La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il contesto internazionale e le sue evoluzioni recenti Anni '50: Assistenzialismo, aiuto (spesso funzionale ai bisogni coloniali); Natura totalmente bilaterale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il contesto internazionale e le sue evoluzioni recenti Anni '50: Assistenzialismo, aiuto (spesso funzionale ai bisogni coloniali); Natura totalmente bilaterale."— Transcript della presentazione:

1 Il contesto internazionale e le sue evoluzioni recenti Anni '50: Assistenzialismo, aiuto (spesso funzionale ai bisogni coloniali); Natura totalmente bilaterale (materie prime in cambio di assistenza); Gestione prevalentemente USA; Carattere fortemente politico e ideologico. Anni '60: Consolidamento della decolonizzazione; Ingresso dei Paesi dell'Est Europa nel settore dell'aiuto ed assistenza; Aumento della domanda e disponibilità di nuovi Paesi; Diversificazione delle fonti; Espansione del multilaterale.

2 Anni '70: Forte crescita dei trasferimenti ai PVS sia come dono (APS) che finanziamento pubblico e privato a prezzi di mercato; Visione strettamente economica: trasferimento di capitali e Assistenza Tecnica nei processi di crescita; Crisi delle Borse occidentali, investimenti esteri nei PVS. Anni '80: Politiche monetarie USA anti-inflazione con aumento dei tassi, riduzione del ruolo dello Stato (deregulation), calo del commercio mondiale, apprezzamento del dollaro, crisi debitoria; Forte calo della quota privata dei programmi di sviluppo rivolte ai pagamenti del debito; Il divario Nord-Sud si espande.

3 Anni ' : Collasso economico dell'Est Europa; Brusco calo dell'APS (non più prioritaria la cooperazione, perdita di fiducia dell'efficienza della cooperazione, impegno dei Paesi UE a rientrare nei parametri di Maastricht); Nuovi scenari internazionali: tigri asiatiche, importanza dello yen giapponese, ripresa della Cina, India, Maghreb, Mercosur; problemi nei Balcani e Medio Oriente, crisi economica in Africa sub- Sahariana e America Centrale; Crisi militari e politiche diffuse (sempre più interventi di emergenza e meno di cooperazione); La globalizzazione è il nuovo paradigma organizzativo dell'ordine mondiale; Si espande ancora di più il divario nord sud: emergono (oltre agli “stati falliti”) gli stati canaglia

4 I passaggi fondamentali: Logica di aiuto ai PVS: trasferimento di denaro dai Paesi ricchi a quelli poveri(fino agli anni 70) Deregolamentazione e liberalizzazione (anni 80) Chiusura dei Paesi ricchi a causa delle perdite nei bilanci pubblici

5 Perché viene attuata la politica di cooperazione allo sviluppo? Motivazioni egoistiche Motivazioni egoistiche - Si sostiene la stabilità politica ed economica di alcuni Paesi per evitare conflitti o flussi migratori incontrollati - Si sostiene lo sviluppo socio-economico dei PVS per creare crescita economica nei Paesi donatori (es: materie prime ecc.) Motivazioni altruistiche - Si verificano prevalentemente quando ci sono aiuti di emergenza in risposta a calamità naturali o guerre

6 L’aiuto allo sviluppo può essere uno “spreco di risorse”? Molti studiosi (rif. tra gli altri Bauer) sostengono che spesso il contributo economico destinato all’aiuto allo sviluppo può essere uno spreco perché non è diretto ai soggetti più poveri ma è destinato ai governi che sono i maggiori responsabili della povertà. Molti studiosi (rif. tra gli altri Bauer) sostengono che spesso il contributo economico destinato all’aiuto allo sviluppo può essere uno spreco perché non è diretto ai soggetti più poveri ma è destinato ai governi che sono i maggiori responsabili della povertà.

7 I risultati ottenuti: Esistono, ancora, nel mondo, più di un milione di persone definite “povere”. Esistono, ancora, nel mondo, più di un milione di persone definite “povere”. Il concetto di aiuto allo sviluppo fino ad oggi considerato valido deve essere rivisto: lo sviluppo non è solo crescita della produzione ma anche e soprattutto soddisfazione dei bisogni primari: istruzione, sanità, rispetto dei diritti umani Il concetto di aiuto allo sviluppo fino ad oggi considerato valido deve essere rivisto: lo sviluppo non è solo crescita della produzione ma anche e soprattutto soddisfazione dei bisogni primari: istruzione, sanità, rispetto dei diritti umani

8 Come si individua un PVS? 1) Livello di reddito pro-capite (Banca Mondiale) 1) Livello di reddito pro-capite (Banca Mondiale) 2) Pil Pro capite 2) Pil Pro capite 3) Insieme di indicatori ESCOS: basso reddito; debolezza risorse umane (salute, istruzione alfabetizzazione); vulnerabilità economica (esportazioni concentrate in pochi prodotti, instabilità della produzione agricola, instabilità delle esportazioni, ridotte dimensioni economiche, percentuale popolazione sfollata per calamità) 3) Insieme di indicatori ESCOS: basso reddito; debolezza risorse umane (salute, istruzione alfabetizzazione); vulnerabilità economica (esportazioni concentrate in pochi prodotti, instabilità della produzione agricola, instabilità delle esportazioni, ridotte dimensioni economiche, percentuale popolazione sfollata per calamità)

9 Il nord e il sud del Mondo

10 Quali sono i paesi in via di sviluppo?

11 Il reddito pro capite

12 Le cause del sottosviluppo

13 Le strutture internazionali per la cooperazione

14 Il contesto: il sistema internazionale Nel sistema internazionale, nell’ultimo secolo, si verifica la graduale perdita di peso dello Stato a favore di istituzioni sovranazionali Nel sistema internazionale, nell’ultimo secolo, si verifica la graduale perdita di peso dello Stato a favore di istituzioni sovranazionali In particolare, nel dopoguerra sono nate le Organizzazioni di Bretton Woods (Banca Mondiale, OMC, GATT) con il compito di realizzare un canale multilaterale di regolamentazione del commercio e della finanza internazionale In particolare, nel dopoguerra sono nate le Organizzazioni di Bretton Woods (Banca Mondiale, OMC, GATT) con il compito di realizzare un canale multilaterale di regolamentazione del commercio e della finanza internazionale

15 si sviluppano in prevalenza nel corso del ‘900: Nel 1909 le organizzazioni governative erano 37 e quelle non governative 176 Oggi esistono 258 OIG e più di ONG

16 Organizzazioni internazionali OIG, Organizzazioni intergovernative organizzazioni internazionali costituite tra Stati e/o altre OIG, oppure costituite da membri nominati da Stati o da altre OIG derivano da un atto costitutivo di diritto internazionale: carta, statuto, trattato o convenzione hanno organi permanenti e stabili organizzazioni hanno personalità giuridica, distinta da quella degli Stati membri ONG, Organizzazioni non governative associazioni tra privati, che perseguono obiettivi su scala internazionale derivano da un atto costitutivo di diritto privato hanno personalità giuridica

17 1) LE OIG Definizione: unione di più soggetti di diritto internazionale, costituita su base paritaria, dotata di un proprio ordinamento e mezzi propri, mirante a perseguire, conformemente all’accordo che l’ha istituita, finalità comuni ai membri che la compongono Definizione: unione di più soggetti di diritto internazionale, costituita su base paritaria, dotata di un proprio ordinamento e mezzi propri, mirante a perseguire, conformemente all’accordo che l’ha istituita, finalità comuni ai membri che la compongono

18 1)Tipologia. 1) Criterio della composizione: Universali – Particolari (es: economiche, politiche,culturali) 2) Criterio geografico: organizzazioni globali, regionali, continentali) 3) Sfera di azione: generale o settoriali (Es: Fim; Unesco, Fao, Nato) 4) Natura dell’attività svolta: Normativa/ Operativa 5) (solo per OInG): Profit /No profit

19 2) Ruolo: in che misura sono in grado di influenzare la politica internazionale? PREMESSA: le attività delle OIG possono essere analizzate da due diverse prospettive: Visione statocentrica: Le OIG sono network di contatti con scarso potere decisionale Le OIG sono network di contatti con scarso potere decisionale Ruolo passivo Ruolo passivo Visione sistemica: Le OIG sono parte attiva del processo politico decisionale che si svolge a livello internazionale. Anche le OIG, così come altri organi politici, rispondono alle domande dei cittadini Ruolo attivo

20 In base alla visione (attiva o passiva) è possibile individuare un ruolo differente: In base alla visione (attiva o passiva) è possibile individuare un ruolo differente: 1) Strumento degli Stati membri: sono un mezzo per rispondere alle esigenze “egoistiche” dei singoli membri (ruolo passivo) 2) Arena in cui vengono discussi problemi internazionali da parte degli stati (ruolo passivo) 3) Attori del sistema internazionale (ruolo attivo)

21 Quale delle visioni è la più condivisibile? Dal 1956 sono state realizzate più di 50 missioni che hanno sicuramente influenzato la politica internazionale. Dal 1956 sono state realizzate più di 50 missioni che hanno sicuramente influenzato la politica internazionale. Sono state numerose le operazioni di Peace Keeping che hanno ristabilito l’ordine in alcune situazioni di conflitto Sono state numerose le operazioni di Peace Keeping che hanno ristabilito l’ordine in alcune situazioni di conflitto Le OIG sono attori del panorama internazionale che svolgono un ruolo autonomo rispetto ai singoli stati membri

22 3) Funzioni: a che scopo vengono costruite? Hanno l’obiettivo di fornire strumenti per favorire la cooperazione politica, attraverso il negoziato. Hanno l’obiettivo di fornire strumenti per favorire la cooperazione politica, attraverso il negoziato. Costituiscono un apparato amministrativo che traduce le decisioni in azioni. Costituiscono un apparato amministrativo che traduce le decisioni in azioni. Forniscono canali di dialogo tra i membri utili ad aprire nuovi canali di cooperazione e collaborazione Forniscono canali di dialogo tra i membri utili ad aprire nuovi canali di cooperazione e collaborazione

23 4) OIG e ONG I cittadini e/o altri soggetti formulano domande I cittadini e/o altri soggetti formulano domande Le OIG e ONG articolano le domande Le OIG e ONG articolano le domande Comunità internazionale le riceve Comunità internazionale le riceve

24 In che modo svolgono questa funzione? 1) Strumento attraverso cui vengono poste le domande. Es: OPEC è uno strumento attraverso cui i produttori di petrolio formulano domande alla comunità internazionale 1) Strumento attraverso cui vengono poste le domande. Es: OPEC è uno strumento attraverso cui i produttori di petrolio formulano domande alla comunità internazionale 2)Strumento di aggregazione delle domande dei singoli paesi. 2)Strumento di aggregazione delle domande dei singoli paesi. 3)Strumento di formulazione di domande. Es: In modo particolare le ONG formulano domande proprie su temi specifici (Fame, ambiente, ecc.) 3)Strumento di formulazione di domande. Es: In modo particolare le ONG formulano domande proprie su temi specifici (Fame, ambiente, ecc.)

25 ONU Fondata nel dopoguerra da 51 Stati intenzionati a preservare la pace attraverso la cooperazione internazionale e il principio della sicurezza collettiva

26 La più estesa organizzazione internazionale, con la quasi totalità degli Stati del pianeta: 192 stati membri. Gli Stati non membri sono lo Stato della Città del Vaticano (che ne è osservatore permanente), Taiwan ed il neo costituito Kossovo

27 Dove si trova La sede dell'organizzazione si trova a New York

28 L’Italia e l’ONU L’Italia è entrata a far parte dell’ONU soltanto nel 1955, per l’opposizione dell’Unione Sovietica come reazione al veto degli Stati Uniti all’ingresso nell’ONU dei paesi comunisti.

29 I compiti Articolo 1 dello Statuto: Mantenere le pace e la sicurezza internazionale, attraverso la conciliazione o la soluzione pacifica delle controversie internazionali e l’adozione di misure collettive dirette a prevenire e rimuovere le minacce alla pace e a reprimere le aggressioni; Favorire le relazioni di amicizia tra le nazioni, basate sul rispetto reciproco e sui principi del riconoscimento della uguaglianza dei diritti e della autodecisione dei popoli; Dare impulso alla cooperazione internazionale per risolvere i problemi di ordine economico, sociale, culturale o umanitario; Promuovere e incoraggiare il rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, senza distinzioni di razza, di sesso, di lingua o di religione

30 Le misure per attuare gli obiettivi Misure preventive di carattere persuasivo o dissuasivo Misure coercitive, basate sull’impiego della forza

31 Gli organi Assemblea generale Il consiglio di sicurezza Il segretario generale La corte internazionale di giustizia Il consiglio economico e sociale Corte penale internazionale

32 Assemblea generale E’ l’organo politico e deliberativo dell’ONU E’ formata da 5 rappresentanti per ogni Stato membro Si riunisce a New York almeno una volta l’anno Può esprimere delle raccomandazioni non vincolanti né per gli Stati membri né per il Consiglio di sicurezza. Ogni Stato ha diritto a un voto Le decisioni di regola vengono adottate a maggioranza semplice dei votanti, ma per le decisioni più importanti serve la maggioranza dei due terzi Esprime pareri vincolanti su questioni giuridiche relative ai rapporti internazionali

33 Il consiglio di sicurezza Caratteristiche : E’ l’organo più importante dell’ONU dal punto di vista politico e militare perché può votare risoluzioni vincolanti per tutti gli stati membri e può imporne il rispetto anche con l’uso della forza. Il Consiglio di sicurezza si riunisce solo quando è necessario. E’ composto da 15 membri: cinque dei quali (Stati Uniti,Federazione Russa, Francia, Gran Bretagna e Cina) sono membri di diritto e permanenti e, hanno diritto di veto; gli altri 10 stati sono eletti dall’Assemblea generale a rotazione tra gli stati membri per un periodo di due anni. Funzioni invitare gli stati coinvolti in una controversia internazionale a cercare di raggiungere una soluzione pacifica adottare misure non implicanti l’uso della forza in caso di una minaccia alla pace o di una violazione della pace oppure di un’aggressione ordinare e coordinare altre misure coercitive nei confronti dei trasgressori

34 La guerra in Iraq e i limiti del Consiglio di sicurezza La risoluzione 1441(8 novembre 2002), offriva all'Iraq un'"ultima possibilità di adempiere ai propri obblighi in materia di disarmo" e minacciava "serie conseguenze" in caso contrario La risoluzione 1441(8 novembre 2002), offriva all'Iraq un'"ultima possibilità di adempiere ai propri obblighi in materia di disarmo" e minacciava "serie conseguenze" in caso contrario8 novembre8 novembre L'Iraq accettò la risoluzione, permettendo il ritorno degli ispettori L'Iraq accettò la risoluzione, permettendo il ritorno degli ispettori Il 5 febbraio il segretario di stato USA Colin Powell cercò di convincere il Consiglio ad autorizzare l'uso della forza poiché a suo dire l'Iraq aveva ancora una volta dimostrato di non rispettare le risoluzioni ONU Il 5 febbraio il segretario di stato USA Colin Powell cercò di convincere il Consiglio ad autorizzare l'uso della forza poiché a suo dire l'Iraq aveva ancora una volta dimostrato di non rispettare le risoluzioni ONU5 febbraioColin Powell5 febbraioColin Powell Il Consiglio non accetta e solo 4 dei 15 Stati presenti (USA, Regno Unito, Spagna e Bulgaria) erano intenzionati ad approvare la risoluzione (Francia, Germania, Cina, Pakistan e Siria sembravano contrari Il Consiglio non accetta e solo 4 dei 15 Stati presenti (USA, Regno Unito, Spagna e Bulgaria) erano intenzionati ad approvare la risoluzione (Francia, Germania, Cina, Pakistan e Siria sembravano contrariSpagnaBulgariaCinaPakistanSpagnaBulgariaCinaPakistan Gli USA agiscono senza il parere il del Consiglio e attaccano l’Iraq Gli USA agiscono senza il parere il del Consiglio e attaccano l’Iraq

35 Il segretario generale Viene nominato dall’assemblea generale per 5 anni su proposta del Consiglio di sicurezza e rappresenta l’ONU nei rapporti con i singoli Stati e con le altre organizzazioni internazionali o sopranazionali Dà esecuzione delle decisioni dell’Assemblea Generale e del Consiglio di Sicurezza Esercita le funzioni delegate da tali organi Dirige l’apparato burocratico dell’ONU Coordina i lavori degli altri organi Ha il ruolo di mediatore internazionale

36 La Corte internazionale di giustizia E’ il principale organo giurisdizionale dell’ONU ha sede all’Aja è composta da 15 giudici eletti dall’Assemblea Generale e dal Consiglio di Sicurezza per 9 anni La corte giudica, su richiesta degli Stati, in base alle norme del diritto internazionale le controversie di natura giuridica tra Stati Ha funzione consultiva in questioni giuridiche.

37 La corte penale internazionale E’ un organo permanente che esercita il suo potere giurisdizionale sulle persone fisiche per i più gravi crimini di portata internazionale Ha sede all’Aja E’ composta da 18 giudici eletti dall’Assemblea tra persone che godono di un’elevata considerazione morale Il consiglio economico e sociale si occupa di questioni di carattere economico, sociale, culturale, sanitario. è formato da 54 membri eletti dall’Assemblea per 3 anni

38 Atti giuridici tipici dell’ONU Risoluzione sia il Consiglio di sicurezza, sia l’Assemblea Generale, possono adottare risoluzioni una risoluzione è una decisione, di carattere politico, sul comportamento che uno o più Stati devono tenere riguardo ad una determinata controversia o situazione secondo l'articolo 25 della Carta, gli Stati membri delle Nazioni Unite sono obbligati ad adempiere alle "decisioni del Consiglio di sicurezza la maggior parte degli studiosi di diritto internazionale considerano gran parte delle risoluzioni dell'Assemblea Generale come non vincolanti tuttavia alcune risoluzioni dell'Assemblea generale, riguardanti questioni interne alle Nazioni Unite, come le decisioni di bilancio o le istruzioni dirette agli organi ONU di rango minore, vincolano i loro destinatari Raccomandazione le risoluzioni, considerate non vincolanti, diventano (in pratica) delle raccomandazioni una raccomandazione è un invito rivolto ad uno o più Stati a tenere un determinato comportamento non ha effetto vincolante per i destinatari, che non sono obbligati a conformarvisi produce però effetti giuridici, perché è considerata preminente rispetto ad obblighi internazionali preesistenti

39 I limiti militari all’azione dell’ONU L’ONU è un’ organizzazione a partecipazione volontaria, manca un esercito internazionale in grado di imporre il rispetto delle norme e dei principi del diritto internazionale. L’Onu dispone dei caschi blu che Sono contingenti militari che gli Stati membri mettono a disposizione delle Nazioni Unite per realizzare specifici interventi di pace. Perciò sono sottoposti ad alcune limitazioni: 1) 1) non possono schierarsi a favore di una delle parti in conflitto; 2) 2) possono utilizzare solo armi leggere; 3) 3) non possono usare la forza se non in caso di attacco.

40 Organi sussidiari aggiuntivi UNICEF (1946): Fondo delle Nazioni Unite per i soccorsi di urgenza all’infanzia OMS (1948): Organizzazione mondiale della sanità UNHCR (1951): Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (protezione giuridica ed assistenza materiale) PAM/WFP (1963): Programma alimentare mondiale UNDP (1965): Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo UNCTAD (1964): Conferenza delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo UNFPA (1967): Fondo delle Nazioni Unite per le attività in materia di popolazione (assistenza in campo demografico) UNEP (1972): Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente UNHCHR (1993): Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani UNITAR (1993): Istituto delle Nazioni Unite per la formazione e la ricerca Tribunale penale internazionale per i crimini nella ex Jugoslavia (1993) Tribunale penale internazionale per i crimini in Ruanda (1994)

41 Istituzioni specializzate UNESCO (1945): Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura OIL (1919 Pace di Versailles/1946): Organizzazione internazionale per il lavoro FMI (1944 Bretton Woods/1945): Fondo monetario internazionale Banca mondiale (1944 Bretton Woods/1945): BIRS (Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo) + SFI (Società Finanziaria Internazionale) + AID (Associazione per la ricostruzione e lo sviluppo) FAO (1945): Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura IMO (1975): Organizzazione marittima internazionale Organizzazioni a statuto speciale AIEA (1957): Agenzia internazionale per l’energia atomica OMT (1977): Organizzazione mondiale per il turismo

42 ONU IERI E OGGI L’ONU ha seguito nelle sue funzioni e nelle sue evoluzioni i mutamenti dello scenario internazionale L’ONU ha seguito nelle sue funzioni e nelle sue evoluzioni i mutamenti dello scenario internazionale Il 1989 (fine della guerra fredda) segna un punto di cesura anche nella “vita” dell’ ONU Il 1989 (fine della guerra fredda) segna un punto di cesura anche nella “vita” dell’ ONU Dopo il 1989 l’ONU diventa più attiva nelle operazioni di peace-building perché non più fiaccata dal veto interno dell’Unione Sovietica Dopo il 1989 l’ONU diventa più attiva nelle operazioni di peace-building perché non più fiaccata dal veto interno dell’Unione Sovietica

43 Le sfide future Coniugare le richieste dei singolo stati (o entità territoriali) a quelle dei cittadini (la cui voce è sovente raccolta dalle ONG) Coniugare le richieste dei singolo stati (o entità territoriali) a quelle dei cittadini (la cui voce è sovente raccolta dalle ONG) Razionalizzazione dell’Organizzazione e gestione delle molteplici istanze interne Razionalizzazione dell’Organizzazione e gestione delle molteplici istanze interne

44 ONU, commercio e sviluppo prima e dopo la guerra fredda 1)prima L’appoggio delle NU ai paesi in via di sviluppo coinvolge più di tre quarti delle risorse dell’organizzazione; l’Assemblea generale istituì nel 1964 l’UNCTAD (United Nations Conference on Trade and Development, Conferenza delleNazioni Unite sul commercio e lo sviluppo) allo scopo di migliorare le condizioni di scambio dei paesi in via di sviluppo nel commercio internazionale; L’UNCTAD ha tentato di rendere stabile il mercato mondiale delle materie prime o non sostituibili, senza riuscire a evitare che il crollo del prezzo di alcuni beni primari danneggiasse fortemente la crescita di molti paesi in via di sviluppo Il Nuovo ordine economico internazionale” del 1980 (New International Economic Order, NIEO) prevede un aumento dell’assistenza finanziaria ai paesi in via di sviluppo, negoziato nell’ambito l’UNCTAD

45 2) Prima Le NU hanno attutito gli attriti fra le superpotenze e hanno favorito il processo di disarmo e di controllo delle armi atomiche e biologiche attraverso l’IAEA (Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica). Gli accordi fondamentali in questo campo, es: trattato sul parziale blocco degli esperimenti nucleari (1963), il trattato di non proliferazione delle armi nucleari (1968), i SALT (Strategic Arms Limitation Talks, Conferenze per la limitazione degli armamenti strategici) del 1972 e del 1979 e lo START (Strategic Arms Reduction Treaty, trattato per la riduzione delle armi strategiche) del 1991 e del 1993, furono però conclusi attraverso negoziati diretti tra le superpotenze. Le NU hanno dato vita a conferenze mondiali di grande importanza come la Conferenza sull’ambiente umano (1972), la Conferenza sulla popolazione mondiale (1974), la Conferenza mondiale per l’anno della donna (1975), la Conferenza per gli insediamenti umani (1976), la Conferenza sulla desertificazione (1977), l’Assemblea mondiale sull’invecchiamento (1982)

46 2) Dopo Con la fine della rivalità tra USA e Unione Sovietica e la caduta del blocco comunista in Europa orientale tra il 1989 e il 1991, le NU hanno potuto affrontare con più libertà i conflitti e le tensioni internazionali, dal problema del nuovo ruolo mondiale di Germania e Giappone, alle guerre civili in Iugoslavia, in Cecenia, in Kosovo. Dopo quarant’anni di discussioni, nel 1993 si è potuto finalmente istituire la figura dell’Alto commissariato per i diritti umani. Le NU continuano non costituiscono un governo sovranazionale mondiale, ma uno strumento flessibile di collaborazione e coordinamento tra gli stati membri, la cui efficacia dipende dalla volontà dei governi più che dalla struttura dell’organizzazione stessa.

47  Revisione delle azioni di peace-keeping Azioni “storiche”: proteggere i convogli con gli aiuti umanitari, provvedere alla loro distribuzione, occuparsi dei rifugiati Azioni “storiche”: proteggere i convogli con gli aiuti umanitari, provvedere alla loro distribuzione, occuparsi dei rifugiati Peacekeeping Peacekeeping Azioni attuali: mantenere la pace significa spesso imporre un cessate il fuoco o una tregua nell’ambito di un contesto statale in cui non esistono più strutture politiche e burocratiche Peacemaking

48 Riformare gli OIG? Esiste un sistema di aiuto internazionale o un’industria degli aiuti internazionali? Esiste un sistema di aiuto internazionale o un’industria degli aiuti internazionali? Le OIG emanano atti di natura generale (raccomandazioni) ma non riescono ad incidere realmente nel processo con cui i singoli PVS mettono realmente in atto strategie di sviluppo Le OIG emanano atti di natura generale (raccomandazioni) ma non riescono ad incidere realmente nel processo con cui i singoli PVS mettono realmente in atto strategie di sviluppo Sulla carta i principi tutelati (tutela ambiente, difesa dei diritti umani, ecc) sono esemplari ma le loro prospettive di realizzazione sono ristrette Sulla carta i principi tutelati (tutela ambiente, difesa dei diritti umani, ecc) sono esemplari ma le loro prospettive di realizzazione sono ristrette ESISTE UNO SCARTO TRA LE REALI CONDIZIONI DI VITA DEI DESTINATARI (TEMA DI SVILUPPO LOCALE) E LE AZIONI INTERNAZIONALI (TEMA di SVILUPPO INTERNAZIONALE) ESISTE UNO SCARTO TRA LE REALI CONDIZIONI DI VITA DEI DESTINATARI (TEMA DI SVILUPPO LOCALE) E LE AZIONI INTERNAZIONALI (TEMA di SVILUPPO INTERNAZIONALE)


Scaricare ppt "Il contesto internazionale e le sue evoluzioni recenti Anni '50: Assistenzialismo, aiuto (spesso funzionale ai bisogni coloniali); Natura totalmente bilaterale."

Presentazioni simili


Annunci Google