La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA COLLEGIALITA NEL TEAM DI VALUTAZIONE 1. LA GESTIONE DEL LAVORO NEL TEAM. Loggettivo e il soggettivo nel valutatore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA COLLEGIALITA NEL TEAM DI VALUTAZIONE 1. LA GESTIONE DEL LAVORO NEL TEAM. Loggettivo e il soggettivo nel valutatore."— Transcript della presentazione:

1 LA COLLEGIALITA NEL TEAM DI VALUTAZIONE 1. LA GESTIONE DEL LAVORO NEL TEAM. Loggettivo e il soggettivo nel valutatore. Loggettivo e il soggettivo nei valutatori. Modi di vedere e di conoscere: sguardo ortostatico e clinostatico. La consapevolezza delle soggettività, i rischi della non consapevolezza.Lo sfruttamento delle soggettività: dalla messa a massa allutilizzo consapevole. Sintalità e partiture professionali: accordarsi nelle differenze prima degli incontri durante gli incontri dopo gli incontri (elaborare) 2. INTERVISTARE. Chiacchierare, discutere, rilevare, analizzare, valutare. Il setting e latteggiamento Dinamiche e impliciti. Conoscenza oggettivante/espropriante e conoscenza accogliente Scovare o permettere che emerga Standardizzazioni possibili Dare un senso

2 Cosa guardare per valutare come una persona è: antipatica, gradevole, nervosa cordiale, rassegnata,, … STILI PERSONOLOGICI – Studi corr. Stili personalità leader e persomalità organizz. cosa una persona fa, produce: processi, prodotti, azioni, risultati come una persona si comporta, come fa a fare: si apre alletica come una persona è, fa, produce al lavoro: Stili profess. fra Nat ruolo Art. cosa muove nellorganizzazione (cosa conta) manda avanti, blocca, divide, coagula, … stili di leadership Cosa muove dopo dichiarazione intenzionalità: capacità di saper far divenire, trans-formare - Eraclito vs Parmenide spsp s

3

4 4 Vedere meglio, capire in modo più chiaro (dal simbolo al segno) Ex-plicare: aprire le pieghe, vedere il nascosto, evidenziare loscuro Afferrare con forza (ad-prehendere) loggetto, possederlo meglio, controllarlo, capirne il funzionamento Capire cosa produce cosa, cosa è in rapporto con cosa. Scientia est potentia Thèa-orào, vidya, Veda, contemplare: latto stesso del mio contemplare e vedere, crea (Plotino, Enneadi, III). Conoscenza clinostatica: Non tocca a me andare dagli dei, ma –facendo il vuoto- li posso accogliere. E possibile spiegare pienamente qualcosa senza comprenderlo (K.Jasper, Psicopatologia generale, ) modi di vedere, modi di conoscere

5 modi di vedere, modi di conoscere Conoscenza oggettivante ed espropriante conoscenza accogliente vs conoscenza accogliente Fronteggiare, catturare, scoprire, svelare gli oggetti vs accoglierli, integrarli, lasciarli risuonare, accompagnare, distillare Negative-capability Negative-capability, conoscenza passiva, accoglienza dellindeter- minato, apertura allincategoriale, allambivalenza, alloscuro, al magmatico, al latente, al metaforico, al dissolto, al naturale, al perturbante, al simbolico Disposizione mentale pre-classificativa: si depone larma della conoscenza, le bandiere del possesso, i rasoi del logos

6

7 7

8 8

9 9

10 10

11

12 Nel CERVELLO? Dovè la conoscenza? NellAMBIENTE? Nel CORPO? 10

13 Dovè la conoscenza? Embodi ed knowle dge Encultured Knowledge Embrained Knowledge

14 Dovè la conoscenza? Encultured Knowledge VALORI, CREDENZE, MODELLI CULTURALI, IDEOLOGIE… Embrained Knowledge CONOSCENZE, SAPERI, RISORSE COGNITIVE… Embodied knowledge MAESTRIE, PRATICHE, MODI DI FARE…

15 Dovè la conoscenza? Encultured Knowledge VALORI, CREDENZE, MODELLI CULTURALI, IDEOLOGIE… Embrained Knowledge CONOSCENZE, SAPERI, RISORSE COGNITIVE… Embodied knowledge MAESTRIE, PRATICHE, MODI DI FARE… TACITA/ARTICOLATAIMPLICITA/ESPLICITACOMPLESSA/SEMPLICEINTUIBILE/DESCRIVIBILE

16 Metodo qualitativo –Debole (non permette confronto e replicabilità dati) –Forte: »Profondità »Rileva devianza – irregolarità »Si accosta a Latenze »Ripecorribilità cognitiva (tracciatura permette valutazione rigore) »Indispensabile pre-pensarla (Matrice/Quadro) Target –Stackeholders –Integrati (rischio di ricostruire Ideologia, non Cultura Organizzativa) –Passivi –Resistenti (Permettere, facilitare multivocalità) At home intervista discorsiva

17 Metodo di intervista uno-a-uno con gli utenti sul loro posto di lavoro mentre lavorano (Hugh Beyer, Karen Holtzblatt, 1998) –Team multisciplinare –Sessioni di preparazione, intervista e rielaborazione apprendistato abbreviato –Rapporto Intervistatore-Intervistato come apprendistato abbreviato lintervistato insegna, lintervistatore apprende Lintervistatore apprende mentre lintervistato insegna lavorando Lintervistatore impara se ascolta, se vede, se chiede di comprendere, se si fa aiutare a capire ( think aloud protocol) –Da approccio top-down a approccio bottom-up –Non isola/segmenta né separa –Evidenzia pratiche di lavoro tacite e embodied knowledge intervista discorsiva e contextual inquiry

18 sguardo e ascolto nellintervista discorsiva Ascolto: globale analitico ø Capacità negativa (senza desiderio, senza memoria) ø Farsi raggiungere, farsi portare, vedere insieme ø Ascoltare fuori e dentro ø Sospendere giudizi e tendenze razionalizzanti (classificatorie) ø Attenzione fluttuante (mindfulness: occhi chiusi, mente desta) ø Accorgersi – far accorgere ø Ambivalenza (non trascurare gli opposti)

19 Ascolto analitico (discriminativo, focalizzato) ø Amplificare ø Permettere connessioni ø Déplacement ø Pro-vocare lopposto ø Ripercorrere ø Riformulare ø Backtalk sguardo e ascolto nellintervista discorsiva


Scaricare ppt "LA COLLEGIALITA NEL TEAM DI VALUTAZIONE 1. LA GESTIONE DEL LAVORO NEL TEAM. Loggettivo e il soggettivo nel valutatore."

Presentazioni simili


Annunci Google