La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

XXIV Congresso Nazionale ACOI Montecatini 25-28 Maggio 2005 SINDROME COMPARTIMENTALE ADDOMINALE Dr Luca Ponchietti, Dr Giuseppe Manca, Dr Andrea Valeri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "XXIV Congresso Nazionale ACOI Montecatini 25-28 Maggio 2005 SINDROME COMPARTIMENTALE ADDOMINALE Dr Luca Ponchietti, Dr Giuseppe Manca, Dr Andrea Valeri."— Transcript della presentazione:

1 XXIV Congresso Nazionale ACOI Montecatini Maggio 2005 SINDROME COMPARTIMENTALE ADDOMINALE Dr Luca Ponchietti, Dr Giuseppe Manca, Dr Andrea Valeri Chirurgia Generale 1 Dir. A.Valeri AOUCareggi-Firenze Dr Luca Ponchietti, Dr Giuseppe Manca, Dr Andrea Valeri Chirurgia Generale 1 Dir. A.Valeri AOUCareggi-Firenze

2 Definizioni NAH (normal abdominal pressure) = 0-5 cmH 2 0 IAH (intra-abdominal hypertension) > cmH 2 O »Grado I10-15 cmH 2 O o 7,- 11 mmHg »Grado II15-25 cmH 2 O o mmHg »Grado III25-35 cmH 2 O o mmHg »Grado IV> 35 cmH 2 O o > 25 mmHg

3 SCA (Sindrome Compartimentale Addominale) la presenza di IAH è accompagnata da una disfunzione dorgano… e …la decompressione delladdome provoca un miglioramento nella funzione degli organi interessati.

4 Casistica 21 pazienti consecutivi, 11 femmine e 10 maschi, età media 54 anni (range 29-73), che sono giunti alla nostra osservazione dal 2002 al 2005…... di cui a)12 perforazioni intestinali b)5 infarti intestinali c)2 pancreatiti acute liatiasiche gravi d)1 sepsi in gangrena colecistica e)1 sepsi in coleperitoneo post VLC

5 Criteri per la decompressione Pz con SCA in atto Pz con SCA operati durgenza ma soprattutto… Pz con Pressione IA>15 mmHg, con deterioramento delle funzioni dorgano e trend pressorio in ascesa Tutti i pz operati che al momento della chiusura delladdome presentavano Pressione IA >15 mmHg e in cui le condizioni locali facevano prevedere con alta probabilità lo sviluppo di SCA nel post-operatorio

6 Come decomprimere laddome? 1.Laparostomia con Bogotà 2.Laparostomia con protesi 3.Chiusura solo della cute

7 Laparostomia con Bogotà Indicata nei casi di grave IAH, di sepsi, in caso di second-look programmato a breve… Facilissima realizzazione Risoluzione immediata dellipertensione Laboriosa gestione della laparostomia Ingente perdita di liquidi Rischio di danno viscerale durante le manipolazioni Rischio di danni viscerali da decubito

8

9 Laparostomia con protesi Stesse indicazioni della laparostomia con Bogotà Agevole gestione della laparostomia. Esente il rischio di danno viscerale La protesi non biologiche devono essere rimosse se si agisce in ambiente settico La rimozione della laparostomia può essere preceduta da interventi di riduzione dellarea della protesi, effettuati anche bed-side Alti costi delle protesi

10

11 Chiusura della cute Può essere presa in considerazione per quei pz nei quali si vuole prevenire una SCA Nessun problema di gestione Nessuna complicanza Laparocele Non sempre è necessario un secondo intervento

12

13 Tutti i pz hanno avuto un miglioramento rapido delle funzioni dorgano La mortalità è stata di 5 pazienti e non è stata mai dovuta a complicanze della laparostomia La durata di permanenza delle laparostomie con Bogotà e con protesi è stata 8 +/- 2 giorni 2 complicanze (1 fistola enterica con Bogotà; una eviscerazione parziale con chiusura della cute) Risultati

14 Dei 15 pz trattati solo con la chiusura della cute… 2 pz morti precocemente per lo stato settico Dei 13 sopravvissuti… 1 eviscerazione parziale per precoce rimozione dei p.d.s., trattato a letto del paziente senza nessuna complicazione ulteriore 3 pz sono stati sottoposti a plastica della parete con protesi I rimanenti 10 pz sono attualmente portatori di laparocele con ampia porta mai andati incontro a complicazioni

15 Conclusioni La vera incidenza di SCA non è stimata perché è una condizione non ricercata anche se la diagnosi potrebbe essere semplice ed economica Il suo trattamento è risolutivo se attuato tempestivamente o ancor meglio se prevenuta Un limite relativamente basso (15 mmHg) permette di agire tempestivamente e di poter procedere a tecniche di decompressione meno invasive Utile monitoraggio del trend pressorio Risolvere la SCA non significa guarire il pz ma agire su una delle tante cause di prognosi infausta allinterno della patologia di base I pz con pancreatite acuta grave dovrebbero sempre essere sottoposti a monitoraggio della PIA e del suo trend

16 Despite early contributions….the clinical and pathophysiologic significance of elevated intraabdominal pressure went largely unrecognized (Bailey & Shapiro) Abdominal decompression is life-saving…


Scaricare ppt "XXIV Congresso Nazionale ACOI Montecatini 25-28 Maggio 2005 SINDROME COMPARTIMENTALE ADDOMINALE Dr Luca Ponchietti, Dr Giuseppe Manca, Dr Andrea Valeri."

Presentazioni simili


Annunci Google