La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE AUTORITA INDIPENDENTI NELLO SPAZIO REGOLATORIO: LASCESA E IL DECLINO DEL MODELLO di: Marcello Clarich Presentazione di: Cristina Bianchi Simone Francesco.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE AUTORITA INDIPENDENTI NELLO SPAZIO REGOLATORIO: LASCESA E IL DECLINO DEL MODELLO di: Marcello Clarich Presentazione di: Cristina Bianchi Simone Francesco."— Transcript della presentazione:

1 LE AUTORITA INDIPENDENTI NELLO SPAZIO REGOLATORIO: LASCESA E IL DECLINO DEL MODELLO di: Marcello Clarich Presentazione di: Cristina Bianchi Simone Francesco Fossati Scienze e gestione dei servizi

2 CHE COSA SONE LE AAI? Le Autorità Amministrative Indipendenti(AAI) sono autorità che devono garantire limparzialità dal potere politico e delle imprese

3 LIMPARZIALITA Dal potere politico per due motivi: Dal potere delle imprese è richiesta per minimizzare il rischio della cattura del regolatore da parte dei soggetti regolati. Stabilità e credibilità Prevenire possibili conflitti di interessi con lo Stato

4 ASCESA DELLE AAI alcuni esempi economici Banca dItalia Consob preposta per il controllo sulla borsa (1974) Isvap vigilanza sul settore assicurtativo(1982) VERA SVOLTA 1990 ANTITRUST

5 CHE COSA E ANTITRUST? Autorità garante della concorrenza e del mercato Nasce con lo scopo di evitare il monopolio -> ruolo centrale concorrenza

6 ALTRI SETTORI AAI (non economici) 1990 istituita la Commissione di garanzia per lattuazione del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali 1994 materia di privacy

7 IL DECLINO La classe politica vuole recuperare la posizione centrale AAI sono preposte a settori di attività attorno le quali ruotano enormi interessi economici e politici 2003 disegno di legge di riordino delle AAI non ha avuto seguito

8 IL DECLINO Come rallentare loperatività delle AAI? Tagliare gli stanziamenti annuali Nominare come componenti delle AAI persone con curricula non allaltezza o comunque provenienti dalla burocrazia o dai ranghi dei partiti politici Attribuendo ruoli impropri

9 AAI NELLO SPAZIO REGOLATORE Parlamento Governo e burocrazia ministeriale Ue Regioni Le autorità consorelle Imprese regolate Magistratura Lopinione pubblica

10 PARLAMENTO-AAI Il parlamento attraverso la legge istitutiva, in base alle esigenze specifiche di settore, ne definisce laspetto organizzativo e le funzioni. Il Parlamento ha il compito di nomina dei componenti delle AAI Camera e il Senato Commissioni parlamentari

11 PARLAMENTO-AAI AAI – Parlamento rapporto di fiducia Controllo del Parlamento tramite indagini conoscitive o relazioni da parte delle AAI Controlli più specifici dopo caso Cirio Parmalat (2004)

12 PARLAMENTO-AAI AAI – Parlamento incomprensioni perché AAI possono esprimere i propri pareri sulle leggi del Parlamento. Tale evento viene visto da parte del Parlamento come una invasione.

13 GOVERNO-AAI Inizialmente accolti in modo caloroso Lo Stato si è visto smantellare di alcuni poteri che oggi giorno li rivuole Effetto invidia (esempio Banca Italia si colloca in un empireo irraggiungibile per i dipendenti dei ministri)

14 UE- AAI Ue sostiene le AAI Caso più evidente di indipendenza imposto dal diritto comunitario è quello delle banche centrali. Il Trattato Ue prevede che le banche centrali nazionali abbiano uno statuto giuridico che ne assicuri lindipendenza dal potere politico (art. 107) Banca Italia

15 REGIONI-AAI Fino a pochi anni fa le relazioni tra Regioni e AAI nello spazio regolatorio erano quasi del tutto assenti o comunque sporadiche. Ha determinato un improvviso avvicinamento la legge costituzionale n. 3 del 2001 che definisce un nuovo equilibrio nellassetto delle competenze legislative concorrenti attribuite allo stato e alle regioni.

16 REGIONI-AAI Pertanto i grandi servizi pubblici nazionali, in precedenza assegnati alla competenza esclusiva dello stato, possono essere disciplinati da questultimo solo attraverso lindividuazione dei principi fondamentali mentre le regioni possono adottare la disciplina al dettaglio.

17 REGIONI-AAI Lampliamento dei poteri di regolazione attribuite alle Regioni e a cascata agli enti locali ha spinto lAutorità Antitrust a segnalare in un Rapporto organico sulla riforma della regolazione e promozione della concorrenza (2002) il rischio che a livello locale vengano ripristinate restrizioni e vincoli aboliti precedentemente da interventi normativi attuati a livello nazionale.

18 REGIONI-AAI Proprio per evitare queste degenerazioni negli ultimi tempi è in corso un ripensamento volto a ripristinare in capo allo stato una competenza legislativa esclusiva almeno in materie di regolazione dei servizi a rete.

19 AUTORITA CONSORELLE AAI che operano in settori regolati contigui. Es. Banca dItalia e Autorità Antitrust. Rapporti tendenzialmente paritari di collaborazione. Coordinati in modo tale che lesercizio dei rispettivi poteri eviti incongruenze, invasioni di campo e duplicazioni di attività mediante accordi o protocolli di intesa.

20 IMPRESE REGOLATE-AAI Al fine di evitare i rischi di cattura del regolatore da parte del soggetto regolato: Legge istitutiva delle Autorità di regolazione dei servizi di pubblica utilità prevede che per 4 anni dalla cessazione dellincarico i componenti delle autorità non possano svolgere attività di consulenza o essere assunti da imprese operanti nei settori regolamentati, divieto accompagnato da pesanti sanzioni.

21 IMPRESE REGOLATE-AAI Durante la fase di avvio delle proprie attività le AAI hanno corso il rischio di una vera e propria crisi di rigetto da parte dei grandi ex monopolisti pubblici. Motivi: incapacità di adottare provvedimenti rapidi e compatibili con levoluzione tecnologica ed economica del mercato incapacità di agire in modo chiaro incapacità di assicurare sufficienti garanzie di partecipazione e contraddittorio

22 IMPRESE REGOLATE-AAI La distanza che separa le AAI e le imprese regolate non deve essere tale da interrompere i canali di comunicazione. I rischi di isolamento vanno evitati da una parte perché le AAI, per esercitare al meglio i propri poteri, hanno bisogno della collaborazione delle imprese e le imprese, da parte loro, hanno la necessità di poter rappresentare le proprie esigenze alle AAI affinché queste ne tengano conto nellesercizio dei loro poteri.

23 MAGISTRATURA-AAI Tra AAI e magistratura vi è una naturale convergenza di interessi dato che entrambe concorrono a definire e a far rispettare le regole entro le quali si può sviluppare una sana competizione tra le imprese. Per evitare possibili contrasti, in Italia il Consiglio di Stato ha elaborato di recente una distinzione tra controllo forte e debole, chiarendo gli ambiti nei quali il giudice può applicare luno o laltro.

24 MAGISTRATURA-AAI Controllo forte ->consente al giudice di accertare in modo autonomo i fatti rilevanti e sostituire il proprio giudizio a quello operato dallAAI. Controllo debole ->il giudice si limita a sindacare dallesterno se il provvedimento dellAAI appare logico, congruo, proporzionato e correttamente istituito.

25 OPINIONE PUBBLICA-AAI La AAI non sono sostenute dallopinione pubblica nonostante siano state create al fine di tutelare gli interessi dei consumatori e degli utenti nei casi di fallimento di mercato. Ragioni: complessità dei meccanismi di regolazione rendono difficili la comunicazione e il dialogo con il pubblico. disinformazione da parte delle associazioni dei consumatori e dei mezzi di comunicazione di massa.


Scaricare ppt "LE AUTORITA INDIPENDENTI NELLO SPAZIO REGOLATORIO: LASCESA E IL DECLINO DEL MODELLO di: Marcello Clarich Presentazione di: Cristina Bianchi Simone Francesco."

Presentazioni simili


Annunci Google