La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COUNSELLING VACCINALE Verona, 12 gennaio 2007 Dr. Luca Sbrogio Dipartimento di Prevenzione – ULSS9 Treviso PIANO TRIENNALE DEI SERVIZI DI IGIENE E SANITA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COUNSELLING VACCINALE Verona, 12 gennaio 2007 Dr. Luca Sbrogio Dipartimento di Prevenzione – ULSS9 Treviso PIANO TRIENNALE DEI SERVIZI DI IGIENE E SANITA."— Transcript della presentazione:

1 COUNSELLING VACCINALE Verona, 12 gennaio 2007 Dr. Luca Sbrogio Dipartimento di Prevenzione – ULSS9 Treviso PIANO TRIENNALE DEI SERVIZI DI IGIENE E SANITA PUBBLICA AFFERENTI AI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZ. ULSS DEL VENETO 1.1 Controllo delle malattie prevenibili con vaccinazione

2 Di cosa stiamo parlando? Counselling breve non direttivo: E' un intervento che mira ad aiutare i soggetti a esprimere sentimenti e a chiarire pensieri e difficoltà; il terapeuta suggerisce significati alternativi e non fornisce consigli diretti, ma prova a incoraggiare i soggetti a risolvere da soli i problemi che li riguardano. L. Sbrogiò, gennaio 2007 Clinical evidence, edizione italiana, 2/2003

3 Caratteristiche del counselling –relazione daiuto –intervento non spontaneo ma volontario e consapevole del medico o di altro operatore (sanitario) –azione che determina lavvio del processo decisionale del paziente in vista di un obiettivo condiviso di miglioramento dello stato di salute –non vi è sostituzione ma empowerment del soggetto –ne scaturisce unazione strutturata a sostegno del cambiamento comportamentale –breve (fino a 10) L. Sbrogiò, gennaio 2007

4 Caratteristiche del counselling breve –relativa facilità –basso costo –grande efficacia se applicato su popolazione –non prove dell'esistenza di effetti negativi L. Sbrogiò, gennaio 2007

5 Counselling efficace: aree di applicazione –vaccinazioni –fumo (I - A) /alcool (I - B) –allattamento al seno (I -A) –traumi da traffico (uso dispositivi di ritenuta) (II3 - B) –alimentazione (grassi - fibre) (I - B) attività motoria (III - C) –incidenti domestici (I-III, B-C) –attività motoria –buon uso dei farmaci –prevenzione MST L. Sbrogiò, gennaio 2007

6 Counselling: variabili dellefficacia –intensità –durata –personale preparato –empatia - qualità della relazione –intervento strutturato L. Sbrogiò, gennaio 2007

7 Counselling: quali operatori? –medici - odontoiatri –personale infermieristico - ostetriche –farmacisti –altro personale (socio)sanitario –altri L. Sbrogiò, gennaio 2007

8 Counselling sistemico in ambito vaccinale per operatori sanitari del territorio e dei pediatri di famiglia –Modulo formativo CHANGE (2 giorni/16 ore) –13/21 Az ULSS –Medici vaccinatori SISP: 98 –PLS: 113 –ASV/IP: 212 –Costo per operatore: 160 L. Sbrogiò, gennaio 2007

9 I^ GIORNATA Restituzione questionari (Elli) Proiezione spezzone video atto ad evidenziare i possibili errori comunicativi. Teoria: le basi del counselling sistemico (Elli) Proiezione spezzone video atto ad evidenziare limportanza della comunicazione consapevole. Discussione (Gangemi) Teoria: il counselling informativo (Gangemi) Le prove di efficacia del counselling (Sbrogiò) CORSO BASE PER LA FORMAZIONE AL COUNSELLING IN AMBITO VACCINALE II^ GIORNATA Lavoro in PGA su materiale audioregistrato atto ad evidenziare le tecniche di counselling utili per la negoziazione Restituzione dei lavori e discussione (Elli) Dalla contrapposizione alla negoziazione e percorso motivazionale (Prochaska) (Gangemi). Role-playing volto ad evidenziare importanza e difficoltà della comunicazione tra sistemi. Teoria: sistemi a confronto. (Elli) Brainstorming:discussione delle criticità Valutazione

10 Obiettivi dellevento Fare acquisire conoscenze teoriche e aggiornamenti in tema di –comunicazione con genitori –counselling informativo –counselling motivazionale Fare acquisire abilità manuali, tecniche e pratiche in tema di –Conduzione di colloqui di informazione –Tecniche di counselling –Negoziazione Far migliorare le capacità relazionali e comunicative in tema di –Modificazione di informazioni scorrette o imprecise –Superamento di situazioni conflittuali –Sostegno alla genitorialità responsabile CORSO BASE PER LA FORMAZIONE AL COUNSELLING IN AMBITO VACCINALE

11 Counselling vaccinale: il futuro L. Sbrogiò, gennaio 2007 Approfondimento e refreshing Counselling telefonico Comunicazione con genitori di altra nazionalità Conduzione della comunicazione difficile Allargamento applicativo ad altri ambiti di prevenzione


Scaricare ppt "COUNSELLING VACCINALE Verona, 12 gennaio 2007 Dr. Luca Sbrogio Dipartimento di Prevenzione – ULSS9 Treviso PIANO TRIENNALE DEI SERVIZI DI IGIENE E SANITA."

Presentazioni simili


Annunci Google