La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

0 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico 2012-2013 LIUC INDICE DELLINCONTRO La Conjoint Analysis Obiettivi Caratteristiche Terminologia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "0 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico 2012-2013 LIUC INDICE DELLINCONTRO La Conjoint Analysis Obiettivi Caratteristiche Terminologia."— Transcript della presentazione:

1 0 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC INDICE DELLINCONTRO La Conjoint Analysis Obiettivi Caratteristiche Terminologia Sequenza attività Esemplificazione Esemplificazione in excell Segmentazione Flessibile

2 1 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEGMENTAZIONE FLESSIBILE: CONJOINT La CONJOINT ANALYSIS – o analisi congiunta – ha come obiettivo la determinazione della configurazione ideale del prodotto, tale che risponda alle esigenze specifiche di un segmento di acquirenti esempio…. esempio Tramite tale tecnica è possibile misurare limportanza relativa di una serie di fattori critici nella definizione del prodotto (esempio….), inteso come paniere di attributi, ed il gradimento dei possibili livelli alternativi dei fattori stessi (esempio…..) La principale caratteristica della conjoint analysis consiste nella richiesta ai rispondenti di espressioni delle loro scelte con modalità simili a quelle adottate nellambito dei reali processi dacquisto, ossia confrontando le diverse caratteristiche di un prodotto e fornendo un giudizio complessivo sulle offerte proposte.

3 2 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC OBIETTIVI DELLA CONJOINT In base alla necessità: 1.Segmentazione del mercato; 2.Decisioni relative al prodotto; 3.Analisi competitiva; 4.Decisioni sul prezzo; 5.Decisioni sulla promozione e sulla distribuzione

4 3 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC OBIETTIVI DELLA CONJOINT: Segmentazione Segmentazione del Mercato Esistono forme diverse di segmentazione del mercato che si differenziano in relazione alla base utilizzata per suddividere il mercato stesso. Generalmente si considerano i benefici che il prodotto offre ai clienti e come questi ultimi li percepiscono (approccio diretto ed orientato al consumatore). La segmentazione posteriori, creando dei cluster (gruppi) individuati in base alla similarità dei benefici (i benefici percepiti dai clienti sono numericamente rappresentati dai pesi ottenuti con la Conjoint Analysis).

5 4 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC OBIETTIVI DELLA CONJOINT: decisioni su pdto Decisioni relative al prodotto Questa metodologia risulta utile anche per ottenere informazioni e suggerimenti di supporto a decisioni del tipo: -modifiche ad un altro prodotto, come la modifica di alcuni attributi; - progettazione ottimale di un prodotto, in questo caso vengono presi in considerazione tutti gli attributi; - riprogettazione della linea; -valutazione dei concetti di un nuovo prodotto.

6 5 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC OBIETTIVI DELLA CONJOINT: Competitive analysis prezzo Analisi Competitiva Permette di prevedere i cambiamenti, per esempio, della quota di mercato derivanti da variazioni apportate a prodotti o a linee di prodotto. Questo è possibile tramite dei modelli di simulazione basati sui dati ottenuti tramite la Conjoint Analysis. Decisioni sul prezzo Tramite modelli di Conjoint Analysis abbastanza sofisticati è possibile ottenere informazioni e stime dellelasticità rispetto al prezzo, utili sia dove non vi siano dati storici sia per supportare decisioni di marketing.

7 6 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC OBIETTIVI DELLA CONJOINT: promozione/ distribuzione Decisioni sulla promozione e sulla distribuzione Questi sono scopi che possono essere definiti indiretti della Conjoint Analysis. Infatti, tramite questa metodologia si possono ricavare informazioni utili anche rispetto a queste categorie di decisioni, per fare questo si possono utilizzare come attributi variabili relative ad aspetti promozionali, come pubblicità, modalità di pagamento,… rilevando i giudizi che i distributori danno a certe combinazioni. Si possono, inoltre, analizzare alcuni problemi relativi alla distribuzione come i tempi di trasporto o la disponibilità del prodotto.

8 7 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC OBIETTIVI DELLA CONJOINT In generale la Conjoint Analysis permette di rispondere alle seguenti domande: - Quali nuovi prodotti avranno successo? - Quali attributi del prodotto/servizio guidano le decisioni di acquisto? - Quali cambiamenti nel progetto del prodotto faranno aumentare le preferenze dei consumatori? - Qual è il prezzo ideale? - Esiste un segmento di mercato per un certo prodotto? - Quale sarà la risposta ad un certo tipo di pubblicità (o qual è la migliore?)

9 8 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC CARATTERISTICHE DELLA CONJOINT ANALYSIS Caratteristiche della Conjoint Analysis decompositiva - la sua natura decompositiva: da un giudizio su un prodotto intero si ricavano le preferenze per ogni attributo particolare e per ogni suo livello, ossia dei part-worth che, combinati tra loro secondo una certa regola (es. additiva), più si avvicinano al giudizio globale del cliente; livello individuale -le stime possano essere fatte a livello individuale, così da ricavare un modello predittivo per ogni consumatore esaminato; in effetti, generalmente ci sono molte variazioni nelle preferenze tra persone diverse; la flessibilità -la flessibilità nelle relazioni tra variabili dipendenti e indipendenti: la relazione esistente non è definita a priori (in genere negli altri metodi si assume una relazione lineare semplice). Si possono fare stime separate degli effetti per ogni livello della variabile indipendente senza assumere che esista un legame tra livelli. La flessibilità dipende così dalle scelte fatte dallanalista (come dice Louviere, 94), non esiste un approccio unico e la conjoint analysis è ciò che lanalista stesso fa).

10 9 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC TERMINOLOGIA Terminologia della Conjoint Analysis -Fattori e attributi: sono le variabili che il ricercatore controlla per misurare leffetto su unaltra variabile. Il fattore è la variabile che rappresenta un certo attributo o caratteristica del prodotto/servizio in esame. Nella C.A. i fattori spesso sono variabili non metriche e devono essere espresse mediante due o più valori chiamati livelli. -Livello: è ogni possibile valore che può assumere un certo fattore. -Profilo o combinazione o Stimolo: è una specifica combinazione di livelli degli attributi. -Pesi parziali: sono i giudizi su un particolare livello di un attributo ricavabili dal peso complessivo attribuito dal singolo rispondente alle alternative di prodotto.

11 10 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC TERMINOLOGIA Terminologia della Conjoint Analysis -La misura della preferenza: questa rappresenta la variabile di osservazione. Questa misura può essere realizzata tramite due diverse modalità: il Rating ed il Ranking. Il primo prevede la formulazione da parte del consumatore di un punteggio di utilità o preferenza. Il secondo prevede che il rispondente componga un ordinamento sempre in base alla preferenza o allutilità percepita.

12 11 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEQUENZA ATTIVITA Sequenza delle attività PROBLEMA DA ANALIZZARE DEFINIZIONE FATTORI E LIVELLI e CREAZIONE DEGLI STIMOLI METODO DI PRESENTAZIONE E DI MISURAZIONE SCELTA MISURA DELLE PREFERENZE METODI DI STIMA VALUTAZIONE RISULTATI INTERPRETAZIONE RISULTATI APPLICAZIONE DEI RISULTATI

13 12 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEQUENZA ATTIVITA Sequenza delle attività Fase 1: Il problema esplorativa Prima di pianificare lanalisi vera e propria è necessario inquadrare il tipo di problematica che si andrà a valutare. Magari tramite una ricerca esplorativa (focus group, interviste telefoniche, interviste in profondità), è importante, a parole per esempio, capire come il consumatore identifichi ed esprima a parole certe caratteristiche del prodotto. Alcuni quesiti possono essere: - si possono descrivere tutti gli attributi che danno utilità e valore al prodotto in esame? - qualè il criterio di scelta base per questo particolare tipo di prodotto? - si deve dare precedenza alla spiegazione del processo di scelta da parte del consumatore (focalizzarsi quindi sullimportanza degli attributi) oppure si cerca di prevedere la quota di mercato per il prodotto?

14 13 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEQUENZA ATTIVITA Sequenza delle attività Fase 2: Selezione di fattori e livelli In genere si hanno a disposizione i risultati di unanalisi preliminare per effettuare questa attività. Nella scelta degli attributi rilevanti si devono considerare: il valore globale del prodotto: vanno inclusi tutti gli attributi che creano potenziale valore nel prodotto e anche quelli che eventualmente ne tolgono, permettendo così una valutazione il più possibile corretta

15 14 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEQUENZA ATTIVITA Sequenza delle attività Fase 2: Selezione di fattori e livelli -segue livelli Vanno poi selezionati i livelli per ogni fattore, tenendo presente che: -le caratteristiche selezionate devono esprimere un concetto ben preciso, il significato delluna non deve sconfinare in quello di unaltra; -il concetto deve essere ben espresso per evitare fraintendimenti; -il numero di livelli va quanto più possibile bilanciato per i diversi fattori; -il campo di oscillazione dei livelli va stabilito un po fuori dai valori reali, così da ridurre la correlazione tra attributi, senza però arrivare a livelli non realistici; -bisogna evitare la collinearità multipla tra attributi: ogni variabile indipendente deve essere slegata dallandamento delle altre (non deve esserci regressione di una sulle altre). Se esistono legami che creano poi stimoli non validi (es. due attributi compresenti nello stimolo ma mai nella realtà), si può creare un superattributo che racchiuda gli aspetti degli attributi correlati, oppure si deve eliminare uno dei fattori.

16 15 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEQUENZA ATTIVITA Sequenza delle attività Fase 3: Il metodo di raccolta dati e di presentazione I metodi più comuni per raccogliere i dati sono due: - approccio trade-off: vengono comparati solo due attributi alla volta; è poco realistico (un prodotto ha più di due attributi in genere), richiede di esprimere molti giudizi, permette solo risposte non metriche e non può far uso del metodo frazionario per ridurre il numero di combinazioni. molti fattori - approccio full profile: in questo caso si può usare il metodo fattoriale frazionario e ogni stimolo viene descritto separatamente (cartellini); si possono chiedere vari tipi di giudizio, da quello sulla volontà di prova a quello sullintenzione dacquisto. Tuttavia, se ci sono molti fattori si rischia che lintervistato ne consideri solo alcuni, dando così informazioni sovrabbondanti; è importante poi che lordine con cui si presentano i fattori sui cartellini cambino di volta in volta per ogni intervistato.

17 16 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEQUENZA ATTIVITA Sequenza delle attività Fase 4: Metodi di presentazione e di misurazione La misura della preferenza: questa rappresenta la variabile di osservazione. Questa misura può essere realizzata tramite due diverse modalità: il Rating ed il Ranking. Il primo prevede la formulazione da parte del consumatore di un punteggio di utilità o preferenza. Il secondo prevede che il rispondente componga un ordinamento sempre in base alla preferenza o allutilità percepita.

18 17 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEQUENZA ATTIVITA Sequenza delle attività Fase 6: Valutazione dei risultati Poiché si misura una grandezza non fisica (la preferenza) utilizzando un questionario, è importante valutare la bontà dello strumento di misura stesso: questo deve essere affidabile, cioè deve produrre le stesse misure qualora cambino le condizioni esterne (es. lintervistatore) e deve anche essere valido, cioè deve misurare proprio quanto si propone di considerare.

19 18 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEQUENZA ATTIVITA Sequenza delle attività Fase 7: Interpretazione dei risultati aggregato o disaggregato aggregato Lanalisi può essere fatta a livello aggregato o disaggregato: in genere si usa questo secondo approccio, per cui per ogni persona intervistata viene costruito un modello. Si viene a conoscenza così del comportamento di ogni consumatore. Con lapproccio aggregato, si prepara un modello unico, perdendo informazioni circa i gusti del singolo: è unanalisi quindi poco appropriata, soprattutto quando la popolazione è disomogenea, anche se è utile qualora si voglia stimare per esempio la quota di mercato di un prodotto (obiettivo di ricerca dove conta il comportamento generale). importanza Oltre a descrivere limpatto di ogni livello, si stima anche limportanza relativa di ogni fattore (in percentuale) per ogni intervistato.

20 19 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEQUENZA ATTIVITA Sequenza delle attività Fase 8: Applicazione dei risultati ottenuti I modelli ottenuti (uno per persona) possono servire per: decisioni di segmentazione decisioni di segmentazione: si raggruppano i consumatori con giudizi simili; analisi di redditività analisi di redditività relativa di un certo progetto di prodotto: conoscendo il costo di ogni caratteristica, si può combinare il costo di ogni prodotto (combinazione) con la quota di mercato prevista per osservarne la fattibilità; simulazioni simulazioni: si può prevedere la quota di mercato che può raggiungere un certo stimolo in diversi scenari competitivi; si può stimare cosa succeda se si aggiunge un nuovo prodotto nel settore; si può capire la dinamica di una strategia multiprodotto (effetto della cannibalizzazione).

21 20 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC ESEMPLIFICAZIONE Esemplificazione: Valutazione sollevatore I fattori, con i rispettivi livelli, sono i seguenti: 1) Design, con modalità A e B 2) Capacità di carico, 10 ton, 20 ton 3) Marca, Alpha e Beta 4) Sospensioni regolabili, SI – NO 5) Prezzo, 1.600, 1.900, euro Combinazioni possibili=2*2*2*2*3=48

22 21 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC ESEMPLIFICAZIONE Piano fattoriale frazionato a 1/6 delle combinazioni possibili

23 22 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC ESEMPLIFICAZIONE UTILITA PARZIALI

24 23 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC ESEMPLIFICAZIONE Utilità parziali per i livelli degli attributiDeterminazione dellimportanza relativa degli attributi DALLE UTILITA PARZIALI ALLIMPORTANZA

25 24 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC ESEMPLIFICAZIONE CALCOLO VALORE DEL DELTA UTILITA Prezzo Utilità –6,816 Prezzo Utilità –9, ,769 1 punto utilità = 216,68

26 25 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC ESEMPLIFICAZIONE CALCOLO PREZZO DI INDIFFERENZA Il differenziale massimo del profilo 1 rispetto al profilo 2 è di 706,8 pari al di utilità (3,262) moltiplicato per il valore monetario dellutilità (216,68 )

27 26 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC ESEMPLIFICAZIONE EXCELL ESEMPIO_EXCEL.xls Si consideri un prodotto Marca 3 livelli A,B,C Colore 2 livelli Rosso, Blu Prezzo 3 livelli 50,100, combinazioni

28 27 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEGMENTAZIONE FLESSIBILE Considerando che per ciascun individuo è possibile ricavare le rispettive utilità Può risultare particolarmente utile considerare una cluster analysis su tale database così di identificare segmenti di consumatori omogenei con riferimento allutilità attribuita ai diversi livelli e conseguente importanza per i fattori

29 28 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEGMENTAZIONE FLESSIBILE Consideriamo limportanza a livello globale per diverse formulazioni di un farmaco

30 29 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEGMENTAZIONE FLESSIBILE Applicando la cluster analysis sui dati dellutilità emergono 3 segmenti con profili di utilità molto diversi

31 30 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEGMENTAZIONE FLESSIBILE Considerando i valori delle utilità è possibile ricavare le preferenze riferite a qualunque prodotto ottenuto aggregando i livelli dei diversi fattori. Un soggetto sceglierà il pdto con le utilità per lui maggiori, quindi fatto 100 il campione è possibile ricavare la % di coloro i quali preferiranno un pdto rispetto agli altri

32 31 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico LIUC SEGMENTAZIONE FLESSIBILE: CONJOINT Esercitazione 5) Perché è così elevata la preferenza per il cluster 3 del Farmaco A ? (vedi slide 30-31) Sviluppo nuovo motorino UTILITA' MarcaProfilo 1 Marca 1-0,0285Marca 2 1) Quale è l'importanza dei diversi attributi Marca 20,0629Colore 1 2) Quanto vale un punto di utilità, in euro? Marca 3-0,0344ABS Si 3) quale è il delta utilità tra i due profili Colore Prestazioni 140 km/h 4) quale è il delta prezzo di pareggio? Colore 1-0,1193Consumo25 km/l Colore 20,0207Prezzo 2.350,00 Colore 30,0986 Sistema ABSProfilo 2 SI0,4222Marca2 NO-0,4222Colore 3 Prestazioni ABS si fino a 120 km/h-0,2285Prestazioni120 km/h fino a 140 km/h0,2285Consumo35 km/l Consumo Prezzo 2.150,00 25 km/l-0, km/l0,2174 Prezzo 2.000,00-0, ,00-1, ,00-1,478


Scaricare ppt "0 Metodi quantitativi per il marketing – Anno Accademico 2012-2013 LIUC INDICE DELLINCONTRO La Conjoint Analysis Obiettivi Caratteristiche Terminologia."

Presentazioni simili


Annunci Google