La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALBERTO BURRI TRESTINA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALBERTO BURRI TRESTINA."— Transcript della presentazione:

1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALBERTO BURRI TRESTINA

2

3

4 FINALITÀ Formazione integrale della personalità del bambino. La formazione integrale della personalità del bambino si raggiunge attraverso: La maturazione dellidentità La conquista dellautonomia Lacquisizione di competenze Il senso della cittadinanza

5 LAPPRENDIMENTO avviene attraverso lesperienza,lesplorazione,i rapporti tra bambini, con la natura, gli oggetti, larte, il territorio e le sue tradizioni, attraverso la rielaborazione individuale e collettiva delle esperienze e attraverso le attività ludiche LAMBIENTE DI APPRENDIMENTO è organizzato dalle insegnanti in modo che ogni bambino si senta riconosciuto, sostenuto e valorizzato: LO SPAZIO ACCOGLIENTE -espressione della pedagogia e delle scelte educative- IL TEMPO DISTESO nel quale in tutta tranquillità il bambino possa giocare, ascoltare, osservare, capire, esplorare, dialogare LA DOCUMENTAZIONE come processo che produce tracce, memoria e riflessione LO STILE EDUCATIVO fondato sullascolto, sullosservazione, sulla progettualità LA PARTECIPAZIONE che permette di stabilire, sviluppare, incoraggiare il dialogo

6 ESPERIENZE DI CAMPOESPERIENZE DI MULTICAMPO ESPERIENZE DI INTERCAMPO IL SE E LALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO PERCORSO TECNOLOGICO INFORMATICA LINGUA 2 LEGGERE e SCRIVERE CON IL CORPO e IL MOVIMENTO IL Curricolo di Scuola

7 OBIETTIVI FORMATIVI Le scuole dellinfanzia dellIstituto definiscono gli obiettivi formativi che rappresentano traguardi importanti e significativi per la maturazione del bambino. Attraverso lazione professionale dei docenti e le attività didattico/educative, questi obiettivi formativi si traducono in competenze, da sviluppare e consolidare nel triennio e da valutare/certificare alla fine del percorso. La COMPETENZA include: La conoscenza (il sapere) Le abilità (il saper fare) Gli atteggiamenti (curiosità, interesse, inclinazione) Un bambino competente è in grado di dare risposte adeguate nelle situazioni problematiche dando il meglio di sé.

8 OBIETTIVI FORMATIVI DELLA NOSTRA SCUOLA Sono condivisi dai docenti e rappresentano vere e proprie linee dindirizzo: Conoscere se stessi e rafforzare la propria identità; Interagire in maniera costruttiva con adulti e coetanei; Interagire in maniera costruttiva con bambini di altre culture e nazionalità rispettandone e valorizzandone le diversità; Rafforzare atteggiamenti di sicurezza stima di sé e fiducia nelle proprie capacità; Prendere coscienza e consapevolezza del proprio corpo; usare il corpo per conoscere, comunicare, esprimersi e relazionarsi; Comprendere la necessità di rispettare le regole e le norme sociali fondamentali per una convivenza democratica; Saper ascoltare, comprendere messaggi: utilizzare la lingua come strumento di comunicazione e come strumento di pensiero; Vivere e sperimentare forme diverse di espressione e comunicazione anche in contesto di gioco libero e guidato; Assumere atteggiamenti di rispetto cura e apprezzamento nei confronti dellambiente; Iniziare a dare significato e ordine alle conoscenze acquisite: esplorare, osservare, mettere in relazione, confrontare, ragionare, riflettere, raccontare, rappresentare, progettare, discutere su esperienze reali e fantastiche; Collaborare e cooperare perseguendo un obbiettivo comune; Affrontare serenamente le divergenze evitando che sfocino in conflittualità.

9 PENSARE PROGRAMMARE PIANIFICARE TreP per lavorare bene insieme Partendo da questi presupposti la nostra programmazione educativa e didattica si fonda su: Teorie psico –pedagogiche; Indicazioni Nazionali per i Piani Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dellInfanzia; Condivisioni collegiali; Osservazioni e conoscenza dei bisogni, delle esigenze e degli interessi dei bambini; Intenzionalità, flessibilità e non causalità delle proposte; Predisposizione degli spazi e del materiale; Risorse e competenze della scuola e della comunità educante (docenti, operatori scolastici, genitori ) Viene elaborata collegialmente una programmazione annuale educativa didattica il più concreta possibile, partendo da un tema comune di lavoro dove vengono inserite attività di laboratorio anche in continuità con la scuola primaria.

10 LE SCUOLE DELLINFANZIA DELLISTITUTO PARTECIPANO AI SEGUENTI PROGETTI: PROGETTO ACCOGLIENZA: Il Progetto Accoglienza della Scuola dellinfanzia intende attivare strategie educative-didattiche per facilitare linserimento dei bambini di tre anni gradualmente, in un ambiente sereno ed accogliente; a tal fine, i bambini nuovi iscritti hanno la possibilità di conoscere la scuola insieme ai propri genitori, con un orario (per i primi giorni) flessibile, attraverso attività ludiche appositamente organizzate. PROGETTO CONTINUITA Questo progetto si propone la finalità di permettere un inserimento naturale dei bambini nella Scuola Primaria, superando ansie legate allaccesso nellordine di scuola superiore. Per questo, i bambini di cinque anni, sulla base di progetti attivati su specifici argomenti, svolgono attività con gli alunni e le insegnanti di classe prima.

11 PISCINA Far vivere ai bambini, assieme con i propri compagni, unesperienza con lelemento acqua. Giocare con lacqua e nellacqua significherà muoversi in un ambiente diverso da quello abituale. LINGUA INGLESE I bambini della scuola dellinfanzia si trovano in unetà in cui lapertura e lattitudine verso i nuovi apprendimenti sono nel pieno delle potenzialità, significativi sono latteggiamento di curiosità nei confronti delle novità e lestrema facilità di memorizzazione, quindi disponibile ad apprendere una lingua straniera con un metodo coinvolgente, basato prevalentemente su attività di gioco e drammatizzazione. COMPUTER Linformatica già riconosciuta dagli Orientamenti della scuola dellinfanzia del 91 come importante fonte di stimolazione culturale e di opportunità cognitive di grande rilievo è entrata a far parte delle attività formative in modo interdisciplinare e trasversale; la finalità è di preparare i bambini ad una utilizzazione attiva, consapevole e creativa delle nuove tecnologie.

12 LEGGERE E SCRIVERE CON IL CORPO E IL MOVIMENTO Il metodo Rapizza intende affrontare dal punto di vista neuro-fisico-psicologico lesperienza dello scrivere e del leggere con un percorso di apprendimento rispettando le tappe di tale processo nei confronti di tutti attraverso un percorso strutturato per ridurre al minimo i rischi di difficoltà di letto-scrittura. DIVENTARE CIO CHE SI E Diventare ciò che si è, è rivolto alle insegnanti e ai genitori dei bambini che frequentano le nostre scuole. La finalità di questo progetto è creare uno spazio di ascolto e di consulenza rivolto ad educatrici e genitori per sostenere e sviluppare esperienze ed interventi tesi alla promozione del benessere e alla prevenzione di stati di disagio nei bambini, con la consulenza della grafologa

13 ARTICOLAZIONE PLESSI PLESSOSEZIONEN. ALUNNIN. INSEGNANTI BADIA PETROIAUNICA religione 1 inglese SAN LEO BASTIAUNICA religione 1 inglese VOLTERRANOUNICA religione 1 inglese 1 Sostegno

14 ORGANIZZAZIONE del TEMPO SCUOLA Le scuole dellInfanzia dellIstituto hanno un orario diversificato, studiato per meglio rispondere alle esigenze di lavoro dei genitori dei bambini iscritti e frequentanti. PLESSODALLEALLE BADIA PETROIA818 SAN LEO BASTIA817 VOLTERRANO817

15 GIORNATA TIPO La regolarità delle varie azioni contribuiscono ad acquisire il ritmo della vita scolastica e ad orientare nel tempo e nello spazio i bambini: ore 8-9,30 ingresso dei bambini, gioco libero ore 9,30-10 prima colazione ore 10-12,15 organizzazione delle varie attività guidate dallinsegnante ore 12,15.12,30 preparazione per il pranzo ore 12,30-13,30 pranzo ore 13,30-14,30 gioco libero nei vari angoli o in giardino ore 14,30-16 gioco o attività guidate; ripresa e approfondimento delle attività ore /18 storie, racconti, merenda, uscita

16 LA COMUNICAZIONE Il dialogo tra scuola e famiglia si fonda: Sulla condivisione del progetto educativo Sulla convergenza degli interventi Sulla volontà di integrare le proposte dei vari ambienti educativi in cui il bambino vive. Durante lanno scolastico sono previste almeno 4 assemblee con i genitori e un colloquio individuale a fine anno scolastico Lo scambio e la condivisione delle esperienze tra i docenti rappresentano un punto fermo per lorganizzazione del lavoro ed unoccasione di crescita professionale ed umana. Sono costituiti a tale scopo : Gruppi di lavoro per ordine scolastico Gruppi di lavoro dInterplesso Gruppi di lavoro misti con docenti di altri ordini di scuola

17


Scaricare ppt "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALBERTO BURRI TRESTINA."

Presentazioni simili


Annunci Google