La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Aldo Tosto Responsabile Ambulatorio di Urodinamica S.O.D. Urologia I e II dellUniversità Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi LA RITENZIONE URINARIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Aldo Tosto Responsabile Ambulatorio di Urodinamica S.O.D. Urologia I e II dellUniversità Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi LA RITENZIONE URINARIA."— Transcript della presentazione:

1 Aldo Tosto Responsabile Ambulatorio di Urodinamica S.O.D. Urologia I e II dellUniversità Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi LA RITENZIONE URINARIA Diagnosi e Terapia

2 La Ritenzione Urinaria DEFINIZIONI DEFINIZIONI La ritenzione urinaria è lespressione clinica finale della impossibilità da parte dellindividuo ad eliminare lurina attraverso luretra. Può essere totale, in genere ad esordio improvviso (Ritenzione Acuta) ed è una emergenza sanitaria ma può anche essere misconosciuta o sottostimata in quanto espressa da un residuo minzionale progressivamente ingravescente (Ritenzione Cronica) fino ad esordire con diverse manifestazioni cliniche.

3 La Ritenzione Urinaria FISIOPATOLOGIA della RITENZIONE a)Riduzione (fino allabolizione) dellattività contrattile detrusoriale b)Incremento delle resistenze uretrali intrinseche ed estrinseche c)Concomitanza di entrambi i meccanismi

4 La Ritenzione Urinaria IL DEFICIT CONTRATTILE IL DEFICIT CONTRATTILE a)Alterazione temporanea o permanente dei meccanismi neuro-muscolari necessari per iniziare, mantenere e completare lo svuotamento della vescica (trasmissione delle afferenze e loro elaborazione, facilitazione e trasporto delle efferenze) b)Inibizione della minzione in via riflessa elicitata da stimoli nocicettivi provenienti dallarea pelvi-perineale c)Difetto miogeno primitivo (miopatie), esiti della cronica sovradistensione della vescica o esiti di fibro- connettivizzazione della parete vescicale (vesciche retratte)

5 La Ritenzione Urinaria LOSTRUZIONE al DEFLUSSO LOSTRUZIONE al DEFLUSSO a)Lipertrofia prostatica benigna o altre patologie prostatiche b)Le stenosi delluretra c)Le masse pelviche d)Le incoordinazioni neurogene vescico-sfinteriche (le dissinergie detrusore- sfintere esterno o i mancati rilasciamenti del collo vescicale)

6 La Ritenzione Urinaria LA DIAGNOSI. a)Clinica: anamnesi accurata con particolare attenzione alla pregressa chirurgia pelvica, alle malattie dismetaboliche (Diabete), alle terapie farmacologiche recentemente introdotte o croniche b)Clinica: esame obiettivo con e.r. ed e.v. valutazione neuro-urologica ed uro-ginecologica valutazione neuro-urologica ed uro-ginecologica c) Valutazione Funzionale: Imaging (US, RX,RM,TC) Urodinamica Urodinamica (Valutazioni Complesse tipo P/F (Valutazioni Complesse tipo P/F o Cmg-Emg o Video-Urodinamica) o Cmg-Emg o Video-Urodinamica)

7 La Ritenzione Urinaria RITENZIONE su BASE OSTRUTTIVA RITENZIONE su BASE OSTRUTTIVA

8 La Ritenzione Urinaria RITENZIONE su BASE OSTRUTTIVA RITENZIONE su BASE OSTRUTTIVA

9 La Ritenzione Urinaria RITENZIONE su BASE OSTRUTTIVA RITENZIONE su BASE OSTRUTTIVA

10 La Ritenzione Urinaria RITENZIONE su BASE OSTRUTTIVA RITENZIONE su BASE OSTRUTTIVA

11 La Ritenzione Urinaria RITENZIONE su BASE OSTRUTTIVA RITENZIONE su BASE OSTRUTTIVA

12 La Ritenzione Urinaria RITENZIONE su BASE OSTRUTTIVA RITENZIONE su BASE OSTRUTTIVA

13 La Ritenzione Urinaria RITENZIONE su BASE NEUROGENA RITENZIONE su BASE NEUROGENA

14 La Ritenzione Urinaria RITENZIONE su BASE NEUROGENA RITENZIONE su BASE NEUROGENA

15 La Ritenzione Urinaria RITENZIONE su BASE NEUROGENA RITENZIONE su BASE NEUROGENA

16 La Ritenzione Urinaria LA TERAPIA LA TERAPIA In emergenza : cateterizzazione a dimora in circuito chiuso In emergenza : cateterizzazione a dimora in circuito chiuso ( cateteri autostatici tipo Foley, max 18Ch, preferibilmente siliconati o tutto silicone, gonfiati con 5-7cc max, durata < 30 gg) ( cateteri autostatici tipo Foley, max 18Ch, preferibilmente siliconati o tutto silicone, gonfiati con 5-7cc max, durata < 30 gg) Nelle fasi successive: Nelle fasi successive: R.U. su base ostruttiva: R.U. su base ostruttiva: Disostruzione (Chirurgica o Endoscopica) Disostruzione (Chirurgica o Endoscopica) R.U. su base neurogena R.U. su base neurogena Terapie Farmacologiche (Alfalitici + Miorilassanti Scheletrici) Terapie Farmacologiche (Alfalitici + Miorilassanti Scheletrici) Riabilitazione (cateterismo ad intermittenza, ritmo minzionale) Riabilitazione (cateterismo ad intermittenza, ritmo minzionale) Neurostimolazione e Neuromodulazione Neurostimolazione e Neuromodulazione


Scaricare ppt "Aldo Tosto Responsabile Ambulatorio di Urodinamica S.O.D. Urologia I e II dellUniversità Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi LA RITENZIONE URINARIA."

Presentazioni simili


Annunci Google