La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Molto diffusa tra le popolazioni caucasiche, poco fra gli asiatici e gli africani. prevalenza La prevalenza della malattia varia da regione a regione:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Molto diffusa tra le popolazioni caucasiche, poco fra gli asiatici e gli africani. prevalenza La prevalenza della malattia varia da regione a regione:"— Transcript della presentazione:

1

2 Molto diffusa tra le popolazioni caucasiche, poco fra gli asiatici e gli africani. prevalenza La prevalenza della malattia varia da regione a regione: in Italia sono 50 casi ogni abitanti, con picchi in Sardegna (140 per ) ed in Sicilia. incidenza Lincidenza della SM è maggiore nel sesso femminile con un rapporto femmine/maschi di 2-3/1 a seconda delle casistiche; prediletta letà giovane-adulta, con un picco massimo di incidenza intorno ai 30 anni. SCLEROSI MULTIPLA EPIDEMIOLOGIA

3 mielina La mielina è un componente essenziale delle cellule nervose, costituita dalla membrana assoplasmatica prodotta dagli oligodendrociti, che avvolge a guisa di manicotto lintero assone a partire dal cono di emergenza. troficasistema isolante nodi di Ranvier conduzione saltatoria Ha una funzione trofica, ma soprattutto rappresenta il sistema isolante che permette la conduzione dellimpulso elettrico lungo la fibra nervosa. In alcuni punti dellassone la guaina mielinica si riduce lasciando dei punti scoperti (nodi di Ranvier): è a questo livello che la corrente ionica, che si trasmette eletrotonicamente nelle porzioni mielinizzate dellassone, si rigenera dando luogo al fenomeno della conduzione saltatoria.

4

5 malattia demielinizzante Per malattia demielinizzante si intende una patologia che vede il suo momento eziopatogenetico in una alterazione dei meccanismi omeostatici dellorganismo che hanno come secondo target lattacco della mielina del SNC: si tratta quindi di malattie che distruggono la mielina normalmente strutturata e vengono, pertanto, anche definite malattie mieli- noclastiche. malattia dismielinizzante Per malattia dismielinizzante si intende unaffezione che è primitivamente insita nella mielina, rappresentata da un errore di sintesi o di metabolismo della mielina stessa.

6 patologia infiammatoria, demielinizzante, multifocale sia temporalmente sia spazial- mente, del sistema nervoso centrale a verosimile patoge- nesi autoimmune. La Sclerosi Multipla (SM), o Sclerosi a Placche, rappre- senta la patologia demielinizzante o mielinoclastica più frequente. Si tratta di una patologia infiammatoria, demielinizzante, multifocale sia temporalmente sia spazial- mente, del sistema nervoso centrale a verosimile patoge- nesi autoimmune. Colpisce preferenzialmente soggetti giovani e, essendo una patologia cronica, costituisce unimportante fonte di disabili civili. SCLEROSI MULTIPLA

7

8 placche di demielinizzazionesostanza bianca Le lesioni della SM sono rappresentate dalle placche di demielinizzazione: esse colpiscono la sostanza bianca del SNC con interessamento precipuo del corpo calloso, della sostanza bianca periventricolare e del cervelletto.

9 Placca acuta attiva:Placca acuta attiva: demielinizzazione associata a ad infiltrati infiammatori ed edema. Placca cronica attiva:Placca cronica attiva: demielinizzazione in periferia con gliosi al centro. Placca cronica silente:Placca cronica silente: demielinizzazione completa, deplezione oligodendrocitaria ed intensa gliosi astrocitaria SCLEROSI MULTIPLA dalla infiammazione alla degenerazione

10

11 SCLEROSI MULTIPLA EZIOLOGIA Leziopatogenesi della SM è tuttora ignota: Ipotesi autoimmunitaria Fattori genetici (HLA-B7, -DR2, -DQW1) Infezioni virali (Epstein-Barr, virus del morbillo, virus della parotite, paramyxovirus, Herpes virus, Retrovirus) e reattività crociata

12 SCLEROSI MULTIPLA FISIOPATOLOGIA Il danno mielinico, con la conseguente perdita della funzione coibente elettrica di questa struttura lipidica, è responsabile di una riduzione della velocità di conduzione nervosa.

13

14 SCLEROSI MULTIPLA ASPETTI CLINICI La SM rappresenta una malattia altamente imprevedibile, sia per decorso clinico sia per prognosi, ed è caratterizzata da una sintomatologia altamente polimorfa: caratteristica fondamentale di questa malattia è la estrema variabilità temporale e spaziale, con cui essa si manifesta.

15 SCLEROSI MULTIPLA ASPETTI CLINICI sintomi I sintomi tipici allesordio (spesso acuto o subacuto) riguardano: 1.funzioni visive 2.funzioni piramidali 3.funzioni cerebellari 4.funzioni del tronco encefalico 5.funzioni sensitive 6.funzioni sessuali e sfinteriche 7.funzioni del tratto intestinale 8.Funzioni mentali

16 SCLEROSI MULTIPLA ASPETTI CLINICI 1.FUNZIONI VISIVE neurite ottica retrobulbare Sensazione di calo del visus che si sviluppa in alcuni giorni e spesso legata uninfiammazione del nervo ottico denomi- nata neurite ottica retrobulbare spesso preceduta da dolore retro o sovra orbitario. Scotoma centrale Scotoma centrale: allargamento della macchia cieca. Hippus Hippus: ritmico alternarsi di contrazione e dilatazione della pupilla

17

18 SCLEROSI MULTIPLA ASPETTI CLINICI 2.FUNZIONI PIRAMIDALI ipostenia fatica spasticità Il sistema piramidale rappresenta il sistema funzionale maggiormente interessato in corso di SM. La manifestazione più tipica è lipostenia, che, a seconda del distretto interessato, può manifestarsi con monoparesi, emiparesi o paraparesi. La fatica è un sintomo spesso invalidante e può anche rappresentare lunico segno di riacutizzazione di malattia. La spasticità (sia in flessione che in estensione) è un sintomo altrettanto invalidante: essa, oltre che interferire con il fisiologico movimento degli arti, se grave e non trattata può condurre ad alterazioni tendinee con anchilosi delle articolazioni interessate.

19

20 SCLEROSI MULTIPLA ASPETTI CLINICI 3.FUNZIONI CEREBELLARI triade atassia I sintomi di interessamento cerebellare vengono riassunti nella classica triade (di Charcot): nistagmo, tremore intenzionale e parola scandita. Il sintomo maggiormente frequente è latassia, statica e dinamica, che nelle forme più gravi interessa sia gli arti inferiori, sia il tronco (andatura atasso-spastica). Inoltre sono spesso presenti dismetria ed adiadococinesia agli arti superiori e soprattutto il tremore intenzionale e posturale.

21

22

23 SCLEROSI MULTIPLA ASPETTI CLINICI 4.FUNZIONI DEL TRONCO ENCEFALICO DiplopiaDiplopia, per interessamento dei nervi delloculomozione, ed in particolare dellabducente (oftalmoplegia internucleare). Paralisi facialeperifericoParalisi faciale, spesso di tipo periferico, insorgente talora allesordio di malattia. Nelle forme più gravi danno dei nervi cranici bulbari (IX, X, XII), con disfagia, disfonia e disartria. Nevralgie e disestesie nel territorio del trigemino. equilibrioMolto tipico linteressamento del sistema vestibolare che comporta alterazioni dellequilibrio alla stazione eretta ed alla deambulazione.

24

25 SCLEROSI MULTIPLA ASPETTI CLINICI 5.FUNZIONI SENSITIVE ipoestesia tattile epicritica segno di Lhermitte Le anomalie della sensibilità più frequenti sono legate al danno delle vie lemniscali lungo il midollo con mani- festazioni parestesiche ed alterazione della pallestesia agli arti. Molto frequente è inoltre lipoestesia tattile epicritica con astereognosia. Il segno di Lhermitte è caratterizzato da una sensazione di scossa elettrica che si propaga lungo la colonna agli arti inferiori e, talora, agli arti superiori.

26

27 SCLEROSI MULTIPLA ASPETTI CLINICI 6.FUNZIONI SESSUALI E SFINTERICHE urgenza minzionale Approssimativamente il 90% dei pazienti con SM accusa disfunzioni sfinteriche nel corso della sua storia clinica. La manifestazione più tipica è rappresentata dalla instabilità o iperreflessia destrusoriale: i pazienti avvertono tale anomalia come urgenza minzionale. Altre alterazioni urologiche includono la dissinergia-sfinterica e nelle forme più severe e datate di malattia lareflessia destrusoriale con incapacità allo svuotamento. Deficit di erezione ed eiaculazione retrograda nelluomo. Disestesie ed anorgasmia nella donna. Perdita di libido in entrambi.

28

29 SCLEROSI MULTIPLA ASPETTI CLINICI 7.FUNZIONI DEL TRATTO INTESTINALE I disturbi del tratto intestinale sono rappresentati dalla stipsi ed in minor misura da diarrea e incontinenza. La costipa- zione si correla a riduzione del riflesso gastrocolico, riduzio- ne del torchio addominale, spasticità della muscolatura pelvica, riduzione dellattività fisica con conseguente ridotta motilità intestinale ed aumento del tempo di transito, eventuale influenza dei farmaci.

30 SCLEROSI MULTIPLA ASPETTI CLINICI 8.FUNZIONI MENTALI demenza sottocorticale depressione Le manifestazioni più tipiche sono quelle della demenza sottocorticale, con una perdita della memoria di fissazione e, quindi, a lungo termine, mantenimento dellattenzione, fluenza verbale e riduzione delle capacità critiche e di astrazione. Molto frequente è lo sviluppo di disturbi del tono affettivo e di una vera e propria depressione, che, se in fase iniziale ha solo laspetto di una forma reattiva, nelle fasi più avanzate di malattia rappresenta il sintomo di un interessamento cerebrale organico.

31 SCLEROSI MULTIPLA VARIANTI CLINICHE La SM può assumere numerosi decorsi clinici: 45% dei casi A riacutizzazioni e remissioni (SM-RR) 45% dei casi 10% dei casi RR SM-benigna: 10% dei casi RR 35% dei casi Secondariamente progressiva (SM-SP) 35% dei casi 10% dei casi Primitivamente progressiva (SM-PP) 10% dei casi 10% dei casi Progressiva con riacutizzazioni (SM-RP) 10% dei casi 5% Maligno: 5% 50% dei casi

32 Sclerosi multipla Confini nosologici Sclerosi diffusa tipo Schilder: demielinizzazione e sclerosi diffusa degli emisferi cerebrali.Sclerosi diffusa tipo Schilder: demielinizzazione e sclerosi diffusa degli emisferi cerebrali. Ritenuta una variante infantile della SM, ad esordio subdolo ed andamento rapidamente progressivo. Risposta variabile agli steroidi, prognosi spesso infausta. Neuromielite ottica di Devic: interessamento simultaneo o successivo del del nervo ottico (neurite ottica mono- o bilaterale) e del midollo spinale (mielite trasversa).Neuromielite ottica di Devic: interessamento simultaneo o successivo del del nervo ottico (neurite ottica mono- o bilaterale) e del midollo spinale (mielite trasversa). Caratteristiche peculiari: frequente riscontro RM di lesioni cavitarie midollari, frequente assenza di BO e frequente riscontro di pleiocitosi liquorale. Esordio acuto, andamento progressivo, prognosi peggiore rispetto alla classica SM. Gli anticorpi sierici anti-acquaporina potrebbero avere significato patogenetico.

33 Sclerosi multipla fulminante tipo Marburg: forma iperacuta di SM, ad esordio fulminate, progressione rapida senza remissioni ed infausta in pochi mesi.Sclerosi multipla fulminante tipo Marburg: forma iperacuta di SM, ad esordio fulminate, progressione rapida senza remissioni ed infausta in pochi mesi. Simile alla Encefalite acuta disseminata (ADEM), se ne differenzia per non esser preceduta da malattie esantematiche, infettive o vaccinazioni. Sclerosi concentrica di Von Balò: aree di demielinizzazione concentriche alternate ad aree apparentemente risparmiate.Sclerosi concentrica di Von Balò: aree di demielinizzazione concentriche alternate ad aree apparentemente risparmiate. acuto e progressivo (più spesso) decorso RR (talvolta) RR (talvolta) Sclerosi multipla Confini nosologici

34 SCLEROSI MULTIPLA CRITERI DIAGNOSTICI Clinica Clinica Strumentale Strumentale Risonanza Magnetica Nucleare (disseminazione spaziale e temporale) Potenziali evocati (PEV, PESS, BAEPs, MEPs) Rachicentesi (indice di Link e bande oligoclonali)

35 Sclerosi multipla Incertezza della prognosi + benigna: esordio giovanile, sintomi monofocali prevalentemente sensitivi, troncali ed ottici, recupero completo dopo un attacco, ricadute molto distanziate nel tempo. - benigna: esordio tardivo, plurisintomatico con precoce interessamento piramidale o cerebellare, forma progressiva o RR con frequenti ricadute, sesso maschile. Dopo 15 anni solo il 20% non presenta limitazioni funzionali. Dopo 25 anni, l80% ha bisogno di assistenza nella deambulazione. Difficile prevedere la prognosi del singolo individuo, ma, circa il 20% dei pazienti presenterebbe un decorso benigno senza disabilità evidenti (storia naturale).

36 SCLEROSI MULTIPLA TERAPIA Sintomatica Sintomatica Terapie modificanti il decorso di malattia (DMA) Terapie modificanti il decorso di malattia (DMA) * Interferoni * Glatiramer acetato (o copolimero) * Immunosoppressori: mitoxantrone, azatioprina, metotrexate, ciclofosfamide * Terapie sperimentali Terapia dellattacco Terapia della spasticità Terapia della fatica Terapia dei disturbi sessuali

37 Gli IFN sono glicoproteine ad azione antivirale, prodotte dal sistema ematopoietico con azione modulante sul sistema immunitario a livello periferico, riducendone lattivazione. NellSM si usano gli IFN di tipo I (IFNß-Ia e Ib). Indicazione principale SM-RR: - riduzione del 30-40% del rischio di ricadute - lieve riduzione della progressione di malattia - riduzione numero lesione attive alla RM e del carico lesionale. Effetti collaterali: sindrome pseudo-influenzale, astenia, depressione, induzione di Ab anti-tessuto (anti-nucleo, anti-tiroide), ipertransaminasemia transitorio, leucopenia, reazioni locali in sede di iniezione. NABs: 10-30% dei paz, entro 1 anno, sviluppa Ab neutralizzanti anti-IFN. SCLEROSI MULTIPLA INTERFERONE BETA

38 a)Autotrapianto di cellule staminali ematopoietiche b)Trapianto di cellule staminali neurali c)Natalizumab: Ab monoclonale contro lintegrina ß1 (VLA-4) blocca ladesione dei linfociti alla parete dei vasi, limitando il loro ingresso nel SNC d)Estrogeni e)Neuroprotettori: vit B12, statine, … SCLEROSI MULTIPLA TERAPIE SPERIMENTALI

39 Altre malattie demielinizzanti Encefalomielite acuta disseminata (ADEM) o encefalomielite perivenosa o encefalite post- infettiva o post-vaccinica Sindrome di Sjögren Sindrome di Behçet Vasculiti, sarcoidosi, LES, sclerodermia.

40 VASCULITI Gruppo eterogeneo di affezioni caratterizzate da fenomeni flogistici e necrotici a carico della parete dei vasi, con conseguente ischemia dei tessuti tributari. Possono essere confinate al SNC (VPSNC) o dare segni di interessamento sistemico/multiorgano. Le VPSNC sono rare, mentre le complicanze neurologiche in corso di vasculite sistemica possono raggiungere il 70-80% dei casi. Terapia generale: immunosoppressiva (steroidi, ciclofosfamide, …)

41 Encefalopatia da vasculite intracranica: deficit della vigilanza, deterioramento cognitivo, allucinazioni, cefalea Multinevriti su base ischemica (per occlusione dei vasa nervorum) Emorragia intraparenchimale o subaracnoidea, spesso complicate da crisi comiziali e meningiti asettiche VASCULITI MANIFESTAZIONI NEUROLOGICHE

42 Causa rara di ictus (raramente lictus o il TIA sono la manifestazione iniziale o principale) Di solito coinvolgono arterie di piccolo calibro e arteriole. Forme più comuni: arterite di Horton, LES, sindrome da anticorpi anti-fosfolipidi. Quadro clinico: cefalea, deficit neurologici focali associati o preceduti da segni di disfunzione cerebrale diffusa (confusione mentale, rallentamento ideomotorio, sonnolenza). Andamento fluttuante, ma lentamente progressivo. VASCULITI e ICTUS

43 Es. di laboratorio: aumento markers infiammatori (VES, PCR, fibrinogeno), tranne che nelle VPSNC. Neuroimaging: multiple lesioni focali o puntiformi a livello della sostanza bianca sottocorticale, captanti Gadolinio, con associate note di atrofia cortico-sottocorticale. EEG: rallentamenti diffusi e focali Liquor: pleiocitosi linfocitaria, iperprotidorrachia Angiografia: arterie irregolari e tortuose (aspetto a corona di rosario) Biopsia cerebrale: necrosi fibrinoide e infiltrati infiammatori a carico delle arterie VASCULITI DIAGNOSI

44

45

46

47

48 malattie dismielinizzanti Le malattie dismielinizzanti sono un folto gruppo di malattie geneticamente determinate, caratterizzate da una alterazione primitiva della sintesi o del metabolismo della mielina correttamente sintetizzata, che conduce allo sviluppo di alterazioni simmetriche e diffuse della sostanza bianca encefalica e, spesso, a demielinizzazione periferica. leucodistrofie Queste malattie, che vanno anche sotto il nome di leucodistrofie, sono caratterizzate dal decorso inesora- bilmente progressivo, con interessamento multifocale di diversi sistemi funzionali neurologici, con deterioramento mentale progressivo, o ritardo ed arresto di sviluppo psico-motorio (qualora laffezione esordisca in età infantile), associati a quadri di interessamento del sistema nervoso periferico.

49 MALATTIE DISMIELINIZZANTI VARIANTI CLINICHE SPECIFICHE Leucodistrofia a cellule globoidi o malattia di Krabbe Leucodistrofia metacromatica Adrenoleucodistrofia Malattia di Zellweger Malattia di Pelizaeus-Merzbacher Malattia di Canavan Malattia di Alexander

50 Malattia ereditaria legata al cromosoma X, caratterizzata da difetto del catabolismo dei glicosfingolipidi per una attività deficitaria dell enzima lisosomiale -galattosidasi A ( -Gal-A). Il deficit enzimatico causa un progressivo accumulo di globotriaosilceramide (Gb3) e glicosfingolipidi correlati nei lisosomi delle cellule endoteliali e, in minor grado, delle cellule epiteliali, periteliali e cellule muscolari lisce. I maschi sono sempre affetti e sintomatici. Le femmine portatrici possono essere asintomatiche o sintomatiche, a seconda del fenomeno di lyonizzazione (inattivazione random di uno dei due cromosomi X delle donne). MALATTIA DI FABRY

51 4% degli ictus giovanili criptogenetici!

52 Angiocheratomi Cornea verticillata Lesioni della sostanza bianca alla RMN encefalo

53 Dosaggio a-galattosidasi A nel plasma o nei leucociti Ricerca mutazioni/polimorfismi sul gene GLA Ricerca GB3 urinari Studio del gentilizio Terapia enzimatica sostitutiva. MALATTIA DI FABRY D IAGNOSI E TERAPIA


Scaricare ppt "Molto diffusa tra le popolazioni caucasiche, poco fra gli asiatici e gli africani. prevalenza La prevalenza della malattia varia da regione a regione:"

Presentazioni simili


Annunci Google