La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IV Convention delle UTIC Lombarde 8-9 aprile 2011 LA NUOVA ORGANIZZAZIONE OSPEDALIERA PER INTENSITA DI CURA E LE UTIC: A CHE PUNTO SIAMO IN REGIONE LOMBARDIA?

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IV Convention delle UTIC Lombarde 8-9 aprile 2011 LA NUOVA ORGANIZZAZIONE OSPEDALIERA PER INTENSITA DI CURA E LE UTIC: A CHE PUNTO SIAMO IN REGIONE LOMBARDIA?"— Transcript della presentazione:

1 IV Convention delle UTIC Lombarde 8-9 aprile 2011 LA NUOVA ORGANIZZAZIONE OSPEDALIERA PER INTENSITA DI CURA E LE UTIC: A CHE PUNTO SIAMO IN REGIONE LOMBARDIA? Lesperienza di Como Carlo Campana, Roberto Bonatti, Santo C. Zerboni U.O.C. di Cardiologia

2

3

4 1. Liv. Area Critica: Medicina durgenza Ter. Intensiva – Subintensive 2. Liv. Area degenza: medica, chirurgica (+ urg.chir.) materno-infantile 3. Liv Post-Acuzie: attualmente in ospedale TERAPIA INTENSIVA Supporto delle funzioni vitali con tecniche invasive 6 posti letto rapporto infemiere / p.l. 1 : 2 MODELLO SANTANNA Caratterizzazione dei diversi modelli MODELLO TOSCANO Liv. Area critica: Terapie intensive, terapie subintensive 1.Liv. Area degenza: Degenza medica, chirurgica, materno-infantile 2.Liv. Post-Acuzie: Post-acuzie (low care territoriale) Intensità di Cura

5 Monitoraggio multiparametrico avanzato Supporto emodinamico e ventilatorio (inv./non inv.) 6 posti letto operativi, 8 previsti Rapporto infermiere/p.l. 2-3 / 6 2 Infermieri Coordinatori di area TERAPIA INTENSIVA Supporto delle funzioni vitali con tecniche invasive 6 posti letto rapporto infemiere / p.l. 1 : 2 Ambito: TERAPIA SUBINTENSIVA Guardia cardiologica H24 Criteri per l assegnazione dei pazienti alla terapia intensiva: 1.Gestione ACS, STEMI, NSTEMI 2.Gestione HF (refrattario); embolia polmonare (PESI, Geneva) 3.Gestione aritmie complesse (storm aritmici) 4.Gestione sindromi aortiche acute 5.Monitoraggio post-interventistica coronarica e vascolare Area critica - UTIC

6 Supporto delle funzioni vitali senza tecniche invasive. E compresa la ventilazione non invasiva 6 posti letto Rapporto infermiere/p.l. 1 : 2 TERAPIA INTENSIVA Supporto delle funzioni vitali con tecniche invasive 6 posti letto rapporto infemiere / p.l. 1 : 2 TERAPIA SUBINTENSIVA Guardia rianimatoria H24 Criteri per l assegnazione dei pazienti alla terapia intensiva: 1.TIPO 2.Gestione HF (refrattario); embolia polmonare (PESI, Geneva) 3.Svezzamento intermedio da terapia intensiva (dopo estubazione con necessità monitoraggio/ventil non invasiva) 4.Gestione perioperatoria patologia vascolare (interventistica, ibrida) Area critica ter. subintensiva

7 Nessuna suddivisione dei p.l. per specialità Condivisione dei p.l. tra unità specialistiche diverse (Medicina Interna, Cardiologia, Nefrologia, Neurologia, Reumatologia) Durante le ore diurne guardia specialistica, durante le ore notturne guardia internistica (cardiologo presente in area critica) Assegnazione dei pazienti alle unità specialistiche da parte dei medici DEA in base a criteri predefiniti condivisi Criteri per l assegnazione dei pz alla S.C. Cardiologia cardiopatia ischemica (con esclusione dellinfarto miocardico acuto) scompenso cardiaco 1^ diagnosi in assenza di rilevanti comorbilità aritmie ipocinetiche che richiedono impianto di pacemaker aritmie ipercinetiche che non richiedono monitoraggio continuo Area High Care

8

9

10

11

12 Patologia prevalente UTIC anni Evoluzione verso Patologie complesse e pluripatologie Evoluzione della patologia nelle UTIC

13 Cardiorenal syndrome Cardiorenal syndrome A C S N I M V C V V H Acute HF Pulmonary edema Pulmonary edema I A B P Arrhythmias (storm) Arrhythmias (storm) Infezioni su devices Infezioni su devices Complicanze periprocedurali Complicanze periprocedurali acute aortic syndromes acute aortic syndromes Patologie complesse e pluripatologie Acute HF Post-anoxic coma Pulmonary embolism ECMO

14 Nuovi percorsi gestionali in UTIC Transizione epidemiologica-modifica case mix Concetto di letto funzionale (attivabile in termini operativi ed amministrativi nel caso di comprovata necessità nellambito dellarea critica) Definizione PDTA e percorsi fast track Nuove strategie terapeutiche

15 Nuovi percorsi gestionali in UTIC Concetto di letto funzionale (attivabile in termini operativi ed amministrativi nel caso di comprovata necessità nellambito dellarea critica) Definizione e condivisione dei PDTA percorsi fast track con area DEA Attivazione briefing di area/interdipartimentali per aggiornamento potenziale disponibilità letti

16 Ventilatore meccanico Contropulsatore Apparecchio per emofiltrazione Dotazioni strumentali ECMO

17 Mechanical respirators (including CPAP delivery systems to use with face mask): one machine for two beds Intra-aortic balloon pump: one consol every three beds up to the first six patients Haemodyalisis haemofiltration machine: should be available, more cost effective if supplied by different departments

18

19 Competenza clinica di base multi-disciplinare (pneumologia, nefrologia, diabetologia, terapia intensiva- rianimazione, etc.) Capacità di gestire in modo flessibile sotto il profilo clinico assistenziale procedure high tech Conoscenza nuove tecniche (ultrafiltrazione, IABP Conoscenza nuove tecniche (ultrafiltrazione, IABP ECMO, ventilazione, procedure emodinamiche) Interazione con diverse figure specialistiche dellarea critica - incontri inter-dipartimentali La Competenza Clinica del Cardiologo dellUTIC del Cardiologo dellUTIC


Scaricare ppt "IV Convention delle UTIC Lombarde 8-9 aprile 2011 LA NUOVA ORGANIZZAZIONE OSPEDALIERA PER INTENSITA DI CURA E LE UTIC: A CHE PUNTO SIAMO IN REGIONE LOMBARDIA?"

Presentazioni simili


Annunci Google