La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CORSO DI AGGIORNAMENTO SICUREZZA DUSO DELLE PIANTE MEDICINALI FARMACO-FITOVIGILANZA Milano, 16 giugno 2006 REAZIONI AVVERSE CUTANEE A PRODOTTI A BASE DI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CORSO DI AGGIORNAMENTO SICUREZZA DUSO DELLE PIANTE MEDICINALI FARMACO-FITOVIGILANZA Milano, 16 giugno 2006 REAZIONI AVVERSE CUTANEE A PRODOTTI A BASE DI."— Transcript della presentazione:

1 CORSO DI AGGIORNAMENTO SICUREZZA DUSO DELLE PIANTE MEDICINALI FARMACO-FITOVIGILANZA Milano, 16 giugno 2006 REAZIONI AVVERSE CUTANEE A PRODOTTI A BASE DI PIANTE MEDICINALI Lidia Sautebin Dipartimento di Farmacologia Sperimentale e Centro Interdipartimentale di Ricerche in Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione Facoltà di Farmacia Università di Napoli Federico II

2 IL CRESCENTE UTILIZZO DEI PRODOTTI A BASE DI PIANTE MEDICINALI È DOVUTO A VARI FATTORI TRA CUI: a) Insoddisfazione verso un trattamento convenzionale b) Convinzione che tali prodotti siano efficaci e soprattutto sicuri perché: 1) di origine naturale 2) possono essere liberamente acquistati Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin

3 FATTORI COINVOLTI NELLINSORGENZA DI RA: PRESENZA DI UNO O PIU COSTITUENTI CONTAMINAZIONE O SOSTITUZIONE CON PRODOTTI PIÙ TOSSICI PRESENZA DI IMPURITA PRESENZA DI FARMACI O ALTRE SOSTANZE INTERAZIONI PATOLOGIE PREESISTENTI Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin farmacovigilanza.org sezione fitovigilanza

4 evento dannoso o nocivo ipoteticamente associato alluso di un prodotto (WHO). Reazione avversa (RA) Evento avverso (EA) risposta nociva e non intenzionale ad un prodotto che insorge durante il corretto utilizzo del prodotto stesso (WHO). Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin

5 TIPOLOGIA DELLE RA CUTANEE DA PRODOTTI A BASE DI PIANTE MEDICINALI DA PRODOTTI A BASE DI PIANTE MEDICINALI Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin

6 DAL PUNTO DI VISTA CLINICO SI POSSONO AVERE: REAZIONI CUTANEE IMMEDIATE - NON IMMUNOLOGICHE o IRRITATIVE - IMMUNOLOGICHE REAZIONI CUTANEE RITARDATE - IMMUNOLOGICHE REAZIONI GENERALIZZATE O SISTEMICHE Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin

7 MISCELA DI ESTRATTI DI: trifoglio rosso, farfaro (Tussilago farfara), radice di uva selvatica (Phytolacca decandra), pero spinoso (Cactus opuntia), frassino, corteccia di sassofrasso e passiflora assunzione, per os, come tonico (Mevorah et al. Dermatol Therapy, 2003) SINDROME DI STEVENS-JOHNSON CUTE (eritema multiforme) EDEMA MUCOSE (ANGIOEDEMA) particolarmente bocca, congiuntive e uretra APP. RESPIRATORIO, GASTRO-INTESTINALE Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin

8 APPLICAZIONE TOPICA DI CREMA ALL1.5% DI ARNICA 1 : ( anche Paprica 2 )(automedicazione) Mevorah et al. Dermatol Therapy, 2003 Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin 1) Greer et al., Cutis, 1993; 2) Del Monte et al., Dermatology, 1998 SINDROME DI SWEET Caratterizzata da lesioni necrotiche della cute a rapida espansione, placche eritematose distribuite su estremità, collo e tronco, sindrome para-influenzale, epatite colestatica, osteomielite asettica o meningite Spesso associata a malattie mieloproliferative (PATOLOGIA PREESISTENTE!), osservata in pazienti affetti da leucemia

9 TIPI DI REAZIONE IN BASE ALLESPOSIZIONE: VIA TOPICA: R. non immunologiche o irritative R. immunologiche immediate e ritardate R. fototossiche R. per adulterazione (es. corticosteroidi) VIA SISTEMICA: R. immunologiche immediate R. fotosensibilizzanti R. per adulterazione (es. corticosteroidi) R. per contaminazione (es. metalli pesanti)

10 SONO REAZIONI CUTANEE A MECCANISMO NON IMMUNOLOGICO, DI TIPO IRRITATIVO (DCI) O DI TIPO ORTICARIOIDE (OCNI), PER LO PIU LOCALIZZATE SONO LE PIU COMUNI, COMPAIONO, GENERALMENTE, ENTRO POCHI MIN SINO AD 1 ORA DAL CONTATTO CON LA CUTE DIPENDONO DALLE CONDIZIONI DUSO REAZIONI IMMEDIATE NON IMMUNOLOGICHE Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin

11 IL QUADRO CLINICO INFATTI DIPENDE DA: TEMPO DI ESPOSIZIONE (CONTATTO)* CONCENTRAZIONE DELLAGENTE CAUSALE Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin Estensione ad altre aree cutanee e cronicizz. * DCI OCCUPAZIONALE PER UNO STESSO PRODOTTO DALLA STAGIONE O AREA GEOGRAFICA INTEGRITA DELLA CUTE

12 SEGNI CLINICI: INTENSO PRURITO, BRUCIORE ERITEMA, DESQUAMAZIONE VESCICOLE (a volte) Normalmente la reazione si risolve con la rimozione del contatto o spontaneamente dopo alcuni minuti, anche se ripetuti contatti con la sostanza responsabile possono produrre una reazione cronica. PRESENZA DI AREE DI ERITEMA ED EDEMA (pomfi) CIRCOSCRITTE, MULTIPLE, DI GRANDEZZA VARIABILE TIPO ORTICARIOIDE: TIPO IRRITATIVO (ECZEMA NON ALLERGICO, DCI) (soggettiva segni non visibili o oggettiva visibili): Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin

13 AGENTI CAUSALI RINI ASTERACEE (anche sensibilizzanti e fotosens.) rimedi erboristici, prodotti cosmetici, alimenti e bevande EUFORBIACEE LILIACEE ( colchico autunnale tiocolchicoside, anche sensibilizzante, aglio) Milano, 16 giugno 2006 (Mantel et al., Adverse Drug react Toxicol Rev, 2001; Meneghini et al., Contact Dermatitis 1979) L.Sautebin

14 PINACEE ( trementina, aromaterapia) PRIMULACEE (Primula Obconica primina ad alte concentrazioni, espettorante, lassativo, antispasmod.) RANUNCOLACEE ROSACEE (anche industria profumi, aromaterapia) SOLANACEE (Capsicum Frutescens capsaicina) Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin farmacovigilanza.org sezione cosmetovigilanza

15 ALFA e BETA IDROSSIACIDI - acido glicolico - acido lattico - acido citrico - acido salicilico ESSENZE PROFUMATE ALCALOIDI GLICOSIDI SAPONINE ANTRACHINONI SOSTANZE RESPONSABILI farmacovigilanza.org sezione cosmetovigilanza (Mantle, Adv Drug React. Toxicol Rev 2001)

16 REAZIONI IMMEDIATE IMMUNOLOGICHE SONO REAZIONI CUTANEE (OAC) A MECCANISMO IMMUNOLOGICO (IgE-dipendenti) - compaiono dopo qualche ora (4-6), comunque entro 48 ore E NECESSARIA UNA PRECEDENTE ESPOSIZIONE PER LA SENSIBILIZZAZIONE (problema!) SONO MENO FREQUENTI E MENO FACILI DA GESTIRE REATTIVITA CROCIATA IMPORTANTE LA SEGNALAZIONE PER INDIVIDUARE FATTORE/I SENSIBILIZZANTE/I Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin

17 SEGNI CLINICI: ORTICARIA ALLERGICA DA CONTATTO POMFI (EDEMI ROSACEI) PRURITO INTENSO PUÒ ESSERE GENERALIZZATA PU0 CRONICIZZARE Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin ERITEMA NELLE FORME MENO GRAVI NELLE FORME PIU GRAVI EDEMA MUCOSE (ANGIOEDEMA) E GRAVI REAZIONI SITEMICHE SINO AD ANAFILASSI N.B. MALATTIA OCCUPAZIONALE

18 AGENTI CAUSALI RII (utilizzo per via topica) Aloe vera, ustioni,cicatrizzazione, patologie cutanee varie Balsamo del Perù, uso cosmetico (fragranze) Camomilla (Matricaria c.) uso cosmetico (compresse occhi) Colofonia (estratta da Pinacee), derivati acido abietico Eucaliptus olii essenziali, uso cosmetico Paprica/capsaicina, dolori muscoloscheletrici, anafilassi ( Ernst, Br J Dermatol 2000; SKINmed 2003; Mevorah et al., 2003) Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin

19 AGENTI CAUSALI RII (utilizzo per via orale) Camomilla blando sedativo e antispasmodico, angioedema labbra e occhi (grave forma di orticaria con edema mucose e sintomi sistemici dipendenti da intensità e localizzazione stimolo), prurito diffuso, orticaria generalizzata, anafilassi (sopratt.in soggetti sensibili ad Asteracee) Echinacea, immunostimolante, orticaria gen., anafilassi Aglio, ipolipemizzante, orticaria (anche per via topica) e angioedema ( Ernst, Br J Dermatol 2000; SKINmed 2003; Mevorah et al., 2003) Milano, 16 giugno 2006

20 pigmentazione, cute secca, squamosa soprattutto palmo, pianta del piede, avambraccio, schiena, descritto anche un caso di fotosensibilizzazione L.Sautebin (Alschuler, Am J Nat Med, 1997; Ernst Br J Dermatol, 2000) Milano, 16 giugno 2006 Kava (Piper methysticum), ansiolitico, abuso cronico (meccanismo non noto)

21 REAZIONI IRRITATIVE ED ALLERGICHE DELLA CUTE INDOTTE DALLINTERAZIONE TRA I COMPONENTI DEL PRODOTTO E LA LUCE SOLARE SIA DOPO SOMMINISTRAZIONE TOPICA (IRRITATIVA) CHE SISTEMICA (ALLERGICA) DERMATITE FOTOTOSSICA E FOTOALLERGICA DERMATITE FOTOTOSSICA E FOTOALLERGICA Milano, 16 giugno 2006 FOTOTOSSICITA: FOTOTOSSICITA: NON COINVOLGE LA RISPOSTA IMMUNITARIA E PIU COMUNE FOTOALLERGIA FOTOALLERGIA COINVOLGE LA RISPOSTA IMMUNITARIA L.Sautebin

22 SEGNI CLINICI FOTO TOTOSSICITA ERITEMA CON PRURITO SUCCESSIVA IPERPIGMENTAZIONE E DESQUAMAZIONE LA REAZIONE PUO ESSERE IMMEDIATA O RITARDATA DI ORE O DI GIORNI. E CONFINATE NELLA SEDE DI FOTOESPOSIZIONE RADIAZIONI <320 nm eritematogene RADIAZIONI nm meno eritematogene, ma fototossiche e fotoallergiche L.Sautebin Milano, 16 giugno 2006

23 SEGNI CLINICI FOTOALLERGIA ECZEMA (RITARDATO- LINFOCITI T) PRURITO ESSUDAZIONI TALVOLTA ORTICARIA IMMEDIATA A VOLTE SOLO VASODILATAZIONE ED EDEMA POSSONO INTERESSARE TUTTA LA CUTE, COME L'ORTICARIA SOLARE SPESSO I DUE QUADRI CUTANEI SONO INDIFFERENZIABILI

24 AGENTI FOTOTOSSICI RUTACEE ROSACEE OMBRELLIFERE ASTERACEE OLIO ESSENZIALE DI SANDALO FUROCUMARINE (psoraleni) ALFA-TIERTENILE SANDALOLO L.Sautebin Milano, 16 giugno 2006

25 OLI ESSENZIALI con (bergamotto) o senza psoraleni naturali ( Cocks, Burns, 1998 ) RUTACEE, OMBRELLIFERE, MORACEE, LEGUMINOSE contengono psoraleni (Koh, CNS Drugs,1999) RADICE DI ANGELICA (utilizzata, per via orale, nella psoriasi+UVA) ( Witkoswki, SKIN med, 2003 ) Milano, 16 giugno 2006 AGENTI FOTOSENSIBILIZZANTI L.Sautebin farmacovigilanza.org sezione cosmetovigilanza

26 Donna di 35 anni, 500 mg/die di foglie di iperico dolore pungente viso e dorso mani esposizione al sole peggioramento dolore che si espande a tutte le zone esposte al sole neuropatia acuta ( Bove, Lancet,1998; Rodriguez-Landa Phytomedicine 2003) Uomo di 44 anni 4 giorni dopo utilizzo di 333 mg/die estratto di iperico in capsule arrossamento, calore, secchezza, desquamazione (eritroderma generalizzato), sia parti esposte alla luce che non esposte (Holme, Br J Dermatol. 2000) Milano, 16 giugno 2006L.Sautebin IPERICO (via sistemica) (Golsch Hautarzt. 1997; Beattie PE, Br J Dermatol. 2005) fotoallergia e fototossicità

27 REAZIONI NON IMMEDIATE O RITARDATE SONO REAZIONI DI TIPO IMMUNOLOGICO, DERMATITE ALLERGICA DA CONTATTO, (DAC) (IMMUNITA CELLULARE-LINFOCITI T) ERITEMA, EDEMA, PRURITO E VESCICOLE CHE SI SVILUPPANO PROGRESSIVAMENTE NEL SITO OVE SI E MANIFESTATA LA REAZIONE REAZIONE DOPO 2-6 giorni o anni, il tipo di antigene e la sensibilita dellospite ne determinano linsorgenza SI MANIFESTA NELLA ZONA DI CONTATTO, MA SI PUO ESPANDERE AD ALTRE ZONE, PUO CRONICIZZARE Milano, 16 giugno 2006L.Sautebin SEGNI CLINICI :

28 SOSTANZE RESPONSABILI della DAC: L.Sautebin Milano, 16 giugno 2006 Camomilla (Matricaria recutita), uso topico, cicatrizzazione, dermatiti, dermatiti atopiche, reattività crociata con alcune Asteracee Capsaicina (Capsicum frutescens), uso topico dolori muscoloscheletrici, Curcumina (Curcuma longa), uso topico, vari usi, Aglio (anche DAC occupazionale) Aloe vera, uso cosmetico e medico (herpex,cicatrizzazione, psoriasi, ustioni), RA grave e prolungata, anche RA sistemiche e bruciore e prurito a eziologia ignota, °descritto caso OAC (Witkoswki, SKIN med, 2003; Ernst Br J Dermatol, 2000; Mevorah et al. Dermatol Therapy, 2003)

29 Lavanda (Lavandula angustifolia), aromaterapia, (lesioni essudative, eritema erosivo) Melaleuca alternifolia, germicida (uso topico), aromaterapia, cosmetici Miscele di erbe cinesi, uso topico, vari usi, Olio doliva, massaggi; olio di menta piperita e di melaleuca, aromaterapia; olio di cumino nero, acne, Milano, 16 giugno 2006 L.Sautebin (Witkoswki, SKINmed, 2003; Ernst Br J Dermatol, 2000; Mevorah. Dermatol Therapy, 2003)

30 Echinacea per via orale ERITEMA NODOSUM caratteristico parte anteriore gambe, più raramente su braccia e volto polimorfo papulo-vescicolare-bolloso presenza di noduli dolorosi di colore rosso bluastro compaiono, in sucessione, per un periodo di giorni Milano, 16 giugno 2006L.Sautebin (Soon SL, J Am Acad Dermatol. 2001)

31 REAZIONI AVVERSE ALLA PROPOLI Anno reazione Età/sessoReazioneGravità/esitoIndicazioniNote anno / MEczema atopico impetignizzato e generalizzato, verosimilmente legato alluso di pomata contenente propoli Ospedalizz.Cicatrizz. per ferite e per alleviare il prurito Dermatite atopica /MReazione allergica eritematosa Ospedalizz.Mal di golaBarbiturici per os (Epilessia) / MEritema polimorfo Ospedalizz.Laringite farmacovigilanza.org sezione fitovigilanza DATI ISS

32 Parafenilendiammina + henné TINTURE PER CAPELLI E TATUAGGI TEMPORANEI 1,4-fenilendiammina

33 ADULTERAZIONI: FATTORI COINVOLTI NELLINSORGENZA DI ALTERAZIONI CUTANEE FARMACI: CORTICOSTEROIDI COME COMPONENTE DI CREME (Keane et al., Br Med J, 1999; Yamey BMJ, 2000) Milano, 16 giugno 2006L.Sautebin CONTAMINAZIONI METALLI PESANTI : PARTICOLARMENTE PRESENTI IN PREPARATI CINESI E INDIANI (Ernst, Br.J. Dermatol 2000; Mevorah et al., Dermatologic Therapy, 2003)

34 Esempi contaminazioni da metalli pesanti (via orale): arsenico ipercheratosi delle piante dei piedi, alterata sensibilità cutanea,malattia di Bowen e altre neoplasie cut. ( Wong et al., J Am Derm 1998; Mevorah et al,Dermatol Ther 2003; Witkoswki SKIN med, 2003) tallio e piombo danni al cuoio capelluto (Schaumburg et al., JAMA 1992) mercurio ulcerazioni cute, cheratoderma, eritroderma (De Groot, Meyler side Effects of Drugs,1996; Withkoswki,SKINmed 2003) L.SautebinMilano, 16 giugno 2006


Scaricare ppt "CORSO DI AGGIORNAMENTO SICUREZZA DUSO DELLE PIANTE MEDICINALI FARMACO-FITOVIGILANZA Milano, 16 giugno 2006 REAZIONI AVVERSE CUTANEE A PRODOTTI A BASE DI."

Presentazioni simili


Annunci Google