La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Autore: Valeria Sodano Etica Economia Ambiente (molte definizioni riportate in questa presentazione sono prese da Wikipedia) Le politiche ambientali hanno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Autore: Valeria Sodano Etica Economia Ambiente (molte definizioni riportate in questa presentazione sono prese da Wikipedia) Le politiche ambientali hanno."— Transcript della presentazione:

1 autore: Valeria Sodano Etica Economia Ambiente (molte definizioni riportate in questa presentazione sono prese da Wikipedia) Le politiche ambientali hanno come obiettivo la conservazione dei beni ambientali. I beni ambientali vanno preservati perchè hanno un valore (sono buoni) per la società. Per leconomia è buono per la società tutto ciò che accresce il benessere della società. Come si fa a definire cosa è bene? Vi è bisogno di un giudizio di valore. La definizione del bene è un problema affrontato dalla filosofia morale (etica).

2 autore: Valeria Sodano Come risolve il modello standard il problema morale? Accetta una visione utilitaristica a partire dallindividualismo metodologico. Il benessere della società è dato dalla somma del benessere dei singoli individui. Il benessere di ogni individuo è dato dallutilità da questi conseguita. Lutilità è definita sullo spazio dei beni che lindividuo consuma. Leconomia del benessere è qualla branca della teoria economica che affronta il problema del benessere della società L'Economia del benessere, che prende il nome dal titolo di un celebre libro dell'economista inglese Arthur Cecil Pigou, The Economics of Welfare, è una disciplina delleconomiache studia le ragioni e le regole di fenomeni sociali al fine di formulare soluzioni tali da tendere ad una situazione di ottimo socialeArthur Cecil Pigou

3 autore: Valeria Sodano L'Economia del benessere per trovare attuazione concepisce il ruolo centrale dell'attività dell'apparato statale, non come autonoma fonte di valori ma come aggregato delle volontà individuali, con oggetto la valutazione della desiderabilità sociale di situazioni economiche alternative, costruendo una graduatoria di diversi stati del mondo. È un'analisi di tipo normativo, che si preoccupa pertanto non solo di analizzare ma anche di valutare determinate situazioni economiche. L'Economia del benessere si basa su due criteri di valutazione fondamentali, l'efficienza e l'equità di un determinato stato del mondo. I giudizi di valore sono: 1) Ottimo paretiano: una situazione economica nella quale non è possibile accrescere il benessere di un individuo senza diminuire quello di un altro rappresenta una situazione di ottimo paretiano. Un ottimo paretiano è una condizione di unanimità circa l'impossibilità di raggiungere uno stadio migliore del mondo attraverso altre transazioni. 2) La valutazione del livello del benessere viene effettuata dall'individuo preso in esame e non da terzi. Il primo giudizio comporta il necessario consenso unanime della collettività presa in esame ed è il parametro principale per raggiungere la valutazione riguardo l'efficienza.

4 autore: Valeria Sodano Primo teorema delleconomia del benessere Un sistema di mercato perfettamente concorrenziale è in grado di realizzare un'allocazione ottimo-paretiana Secondo teorema delleconomia del benessere Modificando adeguatamente la distribuzione iniziale delle risorse tra gli individui e lasciando poi all'operare del mercato la realizzazione dell'allocazione efficiente delle risorse, è possibile raggiungere una diversa situazione di ottimo rispetto a quella realizzata con l'iniziale distribuzione delle risorse

5 autore: Valeria Sodano L' utilitarismo (dal latino utilis, utile) è una dottrina filosofica di natura etica per la quale è "bene" (o "giusto") ciò che aumenta la felicità degli esseri sensibili. Si definisce perciò utilità la misura della felicità di un essere sensibile.etica felicità Nel pensiero greco sono considerati utilitaristici filosofi come Protagora e, per certi versi, Epicuro, successivamente posizioni simili furono sviluppate dall'abate Galiani, da David Hume e Helvétius ProtagoraEpicuroabate GalianiDavid Hume Helvétius L'utilitarismo trova una formulazione compiuta nel XVIII secolo ad opera di Jeremy Bentham, il quale definì l'utilità come ciò che produce vantaggio e che rende minimo il dolore e massimo il piacere. Egli fa dell'etica una scienza quantificabile introducendo il concetto di algebra morale.XVIII secoloJeremy Benthametica Il suo pensiero fu ripreso da John Stuart Mill che nella sua opera intitolata Utilitarismo, del 1829, relativizza la quantità di piacere al grado di raffinatezza dell'individuo.John Stuart Mill1829

6 autore: Valeria Sodano L'analisi, però, si può estendere a livello complessivo. Nella formulazione originaria, infatti, l'utilità è una misura cardinale (o additiva) della felicità; essa è perciò aggregabile mediante l'operazione di somma. È quindi possibile misurare il "benessere sociale", definendolo come somma delle singole utilità degli individui appartenenti alla società.additivasommasocietà L'utilità diventa perciò il perno del ragionamento etico, e la sua diretta applicazione è che diversi stati sociali risultano comparabili a seconda del livello di utilità globale da essi generati, intesi come aggregazione del grado di utilità raggiunto dai singoli.etico Finalità della giustizia è la massimizzazione del benessere sociale, quindi la massimizzazione della somma delle utilità dei singoli, secondo il noto motto benthamiano: "Il massimo della felicità per il massimo numero di persone.giustizia L'utilitarismo è quindi una teoria della giustizia secondo la quale è "giusto" compiere l'atto che, tra le alternative, massimizza la felicità complessiva, misurata tramite l'utilità.teoria della giustizia

7 autore: Valeria Sodano Non hanno rilevanza invece considerazioni riguardo alla moralità dell'atto, o alla doverosità, né l'etica supererogatoria. Non vi è alcun giudizio morale aprioristico. Si prenda ad esempio l'omicidio: questo atto può essere considerato "giusto" allorquando comporti come conseguenza uno stato sociale con maggiore utilità totale. Difatti potrebbe succedere che un solo individuo perda utilità dalla propria morte, allorché gli altri membri della comunità guadagnino in utilità dalla sua scomparsa.omicidio Per tale ragione, si attribuisce all'utilitarismo una visione della giustizia di tipo consequenzialistico (altrimenti detto end-state oriented, o non aprioristico): la giustificazione di una scelta dipende dal risultato (in termini di utilità-felicità) che comporta per gli esseri sensibili. consequenzialistico L'unico presupposto aprioristico dell'utilitarismo è l'imparzialità: le varie utilità di ciascun individuo sono sommate, per formare l'utilità dello stato sociale, senza pesi di ponderazione; in altri termini ogni situazione contingente, ogni punto di vista ha eguale valore nella funzione di aggregazione del benessere sociale. valore Avendo definito giusto ciò che massimizza l'utilità, ne deriva una visione di giustizia di tipo allocativo, dove la giustizia è definita come la gestione efficiente dell'utilità sociale

8 autore: Valeria Sodano Uno dei critici contemporanei più incisivi è stato il pensatore inglese Bernard Williams ( ), i cui rilievi sono la base di gran parte delle attuali critiche all'utilitarismo, al consequenzialismo e al welfarismo. Williams ha affermato che l'utilitarismo può autorizzare il compimento degli atti peggiori se viene comunque salvaguardato il benessere degli individui. Per questo le nozioni di "benessere" o di "felicità", lungi dall'essere semplici e chiare, appaiono problematiche e spesso estremamente vaghe. Inoltre, l'utilitarismo non contempla la possibilità di un conflitto tra due istanze morali: infatti, esso sa sempre cosa fare (scegliere l'istanza più benefica) e non si pone il problema della complessa composizione del conflitto morale ma anche della sua vitale importanza per il progresso etico della società. Infine, Williams, accettando un rilievo che viene fatto all'utilitarismo anche dall'economista indiano Amartya Sen (n. 1933), evidenzia come l'utilitarismo tenda ad ignorare l'identità degli individui coinvolti, le loro esigenze profonde e la loro integrità, ossia la separatezza delle persone, il fatto che tra di esse ci siano delle differenze. Infine, Williams mette in evidenza come l'utilitarismo non sia in grado di rendere conto del valore degli atti supererogatori.Bernard WilliamsAmartya Sen Lo stesso Sen mette in evidenza come la nozione di preferenza razionale non possa essere il solo criterio per la scelta delle azioni da incentivare: infatti, ogni individuo esprime bisogni ed esigenze in modi diversi, non semplicemente preferendo una cosa ad un'altra. Inoltre, l'utilitarismo rischia di essere un sistema etico e politico ingiusto: esso infatti, impiegando come unico criterio di valutazione morale la somma totale delle utilità individuali, privilegia sempre le preferenze degli individui messi meglio. Qui Sen critica soprattutto il presupposto welfarista e quello dell'ordinamento-somma. Altre critiche sono venute dal comunitarismo, dal neo-contrattualismo, dagli intuizionisti.

9 autore: Valeria Sodano Secondo la logica utilitaristica se un sistema economico rispetta le condizioni dellequilibri economico generale e raggiunge pertanto un ottimo paretieno non vi è spazio per lazione pubblica. Resta il problema di una eventuale politica redistributiva che per la definizione degli obiettivi avrebbe comunque bisogno di giudizi morali esterni, na che per la sua attuazione può far riferimento al secondo teorema delleconomia del benessere. Nel caso in cui invece i fallimenti del mercato non consentono di raggiungere una situazione ottimale vi è spazio per una azione publica orientata alla massimizzazione del benessere collettivo. Le azioni da intraprendere vanno valutate rispetto ai risultati che permettono di ottenere valutati smpre secondo il criterio paretiano. Quando non è possibile conscere la vera funzione delle preferenze degli attori (il che è sempre vero per le preferenze dele generazioni future quando si vogliano conseguire obiettivi di sostenibilità)e/o quando ci si muove in condizioni di incertezza, la scelta delle politiche in base al principio utilitaristico non è più possibile e vi è bisogno di teorie etiche alternative.

10 autore: Valeria Sodano Le teorie alternative a disposizione dei policy makers, degli economisti e degli ambientalisti: Il neo contrattualismo di Rawls (John Rawls Una teoria della giustizia, 1971) Lapproccio delle capacità (capabilities approach) di Sen e Nussbaum (Diventare persone di Martha Nussbaum, 2000) Il principio responsabilità : unetica per la civiltà tecnologica(Hans Jonas,1979)

11 autore: Valeria Sodano Con "Una teoria della giustizia" Rawls tenta di superare la dottrinafilosofica dellutilitarismo, cioè, lidea secondo la quale una società giusta debba perseguire il maggior benessere possibile per il maggior numero di persone. Per Rawls la posizione utilitaristica tende a sacrificare gli interessi dellaminoranza. La concezione di giustizia rawlsiana si basa sull'idea che tutti i beni sociali principali devono essere distribuiti in modo eguale, una distribuzione ineguale può esserci solo se avvantaggia i più svantaggiati. Rawls utilizza due argomenti a sostegno delle sue idee. Con il primo argomento contrappone la sua teoria alla teoria delluguaglianza delle opportunità; il secondo argomento è quello del contratto sociale.

12 autore: Valeria Sodano Secondo Rawls, in una società che si fonda sull'uguaglianza delle opportunità le disuguaglianze di reddito sono giuste perché legate alla bravura di ogni singolo individuo. Egli non critica queste disuguaglianze ma le disuguaglianze immeritate.reddito Nascere ricchi o poveri non è un merito, nascere intelligenti o handicappati non è un merito, si tratta solo di essere più fortunati o meno.handicappati Egli ritiene che una giustizia distributiva equa deve tener conto delle disuguaglianze immeritate e creare un sistema dove i meno avvantaggiati possano ottenere il massimo possibile ma dove coloro che sono dotati di maggiore talento possano ricevere per questo il giusto tributo. Per creare una giustizia distributiva equa, Rawls utilizza, reinterpretandolo, lo strumento del contratto sociale, già utilizzato dal giusnaturalismo seicentescogiusnaturalismo

13 autore: Valeria Sodano Con il contratto sociale si ipotizza una situazione pre-sociale dove ogni individuo, chiamato a stabilire i principi di giustizia che dovranno governare la sua costituenda società, si trovi in una "posizione originaria", nell'incapacità cioè di conoscere e prevedere quale sarà il suo posto nella società (se sarà ricco o povero, se sarà intelligente o handicappato, eccetera) (c.d. "velo dell'ignoranza"). Rawls ritiene che trovandoci in questa situazione, e cioè non conoscendo in anticipo quali siano le nostre caratteristiche in termini di capacità, ricchezza, razza, genere, salute, ecc., sceglieremmo una società dove le ineguaglianze dovrebbero essere usate per migliorare la condizione dei più svantaggiati. Va notato che la "posizione originaria" non corrisponde allo "stato di natura" del contrattualismo moderno, immaginato come un ipotetico periodo storico precedente il patto sociale

14 autore: Valeria Sodano The Capability Approach is a conceptual framework developed by Amartya Sen and Martha Nussbaum for evaluating social states in terms of human well-being (welfare).Amartya SenMartha Nussbaumwell-being It emphasizes functional capabilities ("substantial freedoms", such as the ability to live to old age, engage in economic transactions, or participate in political activities); these are construed in terms of the substantive freedoms people have reason to value, instead of utility (happiness, desire-fulfilment or choice) or access to resources (income, commodities, assets).utility Poverty is understood as capability-deprivation. It is noteworthy that the emphasis is not only on how human beings actually function but on their having the capability, which is a practical choice, to function in important ways if they so wish. Someone could be deprived of such capabilities in many ways, e.g. by ignorance, government oppression, lack of financial resources, or false consciousness. This approach to human well-being emphasises the importance of freedom of choice, individual heterogeneity and the multi-dimensional nature of welfare. In significant respects, the approach is consistent with the handling of choice within conventional micro-economics consumer theory although its conceptual foundations enable it to acknowledge the existence of claims, like rights, which normatively dominate utility based claims (see Sen (1979)).

15 autore: Valeria Sodano Nussbaum (2000) frames these basic principles in terms of ten capabilities, i.e. real opportunities based on personal and social circumstance. This approach contrasts with a common view that sees development purely in terms of GNP growth, and poverty purely as income-deprivation. It has been highly influential in development policy where it has shaped the evolution of the human development index HDI has been much discussed in philosophy and is increasingly influential in a range of social sciences.HDI The ten capabilities Nussbaum argues should be supported by all democracies are: 1.Life. Being able to live to the end of a human life of normal length; not dying prematurely, or before one's life is so reduced as to be not worth living. 2.Bodily Health. Being able to have good health, including reproductive health; to be adequately nourished; to have adequate shelter. 3.Bodily Integrity. Being able to move freely from place to place; to be secure against violent assault, including sexual assault and domestic violence; having opportunities for sexual satisfaction and for choice in matters of reproduction. 4.Senses, Imagination, and Thought. Being able to use the senses, to imagine, think, and reason-- and to do these things in a "truly human" way, a way informed and cultivated by an adequate education, including, but by no means limited to, literacy and basic mathematical and scientific training. Being able to use imagination and thought in connection with experiencing and producing works and events of one's own choice, religious, literary, musical, and so forth. Being able to use one's mind in ways protected by guarantees of freedom of expression with respect to both political and artistic speech, and freedom of religious exercise. Being able to have pleasurable experiences and to avoid non-beneficial pain.

16 autore: Valeria Sodano 5) Emotions. Being able to have attachments to things and people outside ourselves; to love those who love and care for us, to grieve at their absence; in general, to love, to grieve, to experience longing, gratitude, and justified anger. Not having one's emotional development blighted by fear and anxiety. 6) Practical Reason. Being able to form a conception of the good and to engage in critical reflection about the planning of one's life. (This entails protection for the liberty of conscience and religious observance.) 7) Affiliation. Being able to live with and toward others, to recognize and show concern for other human beings, to engage in various forms of social interaction; to be able to imagine the situation of another. (Protecting this capability means protecting institutions that constitute and nourish such forms of affiliation, and also protecting the freedom of assembly and political speech.) Having the social bases of self-respect and non-humiliation; being able to be treated as a dignified being whose worth is equal to that of others. This entails provisions of non-discrimination on the basis of race, sex, sexual orientation, ethnicity, caste, religion, national origin and species. 8) Other Species. Being able to live with concern for and in relation to animals, plants, and the world of nature. 9) Play. Being able to laugh, to play, to enjoy recreational activities. 10) Control over one's Environment. Political. Being able to participated effectively in political choices that govern one's life; having the right of political participation, protections of free speech and association. Material. Being able to hold property (both land and movable goods), and having property rights on an equal basis with others; having the right to seek employment on an equal basis with others; having the freedom from unwarranted search and seizure. In work, being able to work as a human being, exercising practical reason and entering into meaningful relationships of mutual recognition with other workers.

17 autore: Valeria Sodano Riassumendo, questo libro è un grido: salvare la natura e con essa l'umanità. Ancor prima di rispondere ai classici interrogativi sullessere umano, il da dove, il come, il perchè della sua vita, questi "deve" oggi salvare le condizioni della sua stessa esistenza, onde rendere possibili quegli interrogativi e ogni etica conseguente. Ciò comporta un'etica prioritaria; quella della responsabilità (abilità a rispondere) di fronte al transeunte, decisamente minacciato di sparizione totale. Non quindi, almeno per ora, responsabilità di fronte all'eterno. (H.JONAS, IL PRINCIPIO RESPONSABILITA', Einaudi, Torino commento di Renato Pagotto (Fondazione "Stefanini")

18 autore: Valeria Sodano Le idee di Rawls, Sen e Nussbaum sono inscritte, più o meno strettamente, nel liberalismo politico (the rule of law), dove il concetto di giustizia è sempre associato ad un concetto di libertà e questo in un concetto di diritto nellambito di una concezione, liberale, di stato di diritto. Uscendo dai confini del liberalismo politico I concetti di giustizia e libertà possono essere declinati allinterno di concezioni politiche diverse, quali il: Comunitarismo (Il comunitarismo, o comunitarismo identitario, è un termine nato negli USA alla fine del XX secolo) per descrivere un movimento di stampo aristotelico di opposizione alla tradizione liberale di stampo anglosassone. Da questo identifica oggi un insieme di filosofie distinte ma unite dall'opposizione allindividualismo). Anarchismo (La parola "anarchia", per come è utilizzata dalla maggior parte degli anarchici, non ha nulla a che fare con il caos o lanomia; rappresenta piuttosto una forma egualitaria di relazioni umane stabilite ed effettuate intenzionalmente). Socialismo libertario (autogestione ed uguaglianza: da a ognuno secondo il proprio merito ad a ognuno secondo il suo bisogno)


Scaricare ppt "Autore: Valeria Sodano Etica Economia Ambiente (molte definizioni riportate in questa presentazione sono prese da Wikipedia) Le politiche ambientali hanno."

Presentazioni simili


Annunci Google