La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I METODI DI STUDIO FLAVIANA TENUTA

Copie: 1
I METODI DI STUDIO FLAVIANA TENUTA

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I METODI DI STUDIO FLAVIANA TENUTA"— Transcript della presentazione:

1 I METODI DI STUDIO FLAVIANA TENUTA

2 METODI DI STUDIO LA PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO SI AVVALE DI METODI DI STUDIO E DI RICERCA CHE HANNO COME BASE LOSSERVAZIONE SISTEMATICA E ACCURATA DELLA REALTA

3 METODI DI INDAGINE ADOPERATI DALLA PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO METODO SPERIMENTALE METODO QUASI SPERIMENTALE METODO OSSERVATIVO

4 METODO SPERIMENTALE SPIEGA I RAPPORTI CAUSA-EFFETTO CHE LEGANO DUE EVENTI TRA DI LORO NELLA SPERIMENTAZIONE SI STUDIA IL RAPPORTO CHE SUSSISTE TRA DUE TIPI DI VARIABILI: VARIABILE INDIPENDENTE VARIABILE DIPENDENTE PUO ESSERE MANIPOLATA LA RISPOSTA DEL SOGGETTO COMPORTAMENTISMO

5 CONDIZIONAMENTO CLASSICO

6 CONDIZIONAMENTO OPERANTE SKINNER IMPARARE QUALE RISPOSTA EMETTERE IN UNA DATA SITUAZIONE – RINFORZI POSITIVI (RICOMPENSE) O NEGATIVI (PUNIZIONI) THORDNIKE APPRENDIMENTO PER TENTATIVI ED ERRORI ES. GATTI IN UNA GABBIA PROBLEMA LE PORTE ERANO CHIUSE E POTEVANO ESSERE APERTE SE FACEVANO SCATTARE DELLE LEVE. INIZIALMENTE MIAGOLAVANO MORDEVANO TENTAVANO DI PASSARE ATTRAVERSO LE SBARRE

7 METODO QUASI SPERIMENTALE IL SOGGETTO MANTIENE UNA SITUAZIONE ABITUALE E IL RICERCATORE INTRODUCE UNA MODIFICAZIONE NEL MODO PIU NATURALE POSSIBILE LOSSERVATORE PARTECIPA ATTIVAMENTE PER VERIFICARE SUBITO LE IPOTESI IN QUESTO METODO RIENTRANO: METODO CLINICO OSSERVAZIONE SISTEMATICA

8 METODO CLINICO (PIAGET, FREUD) E DESCRITTIVO E PUO ESSERE UTILIZZATO COME PRIMO STRUMENTO PER ADDENTRARSI IN UNA REALTA IN CUI SI CONOSCE MOLTO POCO

9 METODI INDIRETTI DI OSSERVAZIONE PERMETTE DI RILEVARE DATI SOPRATTUTTO CIRCA OPINIONI, ATTEGGIAMENTI, VALORI. UTILIZZA DUE TECNICHE: INTERVISTA QUESTIONARIO

10 INTERVISTA STANDARDIZZATA (LINTERVISTATORE E LEGATO ALLA FORMULAZIONE DELLE DOMANDE RIPORTATE NEL MODULO) SEMI STANDARDIZZATA (LINTERVISTATORE NON SEGUE LORDINE DELLE DOMANDE NON STANDARDIZZATA (LINTERVISTATORE DECIDE DI NON SEGUIRE LORDINE STABILITO E INIZIA A FARE DELLE DOMANDE CHE ABBIANO SEMPRE LO STESSO ARGOMENTO)

11 QUESTIONARIO RISPOSTA APERTA RISPOSTA CHIUSA

12 IL METODO OSSERVATIVO PROPONE LA REGISTRAZIONE E LOSSERVAZIONE DEL COMPORTAMENTO DEGLI INDIVIDUI NEL LORO AMBIENTE NATURALE EVITANDO QUALSIASI STIMOLAZIONE

13 TIPI DI OSSERVAZIONE OSSERVAZIONE OCCASIONALE OSSERVAZIONE SISTEMATICA

14 OSSERVAZIONE OCCASIONALE E LATTIVITA CHE QUOTIDIANAMENTE OGNUNO DINOI COMPIE, IN FORMA NON INTENZIONALE IL PIU DELLE VOLTE, PER LANALISI DELLE INFORMAZIONI CHE I NOSTRI ORGANI DI SENSO RACCOLGONO (Soresi,1987). LOSSERVAZIONE OCCASIONALE E: NON CONTROLLATA; LACUNOSA; IMPRECISA;

15 OSSERVAZIONE SISTEMATICA ATTITUDINE AD OSSERVARE E CAPIRE IL SIGNIFICATO DI CIO CHE SI OSSERVA E PUO ESSERE PERFEZIONATO CON LESERCIZIO.

16 DIVERSI TIPI DI OSSERVAZIONI SISTEMATICHE OSSERVAZIONE NATURALISTICA OSSERVAZIONE DOCUMENTARIA OSSERVAZIONE SCIENTIFICA OSSERVAZIONE PARTECIPANTE

17 OSSERVAZIONE NATURALISTICA OSSERVARE IL COMPORTAMENTO NELLAMBIENTE NATURALE IN CUI SI MANIFESTA SPONTANEAMENTE, DESCRIVENDOLA IN DETTAGLIO NEL MODO PIU NATURALE POSSIBILE EVITANDO IN OGNI MODO DI INFLUENZARE IL COMPORTAMENTO

18 OSSERVAZIONE DOCUMENTARIA SI CARATTERIZZA PER LASSENZA TOTALE DI COINVOLGIMENTO ; E UTILIZZATA NELLE RICERCHE BIBLIOGRAFICHE E STORICHE

19 OSSERVAZIONE SCIENTIFICA LOSSERVAZIONE PER ESSERE CONSIDERATA TALE DEVE POSSEDERE QUATTRO REQUISITI: 1.CONSENTIRE IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI; 2.ESSERE PROGRAMMATA SISTEMATICAMENTE; 3.ESSERE REGISTRATA SISTEMATICAMENTE; 4.CONSENTIRE PROVE E CONTROLLI AL FINE DI ATTESTARE LA VALIDITA E LA VERIFICABILITA DEI DATI RACCOLTI.

20 OSSERVAZIONE PARTECIPANTE PERMETTE LA RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI, COLUI CHE RACCOGLIELE INFORMAZIONI, TENTA DI VEDERE SENZA ESSERE VISTO, ESSENDO RIUSCITO A MIMETIZZARSI NELLA SITUAZIONE CHE INTENDE OSSERVARE. QUANTO PIU PARTECIPA EMOZIONALMENTE, TANTO PIU PERDE LOBIETTIVITA.

21 OSSERVAZIONE ETOLOGICA LORENZ, TINBERGEN (ANNI 30), EIBL-EIBESFELDT (FINE ANNI 60) HARLOW DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEI MODULI COMPORTAMENTALI ALLO SCOPO DI RICOSTRUIRE UNA SORTE DI STORIA NATURALE DEL COMPORTAMENTO ANIMALE E UMANO

22 ETOLOGIA SCIENZA PARTICOLARE NATA DALLA COMBINAZIONE DI ZOOLOGIA, BIOLOGIA E PSICOLOGIA CHE IN ORIGINE SI OCCUPAVA SOLTANTO DELLO STUDIO DEL COMPORTAMENTO ANIMALE, MENTRE PIU DI RECENTE SI E INTERESSATA ANCHE ALLO STUDIO DEL COMPORTAMENTO UMANO IN AMBIENTE NATURALE PIUTTOSTO CHE IN CONTESTO SPERIMENTALE

23 MOMENTI DOVE OSSERVARE COSA OSSERVARE COME OSSERVARE CHI COMPIE L OSSERVAZIONE CHI VIENE OSSERVATO

24 DOVE OSSERVARE AMBIENTE NATURALE AMBIENTE DI LABORATORIO

25 AMBIENTE NATURALE FAMIGLIA, SCUOLA

26 OSSERVAZIONE IN LABORATORIO PERMETTE IL CONTROLLO DELLE VARIABILI; LOSSERVATORE DECIDE DI INTERVENIRE SULLE SITUAZIONI. VANTAGGIO= OSSERVARE I SOGGETTI NELLE STESSE SITUAZIONI CONTROLLATE. LIMITE= ARTIFICIALITA CHE SI PUO VENIRE A CREARE.

27 COSA OSSERVARE IPOTESI PER CUI SI INTENDE COMPIERE UNOSSERVAZIONE IPOTESI: I BAMBINI DI ETA SCOLARE CON STATUS DI BULLO O DI VITTIMA HANNO DIFFICOLTA NEL GRUPPO DEI COETANEI

28 COME OSSERVARE LOSSERVATORE EVITA IN OGNI MODO DI INFLUENZARE IL COMPORTAMENTO CHE E INTERESSATO A STUDIARE IL BAMBINO PUO ESSERE OSSERVATO IN FAMIGLIA, AL NIDO, A SCUOLA

29 CHI COMPIE LOSSERVAZIONE E CHI VIENE OSSERVATO SI OSSERVA SENZA INTERFERIRE SUL CAMPO BAMBINO BAMBINO-BAMBINO GRUPPO DI COETANEI MADRE-BAMBINO

30 RICERCHE RICERCHE LONGITUDINALI RICERCHE TRASVERSALI

31 RICERCHE LONGITUDINALI OSSERVAZIONI RIPETUTE DI UN FENOMENO NEL CORSO DEL TEMPO, ALLO SCOPO DI EVIDENZIARE GLI ASPETTI COSTANTI E/O I CAMBIAMENTI E DI FORNIRE UNA SPIEGAZIONE (NESSELROADE & BALTES, 1979)

32 RICERCHE TRASVERSALI PREVEDE IL CONFRONTO TRA CAMPIONI EQUIVALENTI MA DI ETA DIVERSE. CONSENTE DI INDIVIDUARE DIFFERENZE TRA LE ETA MA NON DA INFORMAZIONI SUI CAMBIAMENTI INDIVIDUALI

33 STRUMENTI UTILIZZATI CARTA E MATITA REGISTRATORE VIDEOCAMERA ETOGRAMMA CHECK-LIST

34 ETOGRAMMA DESCRIZIONE ESTESA E DETTAGLIATA DEL COMPORTAMENTO DI UNA SPECIE

35 CATALOGO COMPORTAMENTALE SOCIALE SOCIALESORRIDEREBACIAREABBRACCIARETOCCARE CAMMINARE VERSO MOSTRARE UN OGGETTO AGGRESSIVITA AGGRESSIVITA AGGRESSIVITA FISICA AGGRESSIVITA VERBALE AGGRESSIVITA INDIRETTA ROUGH-AND-TUMBLE ROUGH-AND-TUMBLEINSEGUIRECORRERE COLPIRE CON MANO APERTA COLPIRE CON UN OGGETTO SALTARELOTTARE FACCIA DA GIOCO SOLITARIO SOLITARIO

36 CHECK-LIST RAPPRESENTANO UN TIPO PARTICOLARE DI SCHEMA DI CODIFICA, LE CUI CATEGORIE SONO ORGANIZZATE, SOLITAMENTE, SECONDO UN ORDINE CRESCENTE DI COMPLESSITA. IL COMPITO DELLOSSERVATORE CONSISTE NELLANNOTARE SUL FOGLIO DI RILEVAZIONE, INTERVALLO PER INTERVALLO, I COMPORTAMENTI CHE SI SONO VERIFICATI DURANTE IL PERIODO DI OSSERVAZIONE

37 CHECk-LIST Nome del soggetto focus____MARCO___Status__b___ N° osservazione__7__ Anno scolastico____2007/2008_____ Classe___5°b____ … Francesco L. MAN Giovanni R. L Lucia G. Luca K. GR Rosa P. ABSM …. AdultoL Solitario

38 CHECK-LIST TIME CO-REG SIMM CO-REG ASIM REG UNIL COERCIZIONE NON REGOLAZIONE

39 PUNTI DI FORZA EFFICACE NELLO STUDIO DELLA PRIMA INFANZIA E NELLO STUDIO DEL COMPORTAMENTO SOCIALE INFANTILE INDAGA I FENOMENI NON SOLTANTO NEI CONTESTI MA NEL LORO SVOLGERSI NEL TEMPO

40 LIMITI IL RIGORE METODOLOGICO SI PUO TRASFORMARE IN ELEMENTO DI DEBOLEZZA LATTO DI OSSERVARE IMPLICA UNA SELEZIONE E QUINDI NON TIENE CONTO DELLA DESCRIZIONE OGGETTIVA DEI FENOMENI LA RELAZIONE OSSERVATORE-OSSERVATO E PROBLEMATICO DEL PROCESSO DI RICERCA LE MICROCATEGORIE


Scaricare ppt "I METODI DI STUDIO FLAVIANA TENUTA"

Presentazioni simili


Annunci Google