testi fondamentali per la nascita di queste teorie è The conditions of learning dello psicologo americano Robert Gagné; Traduzione delle scoperte in ambito di scienze cognitive, apprendimento e didattica in precisi percorsi e modelli di insegnamento ed apprendimento.

4 17/02/2006 Qualche definizione: Instructional system design Metodologia di progettazione didattica, utilizzata sia nella formazione tradizionale sia in quella in autoistruzione. Si basa su 5 fasi di lavoro: analisi dei bisogni, disegno o macroprogettazione, sviluppo o microprogettazione,implementazione, valutazione. (Glossario ASFOR, Le parole delle-learning)

5 17/02/2006 Breve excursus storico… Il ruolo del computer nella didattica della lingua straniera ha conosciuto approssimativamente tre distinte fasi che si riflettono nelle recenti tassonomie e classificazioni dei materiali e che sono oggetto di studio dellID: TASSONOMIA DI MASON (1998) della Open University

6 17/02/ – COMPORTAMENTISTICA: Questa fase è caratterizzata da: programmi addestrativi di tipo istruzionista che presentano esercitazioni ripetitive soprattutto per la memorizzazione di grammatica e lessico; Assenza di contestualizzazione dellattività; Assenza di feedback correttivi articolati: la correzione spesso consiste solo nel fornire la risposta giusta senza analisi dellerrore; Lo studente spesso applica strutture in modo automatico. Esempio in Rete:

7 17/02/2006

8 Nella tassonomia di Mason CONTENT & SUPPORT: Le attività di tipo Content & Support… Si basano sullErogazione dei contenuti; Sono orientate allapprendimento individuale; Prevedono un grado minimale di interazione con insegnante (correzione dellesercizio, indizi?) e nessuna interazione fra pari.

9 17/02/ – COMUNICATIVA: Questa fase è caratterizzata da: attenzione alluso delle espressioni linguistiche piuttosto che alle forme in sé, linsegnamento della grammatica e del lessico avviene in modo implicito; Il computer assume il ruolo di stimolo, fornisce gli input; Esempi di programmi comunicativi sono le SIMULAZIONI ed i ROLE PLAY. Esempio in Rete:

10 17/02/2006

11 Nella tassonomia di Mason WRAP AROUND: Le attività di tipo Wrap Around… Si focalizzano sullo studente (scelte, idee, azioni, competenze…) Contenuto poco strutturato, ma combinazione di input differenti quali risorse internet, tutoriali, discussioni…; Prevedono interazioni significative con il tutor, che assume il ruolo di facilitatore; Prevedono interazioni fra pari.

12 17/02/ – INTEGRATA: Questa fase è caratterizzata da: Ricerca di un ambiente di apprendimento più naturale dove INTERFACCIA GRAFICA (ergonomia didattica), MEDIA (audio, video), CONTENUTO (senso, significato dellatto comunicativo) e COMUNICAZIONE (fra studenti e/o con insegnante – forum, newsgroup…) si integrano sinergicamente; Dal prodotto ipermediale (con possibilità di percorsi differenziati ed individualizzati) all ambiente virtuale: riproduzione di una situazione reale in immersione linguistica. Esempio in Rete:

13 17/02/2006

14 Esempio di sfruttamento didattico LOREILLE COUPÉE Tre canali complementari di accesso al senso - immagini; - voce del narratore; - vignette con txt. scritto; permettono uno sfruttamento didattico su più livelli; Velocità di avanzamento personalizzata (CLIC di mouse al ritmo dello studente); Proposte didattiche sul sito Formacon - Québec:

15 17/02/2006 Quando costruttivismo e ID nella RETE vanno di pari passo… Molteplici rappresentazioni della realtà; Attenzione alla costruzione della conoscenza e non alla sola trasmissione e/o riproduzione; Incoraggiamento alla pratica riflessiva; Preferenza per il confronto e la costruzione cooperativa della conoscenza…

16 17/02/2006 Nella tassonomia di Mason Integrated Model: Si basano su attività collaborative in piccoli gruppi; Viene meno la netta distinzione fra contenuto e supporto perché il contenuto nasce dallinterazione fra pari e fra insegnante e studenti; Insegnante come moderatore di una comunità di apprendimento.

17 17/02/2006 E infine… Ed INFINE… Dix règles dor pour lutilisation de linternet en classe de FLE… Visita il sito:


Scaricare ppt "17/02/2006Cristiana Cervini Apporti dell Instructional Design nella didattica della Lingua Francesein Rete Apporti dell Instructional Design nella didattica."

Presentazioni simili


Annunci Google