La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Di che cosa si occupa la macroeconomia? La macroeconomia si occupa dello studio della struttura e del funzionamento del sistema economico aggregato, nonché

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Di che cosa si occupa la macroeconomia? La macroeconomia si occupa dello studio della struttura e del funzionamento del sistema economico aggregato, nonché"— Transcript della presentazione:

1 Di che cosa si occupa la macroeconomia? La macroeconomia si occupa dello studio della struttura e del funzionamento del sistema economico aggregato, nonché delle politiche che i governi utilizzano per cercare di influenzare i risultati economici aggregati mentre la microeconomia studia il comportamento dei singoli mercati la macroeconomia analizza il comportamento delleconomia nel suo insieme per fare questo utilizza variabili aggregate ossia aggregazioni di singole variabili microeconomiche si studiano i movimenti aggregati della produzione (di tutti i beni), della disoccupazione (nelleconomia considerata nel suo insieme) e dei prezzi (non di un singolo bene ma di tutti i beni presi insieme, ossia il livello generale dei prezzi e la sua dinamica: linflazione) gli attori non sono più singoli individui o singole imprese bensì gruppi di individui che hanno comportamenti comuni come i consumatori che decidono il livello dei consumi o le imprese che decidono il livello complessivo della produzione, gli investimenti e la domanda di lavoro

2 Instabilità delle economie di mercato sebbene le economie sviluppate siano caratterizzate dalla continua crescita del prodotto nel corso del tempo, tale crescita è tuttaltro che uniforme: fasi espansive (espansioni, fasi di crescita), fasi di stagnazione (crescita nulla) e fasi recessive (recessioni, fasi di crescita negativa) si alternano nel tempo, associate a variazioni della disoccupazione e dellinflazione occasionalmente le recessioni si trasformano in vere e proprie depressioni, a volte accompagnate da deflazione (inflazione negativa, declino del livello dei prezzi), come la Grande Depressione degli anni 30 (o la recente depressione che ha colpito leconomia del Giappone). scopo principale della macroeconomia è spiegare questi movimenti del livello dellattività economica, della disoccupazione e dei prezzi al fine di offrire strumenti di intervento in grado di controllarne landamento e attenuarne le oscillazioni

3 Le oscillazioni delleconomia tempo Y

4

5 Italia: tasso di crescita del prodotto nazionale La sostanziale stabilità della crescita nel lungo periodo nasconde una forte variabilità nel breve. = tasso di crescita medio nel periodo

6

7

8 Tasso di disoccupazione tasso di disoccupazione = disoccupati/ forza lavoro forza lavoro = occupati + disoccupati Tasso di disoccupazione = In Italia nel 1991 Tasso di disoccupazione = disoccupati occupati + disoccupati = 10,9%

9 Indice dei prezzi al consumo (IPC) prezzo pane tempo t prezzo pane tempo 0 x 100 x quota pane + prezzo carne t prezzo carne 0 + x 100 x quota carne + var. ponderate altri prezzi IPC(t) = Anno base (0) = 2006 = 100Anno corrente (t) = 2007 IPC (2003) = 3,1/3 x 100 x 0,4 + 8,2/8 x 100 x 0,6 = 102,8 viene calcolato a partire da un paniere di beni e servizi rappresentativo dei consumi della popolazione

10 Tasso di inflazione IPC(t)-IPC(t-1) IPC(t-1) x 100 = 102, = 2,8% Tasso di inflazione =

11 problemi nel calcolo dellIPC se i prezzi relativi cambiano i consumatori sostituiscono i beni più cari con altri, il paniere cambia ma il metodo di calcolo non ne tiene conto se nel mercato vengono introdotti nuovi beni (es. televisori al plasma), le possibilità di scelta aumentano. A parità di reddito monetario il consumatore sta meglio, ma non se ne tiene conto la qualità dei beni può migliorare o peggiorare. Nel primo caso, a parità di reddito, il consumatore sta meglio, nel secondo sta peggio ma anche questi cambiamenti non vengono considerati

12 Deflatore del PIL (prodotto interno lordo) prezzo quantità prezzo quantità CD DVD PIL nominale 2004 = 10 x x 1200 = PIL nominale 2005 = 11 x x 1300 = PIL reale 2005 = 10 x x 1300 = Deflatore = PIL nominale/ PIL reale = 40700/37000 = 1,1 oppure 49000/37000 x 100 = 110

13 Tasso di crescita del PIL reale differenze fra IPC e deflatore del PIL il deflatore del PIL misura i prezzi dei beni prodotti allinterno delleconomia, lIPC quelli di tutti i beni acquistati dai consumatori compresi quelli importati il paniere è costante nel calcolo dellIPC ma varia nel calcolo del deflatore

14 variabili reali e nominali ciò che è importante non è il valore monetario (nominale) del reddito ma la quantità di beni che con quel redito si possono acquistare (valore reale) se una obbligazione rende il 5% (rendimento nominale) ma il tasso di inflazione è pari al 2% il rendimento reale è 5% - 2% = 3% il tasso di interesse nominale è il tasso di interesse che la banca paga sui depositi, ma quello che ci interessa è il tasso reale, oggi il tasso reale è negativo tasso nominale = 0,5% tasso di inflazione = 2% tasso reale = 0,5% - 2% = -1,5%

15 Misurazione del PNL (prodotto nazionale lordo) metodo dei beni finali C = beni di consumo I = beni di investimento G = beni di consumo pubblici + beni di investimento pubblici X = esportazioni M = importazioni PNL = C + I + G + X - M metodo del valore aggiunto PNL = valore aggiunto = beni totali prodotti - beni intermedi valore aggiunto di unimpresa = ricavi - acquisti da altre imprese valore aggiunto complessivo = somma dei ricavi di tutte le imprese - somma di tutti gli acquisti delle imprese le une dalle altre

16 Valore aggiunto nella produzione del pane Stadio di produzione RicaviCosti materiali o beni intermedi Valore aggiunto grano 250 farina pane totale

17 Misurazione del PNL (prodotto nazionale lordo) metodo dei redditi ricavi di unimpresa = profitti + salari + pagamenti di interessi + imposte + acquisti da altre imprese (costo dei beni intermedi) ricavi di unimpresa - acquisti da altre imprese = profitti + salari + pagamenti di interessi + imposte = valore aggiunto profitti + salari + pagamenti di interessi + imposte di tutte le imprese = valore aggiunto nazionale = PNL Prodotto aggregato = reddito aggregato prodotto nazionale netto (PNN) = PNL - ammortamenti prodotto nazionale al costo dei fattori (PNCF) = PNL - imposte dirette prodotto interno lordo (PIL) = PNL - redditi dei cittadini italiani residenti allestero

18 Impresa siderurgicaImpresa itticaImpresa automobilistica Ricavi 400Ricavi 200Ricavi 1000 Costi (salari) 340Costi (salari) 160Costi: salari 500 acquisti di acciaio 400 Profitti 60Profitti 40Profitti 100 PIL come valore dei beni finali = 1200 PIL come Valore Aggiunto (400-0)+(200-0)+( ) = 1200 PIL come somma dei redditi (340+60) + (160+40) + ( ) = 1200 Calcolo del PIL in uneconomia costituita da tre imprese

19 Non di solo PIL vive luomo PIL GPI: Genuine Progress Indicator L'associazione Redefining Progress calcola il Genuine Progress indicator che misura laumento del reddito nel tempo con una serie di aggiustamenti come: sottrarre i costi sociali dovuti alla criminalità, all'inquinamento e al deterioramento delle risorse naturali; aggiungere al PIL il valore del lavoro svolto all'interno della famiglia e del volontariato; tener conto dell'equità distributiva, delle infrastrutture, della disponibilità di tempo libero e altre cose.

20 Circuito macroeconomico della spesa famiglie Stato resto del mondo imprese mercato finanziario mercato dei beni e servizi mercato del lavoro importazioni (M)

21 La crescita delleconomia nel lungo periodo Perché uneconomia cresca è necessario che aumentino i fattori produttivi e le risorse impiegati nella produzione oppure che lefficienza produttiva dei fattori aumenti oppure entrambe le cose i fattori produttivi possono aumentare per motivi non economici (popolazione) o perché leconomia destina risorse alla loro accumulazione (capitale) lefficienza dipende dal progresso tecnico dopo il 1500 la popolazione cresce a causa della fine delle pestilenze la produttività cresce ancora di più e risorse in eccesso possono essere destinate allinvestimento i progressi della scienza fanno aumentare il tasso di progresso tecnico

22 I fatti della crescita Dopo le guerre napoleoniche Europa e USA entrano in un periodo di rapida crescita che continua fino a oggi tasso di crescita medio = 2.7% = otto volte quello del periodo protocapitalistico la produttività del lavoro cresce a un tasso crescente : UK0,5% : UK1,4% : USA2,3% Tra il 50 e il 73 tassi più alti (golden age) Italia: 5.0% Giappone: 8.0% la crescita si riduce dopo il 73 nei paesi industrializzati ma aumenta nei paesi asiatici (Corea, Singapore, Cina,India ecc.)

23 Fattori che influenzano la crescita ASPETTI ISTITUZIONALI: fiducia nella capacità dell'uomo di controllare la natura e piegarla ai propri bisogni grazie alla scienza e tecnologia cadono i vincoli feudali all'acquisto e vendita della proprietà, diritti di proprietà protetti sistema fiscale meno arbitrario e più prevedibile sviluppo di istituzioni finanziarie e assicurative che garantiscono il credito e attenuano il rischio nascita degli stati nazionali e ampliamento dei mercati, interscambio non solo commerciale ma anche intellettuale, quindi maggiore competizione e innovazione.

24 RISORSE NATURALI: più importanti nell'800 meno oggi perché le risorse esauribili vengono sostituite con altre più produttive (carbone con petrolio, energia elettrica etc.) POPOLAZIONE: comincia a crescere nel 600 esplode dall'inizio dell'800. Effetti: cresce la forza lavoro cresce il mercato dei consumatori una crescita eccessiva riduce l'accumulazione di capitale CAPITALE UMANO: i livelli di istruzione crescono da 2 anni a 11 tra il 1820 e oggi. Effetti: stimola la crescita delle conoscenze e delle invenzioni rende possibile l'utilizzo delle innovazioni tecnologiche. CAPITALE FISICO: l'aumento del reddito pro-capite consente un maggiore risparmio. Il risparmio viene utilizzato per finanziare gli investimenti. L'accumulazione del capitale consente l'introduzione di nuove tecnologie

25 PROGRESSO TECNICO: accresce la produttività delle risorse naturali, del capitale umano introduce nuovi prodotti trasforma i processi produttivi CAMBIAMENTO STRUTTURALE: la struttura della produzione si trasforma cresce il peso di settori più produttivi (industria) diminuisce quello dei settori meno produttivi (agricoltura) COMMERCIO INTERNAZIONALE: fino all'ottocento qualcuno guadagna qualcuno perde. Dal 1820 il commercio è cresciuto più della produzione migliorando l'allocazione delle risorse, la produttività grazie alla specializzazione ed economie di scala.

26 Esistono limiti alla crescita? LeLe equilibrio di sussistenza

27 K Q 1 2 Progresso tecnico investimenti sostituzione 3

28 reddito pro capite in dollari e in PPP Luxembourg80,288 Luxembourg69,800 Norway64,193 Norway42,364 Iceland52,764 United States41,399 Switzerland50,532 Ireland40,610 Ireland48,604 Iceland35,115 Denmark47,984 Denmark34,740 Qatar43,110 Canada34,273 United States42,000 Hong Kong, SAR33,479 Sweden39,694 Austria33,432 Netherlands38,618 Switzerland32,571 Malawi161 Malawi596

29 Convergenza fra stati U.S.A.

30 Convergenza fra paesi industrializzati

31 Convergenza nel mondo

32 Trappola della povertà

33

34 mercato finanziario famiglie mercato dei fattori Stato imprese mercato dei beni e servizi mercato finanziario

35 Mercati finanziari Mercati finanziari: sono le istituzioni finanziarie attraverso le quali i risparmiatori possono finanziare direttamente gli investitori Il mercato obbligazionario Lobbligazione è un titolo di credito che da diritto al possessore alla restituzione del valore nominale del titolo dopo un certo periodo di tempo e al pagamento periodico di un interesse Il mercato azionario Le azioni rappresentano quote di proprietà di una azienda e danno diritto a partecipare alla suddivisione dei profitti realizzati. Le azioni rappresentano un finanziamento con capitale di rischio Le obbligazioni sono un finanziamento mediante indebitamento

36 Le funzioni fondamentali dei mercati finanziari Ridurre i costi di transazione Ridurre il rischio Fornire liquidità

37 Intermediari finanziari Le banche Le banche raccolgono i depositi dei risparmiatori e li impiegano per concedere prestiti agli investitori. Le banche corrispondono un interesse al depositante (interesse passivo) e richiedono ai propri debitori un interesse sui prestiti concessi (interesse attivo) Le banche oltre a essere intermediari finanziari facilitano lo scambio di beni e servizi permettendo ai titolari di depositi bancari di emettere assegni (mezzi di pagamento) I fondi comuni di investimento Sono istituzioni che vendono al pubblico proprie quote di partecipazione e con il ricavato acquistano una selezione, detta portafoglio, di titoli azionari e obbligazionari Una delle funzioni fondamentali dei fondi comuni è di consentire una diversificazione del rischio

38 Il mercato dei fondi mutuabili Per leconomia nel suo complesso il risparmio deve essere uguale allinvestimento. Grazie al funzionamento del sistema finanziario (mercato obbligazionario, azionario, fondi comuni di investimento, banche che insieme costituiscono il mercato dei fondi mutuabili) il risparmio viene trasformato in investimento e si raggiunge lequilibrio In questo mercato operano: tutti i risparmiatori (sia privati che pubblici) che vogliono impiegare i propri risparmi: offerta di fondi mutuabili tutti i prenditori che desiderano ottenere prestiti per i propri investimenti: domanda di fondi mutuabili Il prezzo nel mercato dei fondi mutuabili è dato dal tasso di interesse, che rappresenta il costo dellinvestimento per i prenditori e il rendimento del risparmio per i risparmiatori. Pertanto sia lofferta che la domanda di fondi mutuabili dipendono dal tasso di interesse che rappresenta il prezzo dei prestiti

39 Domanda e offerta di fondi mutuabili Come ogni altro mercato, il mercato dei fondi mutuabili è governato dalla domanda e dallofferta. Curva di offerta di fondi mutuabili (o risparmio): proviene da chi ha un reddito che eccede le proprie necessità di consumo e risparmia, rendendo disponibili i propri risparmi per prestiti. Un elevato tasso di interesse rende il risparmio più redditizio, quindi al crescere del tasso di interesse la quantità di fondi mutuabili offerta aumenta: la curva di offerta è inclinata positivamente. Curva di domanda di fondi mutuabili (o investimento): proviene da imprese e individui che desiderano farsi finanziare un investimento. Al crescere del tasso di interesse i prestiti diventano più costosi, quindi la quantità domandata diminuisce: la curva di domanda è inclinata negativamente.

40 Domanda e offerta di fondi mutuabili i F i1i1 F1F1 D Rendimento di un investimento Tasso di rendimento = costi dellinvestimento ricavi dellinvestimento – costi dellinvestimento x 100 i F O DomandaOfferta

41

42

43 Le scelte intertemporali Le decisioni di risparmio e di investimento implicano una scelta fra benefici/costi che si realizzano nel momento in cui la decisione viene presa e benefici/costi che si manifesteranno in un momento futuro. Un risparmiatore che decide di prestare i propri risparmi rinuncia a consumare oggi beni e servizi per poterne consumare di più in un momento futuro. Allo stesso modo un imprenditore che decide di effettuare un investimento sta sopportando oggi un costo per ottenere profitti in un momento futuro. Come si fa a stabilire se è conveniente scambiare una certa somma che si possiede oggi con unaltra che si potrà avere in un momento futuro?

44 Somme attuali e future Rinunciare al consumo oggi per consumare domani comporta un sacrificio che viene remunerato dal mercato. Se si presta denaro la somma che verrà restituita è superiore a quella prestata. La differenza è data dallinteresse che il debitore è tenuto a pagare. La valutazione che il mercato da della somma di 1000 euro disponibili oggi è quindi diversa da quella di 1000 euro disponibili fra un anno. La prima è valutata più della seconda. Questo accade perché chiunque presti 1000 euro oggi a una banca riceverà indietro fra un anno 1000 euro aumentati dellinteresse. Per valutare la convenienza di un prestito un risparmiatore deve confrontare quanto presta oggi (somma attuale) con quanto riceverà al momento della restituzione (somma futura).

45 Valore attuale Ciò equivale a domandarsi: quale è la somma massima che sarei disposto a prestare oggi per riavere indietro 1100 euro fra un anno? La risposta dipende da quanto il mercato remunera il sacrificio del consumo, cioé dal tasso di interesse. Sarei disposto a prestare quella somma che, aumentata degli interessi, mi consente di avere 1100 euro fra un anno. Se il tasso di interesse corrente sul mercato è il 10% la somma in questione equivale a: S + S x 10% = 1100 S (1+0.1) = 1100 S = 1100/(1.1) = 1000 Se scambio oggi 1000 euro contro 1100 euro fra un anno significa che 1000 è quanto valuto oggi una somma di 1100 euro che sarà disponibile fra un anno se il tasso di interese è il 10%, ossia è il suo valore attuale. Loperazione di calcolo del valore attuale è detta operazione di sconto.

46 Se il prestito dura 2 anni Ipotizziamo che dopo due anni la somma restituita sia pari a 1210 euro. Sarei disposto a prestare quella somma che, aumentata degli interessi ogni anno, mi consente di avere 1210 euro fra due anni. Se il tasso di interesse corrente sul mercato è il 10% alla fine del primo anno la somma diventerà: S + S x 10% = S (1+0.1) Per prolungare il prestito di un altro anno la somma maturata alla fine del primo anno aumentata degli interessi dovrà essere uguale alla somma restituita ossia: S (1+0.1) + S (1+0.1) x 0.1 = 1210 S (1+0.1) x (1+0.1) = 1210 S (1+0.1) 2 = 1210 S = 1210/ (1.21) = 1000 Se il prestito dura n anni avremo in generale VA = SF/(1+i) n

47 Rendimento di un investimento Posso pormi il problema anche in un altro modo: se acquisto unobbligazione al prezzo di 1000 euro sapendo che alla scadenza, fra un anno, mi verrà restituita la somma di 1050 euro quanto rende lobbligazione? somma attuale + rendimento = somma futura restituita x r = x r = r = 50/1000 = 5% Possiamo anche scrivere SA + SA x r = SF SA x (1+r) = SF SA = SF/(1+r) In caso di scadenza fra due anni diventa: SA = SF/(1+r) 2 In generale per n anni avremo: SA = SF/(1+r) n

48 Valore attuale tasso di interesse (sconto) e rendimento sono collegati fra loro SA = SF/(1+r) n VA = SF/(1+i) n Pertanto se SA=VA allora i = r se SA>VA allora i > r se SA

49 Come valutare la convenienza ad investire in borsa? Investire in borsa significa scambiare una somma attuale con una somma futura o un flusso di somme future. In generale è conveniente acquistare un titolo se il valore attuale della somma futura che esso ci garantisce è superiore al prezzo di acquisto oppure se il suo rendimento è superiore al tasso di interesse di mercato. Nel caso delle obbligazioni il calcolo del valore attuale è relativamente più semplice perché la somma che verrà restituita è stabilita inizialmente. Questo è vero se il titolo viene portato a scadenza, in caso contrario è difficile prevedere la quotazione al momento in cui si deciderà di venderlo. Nel caso delle azioni la valutazione è molto più difficile perchè bisogna prevedere quali saranno i profitti dellimpresa negli anni futuri. Le azioni sono quindi più rischiose e, per questo motivo, hanno in genere un rendimento maggiore.

50 Il mercato dei titoli Se un singolo risparmiatore dovesse fare da solo queste valutazioni non avrebbe gli strumenti nè le risorse necessarie per farle. Sul mercato esistono società e individui specializzati in queste analisi che ogni giorno valutano i titoli e che maturano opinioni diverse. Coloro che ritengono che il prezzo di un titolo sia minore del suo valore attuale decideranno di acquistarlo, chi fa una valutazione opposta preferirà vendere. Ci sarà quindi una domanda e unofferta, il prezzo di un titolo è determinato dal loro incontro. Il prezzo di un titolo è quindi il risultato di decisioni che riflettono tutte le informazioni raccolte dai diversi operatori sul loro valore. Esso riflette quindi la migliore valutazione possibile di quel titolo (ipotesi dei mercati efficienti)

51 Le borse sono stabili? Le decisioni di domanda e offerta non dipendono solo dal confronto fra valore attuale e prezzo del titolo oggi ma anche dal confronto fra il prezzo attuale e quello che ci si aspetta sarà il suo prezzo domani. La logica degli speculatori è: acquistare se il prezzo oggi è più basso del prezzo atteso per domani vendere in caso contrario Questa logica dovrebbe stabilizzare il mercato perché: se il prezzo è molto alto rispetto al valore attuale, molti pensano che cadrà in futuro e tendono a vendere facendolo così cadere se il prezzo è molto basso rispetto al valore attuale, molti pensano che aumenterà in futuro e tendono ad acquistare facendolo così aumentare.

52 Dalle stelle alle stalle In realtà le borse sono molto instabili e alternano fasi di boom delle quotazioni a crolli vertiginosi. Questo dipende dal fatto che in borsa le profezie molto spesso si autoavverano. Se gli operatori più informati pensano che il prezzo di un titolo salirà lo acquistano ma questo fa salire il prezzo. Gli altri meno informati vedendo i prezzi salire si accodano nellacquisto facendo aumentare ancora di più i prezzi. Laumento dei prezzi si autosostiene perché tutti pensano che andrà avanti e continuano ad acquistare. A un certo punto, quando non esiste più alcuna relazione fra il prezzo e il valore attuale, qualcuno si accorge che il titolo è sopravalutato e incomincia a vendere e gli altri si accodano innescando il processo inverso.

53 Le rilevazioni del mercato del lavoro in Italia I dati ufficiali sul mercato del lavoro in Italia provengono dallIstituto Centrale di Statistica (ISTAT) che conduce la Rilevazione trimestrale delle forze lavoro in conformità con la metodologia dellUnione Europea. Obiettivo principale di questa indagine campionaria, condotta tramite interviste, è la stima ufficiale degli occupati e delle persone in cerca di occupazione.

54 Misure del mercato del lavoro Tasso di attività (o tasso di partecipazione) misura la percentuale di forza lavoro sulla popolazione attiva Tasso di occupazione misura la percentuale della popolazione che risulta occupata Tasso di disoccupazione calcolato come la percentuale di forza lavoro disoccupata

55

56 Tasso naturale di disoccupazione: misura la disoccupazione presente nel lungo periodo, può essere considerato come il tasso di disoccupazione normale delleconomia Che cosa misura il tasso di disoccupazione? Non è facile distinguere tra chi è disoccupato e chi non appartiene alla forza lavoro. i lavoratori scoraggiati sono coloro che avrebbero voluto lavorare ma hanno rinunciato a cercare lavoro dopo una lunga serie di insuccessi altri invece dichiarano di essere disoccupati per ricevere aiuti finanziari anche se non hanno nessuna intenzione di cercare un lavoro. I periodi di disoccupazione sono per la maggior parte brevi gran parte della disoccupazione osservata è di lungo periodo ossia pochi lavoratori che restano senza lavoro per un lungo periodo di tempo.

57 Tipi di disoccupazione Si parla di disoccupazione frizionale (disoccupazione temporanea) quando ci si riferisce alla disoccupazione causata dal tempo che i lavoratori impiegano a trovare il lavoro che risponde meglio alle loro aspirazioni la disoccupazione strutturale è dovuta a discrepanze fra domanda e offerta di lavoro a causa di: qualifiche inadeguate e obsolete difficoltà di trasferimento dei disoccupati da aree a forte disoccupazione ad aree dove esiste un eccesso di domanda di lavoro la disoccupazione ciclica è dovuta invece agli alti e bassi dellattività economica. Durante le fasi di espansione la produzione aumenta e le imprese domandano più lavoro, la disoccupazione si riduce il contrario accade nelle fasi di crisi

58 disoccupazione crisi boom

59 Tasso di disoccupazione naturale Il tasso di disoccupazione naturale è la somma della disoccupazione frizionale e di quella strutturale

60 Salario efficiente

61 Che cosa è la moneta? la moneta è tutto ciò che viene generalmente accettato come intermediario degli scambi

62 La moneta non è soltanto ciò a cui usualmente attribuiamo questo nome ovvero le banconote e le monete metalliche storicamente sono stati usati come monete i beni più vari dal grano allolio, il vino, il sale, i metalli preziosi e perfino le pietre (moneta merce) In teoria qualunque cosa che possa essere utilizzata per effettuare diversi scambi può essere considerata moneta Normalmente questi mezzi di pagamento dovevano avere un valore intrinseco per essere accettati Nel passato le monete venivano coniate in oro o in argento proprio per questo motivo Successivamente cominciarono a circolare banconote cartacee (moneta cartacea) ma esse avevano una copertura aurea, ossia il possessore di una banconota poteva in qualunque momento chiedere di cambiarla con il valore equivalente in oro

63 Oggi solo la banca centrale può emettere banconote e laccettazione della moneta cartacea è prescritta dalla legge. Si parla in questo caso di circolazione forzosa. La moneta che ha questa caratteristica è denominata moneta legale. anche oggi le banconote e le monete sono una parte molto limitata dellinsieme dei mezzi di pagamento tra i quali sono da includere i titoli di credito, i depositi postali e perfino le cambiali ciò che differenzia tutti questi mezzi di pagamento è la loro liquidità, cioè la facilità con cui possono essere scambiati con beni o servizi tale facilità dipende dal fatto che siano generalmente accettati e questo, a sua volta, dipende dalla credibilità di chi li mette in circolazione

64 Aggregati monetari nell'area dell'Euro M1 è la componente più liquida, cioè più facilmente spendibile, è rappresentata da: - monete metalliche e banconote (circolante o base monetaria); - conti correnti di banche e poste; - assegni circolari e vaglia cambiari; - depositi in conto corrente presso il Tesoro. M2 comprende M1 più altre attività finanziarie meno liquide ma facilmente convertibili in attività liquide (quasi moneta), vale a dire: - certificati di deposito bancario con scadenza entro 18 mesi; - depositi di risparmio bancari, libretti postali e depositi di conto corrente vincolati. M3 include oltre a M2: - pronti contro termine ed altri strumenti di raccolta a breve termine; - titoli di credito con scadenza a due anni; - quote di fondi comuni monetari;

65

66 Creazione di depositi bancari riserve = 1000depositi = 1000 totale = 1000 riserve = 200 prestiti = 800 depositi = 1000 totale = 1000 riserve = 800depositi = 800 totale = 800 riserve = 160 prestiti = 640 depositi = 800 totale = 800 situazione iniziale della banca Asituazione finale della banca A situazione iniziale della banca B situazione finale della banca B attivo passivo

67 Nuovi depositi Nuovi prestiti Nuove riserve Banca A Banca B Banca C Banca D Banca E ………….. Banca N000 Totale

68 Moltiplicatore bancario

69

70 Il controllo della moneta La banca centrale (oggi in Europa la BCE) controlla la quantità di moneta circolante (moneta legale + moneta bancaria) mediante tre strumenti: operazioni di mercato aperto riserva obbligatoria tasso ufficiale di sconto

71 La domanda di moneta nel lungo periodo La quantità di moneta che la gente domanda è quella che desidera trattenere presso di sé per effettuare scambi in ogni momento del tempo circola nelleconomia una certa quantità di moneta (banconote, depositi bancari) che è detenuta da: - consumatori per effettuare le spese quotidiane - imprese per pagare fornitori, lavoratori ecc. - banche in parte come riserve obbligatorie, in parte come liquidità per far fronte a prelievi, in parte come depositi a disposizione dei clienti la moneta detenuta dipende dal valore delle transazioni da effettuare che, a sua volta, dipende dal numero di transazioni e dai prezzi dei beni e servizi scambiati

72 1/p 1 M3M3 D M1M1 1/p O1O1 1/p 3 M1M1 Equilibrio nel mercato della moneta 1/p 1 O2O2 D M 1/p O1O1 1/p 1 1/p 2 M2M2 M M2M2

73 Teoria quantitativa della moneta M x P x Y M = P x Y M = P x Y M = P x Y : V M x V = P x Y V = P x Y M M = 100 Y = 1000 P = 10 V = 10 x 1000 : 100 = 100

74 In Europa nel 2001: M1 = 2222 miliardi di euro M2 = 4914 miliardi di euro M3 = 5768 miliardi di euro PIL nominale = 6843 miliardi di euro Velocità M1 = 6843/2222 = 3,07 Velocità M2 = 6843/4914 = 1,39 Velocità M3 = 6843/5768 = 1,19 Velocità di circolazione

75 Neutralità della moneta secondo la teoria quantitativa esiste una relazione precisa e diretta fra quantità di moneta in circolazione e livello dei prezzi questo è vero se ipotizziamo che la quantità fisica di beni e servizi prodotti dipenda dalle risorse reali e dalle tecnologie disponibili e la velocità di circolazione della moneta sia costante nel lungo periodo questa ipotesi risulta fondata, la moneta non può creare beni la moneta risulta allora neutrale nel senso che influisce solo sulle variabili nominali e non su quelle reali La netta separazione fra variabili nominali e reali è anche detta dicotomia classica

76 Ciò che conta veramente sono le variabili reali!

77 Inflazione la teoria quantitativa sostiene che i prezzi dipendono dalla quantità di moneta, un aumento della quantità di moneta causa un aumento dei prezzi se nel tempo la moneta cresce più di quanto crescono le transazioni da effettuare, ciò si ripercuote sui prezzi: la variazione della quantità di moneta genera inflazione linflazione può essere definita come un aumento generalizzato e continuativo dei prezzi nel tempo inflazione = crescita della moneta + crescita velocità di circolazione - crescita PIL reale se il PIL reale cresce del 3%, la velocità è costante, la moneta cresce del 5%, linflazione è del 2% inflazione = 5% + 0% - 3% = 2%

78 Effetti dellinflazione possiamo dire che linflazione è neutrale oppure produce effetti redistributivi reali? (qualcuno guadagna e qualcun altro perde in termini reali) quando linflazione è perfettamente anticipata tutti hanno modo di adeguare i prezzi dei beni e servizi che scambiano allaumento atteso dei prezzi (prezzi perfettamente indicizzati): in questo caso linflazione non produce alcun effetto reale nella realtà questo non è vero, linflazione è, almeno in parte, inattesa pertanto causa guadagni e perdite reali

79 Chi guadagna e chi perde? guadagnano i debitori che dovranno restituire in futuro debiti svalutati e perdono i creditori se linflazione è superiore a quella attesa perdono i debitori e guadagnano i creditori nel caso opposto perdono i cittadini che pagano le imposte perché queste crescono in modo progressivo al crescere del reddito nominale (drenaggio fiscale) guadagna lo stato per lo stesso motivo

80 Effetto di Fisher la domanda e lofferta di fondi dipendono dal tasso di interesse reale e non da quello nominale tasso interesse nominale = tasso interesse reale + tasso inflazione se linflazione attesa è del 5% e il creditore vuole avere un rendimento reale del 3% chiederà un tasso di interesse nominale dell8% linflazione attesa ha quindi un effetto sul tasso di interesse nominale: fa aumentare nella stessa misura il tasso di interesse nominale per mantenere costante quello reale questo meccanismo è chiamato effetto di Fisher esempio: se linflazione aumenta dal 5% al 10% e il tasso di interesse reale è del 3% il tasso di interesse nominale aumenta dall8% al 13%

81 I costi dellinflazione linflazione crea incertezza sullandamento dei prezzi relativi e distrugge informazioni rendendo più difficili le decisioni di consumo e di produzione e peggiorando lallocazione delle risorse. E più difficile distinguere fra variazioni assolute e variazioni relative dei prezzi. linflazione genera inflazione perché la gente tende a liberarsi più velocemente della moneta che perde valore, aumenta la velocità di circolazione e questo equivale a un aumento della quantità di moneta questo meccanismo è alla base delliperinflazione aumentano i costi di transazione nel senso che occorre effettuare più prelievi di moneta per effettuare le stesse transazioni; questo costo è rilevante nei casi di iperinflazione aumentano i costi dovuti alla necessità di aggiornare i listini dei prezzi

82 Bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti è un prospetto contabile che riporta tutti gli incassi e gli esborsi di valuta estera dovuti alle relazioni economiche con paesi esteri ogni transazione che comporta un pagamento in valuta estera da parte di un Paese viene registrata come voce in uscita (passività) ogni transazione che comporta un introito in valuta estera da parte di un Paese viene registrata come voce in entrata (attività) la bilancia dei pagamenti si divide in: Conto corrente che comprende la bilancia commerciale e i trasferimenti di redditi da lavoro e da capitale Conto capitale (o conto finanziario) che comprende i movimenti di capitali finanziari

83 Conto corrente Bilancia commerciale Esportazioni = beni prodotti all'interno e acquistati da cittadini esteri, comportano un incasso di valuta estera Importazioni = beni prodotti all'estero e acquistati da cittadini residenti, comportano un esborso di valuta estera Esportazioni nette = differenza fra esportazioni e importazioni Fattori determinanti: - preferenze - prezzi dei beni all'interno e all'estero - tasso di cambio - costi di trasporto, tariffe doganali Trasferimenti di redditi rimesse degli emigranti interessi da titoli esteri

84 Conto capitale Investimenti esteri (esportazioni di capitali) = acquisto di impianti e attività finanziarie all'estero da parte di cittadini residenti, comportano un esborso di valuta estera Investimenti esteri all'interno (importazioni di capitali) = acquisto di impianti e attività finanziarie all'interno da parte di cittadini esteri, comportano un incasso di valuta estera Investimenti esteri netti (NCO) = differenza fra esportazioni e importazioni di capitali, ossia differenza fra attività patrimoniali acquistate e vendute da cittadini nazionali allestero Fattori determinanti: rendimenti degli investimenti e attività finanziarie all'interno e all'estero (tassi di interesse reali) rischio paese

85 Esportazioni nette e investimenti esteri netti (deflusso netto di capitali) NCO (Net Capital Outflow) = NX Resto del mondo Italia Pagamenti al resto del mondo relativi alle attività finanziarie Pagamenti al resto del mondo relativi a beni e servizi redditi dei fattori e trasferimenti Pagamenti allItalia relativi a beni e servizi redditi dei fattori e trasferimenti Pagamenti allItalia relativi alle attività finanziarie

86 Perché NX e NCO sono sempre uguali? Ogni transazione sullestero che comporta cessione di beni da luogo ad acquisizione di valuta estera o di altre attività patrimoniali sullestero per lo stesso valore e viceversa NX = valore dei beni ceduti allestero in eccesso rispetto a quelli acquistati NCO= valore delle attività patrimoniali (compresa la valuta) acquisite allestero in eccesso rispetto a quelle cedute Qualunque transazione che faccia aumentare o diminuire NX ha lo stesso effetto su NCO. NX e NCO sono due facce della stessa medaglia

87 Esempio La FIAT vende una Punto a un acquirente americano per euro tasso di cambio = 1 euro contro 1 dollaro La Fiat introita dollari come pagamento NX aumenta di Se la FIAT deposita la valuta in una banca di New York: le sue attività patrimoniali estere (NCO) negli USA aumentano di Se la FIAT acquista titoli per dollari nella borsa di New York: le attività patrimoniali estere detenute dalla FIAT (NCO) non cambiano sono sempre , ma sotto forma di titoli esteri anziché di valuta Se la FIAT effettua investimenti reali negli USA per dollari: le attività patrimoniali estere detenute dalla FIAT sono sempre , ma sotto forma di beni capitali allestero anziché di valuta

88 Se la FIAT acquista beni o servizi negli USA per dollari: le attività patrimoniali estere detenute dalla FIAT diminuiscono di , ma le importazioni aumentano e NX diminuisce dello stesso ammontare Se la FIAT cambia i dollari in euro: i dollari finiscono alla Banca centrale e aumentano le riserve di valuta estera di dollari che sono attività patrimoniali estere detenute in Italia (NCO = ) unaltra impresa o cittadino italiano cambia euro in dollari e si comporta secondo le stesse modalità della FIAT producendo gli stessi effetti Morale: qualunque cosa accada a un aumento/diminuzione di NX corrisponde necessariamente un uguale aumento/diminuzione di NCO di pari ammontare NX e NCO non possono in alcun modo essere diversi

89 Risparmi e investimenti in uneconomia aperta Y = C + I + G + NX Y - C - G = I + NX S = Y - C - G S = I + NX S = I + NCO In uneconomia aperta, i risparmi possono essere usati per effettuare investimenti sia allinterno che allestero

90 Tasso di cambio Moltiplicando il tasso di cambio nominale per il prezzo interno denominato in euro otteniamo il prezzo in dollari. A questo punto i due prezzi sono espressi nella stessa unità di misura (dollari) e si può ricavare il rapporto di scambio reale

91 Teoria della parità del potere d'acquisto

92 Tasso di cambio Nel lungo periodo a causa della legge del prezzo unico il tasso di cambio reale tende allunità Al variare dei prezzi interni ed esteri il tasso di cambio nominale si aggiusta di conseguenza

93 Mercato dei cambi Il tasso di cambio dipende dalla domanda e lofferta di valuta la domanda di valuta nazionale è allo stesso tempo offerta di valuta estera e viceversa le esportazioni danno luogo a domanda di valuta nazionale le importazioni danno luogo a offerta di valuta nazionale le esportazioni nette danno luogo a domanda di valuta nazionale (se positive) gli investimenti esteri danno luogo a offerta di valuta nazionale gli investimenti di stranieri all'interno danno luogo a domanda di valuta nazionale gli investimenti esteri netti danno luogo a offerta di valuta nazionale (se positivi)

94 Esportazioni nette e investimenti esteri netti le esportazioni nette dipendono dal TCR. Se il TCR aumenta i beni interni diventano più costosi per i cittadini stranieri e i beni prodotti allestero diventano meno costosi per noi. Si importa di più e si esporta di meno. NX e, quindi, la domanda di valuta nazionale diminuiscono. Il contrario accade se il TCR si riduce gli investimenti esteri netti dipendono dal tasso di interesse. Se i aumenta gli investimenti interni sono più redditizi. Meno cittadini fanno investimenti all'estero più stranieri fanno investimenti all'interno. NCO e quindi l'offerta di valuta nazionale diminuiscono Il contrario accade se i si riduce

95 Equilibrio nel mercato dei cambi tasso di cambio euro/dollaro = 1 Se X = 100 e M = 50 gli americani cambiano 100 dollari in euro per acquistare X gli italiani cambiano 50 euro in dollari per acquistare M i primi domandano 100 euro i secondi ne offrono 50 la domanda netta di euro = 50 = X-M = NX

96 i TCR NCO valuta nazionale n1n1 O TCR 1 v1v1 D lofferta di valuta nazionale è uguale a NCO. Chi investe allestero domanda valuta estera e offre valuta nazionale quindi se gli investimenti allestero superano quelli dallestero cè unofferta netta di valuta nazionale i1i1

97 Equilibrio NX = NCO ii TCR i1i1 f1f1 fondi mutuabiliNCO valuta nazionale n1n1 O TCR 1 v1v1 D v2v2 v3v3

98 Di nuovo luguaglianza fra NX e NCO Ora possiamo dire che luguaglianza fra NX e NCO non è solo unuguaglianza contabile ma anche il risultato dellequilibrio del mercato Se NX > NCO si crea un eccesso di domanda di valuta nazionale sul mercato dei cambi che fa aumentare il TCR ma questo, a sua volta, causa una diminuzione di NX Se NX < NCO si crea un eccesso di offerta di valuta nazionale sul mercato dei cambi che fa diminuire il TCR ma questo, a sua volta, causa un aumento di NX

99 Disavanzo pubblico ii TCR i1i1 f1f1 fondi mutuabiliNCO valuta nazionale i2i2 f2f2 n2n2 n1n1 O1O1 O2O2 TCR 1 TCR 2 v1v1 v2v2 Disavanzo pubblico Il disavanzo pubblico riduce il risparmio, fa aumentare il tasso di interesse e provoca una riduzione degli NCO e dellofferta di valuta nazionale Il TCR aumenta e NX diminuisce

100 Fuga di capitali ii TCR i1i1 f1f1 fondi mutuabiliNCO valuta nazionale i2i2 f2f2 n2n2 n1n1 O1O1 O2O2 TCR 1 TCR 2 v1v1 v2v2 Fuga di capitali Una fuga di capitali fa crescere gli NCO e fa aumentare lofferta di valuta nazionale Il TCR diminuisce e NX aumenta D1D1 D2D2 D1D1 D2D2

101 Restrizioni commerciali ii TCR i1i1 f1f1 fondi mutuabiliNCO valuta nazionale n1n1 O TCR 2 v1v1 D1D1 TCR 1 D2D2 Restrizioni commerciali Le politiche protezionistiche possono risultare inefficaci perché fanno aumentare NX ma questo influisce sul tasso di cambio reale che aumenta riportando NX al livello precedente v2v2

102 Leconomia nel breve periodo Nel breve periodo leconomia si comporta in modo diverso da quanto abbiamo visto fino ad ora Mentre nel lungo periodo essa cresce ad un tasso abbastanza stabile e costante nel breve il tasso di crescita diventa molto più variabile e il sistema oscilla fra fasi di boom o di crescita sostenuta e fasi di depressione con crescita bassa o addirittura negativa Il motivo fondamentale di questa differenza di comportamento sta nel fatto che nel lungo periodo gli agenti economici sono in grado di effettuare tutti gli aggiustamenti necessari per raggiungere lequilibrio mentre nel breve non cè tempo sufficiente In particolare le difficoltà di aggiustamento riguardano alcuni prezzi che nel lungo periodo sono perfettamente flessibili mentre nel breve tendono ad essere più rigidi e vischiosi

103 Gli aggiustamenti non sono abbastanza rapidi Il fatto che nel lungo periodo i prezzi siano sempre in equilibrio fa sì che si possa prescindere dai prezzi monetari e dalla moneta stessa e concentrare lanalisi sulle variabili reali nellipotesi che i valori nominali si adeguino perfettamente In questo quadro ciò che conta sono solo i prezzi relativi che misurano i rapporti di scambio reali fra beni, servizi e fattori produttivi i prezzi monetari sono irrilevanti ciò che conta non è che un abito costi 500 euro e un paio di scarpe 100 ma il fatto che un abito costi quanto 5 paia di scarpe (sarebbe la stessa cosa se labito costasse solo 5 euro e le scarpe 1) Nel breve periodo le variabili nominali non hanno il tempo di aggiustarsi tempestivamente. Per esempio la quantità di moneta aumenta ma i prezzi monetari non crescono di conseguenza, questo influisce sugli equilibri reali perché la gente può acquistare più beni di prima

104 Le variabili nominali e reali non sono più separabili In conclusione le variabili nominali influenzano quelle reali e la dicotomia classica non è più valida, la moneta non può più essere considerata neutrale Una variazione della quantità di moneta non produce solo effetti sui prezzi, come dice la teoria quantitativa, ma fa cambiare la quantità reale di beni che i consumatori domandano o che le imprese offrono sul mercato Può pertanto accadere che leconomia produca una certa quantità di beni ma, dati i prezzi monetari, i consumatori non dispongano di una quantità di moneta sufficiente ad acquistarli Se la domanda è minore dellofferta le imprese dovranno ridurre la produzione e lattività economica scende al di sotto del suo livello potenziale E quindi importante studiare la relazione fra il livello generale dei prezzi da una parte e la domanda e lofferta aggregata di beni dallaltra

105 Domanda e offerta aggregate p Y Domanda aggregata La domanda aggregata misura la quantità di beni e servizi che vengono domandati nelleconomia in corrispondenza di ciascun livello dei prezzi

106 Cause dell'inclinazione negativa della curva di domanda aggregata Nel mercato micro linclinazione negativa della curva di domanda dipende dal fatto che, se il prezzo di un bene sale, il consumatore lo sostituisce con un altro meno costoso ma quando stiamo considerando linsieme di tutti i beni questo non è possibile. La pendenza della curva di domanda aggregata dipende quindi da altri fattori effetto ricchezza o effetto saldi reali effetto tasso di interesse effetto tasso di cambio reale La curva di domanda aggregata è definita per un offerta di moneta costante e per un livello dei salari costante

107 Effetto ricchezza o effetto saldi reali in ogni momento tutti gli acquirenti (consumatori, imprese, stato) dispongono di una certa quantità di moneta che utilizzano per acquistare beni e servizi se il livello generale dei prezzi diminuisce il potere dacquisto della moneta aumenta pertanto con la stessa quantità di moneta è possibile acquistare una maggiore quantità di beni e servizi la domanda aggregata pertanto aumenta per lo stesso motivo la domanda aggregata diminuisce allaumentare del livello generale dei prezzi

108 Effetto tasso di interesse se il livello generale dei prezzi diminuisce la gente si trova in tasca una quantità di moneta in eccesso rispetto a quella di cui ha bisogno per effettuare le proprie transazioni può decidere di utilizzarla sul mercato finanziario prestandola, per esempio acquistando obbligazioni o azioni laumento della domanda di titoli di credito causa una caduta del tasso di interesse

109 Perché il tasso di interesse diminuisce? tra il valore di un titolo e il tasso di interesse esiste una relazione inversa una obbligazione viene emessa con un valore nominale di 100 e rende 10 ossia il 10% se il tasso di interesse nel mercato dei fondi è in quel momento del 10% lobbligazione rende quanto rende in media qualunque tipo di prestito se aumenta la domanda di obbligazioni aumenta il loro prezzo immaginiamo che il prezzo di quellobbligazione aumenti a 200, il suo rendimento è sempre 10 che ora equivale al 5% di 200 al raddoppio del prezzo delle obbligazioni corrisponde la riduzione a metà del loro rendimento percentuale

110 se la domanda aumenta in generale per tutti i titoli il loro rendimento percentuale diminuirà, per esempio dal 10% al 5%. Ma allora nessuno sarà più disposto a prendere denaro a prestito ad un tasso del 10% perché è possibile indebitarsi emettendo obbligazioni e pagando un rendimento minore: la domanda di fondi a prestito verso le banche diminuisce e queste ultime saranno costrette a diminuire il tasso di interesse. di conseguenza quello che accade è la seguente sequenza: 1.diminuisce il livello dei prezzi, eccesso di disponibilità di moneta 2.aumenta la domanda di titoli 3.il valore dei titoli aumenta e diminuisce il loro rendimento 4.il tasso di interesse diminuisce 5.aumenta la domanda di investimenti 6.aumenta la domanda aggregata perché gli investimenti sono una sua componente

111 Effetto del tasso di cambio una diminuzione del livello dei prezzi porta con sé una caduta del tasso di interesse dal tasso di interesse dipendono gli investimenti esteri netti che aumentano (si preferisce investire allestero perché il tasso di interesse estero è ora relativamente più alto) cresce lofferta di valuta nazionale sul mercato dei cambi e il tasso di cambio reale si riduce facendo aumentare le esportazioni nette le esportazioni nette sono una componente della domanda aggregata che quindi aumenta con esse

112 Cause dello spostamento della curva di domanda aggregata aspettative pessimistiche riducono i consumi (o il contrario) variazioni dei salari monetari aspettative pessimistiche riducono gli investimenti (o il contrario) innovazioni fanno aumentare gli investimenti il governo fa variare la spesa pubblica o il prelievo fiscale la banca centrale fa variare l'offerta di moneta aumento delle esportazioni nette a causa di svalutazione della moneta, diminuzione delle importazioni di altri paesi dal nostro

113 Offerta aggregata Lofferta aggregata misura la quantità di beni e servizi che le imprese offrono sul mercato in corrispondenza di ciascun livello dei prezzi

114 Pendenza della curva di offerta di lungo periodo la curva di offerta di lungo periodo è verticale perché la quantità di beni e servizi prodotta nelleconomia dipende da fattori reali (risorse, tecnologia) e non dal livello dei prezzi nei mercati micro lofferta cresce al crescere del prezzo (relativo) di un bene ma questo è possibile perché si possono spostare risorse produttive da un bene allaltro questo non è possibile nellaggregato se tutte le risorse produttive sono occupate, cosa che tende a verificarsi nel lungo periodo

115 Pendenza della curva di offerta di breve periodo due spiegazioni possibili: salari vischiosi: i salari monetari non si adeguano rapidamente a variazioni dei prezzi perché i contratti hanno scadenze più lunghe; se i prezzi aumentano e i salari monetari non li seguono, i salari reali cadono e le imprese aumentano la domanda di lavoro, aumenta di conseguenza anche la produzione errore di percezione: i produttori hanno certe aspettative sul livello dei prezzi futuri; se il livello effettivo dei prezzi è inferiore alle aspettative un produttore può essere portato a pensare erroneamente che il prezzo relativo del bene che produce sia diminuito e riduce pertanto il livello di produzione

116 salari vischiosi esempio Ipotizziamo che i contratti di lavoro abbiano durata triennale. Se in un anno i prezzi aumentano del 5% i lavoratori non potranno adeguare i salari vincolati al contratto che scade più in là nel tempo. Leffetto è una diminuzione del 5% dei salari reali, alla quale le imprese reagiscono aumentando la domanda di lavoro e la produzione. errore di percezione esempio immaginiamo che i produttori si aspettino un aumento del livello dei prezzi del 5% nel corso dell'anno. Se il livello dei prezzi aumenta invece del 3% e il prezzo del loro prodotto aumenta in linea con il livello generale, i produttori che non sanno in anticipo di quanto è effettivamente aumentato il livello dei prezzi (lo sapranno solo quando saranno diffuse le statistiche) e pensano che sia quindi aumentato del 5%, percepiscono l'aumento dei propri prezzi come inferiore a quello degli altri prezzi, percepiscono cioè una diminuzione del prezzo relativo del proprio prodotto e questo li induce a produrre di meno. Lo stesso discorso varrebbe per i lavoratori se i salari aumentassero del 3% rispetto a un aumento atteso dei prezzi del 5%. Anche in questo caso percepirebbero una diminuzione dei salari reali e diminuirebbero l'offerta di lavoro.

117 Cause dello spostamento della curva di offerta di lungo periodo aumento dell'offerta di lavoro (immigrazione, partecipazione) variazioni del tasso naturale di disoccupazione crescita del capitale fisico e umano aumento della disponibilità di risorse naturali progresso tecnico Cause dello spostamento della curva di offerta aggregata di breve periodo la curva di offerta di breve si muove insieme a quella di lungo periodo quindi tutte le cause che incidono su quest'ultima variazioni dei salari monetari variazione dei prezzi delle materie prime (es. petrolio) livello atteso dei prezzi

118 Le curve di offerta di lungo e breve periodo si muovono insieme p Y OL 1 OL 2 OB 1 OB 2 Y1Y1 Y2Y2 p Y OL 1 OL 2 OB 1 OB 2 Y1Y1 Y2Y2

119 Movimento lungo la curva e trasposizione della curva di offerta di breve periodo Immaginiamo di partire da una situazione in cui le imprese si trovano in equilibrio di lungo periodo (punto A) e offrono la quantità che desiderano offrire nel lungo periodo. Le imprese, come nel periodo precedente, si attendono un livello dei prezzi pari a 10 e contrattano quindi salari monetari pari a 1000 in modo che i salari reali siano pari a 100 p Y OL 1 OB 1 Y1Y1 A 10

120 Se P effettivo = 12 dal momento che i salari monetari non possono per il momento crescere i salari reali diminuiscono (non più 100 ma 83) le imprese realizzano maggiori profitti e sono incentivate ad aumentare la domanda di lavoro e ad offrire una quantità maggiore di quella precedente. Abbiamo un movimento lungo la curva fino al punto B. p Y OL 1 OB 1 Y1Y1 A Y2Y2 10 B 12

121 Supponiamo ora che le imprese modifichino le loro aspettative, ossia si attendano che il livello dei prezzi che verrà rilevato alla fine del periodo corrente non sarà 10 ma 12. Dato che i salari monetari sono bloccati dai contratti stipulati questo equivale a pensare che i salari reali cadano a 83. p Y OL 1 OB 1 Y1Y1 A Y2Y2 10 Sulla base di queste informazioni le imprese aumentano quindi la quantità offerta a Y 2 anche se il livello effettivo dei prezzi è rimasto a 10. Allo stesso livello dei prezzi effettivo corrisponde ora unofferta maggiore: la curva di offerta si è spostata verso destra OB 2 C

122 In termini dinamici il ragionamento può essere il seguente immaginiamo che le imprese si attendano un aumento dei prezzi del 5% e concedano quindi aumenti salariali del 5%, in queste condizioni la quantità che le imprese desiderano offrire è quella di lungo periodo se P effettivo cresce del 7% le imprese offriranno una quantità maggiore di quella di lungo periodo perché i salari reali sono caduti supponiamo ora che le aspettative siano invece diverse e le imprese si aspettino un aumento dei prezzi del 10% e concedano quindi aumenti salariali del 10% se P effettivo cresce sempre del 7% le imprese offriranno ora una quantità minore di quella di lungo periodo perché i salari reali sono aumentati Allo stesso P effettivo corrispondono due quantità offerte diverse a seconda del livello atteso dei prezzi Quindi la curva di offerta aggregata si è spostata

123 In questo caso leconomia si trova simultaneamente in equilibrio di breve e di lungo periodo

124 Stabilità dellequilibrio P Y p1p1 Y1Y1 p2p2 Y2Y2 A B C Nel breve periodo la caduta della domanda provoca una diminuzione dei prezzi. I salari monetari sono rigidi e i salari reali aumentano. Il reddito si riduce e la disoccupazione aumenta. Nel successivo round salariale segue una diminuzione dei salari monetari che provoca la trasposizione verso destra della curva di offerta aggregata, finché i salari reali tornano al livello originario e la produzione ritorna al livello di lungo periodo p3p3

125 Trasposizione dellofferta aggregata Nel breve periodo lofferta aggregata si traspone a causa di un aumento dei costi (petrolio oppure salari). Il reddito e loccupazione diminuiscono mentre i prezzi aumentano (stagflazione). Col tempo la disoccupazione fa cadere i salari monetari e reali e la curva di offerta torna nella posizione originaria. Alternativamente il governo può intervenire stimolando la domanda aggregata che si traspone finché leconomia raggiunge nuovamente lequilibrio di lungo periodo nel punto C. Il livello dei prezzi è ora più alto (p 3 ). Y Y1Y1 Y2Y2 A B C P p1p1 p2p2 p3p3

126 B1B1 B2B2 Boom Depressione e boom P Y P YY lp 1 Y bp 1 Y lp 2 Y bp 2 Y lp 1 Y bp 1 Y lp 1 Y bp 1 Depressione D1D1 D2D2

127 Depressione e boom D1D1 D2D2 B1B1 B2B2 tempo Y lp1 Y lp2 Y lp1 Y lp2 DepressioneBoom tempo YY t1t1 t2t2 t1t1 t2t2

128 Equilibrio di breve periodo nel mercato della moneta i1i1 MtMt M1M1 i M i MMo Domanda di monetaOfferta di moneta La moneta può essere investita in titoli; trattenere moneta ha quindi un costo opportunità: il rendimento dei titoli o tasso di interesse O

129 Equilibrio di breve periodo nel mercato della moneta i1i1 MtMt M1M1 i M i MMo Domanda di monetaOfferta di moneta La moneta può essere investita in titoli; trattenere moneta ha quindi un costo opportunità: il rendimento dei titoli o tasso di interesse O o Domanda di moneta = o-M t + M t -M 1

130 La domanda di moneta speculativa per speculare sui titoli gli speculatori hanno bisogno di detenere moneta gli speculatori hanno in mente un tasso di interesse normale (quello che tende a prevalere sul mercato nella maggior parte dei casi) se il tasso di interesse è alto, quindi tendenzialmente al di sopra di quello ritenuto normale, gli speculatori tendono ad aspettarsi che scenderà nel prossimo futuro ma questo equivale ad aspettarsi che il valore dei titoli aumenterà, gli speculatori quindi acquistano titoli e, per far questo, cedono moneta la moneta trattenuta dagli speculatori (domanda di moneta a scopo speculativo) diminuisce

131

132 Variazioni della domanda e dellofferta i M M i1i1 D1D1 D2D2 i2i2 i M M i1i1 D M2M2 i2i2

133 livello dei prezzi e domanda aggregata i M M i1i1 D1D1 D2D2 i2i2 P Y p1p1 p2p2 Y2Y2 Y1Y1 Un aumento del livello dei prezzi fa aumentare la domanda di moneta, cresce il tasso di interesse che fa diminuire gli investimenti e la domanda aggregata

134 Aumento dellofferta di moneta i M M2M2 i1i1 O1O1 O2O2 i2i2 P Y p1p1 Y2Y2 Y1Y1 Un aumento dellofferta di moneta fa diminuire il tasso di interesse che, a sua volta, fa aumentare gli investimenti e la domanda aggregata la moneta influenza variabili reali, pertanto non è più neutrale M1M1 Domanda aggregata D1D1 D2D2 Mercato monetario

135 Politica fiscale e moltiplicatore p p1p1 Y1Y1 Y2Y2 Y3Y3 Aumento della spesa pubblica G C Aumento del prelievo fiscale p p1p1 Y1Y1 Y2Y2 Y3Y3 Y 1 -Y 2 = G Y 2 -Y 3 = moltiplicatore

136 Y = C + I + G + NX C = cY G = 100; c = 0,8 1) Y 1 = G = 100 C 1 = c Y 1 = c G = 0,8 x 100 = 80 2) Y 2 = C 1 = c Y 1 = c G = 0,8 x 100 = 80 3) Y 3 = C 2 = c Y 2 = c x c G = c 2 G = 0,8 x 0,8 x 100 = 64 C 3 = c Y 3 = c x c 2 G = c 3 G = 0,8 x 0,64 x 100 = 51.2 Ytot = G + c G + c 2 G + c 3 G c n G = x G Moltiplicatore 1 1-c C 2 = c Y 2 = c x c G = c 2 G = 0,8 x 0,8 x 100 = 64

137 P Y G 1/(1-c)x G domanda aggregata Moltiplicatore

138 Effetti di un aumento della domanda Quando cè capacità inutilizzata le imprese adeguano lofferta alla domanda a costi costanti. Quando leconomia è vicina al tasso naturale di disoccupazione il lavoro scarseggia e i salari tendono a crescere

139 D1D1 D2D2 D3D3 p Y Olp Obp Y1Y1 Y2Y2 Y3Y3 i i2i2 i1i1 i i2i2 i1i1 M1M1 M1M1 M2M2 Spiazzamento D1D1 D2D2 p Y Olp Obp Y1Y1 Y2Y2

140 Le politiche di stabilizzazione Le politiche monetaria e fiscale possono essere utilizzate per stabilizzare leconomia se la domanda aggregata si riduce provocando una depressione il governo può aumentare lofferta di moneta facendo cadere il tasso di interesse e stimolando gli investimenti e viceversa la domanda aggregata può essere fatta aumentare direttamente attraverso un aumento della spesa pubblica o una riduzione del prelievo fiscale tutto ciò consente di ridurre la banda di oscillazione delleconomia intorno alla tendenza di lungo periodo

141 Opinioni divergenti sulle politiche di stabilizzazione se leconomia ha una forte tendenza a oscillare fra fasi di depressione e di boom le politiche di stabilizzazione sono uno strumento molto utile per migliorare il funzionamento del mercato secondo Keynes e i suoi seguaci le economie capitalistiche sono intrinsecamente instabili perché una variabile molto importante della domanda aggregata, linvestimento, è influenzata dagli umori degli imprenditori che oscillano fra ondate di pessimismo e di ottimismo secondo altri leconomia è molto più stabile di quanto si pensi ed è in grado di ritrovare lequilibrio spontaneamente le politiche di stabilizzazione non fanno altro che allungare i tempi necessari

142 Perché leconomia è instabile? gli investimenti dipendono dal tasso di interesse ma anche dalle aspettative degli imprenditori circa landamento della domanda se gli imprenditori si attendono un aumento della domanda investono per adeguare lo stock di capitale alle esigenze dellaumentata produzione la decisione di investire fa aumentare a sua volta la domanda aggregata e laumento è amplificato dal meccanismo del moltiplicatore alla fine del periodo gli imprenditori verificano che la domanda è aumentata più di quanto si attendevano e decidono di aumentare ulteriormente gli investimenti

143 La barriera della piena occupazione la domanda aggregata risponde aumentando ancora di più e così via in un circolo virtuoso che spinge leconomia verso un boom sostenuto dalla catena investimenti- domanda aggregata-produzione - investimenti a un certo punto questa dinamica avvicina leconomia alla piena occupazione (o a superare il limite del tasso naturale di disoccupazione) il lavoro comincia a scarseggiare e i salari e i prezzi aumentano leconomia cozza contro questa barriera e il boom si affloscia, la produzione non può più continuare a crescere ai ritmi precedenti e gli imprenditori rivedono le loro aspettative e riducono gli investimenti il meccanismo si inverte e innesca una sequenza opposta a quella precedente, leconomia precipita nella depressione

144 Il ciclo economico leconomia cresce più che nel lungo periodo, aspettative ottimistiche sulla domanda, le imprese investono, la crescita aumenta ancora tasso naturale di disoccupazione, i salari crescono leconomia raggiunge la barriera della piena occupazione, la produzione non può più crescere, le aspettative si invertono, le imprese investono meno la imprese investono meno la domanda cresce meno, leconomia entra in crisi gli investimenti si riducono alla sola sostituzione leconomia raggiunge il pavimento, le aspettative si invertono tempo Y

145 Perché le politiche di stabilizzazione non funzionano? Secondo gli economisti della scuola neoclassica e monetarista il miglior modo per attenuare le oscillazioni è lasciare che leconomia ritrovi lequilibrio da sè le politiche di stabilizzazione accentuano le oscillazioni perché non sono sufficientemente tempestive. Gli effetti della politica monetaria e fiscale possono richiedere molto tempo prima di manifestarsi (anche un anno). Inoltre in un regime democratico le decisioni richiedono un lungo iter morale: gli effetti si manifestano quando non ce nè più bisogno, leconomia si è già ripresa dalla crisi e ulteriori aumenti della domanda aggregata finiscono per alimentare linflazione

146 La stabilità secondo i monetaristi P Y p1p1 Y1Y1 p2p2 Y2Y2 A B D1D1 D2D2 O O1O1 M1M1 M M2M2 i1i1 i

147 Gli stabilizzatori automatici Inoltre nel mercato sono allopera alcuni meccanismi detti stabilizzatori automatici che tendono a stabilizzare in modo spontaneo il livello del reddito la spesa pubblica può funzionare in questo modo perché quando aumenta la disoccupazione aumenta anche la spesa dello stato per i sussidi di disoccupazione, ciò attenua la riduzione dei consumi conseguente alla disoccupazione il prelievo fiscale, dato il carattere progressivo delle imposte, aumenta più che proporzionalmente allaumentare del reddito (e viceversa) e tende quindi ad attenuarne la dinamica

148 Cosa cambia con lUnione europea? Ladesione allUnione europea comporta cambiamenti importanti nella gestione delle politiche monetaria e fiscale Politica monetaria lemissione di moneta legale è riservata alla Banca Centrale Europea pertanto gli stati membri non hanno più alcun controllo sulla politica monetaria il tasso di interesse è determinato sul mercato europeo e non più su quello nazionale Politica fiscale i governi nazionali possono decidere il livello della spesa pubblica e del prelievo fiscale ma le politiche fiscali dei governi devono essere coordinate

149 Il patto di stabilità Il trattato di Maastricht prevede che: il rapporto deficit pubblico/PIL non deve superare il 3% il rapporto debito pubblico/PIL non deve superare il 60% il tasso di inflazione non deve superare di più dell1,5% quello medio dei tre paesi più virtuosi tasso di interesse sui titoli a lungo termine non superiore del 2% rispetto a quello medio dei tre paesi più virtuosi lItalia quindi non può usare la manovra della spesa pubblica in deficit per perseguire finalità di politica economica ma è tenuta ad avere un avanzo di bilancio per ridurre il debito pubblico

150 Shock asimmetrico Y D p1p1 Y lp O Y2Y2 D2D2 p2p2 p D2D2 p1p1 O D p2p2 Y2Y2 Y Resto dEuropa Italia Se in Italia si verifica uno shock da domanda che non trova corrispondenza negli altri paesi UE non si può usare la leva monetaria né quella fiscale, né quella del cambio per far crescere la domanda. Bisogna quindi accettare che il riequilibrio avvenga attraverso meccanismi spontanei quali laumento della disoccupazione e la caduta dei salari

151 Inflazione, disoccupazione e curva di Phillips

152 La curva di Phillips nel lungo periodo

153 p Q OL Q1Q1 A p1p1 B p2p2 offerta di lungo periodo curva di Phillips di lungo periodo NRU

154 La carrozza si trasforma in una zucca Disoccupazione inflazione 1 U1U1 Tasso naturale di disoccupazione A B CP 1 CP 2 CP 3 C breve periodo lungo periodo p Y OLP Y1Y1 p1p1 B p3p3 A C Y2Y2 p2p2 U = NRU - b( eff - att ) Nel breve periodo inflazione effettiva e inflazione attesa possono essere diverse e la curva di Phillips è inclinata negativamente. Nel lungo periodo eff e att sono uguali, la curva di Phillips è verticale

155 Shock dellofferta Disoccupazione inflazione 1 U1U1 Tasso naturale di disoccupazione CP 1 CP 2 p YY1Y1 p1p1 B A Y2Y2 p2p2 A B O1O1 O2O2 D

156 Anni 60: la curva di Phillips nel paradiso terrestre

157 Anni 70: nevrosi e depressione delleconomia USA

158 Il rientro dallinflazione secondo i monetaristi Disoccupazione inflazione 1 CP 3 CP 2 CP 1 U1U1 Tasso naturale di disoccupazione inflazione 1 U2U2 CP 1 CP 2 U3U3 Disoccupazione CP 3 U1U1 Se gli agenti modificano tempestivamente le loro aspettative linflazione effettiva può superare quella attesa solo per un brevissimo lasso di tempo. La curva di Phillips è quindi molto ripida anche nel breve periodo. Il costo della disinflazione in termini di disoccupazione è basso. Se questo non è vero il costo può essere molto alto.

159 La politica dei redditi Nei mercati oligopolistici le imprese fissano i prezzi applicando una maggiorazione g (mark-up) al costo del lavoro per unità di prodotto il costo del lavoro per unità di prodotto è dato dal salario diviso per la produttività controllando la dinamica dei salari mediante una concertazione fra le parti sociali è possibile controllare anche i prezzi se la dinamica dei salari è in linea con quella della produttività il rapporto w/ rimane costante e i prezzi non variano

160 Differenti visioni del funzionamento delle economie di mercato Monetaristi Le economie capitalistiche sono intrinsecamente stabili. Le fluttuazioni dipendono da eventi casuali (guerre, aumenti dei prezzi delle materie prime ecc.) e sono imprevedibili. il principale elemento stabilizzatore è la moneta. Se la quantità di moneta viene mantenuta stabile una caduta della domanda aggregata comporta una caduta dei prezzi e un aumento della quantità di moneta reale che riporta la domanda al livello di piena occupazione. le politiche interventiste che fanno variare la quantità di moneta o la spesa pubblica producono solo effetti inflazionistici nel lungo periodo e per di più contribuiscono ad amplificare le fluttuazioni perchè i loro effetti sono spesso sfasati rispetto allandamento del ciclo.

161 gli effetti reali di breve periodo della politica monetaria sono dovuti soltanto al fatto che gli agenti aggiustano le loro aspettative con un certo ritardo e dipendono soltanto da errori di valutazione degli agenti stessi. Lefficacia della politica fiscale è minima per leffetto di spiazzamento. se gli agenti hanno aspettative razionali anticipano le decisioni del governo quindi manovre monetarie o fiscali prevedibili sulla base delle informazioni esistenti non hanno nessun effetto reale linflazione si combatte facendo crescere lofferta di moneta in linea con la crescita di lungo periodo del reddito reale e costringendo gli operatori a cambiare le loro aspettative al ribasso la curva di Phillips è verticale nel lungo periodo e per alcuni (teorici delle aspettative razionali) molto ripida anche nel breve, ne consegue che i costi della disinflazione sono bassi.

162 Keynesiani Le economie capitalistiche sono intrinsecamente instabili per via del meccanismo moltiplicatore-acceleratore che amplifica fluttuazioni determinate da shock esogeni leconomia si trova spesso in una situazione di non piena occupazione i meccanismi di riequilibrio (fondamentalmente i prezzi) che riportano leconomia in piena occupazione non funzionano bene o sono molto lenti. La disoccupazione può persistere nel tempo gli shock che determinano le crisi economiche possono avere effetti di lungo periodo, cioè allontanano per un periodo molto lungo leconomia dal suo sentiero di crescita anche quando la perturbazione è scomparsa il governo deve intervenire con strumenti discrezionali come la politica monetaria, la spesa pubblica e il prelievo fiscale per contenere le fluttuazioni

163 questi interventi possono provocare effetti inflazionistici e possono essere in parte vanificati dalla reazione degli agenti privati ma producono comunque effetti di stabilizzazione sulleconomia. l'effetto di spiazzamento esiste ma è meno importante quando l'economia è lontana dalla piena occupazione perché la curva di offerta aggregata è orizzontale per lo stesso motivo una politica monetaria accomodante non ha forti effetti inflazionistici l'inflazione è dovuta all'aumento dei costi che possono derivare da aumenti dei prezzi delle materie prime o aumenti dei salari la curva di Phillips è inclinata negativamente pertanto la disinflazione comporta costi elevati in termini di disoccupazione. Linflazione deve essere controllata mediante la politica dei redditi e non mantenendo costante la quantità di moneta.


Scaricare ppt "Di che cosa si occupa la macroeconomia? La macroeconomia si occupa dello studio della struttura e del funzionamento del sistema economico aggregato, nonché"

Presentazioni simili


Annunci Google