La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Limportanza della didattica della L2 nella Scuola Primaria Laboratorio Lingua Inglese I sem 2010-11 R.Leproni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Limportanza della didattica della L2 nella Scuola Primaria Laboratorio Lingua Inglese I sem 2010-11 R.Leproni."— Transcript della presentazione:

1 Limportanza della didattica della L2 nella Scuola Primaria Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

2 Importanza della didattica della L2 nella scuola primaria Indicazioni ministeriali PEL QCER Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

3 D.P.R. 12 febbraio 1985, n. 104 Nuovi Programmi del 1985 (D.P.R. 12 febbraio 1985, n. 104) Finalità da perseguire nellinsegnamento della lingua straniera : – aiutare ed arricchire lo sviluppo cognitivo offrendo un altro strumento di organizzazione delle conoscenze; – permettere al fanciullo di comunicare con altri attraverso una lingua diversa dalla propria; – avviare lalunno attraverso lo strumento linguistico, alla comprensione di altre culture e altri popoli – Si dà comunque una preferenza allinglese perché fornisceoccasioni più frequenti di esperienza e di rinforzo positivo Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

4 D.P.R. 12 febbraio 1985, n. 104 Sviluppo dellattività didattica: – è importante che lalunno sia in grado, al termine della scuola elementare, di sostenere una facile conversazione e una breve lettura che si riferisca ad esperienze concrete e di vita quotidiana. [ibidem] – lattività deve incominciare in maniera orale (capacità di comprendere i messaggi e di rispondere ad essi in maniera adeguata), per poi inserire in modo graduale messaggi in lingua scritta con la capacità di leggere brani in lingua e di produrne di molto semplici. – Si invita ad utilizzare materiali e metodologie motivanti (cartelloni, disegni, maschere, burattini e marionette,… giochi individuali e di gruppo) che porteranno ad acquisire le strutture grammaticali necessarie per compiere una riflessione sulle differenze e le analogie tra la propria lingua e la lingua straniera. NB: il bambino deve apprendere la lingua imparandone luso come strumento di comprensione e comunicazione e attraverso lutilizzo della traduzione e della grammatica. Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

5 D.M. 28 giugno 1991 Linsegnamento della lingua 2 viene reso obbligatorio a partire dalla classe seconda elementare con il D.M. 28 giugno 1991 > scelta ristretta tra inglese, francese, tedesco e spagnolo. Vengono identificate due categorie di insegnante per la L2: – Insegnante specialista > insegna solo la lingua straniera in sei o più classi – Insegnante specializzato > fa parte del team docente e possiede unabilitazione allinsegnamento della lingua 2. Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

6 Indicazioni per il curricolo (ministro Fioroni ) Esigenza di apprendere almeno due lingue comunitarie oltre litaliano > la prima nella scuola primaria e la seconda lingua nella scuola secondaria di primo grado. Lapprendimento di più lingue comunitarie favorisce – lacquisizione di una competenza pluriculturale e la comprensione del relativismo linguistico; – la possibilità di esercitare una cittadinanza attiva allinterno della Comunità Europea e oltre. Punto di riferimento per la programmazione e la valutazione ilQuadro comune europeo di riferimento per le lingue, del Consiglio dEuropa, utilizzato in via sperimentale nel progetto Lingue 2000 [Ministero della Pubblica Istruzione, Indicazioni per il Curricolo, Lingue Comunitarie pag ] Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

7 Council of Europe Il Portfolio Europeo delle Lingue (PEL, nella dicitura internazionale ELP: European Language Portfolio) Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle Lingue (QCER, nella dicitura internazionale CEFR: Common European Framework of Referente for Languages) Elaborati dal Consiglio dEuropa (Council of Europe), che si occupa di politiche di integrazione culturale e salvaguardia delle lingue parlate in Europa, promuovendo il plurilinguismo per raggiungere obiettivi di tolleranza e comprensione reciproca. Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

8 Portfolio Europeo delle Lingue Il PEL è un documento che permette a chi studia una o più lingue straniere di registrare progressi e risultati del proprio apprendimento nel corso di tutto larco della vita quindi può cominciare fin dalla scuola primaria.PEL Sul piano europeo serve – a promuovere il plurilinguismo e il pluriculturalismo, – a rafforzare la collaborazione e il confronto tra i sistemi scolastici dei vari Paesi Europei. Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

9 Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle Lingue QCER > Fornisce i livelli di apprendimento in cui inquadrare le proprie competenze riguardanti la o le lingue straniere. QCER I livelli sono espressi attraverso descrittori facili da comprendere e da utilizzare, ma soprattutto sono uguali per tutte le lingue e per tutti i Paesi membri dellUnione Europea. Intento di agevolare il plurilinguismo, il libero spostamento delle persone allinterno dellUnione, mettere in atto procedure per facilitare il life-long learning. Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

10 Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle Lingue Scuola primaria: Per insegnare la L2 ai docenti è richiesto come livello minimo il B1 in tale lingua. Il livello che deve essere raggiunto dai bambini al termine della scuola primaria è quello A1. Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

11 Content and Language Integrated Learning - CLIL Insegnamento della L2 attraverso i contenuti di altre discipline. – non si basa su delle teorie linguistiche o dellapprendimento – approccio pratico che comunque esprime meglio il suo potenziale se coadiuvato dalla didattica comunicativa (Claudia Bianchi, 2004). Le origini di questo approccio sono legate ai corsi di insegnamento delle lingue full-immersion utilizzati negli anni Settanta soprattutto in Canada, dove il bilinguismo è sempre stata una necessità dettata dalla presenza di due comunità linguistiche distinte (inglese e francese oltre a quella dei nativi). In Italia la maggiore esperta riguardo il CLIL e Gisella Langé che ha condotto svariate ricerche e scritto molte opere che illustrano al meglio le caratteristiche di questa metodologia. Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

12 Content and Language Integrated Learning - CLIL Lutilizzo del CLIL presuppone nel docente la conoscenza sia della lingua sia della materia che ne veicolerà linsegnamento.CLIL È fondamentale per linsegnante analizzare le proprie competenze per capire se siano sufficienti a permettere di adottare il CLIL. Nella scuola primaria, quando si vogliono trasmettere contenuti (soprattutto se scientifici) occorre essere certi che i bambini li conoscano già in italiano – quando si adotta il CLIL nella scuola primaria è concesso lutilizzo della lingua materna proprio per spiegare i concetti che sono nuovi per i bambini (Claudia Bianchi, 2004). Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

13 Content and Language Integrated Learning - CLIL Il CLIL si pone come un approccio che esprime tante potenzialità: – laumento della motivazione, – la possibilità di esercitare la competenza comunicativa, – lutilizzo di materiali autentici, – il potenziamento delle abilità ricettive. Allo stesso tempo richiede ladozione di molti accorgimenti tra cui: – lattenzione nellevitare lezioni esclusivamente frontali, in cui a parlare è quasi sempre solo il docente,; – promuovere situazioni che sollecitino la comunicazione da parte degli allievi. Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

14 Importanza della didattica della L2 nella scuola primaria Fattori da considerare per lapprendimento della L2 (rispetto al discente): stili di apprendimento personalità dellapprendente e i suoi stati emotivi motivazione letà del discente Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

15 Importanza della didattica della L2 nella scuola primaria Fattori da considerare per lapprendimento della L2 (rispetto al docente): Preparazione Disposizione Motivazione Laboratorio Lingua Inglese I sem R.Leproni

16 Bibliografia C. Bianchi, P.G. Corasaniti, N. Panzarasa, Linglese nella scuola Primaria. Linsegnamento della lingua straniera in una dimensione europea, Carocci Faber, Roma 2004 Eurodyce, Apprendimento integrato di lingua e contenuto (Content and Language Integrated Learning - CLIL) nella scuola in Europa. C. Humphris, M. De Carlo, English through Play, Anicia, Roma 1994 Ministero della Pubblica Istruzione, Indicazioni per il Curricolo, Roma 2007 Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca: Il Portfolio Europeo delle Lingue: informazioni di base. Documento prodotto dal Gruppo Tecnico di Supporto sul Portfolio delle Lingue istituito dalla Direzione Generale per gli Affari Internazionali dell'Istruzione Scolastica. Settembre guida guida Nuovi Programmi del 1985, D.P.R. 12 febbraio 1985 Laboratorio Lingua Inglese I e II R.Leproni


Scaricare ppt "Limportanza della didattica della L2 nella Scuola Primaria Laboratorio Lingua Inglese I sem 2010-11 R.Leproni."

Presentazioni simili


Annunci Google