La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Carcinoma della cervice -Il carcinoma della cervice uterina rappresenta il 6% delle neoplasie maligne della donna -La prognosi è legata allestensione della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Carcinoma della cervice -Il carcinoma della cervice uterina rappresenta il 6% delle neoplasie maligne della donna -La prognosi è legata allestensione della."— Transcript della presentazione:

1 Carcinoma della cervice -Il carcinoma della cervice uterina rappresenta il 6% delle neoplasie maligne della donna -La prognosi è legata allestensione della patol al momento della diagnosi ed è correlata allo stadio, volume, grado di differenziazione tumorale, invasione vascolo-linfatica -Principale fattore di rischio x lo svil della neoplasia è linfezione da papillomavirus (HPV), correlata con sviluppo di lesioni intraepiteliali squamose della cervice, di basso e alto grado, definite CIN I, CIN II, CIN III o displasie lievi moderate e gravi Altri fatt di rischio sono: promiscuità sessuale, non utilizzo di metodi di barriera, scarse condizioni socioeconomiche, inizio precoce dellattività sessuale, partner multipli del proprio partner, immunodepressione (p es HIV, trapiantate) Circa un terzo delle lesioni preneoplastiche della cervice regredisce spontaneamente, soprattutto displasie di basso grado, mentre il 25% progredisce verso un carcinoma in situ più raramente verso un carcinoma invasivo.

2 La prevenzione dei tumori dellapparato genitale femminile Prevenzione -primaria:riduzione del rischio e prevenzione dello sviluppo del cancro nelle persone sane eliminando la causa. P.e. abolizione del fumo, importanza di una corretta alimentazione (educazione sanitaria).Promozione di sani stili di vita. -secondaria: individuazione e quindi eliminazione o correzione delle lesioni preneoplastiche che in un arco di tempo più o meno lungo portano al carcinome (p.e. displasia del collo uterino o iperplasia dellendometrio) cioè screening dei tumori più frequenti, nei quali la percentuale di sopravvivenza dipende dalla precocità della diagnosi. Esempio: cancro della cervice uterina, dellendometrio, del seno. Questi programmi possono includere lautopalpazione del seno, il pap test, la citologia endometriale, lecografia transvaginale. -terziaria: è la diagnosi precoce, quindi la scoperta di una neoplasia più facilmente trattabile e curabile (p.es. cancro dellovaio, della mammella).

3 IL PAP TEST SI ESEGUE PRIMA DI UNA VISITA GINECOLOGICA ALLE DONNE IN ETA FERTILE IN ASSENZA DI PERDITE EMATICHE PREFERIBILMENTE IN FASE OVULATORIA NO RAPPORTI SESSUALI E/O TERAPIE TOPICHE VAGINALI NEI TRE GIORNI PRECEDENTI

4 MATERIALE OCCORRENTE Speculum vaginale di misura adatta alla donna Vetrini molati Citobrush Spatola di Ayre Tamponi Fissatore Portavetrini

5 Tecnica di esecuzione Paziente in posizione litotomica Favorire il rilassamento della donna Si introduce in vagina lo speculum, per visualizzare la cervice uterina. Con la spatola di Ayre si raccolgono delle cellule di sfaldamento che stanno alla superficie del tessuto che si vuole esaminare (endocervice,esocervice, vagina), e si prelevano le secrezioni, il muco e le cellule esfoliate in corrispondenza dei quattro fornici vaginali e lungo la parete posteriore della vagina Col citobrush o col tampone si raccolgono cellule di sfaldamento dal canale cervicale Si allestiscono i vetrini strisciando il materiale raccolto Dopo fissazione dei vetrini con una miscela di alcol-etere lo striscio viene colorato col metodo di Papanicolau o simili e letto dallanatomo patologo Va usato un metodo di classificazione e terminologia internazionale (confrontabile per tutti i laboratori).La terminologia citologica raccomandata è il sistema Bethesda Avvisare la paziente che potrebbe avere delle modeste perdite ematiche (scarse) legate alluso del citobrush

6 COLPOSCOPIA (II livello) Visualizzazione ingrandita del fondo vaginale e della cervice uterina mediante uno strumento ottico, il colposcopio,che ingrandisce fino a volte il campo in esame Lesame deve essere eseguito senza preparazione, dopo un trattamento con acido acetico e soluzione iodo- iodurata, utilizzando ingrandimenti fino a 60 diametri. Nei tre giorni precedenti lesame no visite ginecologiche, terapie topiche vaginali, mestruazioni, rapporti sessuali Fornisce suggerimenti in merito alla modalità per laccertamento diagnostico definitivo (biopsia, conizzazione) e a seguito di analisi istologica, notizie sulla natura della lesione (intraepiteliale o invasiva) e sulle modalità di trattamento più opportuno.

7 colposcopia Prima dellesecuzione -vescica vuota -consenso informato sui rischi correlati allesame e sulla tecnica di esecuzione Durante lesecuzione Eventuale curettage endocervicale (ECC) Al termine si rilascia referto iniziale, con descrizione dellesame, se biopsia risultato da 1 a 3 settimane (tempi di laboratorio) Tempo di esecuzione: circa 15 minuti

8 Anomalie: ulcere, processi infettivi, esiti di processi infiammatori, infiamm. In atto a carico delle pareti vaginali o della cervice Presenza di cellule anomale(lesioni precancerose) Interferenze col risultato: sangue, infezioni in corso, uso di lavande, lubrificanti, farmaci Falsi negativi: scarsità di materiale raccolto Materiale raccolto al di fuori della lesione

9 evoluzione Ripetizione della biopsia mediante laser (più estesa, anestesia, day surgery) Laser conizzazione (anche terapeutica) IN GRAVIDANZA No curettage endocervicale Si colposcopia Si pap test Biopsia e conizzazione solo se forte sospetto di lesione a rischio

10 La procreazione medicalmente assistita Regolamentata in Italia dalla legge 40 del FEBBRAIO 2006 Per tecniche di procreazione medicalmente assistita -PMA- o di riproduzione assistita -ART- si intendono quei procedimenti che comportano il trattamento di oociti umani, di spermatozoi o di embrioni nellambito di un progetto finalizzato a realizzare una gravidanza. Questi procedimenti includono : Inseminazione intrauterina IUI Inseminazione intratubarica ITI Inseminazione intracervicale ICI Inseminazione intraperitoneale IPI Fertilizzazione in vitro e trasferimento embrionale FIVET Intracytoplasmatic sperm injection ICSI Gamete Intrafallopian transfer GIFT Zigote intrafallopian transfer ZIFT Tubal embryo transfer TET

11 PMA Nel 1978 Stepson e Edwards ottennero la prima nascita con FIVET Un ciclo di riproduzione assistita prevede diverse fasi che vanno dalla necessità di produrre un maggior numero di follicoli e quindi di ovociti, alla fertilizzazione in vitro o in vivo e quindi al trasferimento degli embrioni Lincremento del numero di follicoli è assicurato da protocolli di stimolazione ovarica mediante gonadotropine. I protocolli più utilizzati prevedono luso di agonisti del GnRH per sopprimere lattività ipofisaria e quindi preveniere il picco endogeno dellLH. Sono in genere somministrati durante la fase luteale, (21° giorno) del ciclo precedente a quello di stimolazione ovarica. Per valutare lavvenuta down regulation dopo circa 15 giorni dalla somministrazione si dosano i livelli sierici del 17 βestradiolo. Da tale momento si somministrano quotidianamente per via parenterale le gonadotropine, con protocolli diversi a seconda del tipo di paziente ( poor-high o normo responder) e delletà. Si attua un monitoraggio ecografico e sierico del 17 β estradiolo e in presenza di 3-4 follicoli di diametro medio superiore a mm si induce la maturazione ovocitaria mediante hCG per via im o sc. Il recupero ovocitario viene effettuato circa ore dalla somministrazione di hCG mediante prelievo ecoguidato per via vaginale più comunemente con sedazione della paziente. COMPLICANZE PIUFREQUENTI POST PICK UP Emorragia Infezioni pelviche Raramente ascesso pelvico e lesioni degli organi interni contigui.

12 Fasi successive: Recupero ovocitario dal liquido follicolare prelevato mediante aspirazione transvaginale guidata Stoccaggio degli ovociti in terreno di coltura a temperatura ed atmosfera controllata Preparazione degli spermatozoi da liquido seminale mediante opportuna metodica atta a concentrare il maggior numero di spermatozoi dotati di buona morfologia e motilità. A 4-10 ore dal prelievo gli ovociti vengono inseminati con gli spermatozoi in opportuna concentrazione. ( per ovocita). La successiva presenza di pronuclei e dei globuli polari è indice di avvenuta fertilizzazione nelle successive ore. Il transfer, ovvero il trasferimento degli embrioni in utero è la fase finale di questo processo. Avviene mediante un catetere molto sottile che si inserisce in cavità uterina dopo opportuna disinfezione della cervice. (OUE) Le percentuali di impianto derivano ancora da molte variabili cruciali, prevalentemente letà della paziente,il numero e a qualità egli embrioni trasferiti. Non esistono al momento dei markers sierici per valutare lavvenuto impianto se non la concentrazione di β-hCG nel sangue.( a distanza di non meno di 14 gg)

13 Materiale per FIVET Provette sterili Stufetta per garantire la temperatura sempre adeguata degli ovociti e degli embrioni Ecografo Pinze ad anelli Speculum Ago per pick up e sistema di collegamento alla pompa aspiratrice Siringa cono Luer 20 o 30 ml Terreno di coltura Garze sterili Materiale per assistenza allanestesista: Ago 18 o 20 gauge Cerotto Ambu collegato allerogatore di O2 con flussometro Farmaci per sedazione Farmaci per eventuale intubazione Guanti sterili power free

14 TECNICA DI PRELEVAMENTO Si lavora in penombra, in quanto gli ovociti sono termosensibili e fotosensibili Massima sterilità Materiale power free Mai usare disinfettanti di alcun tipo (ovociti ed embrioni molto sensibili)

15 Altre tecniche di PMA ICSI stessa tecnica di prelievo e transfer, differisce il trattamento in laboratorio, perché lo spermatozoo viene iniettato allinterno del citoplasma dellovocita. La GIFT è una tecnica poco usata perché richiede il trasferimento in laparoscopia dei gameti maschili e femminili inseriti in apposito catetere e separati da una bolla daria, in una o in entrambe le tube, a circa 2-3 cm dallampolla tubarica. Negli ultimi anni lutilizzo di questa tecnica si è ridotto del 90% circa.

16 Problematiche legate alla PMA Coppie infertili, che da tanto tempo cercano di raggiungere lobbiettivo della gravidanza, molto provate da questo percorso. Vari tentativi già andati a vuoto: percentuale di successo +/- del 25%. Molta ansia. Storia ostetrica e/o ginecologica patologica o patologia del partner. Infertilità a causa di terapie per problemi oncologici (maschili o femminili, vicini nel tempo o pregressi) Cause idiopatiche…

17 STERILITA Notevole incremento nelle società occidentali, sia maschile che femminile Cause sociali e ambientali tendenza a posporre in età più avanzata il periodo della vita in cui avere figli aumento delle annessiti di origine infettiva conseguente a aumento di mst inquinamento ambientale

18 DEFINIZIONE Sterilità è lassenza della capacità riproduttiva, nelluomo o nella donna o in entrambi o come coppia, per cause che impediscono la fecondazione e va considerata come un problema di coppia. Una coppia è definita sterile dopo un anno di rapporti sessuali regolari senza uso di metodi contraccettivi non seguiti da una gravidanza, tale periodo viene ridotto a sei mesi nelle coppie in età più avanzata. Dopo tale periodo si può iniziare liter diagnostico terapeutico. La sterilità va distinta dalla infertilità, che comprende tutti quei casi in cui non si ha la prosecuzione della gravidanza fino ad unepoca in cui il feto è vitale e in genere è conseguente a un difetto dellannidamento delluovo fecondato o nello sviluppo dellembrione

19 Approccio clinico allinfertilità e sterilità È un approccio di coppia Cause maschili femminili o di coppia Importanza del colloquio-counselling Esami di laboratorio. Ematici e spermatici Post coital test Valutazione dellapparato genitale femminile (morfologia, colture,esami istologici)

20 IVG Regolamentata dalla legge 194 /78 Importanza di una corretta informazione e accertarsi che la donna abbia compreso a fondo sia la legge che le procedure relative alla ivg Situazione molto influenzata anche dalla situazione socio economica e dallo stile di vita e relazionale (situazione familiare stabile/instabile)

21 Assistenza alla donna con ivg Prevenire le infezioni e le possibili complicanze Facilitare ladattamento alla decisione presa Comprendere e accettare lansia della donna e della coppia Monitorare i segni vitali

22 Nursing infermieristico Basato prevalentemente sul sostegno alla coppia in questo percorso molto tortuoso e lungo, dai risultati spesso abbastanza imprevedibili e non monitorizzabili in tutte le sue fasi. Per quanto riguarda lassistenza alle tecniche di prelevamento e transfer, eseguire correttamente la tecnica come previsto in tutte le sue parti e con assoluta sterilità.

23 Patologia ginecologica Notevoli diversità etniche, ambientali e socio economiche condizionano la prevalenza di vari agenti patogeni e quindi delle patol. ginecologiche Costume sessuale influisce sulla natura e sullincidenza delle flogosi genitali e sui metodi di controllo della fertilità Anatomia e biologia concorrono a difendere lapparato genitale dallinvasione microbica (rima vulvare, imene, muco cervicale, istmo uterino) e spessore e struttura dellepitelio squamoso stratificato,(dipend. dalla stimolazione estrogenica) acidità molto elevata (pH 3-4,7) da trasformazione del glicogeno nellepitelio che si trasforma in acido lattico, e presenza del bacillo di Döderlein o lattobacillo e di numerosi saprofiti. Esistono in vagina come ospiti abituali altri germi acido- tolleranti tra i quali: difteroidi, streptococco e molti anaerobi e microaerofili.

24 Flora vaginale:entità dinamica influenzata da fattori ormonali ma anche traumatici, interventi chirurgici, nonché le infezioni. Le flogosi vaginali possono insorgere per: a Trasmissione sessuale : MALATTIE TRASMESSE SESSUALMENTE (Trichomonas vaginalis, Candida albicans,Gardnerella vaginalis, Chlamydia tracomatis, Neisseria gonorrhoeae –gonococco- Virus Herpes di tipo 2 -più raramente tipo 1-Papilloma Virus, Streptococco di gruppo B beta emolitico) Altri germi piogeni, gram negativi e positivi, Mycoplasmi,ecc.Treponema pallidum Nelle MST vengono considerate sia le infezioni a localizzazione genitale sia le infezioni sistemiche (HIV,epatiti,ecc) che trovano una via di trasmissione nel rapporto sessuale

25 b Presenza di IUD c Per trasmissione attraverso oggetti ambientali o indumenti d Per interventi praticati a seguito di parto,aborti o a fini diagnostici e Condizioni biologiche od ormonali che rendono facile linstaurarsi di germi patogeni e il loro prevalere sullabituale flora vaginale saprofita

26 RUOLO IMPORTANTE DEGLI OPERATORI SANITARI: PREVENZIONE PRIMARIA. EDUCAZIONE SANITARIA/INSEGNAMENTO 1 – Informazione su fattori di rischio, condizioni predisponenti e criteri generali di comportamento per la prevenzione primaria e secondaria riferiti a precoce attività sessuale, presenza di partner multipli, diffusione di MST, abitudini di vita. Per il carcinoma dellendometrio p.e età, fattori di rischio in ambito ostetrico-ginecologico, familiare e presenza di obesità. 2 – sensibilizzazione sulla necessità dei controlli periodici e sui vantaggi della diagnosi precoce 3 – insegnamento delle tecniche più corrette per lautoesame del seno, p.e. 4 – sensibilizzazione allesecuzione del pap-test per la diagnosi precoce del carcinoma della cervice 5 – indirizzo circa le campagne di screening effettuale dal ssn, gratuite, con chiamata nominale a scadenze fisse

27 Flogosi vulvari e vaginali Frequentemente associate a infiammazioni di altri organi genitali interni e/o esterni Alcuni microorganismi prediligono alcune sedi, o si sviluppano a partire da alcuni tratti (pe gonococco predilige uretra, ghiandole periuretrali e endocervice, gardnerella localizzazione prevalentemente vaginale, Clamydia endocervicale, Candida e Trichomonas perlopiù vulvo-vagino-cervicali.Virus Herpetici e Papilloma danno manif. Vulvari e perineali Bisogna ricordare le forme allergiche, irritative (assorbenti esterni ed interni)traumatiche. Su queste forme si possono secondariamente instaurare infiammazione da germi patogeni talora favoriti da lesioni da grattamento, azione macerante od irritante di inadeguati trattamenti terapeutici

28 Nursing ginecologico Educazione sanitaria Informazione sullindividuazione dei sintomi, non sottovalutare perdite soprattutto quando durature,pruriti,bruciore Evitare trattamenti fai da te Evitare uso improprio di assorbenti usa e getta Ricordare che alcune forme possono cronicizzare, recidivare,essere blande o asintomatiche Enfatizzare il pericolo del contagio del partner e del suo trattamento concomitante (pericolo che sia la fonte della reinfezione) Portare a termine i cicli di trattamento farmacologico sia locale che per via generale Educare alluso di biancheria ed asciugamani personali, uso corretto del bagno Alcuni soggetti sono maggiormente a rischio, predisposti per condizioni immunitarie, HIV) dismetaboliche,(diabete)presenza di altre infezioni Stati particolari che influenzano lambiente vaginale e lo rendono più recettivo (in particolare alle micosi) Pe fase premestruale,assunzione di contraccettivi ep e gravidanza (1/3 delle gravide positivo e asintomatico) presenza di DIU, uso di antibiotici, chemioterapici, corticosteroidi

29 Esami microbiolgici per la diagnosi di infezione dellapparato genitale femminile Preparazione della paziente: No periodo mestruale (rischio di falsi positivi) Nei giorni precedenti no bagno di immersione, si doccia No lavande vaginali,farmaci locali ed eventuali terapie antibiotiche per infezioni o per altri motivi Si lavaggi esterni Nelle 24 ore precedenti no rapporti sessuali

30 Procedura di raccolta Donna in posizione litotomica Posizionare appropriata sorgente luminosa per visualizzare la sede ove si opera il prelievo Con un tampone asportare dalla vagina eventuali secrezioni Introdurre il tampone nella provetta con o senza terreno di trasporto forniti dal laboratorio (spesso inviare 2 campioni) Con un altro tampone prelevare il materiale per lesame microscpico

31 Procedura di raccolta Ruotare il tampone su un vetrino (non strisciare per non alterare la morfologia delle cellule) per trasferire il materiale prelevato Lasciare asciugare allaria il vetrino e riporlo nellapposito contenitore porta vetrini Con un nuovo tampone asportare dalla vagina le secrezioni e misurarne il pH con le apposite cartine indicatrici

32 Raccolta dellessudato vaginale In assenza di richiesta specifica il laboratorio generalmente effettua di routine le seguenti ricerche: lattobacilli, Gardnerella spp,Mobiluncus spp, miceti e Trichomonas vaginalis Identificare opportunamente i contenitori con tamponi e vetrino Compilare accuratamente le richieste informatiche o cartacee in tutte le loro parti

33 Raccolta di essudato e tampone cervicale Posizione litotomica Sorgente luminosa Posizionare lo speculum adeguatamente lubrificato con gel o acqua tiepida Con un tampone asportare dallesocervice uterina e dal canale cervicale eventuali secrezioni fino a visualizzare in modo chiaro la cervice stessa e il canale cervicale (ev ripetere loperazione)

34 Procedura per prelievo cervicale Con un secondo tampone asportare eventuali secrezioni dallesocervice o dal cc dopo aver introdotto il tampone sterile e averlo ruotato delicatamente, in alternativa soprattutto per la ricerca di Clamydia trachomatis, è possibile utilizzare un citobrush Ruotare il tampone su vetrino (non strisciare per non alterare la morfologia delle cellule)con movimenti concentrici dallinterno verso lesterno

35 Procedura di prelievo cervicale Lasciare asciugare allaria il vetrino e riporlo nellapposito porta vetrini per il trasporto al laboratorio Con un altro tampone asportare eventuali secrezioni dallesocervice e dal canale cervicale dopo avervi introdotto un tampone sterile e averlo ruotato delicatamente Inserire il tampone nel terreno di trasporto e chiudere il contenitore

36 Procedura di prelievo cervicale Ripetere eventuali altri prelievi con nuovi tamponi a seconda delle indicazioni del laboratorio Identificare opportunamente i contenitori con tamponi e vetrino Compilare correttamente in tutte le loro parti le richieste informatiche o cartacee da allegare al materiale prelevato In gravidanza si possono eseguire tutti i prelievi microbiologici sia vaginali che cervicali (anche rettale x strept.agalactiae)

37 PID o malattia infiammatoria pelvica Tutte le forme infiammatorie che coinvolgono gli organi della pelvi (endometrio, tube,ovaie,peritoneo) che possono determinare alterazioni anatomiche e funzionali a carico degli organi interessati Nella PID non trattata possono essere presenti infertilità, aderenze e dolore pelvico (PID cronica)

38 Eziopatogenesi Fattori di rischio: inizio precoce attività sessuale,partners multipli,contraccezione con IUD Gli agenti patogeni possono dare vaginite,vulvite,cervicite e successivamente risalgono le vie genitali fino alla cavità pelvica Ci vuole un fattore scatenante o predisponente Agenti eziologici: Nisseria gonorrhoeae, Clamydia, alcuni microorganismi saprofiti vaginali (Proteus, streptococco e altri) e micoplasma.

39 Clinica Sintomi non sempre corrispondenti alla gravità dellinfiammazione Devono fare sospettare: -Dolore pelvico o al basso addome -Sensibilità o dolore cervicale allesplorazione -iperpiressia,leucocitosi,sintomi infiammatori leucoxantorrea,disuria,dispareunia -Esami colturali positivi per Clamydia o gonococco

40 Complicanze della PID Ascessi tubarici o ovarici Ostruzione tubarica con conseguente infertilità Aderenze pelviche e addominali Dolore cronico Disturbi invalidanti che possono compromettere la buona qualità della vita della donna e la capacità lavorativa

41 Trattamento Specifico, dipendendo da tipo, entità e sede del problema Spesso richiede diagnosi con interventi piuttosto invasivi (laparoscopia,isteroscopia) Non di rado richiede trattamento chirurgico

42 NURSING INFERMIERISTICO Educazione sanitaria (stili di vita,partners multipli,contraccezione) Accompagnamento allesecuzione delle indagini diagnostiche Spesso cronicizzazione: pazienti molto sofferenti, provate. Corretta assunzione della terapia (tempi,modi, partner)

43 Endometriosi Patologia provocata dalla disseminazione o dalla crescita di tessuto endometriale in sedi anomale (eterotopia) Si distingue una patologia infiammatoria ed una neoplastica Lendometrio ectopico subisce,come la mucosa uterina, gli stimoli da parte degli ormoni ovarici, soprattutto estrogeni, ed assume atteggiamenti proliferativi e funzionali (compreso lo sfaldamento ed il sanguinamento in epoca mestruale) simili a quelli che si verificano nellendometrio normale Quasi sempre malattia delletà feconda, nella quale è presente lattività ovarica, si verifica eccezionalmente prima della pubertà e tende a regredire nella post-menopausa o dopo la castrazione È più frequente nelle nullipare A seconda della localizzazione del nodo endometriosico si avra adenomiosi o endometriosi interna quando la sede è nel tessuto uterino, nello spessore del miometrio,o endometriosi esterna quando lendometrio ectopico si trova negli organi pelvici o sul peritoneo pelvico Lendometriosi si può reperire anche al di fuori della cavità pelvica (su cicatrici di interventi laparotomci,appendice,vulva,ombelico,polmoni) e viene definita edometriosi di quel determinato organo. Questa forma è molto rara.

44 Patogenesi Reflusso tubarico di sangue mestruale ed impianto di frustoli endometriali nei vari tessuti Disseminazione per via ematica, linfatica Disseminazione chirurgica Predisposizione genetica Alterazioni del sistema immunitario

45 Sintomatologia Una percentuale,circa 20-25% è asintomatica e diagnosticata casualmente durante una laparoscopia eseguita per altri motivi (sterilità inspiegata, rimozione di fibromi uterini) Dolore inizialmente in epoca mestruale,spesso in paziente che non aveva mai avuto in precedenza mestruazioni dolorose (dismenorrea secondaria) Col passare del tempo i sintomi si accentuano, iniziando prima e terminando anche dopo la fine delle mestruazioni. Il dolore diventa ciclico nella sua comparsa,di tipo gravativo, come un permanente malessere,nel quale si inseriscono le crisi dolorose mestruali,sempre più intense Molto frequente la dispareunia profonda Sterilità nel 30-35% dei casi (spesso aderenze) Segnalata una % maggiore di gravidanze extrauterine

46 Diagnosi Visita ginecologica ripetuta, per apprezzare le differenti caratteristiche dei noduli in diversi momenti del ciclo Diagnosi istologica dopo laparoscopia, con prelievo bioptico Ecografia Esami rx delladdome Esami specifici con relazione agli organi interessati dai noduli Importante fare diagnosi differenziale dalle forme infettive o tumorali

47 Esiste una suddivisione in 4 classi dipendendo dagli stadi della malattia Il trattamento può essere farmacologico o chirurgico La gravidanza ha effetti favorevoli sulla malattia e la menopausa o la castrazione, medica o chirurgica, induce una progressiva riduzione delle lesioni nella maggioranza delle pazienti.

48 Classificate a seconda del tipo istologico: fibromi,miomi,polipi, che sono rimossi chirurgicamente per via laparoscopica o laparotomica. Si possono refertare forme benigne o maligne di misure diverse, che interessano anche tutto lutero. Patologie ginecologiche chirurgiche

49 Trattamento Conservativo, con eventuale uso di ep o ormoni di altro tipo che riducono la sintomatologia (dolore,metrorraggia) Chirurgico quando il trattamento farmacologico risulta inefficace con rimozione della parte interessata o di tutto lutero.

50 Sintomi Leucorrea o fluor, da distinguerne vari tipi (Delle adolescenti,postmestruale,ovulatoria gravidica,senile,iatrogena…) Perdite vaginali di diverso aspetto,colore,odore.. Bruciore Prurito Dispareunia Segni di infezione urinaria


Scaricare ppt "Carcinoma della cervice -Il carcinoma della cervice uterina rappresenta il 6% delle neoplasie maligne della donna -La prognosi è legata allestensione della."

Presentazioni simili


Annunci Google