La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA PROFILASSI DELLA MALATTIA EMORRAGICA NEONATALE CON VITAMINA K Le metanalisi A. Coscia, V. De Donno, D. Alessi, M. Bianco, L. Costa, M. DallAglio, D.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA PROFILASSI DELLA MALATTIA EMORRAGICA NEONATALE CON VITAMINA K Le metanalisi A. Coscia, V. De Donno, D. Alessi, M. Bianco, L. Costa, M. DallAglio, D."— Transcript della presentazione:

1 LA PROFILASSI DELLA MALATTIA EMORRAGICA NEONATALE CON VITAMINA K Le metanalisi A. Coscia, V. De Donno, D. Alessi, M. Bianco, L. Costa, M. DallAglio, D. Farinasso, L. Foco, S. Maula, S. Tulisso, P. Fiammengo

2 DIMENSIONI DEL PROBLEMA Malattia emorragica (MEN) classica: incidenza 0,25%-1,7% dei nati a termine, in assenza di profilassi --> quasi azzerata dalluso vitamina K per os o i.m. alla nascita Malattia emorragica (MEN) tardiva: incidenza di 5-7/ , ma grave Schemi di profilassi della MEN tardiva molto disomogenei

3 AZIENTE (POPOLAZIONE) NTERVENTO ONFRONTO UTCOME

4 I NOSTRI QUESITI 1) vitamina K i.m vitamina K per os alla nascita : diversa incidenza di MEN tardiva? 2) vitamina K i.m. alla nascita somministrazioni ripetute per os: diversa incidenza di MEN tardiva? 3) vitamina K i.m. ---> rischio di insorgenza tumori? 4) vitamina K in forma micellare per os ---> migliore prevenzione della MEN?

5 QUESITO 1 QUESITO 2 QUESITO 3 QUESITO 4 LATTANTI 0-3 MESI VITAMINA K PER OS alla nascita vs I.M. alla nascita PER OS RIPETUTA vs I.M. alla nascita PER OS alla nascita vs I.M. alla nascita NORMALE vs MICELLARE PER OS INCIDENZA di MEN TARDIVA INCIDENZA di TUMORI

6 LE STRINGHE DI RICERCA HDN and PREVENTION VITAMIN K [MESH] and PROPHYLAXIS VITAMIN K [MESH] and NEOPLASM VITAMIN K/ADMINISTRATION AND DOSAGE [MESH] or VITAMIN K/ADVERSE EFFECTS [MESH] LIMITS: ETA (0-23 mesi) e GENERE (umano)

7 RICERCA A B C D LG MTA REWRCTCTTOT LG: Linee Guida, MTA: Metanalisi, REW: Revisioni, RCT: Randomized Clinical Trial, CT: Clinical Trial, TOT: totale dei lavori trovati

8 Puckett, Offringa Cochrane Library 2001 LEDOMANDE Una dose di vitamina K alla nascita è efficace a ridurre significativamente lincidenza di MEN classica e tardiva? Cè una differenza statisticamente significativa tra la via di somministrazione orale e quella i.m. nel prevenire la MEN classica e tardiva? Dosi multiple per os di vitamina K sono in grado di ridurre significativamente lincidenza di MEN classica e tardiva?

9 Puckett, Offringa Cochrane Library 2001 IL METODO METODO CRITERIO DI SELEZIONE DEI LAVORI --> TRIAL RANDOMIZZATI STRATEGIA DI RICERCA DEGLI STUDI Oxford Database of Perinatal Trials, Cochrane Controlled Trial Register, MEDLINE, precedenti review comprendenti voci bibliografiche ed abstract OUTCOME CONSIDERATI --> outcome primari clinici: MEN classica e tardiva --> outcome secondari di laboratorio: livelli plasmatici di vitamina K, PIVKA II, parametri di coagulazione

10 Puckett, Offringa Cochrane Library 2001 RISULTATI DOMANDA 1 # i.m. vs placebo --> 5 trial --> 2 outcome primari --> 3 outcome secondari # os vs placebo --> 5 trial --> 5 outcome secondari # os vs placebo --> 5 trial --> 5 outcome secondari DOMANDA 2 singola dose os vs i.m. --> 7 trial --> 7 outcome secondari DOMANDA 3 tre dosi os vs i.m. --> 1 trial --> 1 outcome secondario

11 ! ! ! Puckett, Offringa Cochrane Library 2001 ! COMMENTI EVENTO RARO --> necessità di ampia casistica per ottenere significativi risultati clinici UTILIZZO DI END-POINT SURROGATI (PIVKA-II, livelli plasmatici di vitamina K) POCHI TRIAL RANDOMIZZATI CONTROLLATI POSSIBILI PROBLEMI NEL FOLLOW-UP ! POSSIBILI PROBLEMI DI COMPLIANCE (somministrazioni per os ripetute)

12 Puckett, Offringa Cochrane Library 2001 Cochrane Library 2001 CONCLUSIONI NESSUNA EVIDENZA di differente efficacia fra forme diverse di vitamina K (micellare, K1, K2,K3) UNICA EVIDENZA di differenza fra unica dose i.m. unica dose os sono i bassi livelli di vitamina K plasmatici a 2 settimane nel gruppo per os UNICA EVIDENZA di differenza fra unica dose i.m. tre dosi os sono i più alti livelli di vitamina K plasmatici a 3 settimane nel gruppo per os INTERESSE per alcuni studi osservazionali ampi (Cornelissen 1993 e 1997) --> risultati sovrapponibili per i.m. alla nascita e dosi ripetute per os

13 VITAMINA K e TUMORI 3 studi (BMJ 1998) ! Difetto degli studi caso-controllo: difficoltà a reperire dei veri controlli ! Studi retrospettivi: difficoltà a reperire tutti i dati ! Evento studiato raro COMMENTI

14 VITAMINA K e TUMORI 3 studi (BMJ 1998) La maggior parte degli studi mostra un OR intorno allunità Un piccolo rischio non può comunque essere escluso Consiglio di riservare la profilassi i.m. ai neonati a rischio RISULTATI

15 SOMMINISTRAZIONI RIPETUTE PER OS ! Studio comparativo non randomizzato (4 Paesi: Germania, Olanda, Svizzera, Australia), osservazionale Studio comparativo non randomizzato (4 Paesi: Germania, Olanda, Svizzera, Australia), osservazionale ! Esito finalmente clinico ! Possibili errori nel sistema di sorveglianza Cornelissen, Eur J Ped, 1997 ! Periodo di studio ampio (2 anni) e su vasta popolazione COMMENTI Periodi di studio diversi Popolazioni differenti

16 SOMMINISTRAZIONI RIPETUTE PER OS Cornelissen, Eur J Ped, 1997 OLANDA 1 mg os alla nascita, 25 mcg/die fino a 3 mesi os GERMANIA 1 mg os alla nascita, a 1 e 4 settimane AUSTRALIA 1 mg i.m. alla nascita SVIZZERA forma micellare 2 mg os alla nascita e a 4 giorni 0 FALLIMENTO DELLA PROFILASSI (su nati vivi) 1,8 0 1,2 RISULTATI

17 I NOSTRI COMMENTI Sulla base delle evidenze analizzate emerge che lo schema basato sulla somministrazione per os o i.m. alla nascita, seguito dalla ripetizione settimanale delle dosi per os per i primi 3 mesi sembra ragionevole. Il problema della compliance è superabile, in Italia, dalla collaborazione dei pediatri di famiglia. Sembra consigliabile che la somministrazione della vitamina K i.m. sia riservata ai neonati a rischio

18 FORMA MICELLARE ! Campione esiguo (27 soggetti) Campione esiguo (27 soggetti) ! Follow-up breve ! Utilizzo di end-point surrogato (livelli plasmatici di vitamina K e PIVKA-II) Shubiger, Journal of Pediatric Gastroenterology and Nutrition, 1997 COMMENTI

19 FORMA MICELLARE Shubiger, Journal of Pediatric Gastroenterology and Nutrition, 1997 RISULTATI Più alti livelli plasmatici di vitamina K nei neonati trattati con forma micellare Minor percentuale di neonati con PIVKA-II nel gruppo trattato con forma micellare


Scaricare ppt "LA PROFILASSI DELLA MALATTIA EMORRAGICA NEONATALE CON VITAMINA K Le metanalisi A. Coscia, V. De Donno, D. Alessi, M. Bianco, L. Costa, M. DallAglio, D."

Presentazioni simili


Annunci Google