La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TECNICHE ED ESPERIENZE DI COMUNICAZIONE NELLE REGIONI..E NON SOLO. Luisa Rizzitelli Formez, Master Regione Puglia Bari, 27 novembre 2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TECNICHE ED ESPERIENZE DI COMUNICAZIONE NELLE REGIONI..E NON SOLO. Luisa Rizzitelli Formez, Master Regione Puglia Bari, 27 novembre 2006."— Transcript della presentazione:

1 TECNICHE ED ESPERIENZE DI COMUNICAZIONE NELLE REGIONI..E NON SOLO. Luisa Rizzitelli Formez, Master Regione Puglia Bari, 27 novembre 2006

2 Il nostro programma di lavoro Questa lezione vuole essere fondamentalmente una lezione interattiva. La vostra partecipazione sarà quindi fondamentale. Vedremo documenti di: Premessa Riepilogo Un esempio di organizzazione in una struttura pubblica Varie Case History

3 Ripartiamo de alcuni concetti sulle compagne di comunicazione

4 La campagna di comunicazione o informazione ha la finalità di promuovere o sensibilizzare clienti e utenti rispetto ad un determinato servizio o prodotto, mettendone in luce aspetti positivi.

5 Una campagna di comunicazione può anche avere finalità di sensibilizzazione: in questo senso essa cerca di promuovere un determinato comportamento o atteggiamento.

6 Qualsiasi campagna di comunicazione prevede una struttura ben definita e una progettazione che tenga conto:

7 del target di riferimento e delle sue caratteristiche

8 del messaggio da divulgare rispetto al prodotto/servizio

9 delle caratteristiche del prodotto o servizio

10 dei canali e mezzi da utilizzare

11 delle risorse umane e materiali che possono essere impiegate

12 Come può comunicare un ente?

13 Campagna stampa - ADS Accert. Diff. Stampa Trimestrale (con un numero doppio). Entro Aprile 2007 leditore fornisce allADS le dichiarazioni Parte un controllo incrociato da parte di due società di revisione, una nominata dagli Editori e laltra dallADS. A inizio 2007 lADS rilascia il certificato testate suddivise in : 55 quotidiani di cui 3 al primo accertamento 3 edizioni settimanali di quotidiani 65 settimanali, quindicinali (di cui 4 al primo accertamento) 150 mensili, bimestrali, trimestrali (di cui 14 al primo accertamento) Dati forniti: Rilevazione: Tiratura (copie stampate al netto degli scarti di macchina) diffusione in Italia ed allestero così ripartita: diffusione pagata (vendita edicole, abbonamenti a pagamento) vendite in blocco (copie vendute in blocco ad aziende, enti,...) abbonamenti da quota associativa diffusione gratuita (abbonamenti gratuiti, omaggio, coupons gratuiti,...) resa estratti certificati testate al primo accertamento e riassunto delle certificazioni di testate già presenti. I dati sono forniti inoltre per mese, per giorni della settimana (per quanto concerne i quotidiani), per regioni e province. Testate rilevate:

14 Carta dei servizi Un contratto trasparente di servizio per lutenza da parte di un soggetto pubblico o privato

15 Pubblicità dinamica

16 Conferenze stampa Disegniamo la lista di cose da fare per una buona conferenza stampa

17 Media Relations e relazioni esterne Parlare al target giornalisti: tempi, modi, mezzi Relazioni esterne: costruire reti nuove, farle dialogare, renderle stakeholders network.

18 Eventi

19 Fiere Tanta gente…tanti target…

20 House organ

21 Forum tematico Ma se a parte il moderatore, nessuno dei committenti riflette su quanto di dice nel Forum…

22 Web site Ma cè personale che lo aggiorna in tempi dignitosi?

23 Newsletter elettronica

24 Posta elettronica La posta elettronica è anche uno strumento prezioso per la comunicazione interna

25 Direct Ma anche per la comunicazione esterna…

26 Direct mail Ma se vi piace ancora lidea della lettera che arriva a casa…

27 Televideo Tutti le Reti, pubbliche e private, di una certa rilevanza dispongono di pagine di televideo in utili in particolare nelle sezioni regionali

28 Radio Indice Investimenti (Milioni )

29 Lofferta radio in Italia RADIO COMMERCIALE RADIO PUBBLICA RADIO PUBBLICA RADIO 1 RADIO 2 RADIO 3 ISORADIO NOTTURNO ITAL. RDS DJ RTL NETWORK RMC RADIO MARIA (*) ITALIA NETW. KISS 101 RADICALE (*) RISMI CAPITAL ITALIA RADIO RADIO 24 (°) CUORE LATTEMIELE BUM BUM NETWORK RADIO MARGHERITA RADIO ITALIA ANNI 60 RADIO DONNA circa 80 radio (vs reali) NETWORK NAZIONALI SYNDICATIONLOCALIRAI

30 Tv N. di emittenti rilevate :RAI 1- RAI 2 - RAI 3 CANALE 5- ITALIA 1 - RETE 4 – La7 (da Maggio1996) – ALTRE TV Dati forniti:Audience tv (valori x share - penetrazione) Elaborazioni tramite computer:Analisi per: * giorno (o periodo o fascia oraria) e rete * giorno (o periodo o fascia oraria) e target demografico e psicografico * periodo * palinsesto break * palinsesto programmi * valutazioni statiche e dinamiche Unità minima rilevata:Il minuto Periodicità :giornaliera Rilevazione : people meter Campione : famiglie rappresentative della popolazione italiana Definizione Chi ascolta per almeno 31 un minuto di ascoltatore:

31 Costruendo relazioni con le Reti civiche Per ''Rete civica'' in senso stretto, si intende un sistema informativo telematico, riferito ad un'area geograficamente delimitata (comune, area metropolitana, provincia, comunità montana etc.), al quale possono partecipare in modo attivo, ossia come produttori di informazioni oltre che fruitori, tutti i soggetti presenti nell'area stessa: enti locali e altre istituzioni, sindacati, associazioni, imprese, cittadini. In sostanza è uno spazio dove i cittadini possono attivamente interagire con gli amministratori, ottenere servizi dagli enti locali, ecc. Secondo l'ART.8 c) della Legge 150/2000 è lo stesso URP che deve: ''promuovere l'adozione di sistemi di interconnessione telematica e coordinare le reti civiche''. Legge 150/2000

32 Opuscoli

33 Numeri verdi Ma solo se avete budget a sufficienza!

34 Intranet Una intranet è simile a un sito Web. E' una rete web interna che utilizza come protocollo Internet, riservata all'organizzazione. Questo significa che ha le stesse modalità d'uso del web ad esempio consente la navigazione ipertestuale o la ricerca per argomenti ma è di fatto un mondo a sé, protetto da ingerenze esterne dai sistemi di sicurezza e riservato alle persone autorizzate che possono accedervi sia dall'ufficio sia da collegamento remoto per comunicare quotidianamente fra loro o per svolgere delle attività

35 Circolari La circolare consiste in una lettera, redatta spesso dagli uffici centrali e duplicata più volte, che circola appunto tra diverse persone, solitamente appartenenti agli uffici locali e periferici di unorganizzazione, con lo scopo di informarle su una determinata attività e dare loro disposizioni e consigli nello stesso istante.

36 Riviste-Bollettini ecc. Un po tristi è vero, ma piuttosto che niente a volte…è meglio piuttosto.

37 Non a caso ricordiamo che… Esistono 3 tipologie di scrittura A livello concettuale possiamo distinguere tre tipologie di scrittura: 1) scrittura tecnica: si utilizza per redigere modulistica, atti amministrativi, ecc. 2) scrittura estetica si applica nella stesura di brochure, opuscoli, depliant, pagine pubblicitarie, ecc 3) scrittura giornalistica: si utilizza per elaborare articoli giornalistica, com. stampa ecc.

38 Nessuno strumento funziona se non è inserito in un sistema, con un metodo ed un processo di lavoro. Vediamone uno.


Scaricare ppt "TECNICHE ED ESPERIENZE DI COMUNICAZIONE NELLE REGIONI..E NON SOLO. Luisa Rizzitelli Formez, Master Regione Puglia Bari, 27 novembre 2006."

Presentazioni simili


Annunci Google