La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Pag. 1 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Bilancio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Pag. 1 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Bilancio."— Transcript della presentazione:

1 pag. 1 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Bilancio 1 Una classificazione delle informazioni Il significato di Attività, Passività, Capitale Netto La presentazione di 5 dei 10 principi che presiedono alla redazione del bilancio: 1.Il principio del duplice aspetto (dual-aspect concept) 2.il principio di omogeneità (money-measurement concept) 3.Il principio dellidentità giuridica (entity concept) 4.Il principio della continuità di funzionamento (going-concern concept) 5.Il principio del costo (cost concept) Il significato delle principali voci presenti nello stato patrimoniale I concetti fondamentali e lo Stato Patrimoniale

2 pag. 2 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 La natura e lo scopo della contabilità Organizzazioni e risorse Necessità di informazioni analitiche: –sullammontare delle diverse risorse impiegate –sul rendimento derivante dallimpiego delle risorse –sulle corrispondenti fonti di finanziamento Gli attori interessati e la legittimazione dellimpresa I sistemi contabili e i rendiconti finanziari Bilancio: 2 risposte fondamentali: –la posizione patrimoniale e finanziaria in un dato momento –la prestazione in un determinato periodo Profit No profit

3 pag. 3 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 I sistemi contabili I sistemi contabili sono un linguaggio Il linguaggio è tecnico Il bilancio fornisce informazioni di natura economico- finanziaria relative a unentità (entity) Lo scopo principale del bilancio è fornire informazioni utili per compiere investimenti e per facilitare le decisioni Comunicano informazioni economiche e finanziarie attraverso specifici rendiconti

4 pag. 4 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Una classificazione delle informazioni Informazioni Informazioni non quantitative Informazioni quantitative Informazioni monetarie Informazioni non monetarie Informazioni operative Informazioni di bilancio Informazioni per il management Informazioni fiscali Operating information Financial Accounting Management Accounting Tax Accounting consistono di

5 pag. 5 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., tipi di informazioni monetarie Informazioni operative. Hanno a che fare con il dettaglio delle operazioni (operating information) Informazioni contabili e di bilancio. Sono utilizzate da terzi e dal management (financial accounting) Informazioni per il management. Sono impiegate dal management per pianificare, porre in atto decisioni e controllare (management accounting) Informazioni di natura fiscale. Sono impiegate il pagamento delle imposte (tax accounting)

6 pag. 6 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 I soggetti economici interessati al bilancio di esercizio destinato a pubblicazione (stakeholders) Banche Fornitori Intermediari finanziari Portatori interessi della comunità locale e nazionale Management e organi di governo Lavoratori dipendenti Lavoratori in cerca dimpiego Sindacati Concorrenti Clienti Erario Proprietà IMPRESA

7 pag. 7 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 I soggetti economici interessati al bilancio di esercizio destinato a pubblicazione (stakeholders) Banche Fornitori Intermediari finanziari Portatori interessi della comunità locale e nazionale Management e organi di governo Lavoratori dipendenti Lavoratori in cerca dimpiego Sindacati Concorrenti Clienti Erario Proprietà IMPRESA Il bilancio: È regolato dalla legge Deve fornire un quadro fedele e rilevante della situazione economica e finanziaria Comporta per gli amministratori lassunzione di precise responsabilità

8 pag. 8 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., Obiettivo generico di soddisfazione di tutti i portatori di interessi valore per gli azionisti (massimizzazione del capitale azionario ) tutela dei creditori valorizzazione e coinvolgimento dei lavoratori e parti terze tutela dellambiente contributo per il miglioramento della società 2.Obiettivo di massimizzazione del capitale azionario: controllabile attraverso il mercato dovrebbe riflettere le politiche di lungo termine è un criterio chiaro per la scelta degli investimenti La funzione obiettivo dellimpresa Gli obiettivi sono molteplici perché molteplici sono i diversi interessi da soddisfare Obiettivo sul quale si concentra la finanza aziendale

9 pag. 9 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Due diversi approcci alla contabilità e al bilancio 1.Il punto di vista del contabile –concetti e tecniche necessari a raccogliere, sintetizzare e comunicare linformazione contabile 2.Il punto di vista dellutilizzatore delle informazioni contabili –ciò che gli utilizzatori del bilancio devono conoscere in merito al significato e allaffidabilità dellinformazione di natura contabile La differenza è solo di enfasi es. Ingegneri gestionali

10 pag. 10 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Bilancio: i documenti Il bilancio è composto di 4 documenti principali: 1.lo Stato Patrimoniale (Balance Sheet) 2.il Conto Economico (Economic Income) 3.La Nota integrativa 4.Il Rendiconto dei flussi di cassa (statement of cash flows) (Coca Cola) (General Motors) (Microsoft) (America Online) e poi Nikebiz (Nike) è ricavabile dai primi 2 rendiconti

11 pag. 11 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Bilancio: lo Stato Patrimoniale Nome dellazienda Nome del rendiconto Data (momento) di riferimento GARSDEN COMPANY Stato Patrimoniale Al 31 dicembre 2002 La posizione patrimoniale e finanziaria in un certo istante

12 pag. 12 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 C.N. PASSIVITA Lo Stato Patrimoniale ATTIVITA PASSIVITA E CAPITALE NETTO Stato Patrimoniale della Garsden Company al 31/12/1998 Sezione di sinistraSezione di destra Risorse (cose di valore) possedute dallazienda Fonti di finanziamento Fonti finanziarie messe a disposizione dalla Proprietà Obblighi (prevalentemente debiti) nei confronti di terzi Debiti = Fonti finanziarie messe a disposizione da terzi (creditori). Essi vantano un corrispondente diritto nei confronti delle attività

13 pag. 13 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Le passività e il CN sono interpretabili come: Obblighi nei confronti di terzi Fonti finanziarie Diritti dei creditori e della Proprietà nei confronti delle attività aziendali Le attività e le passività (liabilities) Le attività sono interpretabili come: Risorse economiche possedute dallazienda e dalle quali ci si attende un beneficio futuro, oppure impieghi/investimenti aziendali

14 pag. 14 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Il capitale netto (equity) Gli elementi principali costituenti il capitale netto: 1.Capitale versato (paid-in capital) Capitale sociale Riserva da sovraprezzo azioni… 2.Riserve di utili (retained earnings) Utile (perdita) dellesercizio Riserva legale Riserva statutaria… Ammontare di denaro ( o beni) apportato direttamente dalla Proprietà (azionisti qualora si tratti di una spa) Ricchezza generata attraverso la gestione e non distribuita sotto forma di dividendi

15 pag. 15 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Il codice civile e i principi contabili Il bilancio contiene una comunicazione sulla quale vigilano la collettività e i suoi organi istituzionali. Problema delle regole e del loro aggiornamento: –Codice civile artt e segg. –Principi contabili (Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti e dei Ragionieri) –Testo unico imposte dirette Dpr 917/86 Il bilancio:(1) Viene regolato dalla legge; (2) Deve fornire un quadro fedele e rilevante della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dellazienda; (3) Comporta per i redattori lassunzione di precise responsabilità.

16 pag. 16 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 ATTIVITÀ > PASSIVITÀ + CAPITALE NETTO Il principio del duplice aspetto o principio dualistico Attività = Passività + Capitale netto ATTIVITÀ < PASSIVITÀ + CAPITALE NETTO Ammontare complessivo delle fonti finanziarie (debito + CN) Diritti vantati complessivamente nei confronti delle attività aziendali Risorse economiche possedute dallazienda Impieghi/investimenti aziendali ogni attività sulla quale non vantano diritti i creditori sarà rivendicata dai detentori del capitale Il totale dei diritti vantati non può eccedere quanto lazienda possiede ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + CAPITALE NETTO

17 pag. 17 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Il principio del duplice aspetto ATTIVITÀ PASSIVITÀ CAPITALE NETTO = componenti positive del capitale componenti negative del capitale ATTIVITÀ = PASSIVITÀ + CAPITALE NETTO o anche: CAPITALE NETTO = ATTIVITÀ - PASSIVITÀ IL CAPITALE NETTO E UN VALORE RESIDUALE I creditori vantano diritti prioritari sulle attività e possono chiedere il fallimento dellazienda qualora questa non onori i propri debiti. attività al netto delle passività

18 pag. 18 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Il riferimento temporale del bilancio e il principio di omogeneità (money-measurement concept) Il principio di omogeneità –lunità di misura delle risorse è la moneta a valore nominale costante –è possibile assoggettare al calcolo aritmetico risorse di natura diversa –sono riportati solo quei fatti della vita aziendale che producono effetti valutabili monetariamente Il bilancio è una descrizione incompleta (mappa)

19 pag. 19 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Il principio dellidentità giuridica (Entity Concept) Il proprietario di un sito Internet preleva 100 dalla cassa della propria società per uso personale. Dovrebbe il sistema contabile aziendale rilevare questo prelievo? Si, a motivo del principio dellidentità giuridica. Questo principio richiede, infatti, che i conti aziendali mostrino che la liquidità dellazienda è ora inferiore di 100 rispetto a quanto era prima del prelievo!

20 pag. 20 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Il principio della prospettiva di funzionamento (going-concern concept) Le rilevazioni contabili devono assumere in alternativa: –che lazienda sia in una fase di interruzione dellattività –che lazienda rimanga in vita per un tempo indeterminato Il principio di continuità di funzionamento Bilancio di liquidazione, bilancio di cessione, bilancio desercizio Poiché vale lipotesi di funzionamento indeterminato, il bilancio non rileva il valore al quale le attività potrebbero essere vendute Attivo Garsden al pari a E questo il valore al quale le attività potrebbero essere vendute?

21 pag. 21 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Il principio della valutazione al costo (cost concept) Le attività monetarie Al 31 dicembre 2003 la cassa di unazienda ammonta a Questo è il valore di mercato della cassa: Linformazione è stata comunicata dalla banca La banca conserva una traccia affidabile di questi valori Quando un valore è oggettivo (altamente affidabile) unattività è presente in bilancio al suo valore di mercato Rappresentano diritti su uno specifico ammontare di denaro: denaro, conti correnti attivi, buoni del tesoro In generale le attività monetarie sono presenti in bilancio al loro valore di mercato

22 pag. 22 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Il principio della valutazione al costo (cost concept) Le attività non monetarie Un terreno acquistato lo scorso anno per ha oggi un valore di mercato di A che valore deve essere rilevato il terreno? A motivo del principio del costo (valore non oggettivo), il terreno deve essere registrato al prezzo dacquisto di euro In assenza di un valore oggettivo si assume il costo storico come misura originaria della funzionalità del bene, sicché nasce il problema di rettificare nel tempo tale misura (ammortamento) Le attività non monetarie sono presenti in bilancio al costo storico

23 pag. 23 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Il principio della valutazione al costo (cost concept) Esiste una valutazione oggettiva dellattività? Si: valore di mercato No: valutazione al costo I due motivi per valutare alcune attività al costo: 1.Difficile e inaffidabile stimare i valori di mercato 2.Per il principio della continuità di funzionamento la conoscenza del valore di mercato di molte attività è superflua

24 pag. 24 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Il principio della valutazione al costo (cost concept) Unimpresa produttrice di jeans ha molte paia di pantaloni e di parti di stoffa in stati più o meno avanzati di produzione (semilavorati). Se lazienda dovesse oggi cessare lattività e liquidare i propri beni, questi semilavorati avrebbero un valore molto basso se non nullo. Se oggi fosse lultimo giorno del periodo contabile, dovrebbero i semilavorati di jeans essere valorizzati al prezzo di mercato?

25 pag. 25 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Bilancio: Stato Patrimoniale della Garsden al Una voce sintetizza normalmente una molteplicità di voci che la costituiscono

26 pag. 26 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Un approfondimento del concetto di attività Le attività sono risorse economiche controllate da unazienda il cui costo è stato affidabilmente determinato Unattività deve: essere di proprietà o sotto il controllo dellazienda avere un valore per lazienda cassa o equivalente ha un valore di mercato produce unutilità deve avere un costo/valore misurabile in modo affidabile (molte volte si tratta del prezzo di una transazione con lesterno) Il marchio Coca Cola è unattività? (è presente nello stato patrimoniale della Coca Cola?)

27 pag. 27 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Lo Stato Patrimoniale riclassificato finanziariamente Attività correnti Attività immobilizzate Passività correnti Passività a lungo termine Capitale Netto ATTIVITAPASSIVITA E CAPITALE NETTO Stato Patrimoniale della Garsden Company al 31/12/2002 Sezione di sinistraSezione di destra Debiti/obblighi/diritti di terzi

28 pag. 28 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Il quoziente di liquidità Quoziente di liquidità (Garsden Company al 31/12/1999) Attività che si trasformeranno in liquidità (produrranno la loro utilità) entro lesercizio successivo Debiti che verranno a scadenza entro lesercizio successivo

29 pag. 29 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Il capitale Netto (Equity) Capitale Netto Riserve di utili Capitale versato + Gestione (Costi) - Cassa (divid.) - Capitale sociale640 Riserva da sovraprezzo delle azioni1.500 CAPITALE VERSATO2.140 Utile (perdita) dellesercizio200 Riserve di utili700 RISERVE DI UTILI900 CAPITALE NETTO Gestione (Ricavi)

30 pag. 30 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Il valore di mercato è legato ad aspettative 13,3 14,6 19,3 3,4 2,7 4,9 0,11 0,30 0,97 Ricavi (MLD$) Risultato lordo (MLD$) AOL MLD$ (55%) Time Warner MLD$ (45%) 3,1 4,8 0,9 Impresa 1Impresa

31 pag. 31 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Punti chiave da ricordare Le attività sono le risorse (le cose di valore) che lazienda possiede. Questo valore è per alcune attività un valore di mercato, per altre un valore da ricondursi allutilità che le attività possedute avranno nello svolgimento delle future operazioni aziendali. Le fonti finanziarie che hanno reso possibili gli impieghi nelle attività sono: 1. le passività e 2. il capitale netto. Le passività sono le fonti finanziarie messe a disposizione dai creditori. Il capitale netto comprende: 1. le fonti di denaro (o il valore di beni) apportate direttamente dalla Proprietà; 2. le riserve di utili, cioè gli utili trattenuti. I creditori vantano diritti prioritari sulle attività e possono chiedere il fallimento dellazienda qualora questa non onori i propri debiti. I proprietari, cioè i detentori del capitale netto, godono conseguentemente solo di un diritto residuale. Il principio del duplice aspetto stabilisce che il valore totale delle attività debba necessariamente essere uguale a quello delle passività + quello del capitale netto.

32 pag. 32 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Punti chiave da ricordare Lo stato patrimoniale di unazienda riporta lammontare delle attività, delle passività e del capitale netto a un certo momento (a una certa data). In accordo con il principio domogeneità, la contabilità riporta esclusivamente quei fatti che possono essere espressi in termini monetari. Il principio dellidentità giuridica stabilisce che i rendiconti finanziari vengano redatti avendo a riferimento lazienda e non la Proprietà, le persone che vi operano o quelle che con essa hanno a che fare a vario titolo. Il principio della prospettiva di funzionamento assume che lazienda continui a operare per un periodo di tempo indeterminato. Le attività monetarie sono riportate in bilancio al loro valore di mercato; le altre attività al costo storico. Le attività sono risorse di valore le quali: (1) sono sotto il controllo o sono possedute dallazienda e (2) sono state acquistate a un costo oggettivamente quantificabile. Lavviamento non è unattività, a meno che non sia stato pagato (acquistando unazienda).

33 pag. 33 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Punti chiave da ricordare Le attività correnti comprendono la cassa e quelle attività che ci si aspetta si trasformeranno in cassa (o comunque verranno utilizzate) entro il breve periodo, cioè entro un anno dalla data del bilancio. Le passività correnti sono debiti (e obblighi a tenere un determinato comportamento) che verranno a scadere entro lesercizio successivo. Il quoziente di liquidità è il rapporto tra le attività correnti e le passività correnti. Le riserve di utili non sono cassa, non sono cioè liquidità. Sono bensì una parte dei diritti vantati dai detentori del capitale di rischio sulle attività aziendali.


Scaricare ppt "Pag. 1 Il bilancio: strumento di analisi per la gestione Robert N. Anthony, Leslie Breitner, Diego M. Macrì © © The McGraw-Hill Companies, Srl., 2004 Bilancio."

Presentazioni simili


Annunci Google