La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di aggiornamento Palermo, 22-23 febbraio 2006 Il dialogo interculturale: unesperienza di dialogo e di fraternità con culture diverse.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di aggiornamento Palermo, 22-23 febbraio 2006 Il dialogo interculturale: unesperienza di dialogo e di fraternità con culture diverse."— Transcript della presentazione:

1 Corso di aggiornamento Palermo, febbraio 2006 Il dialogo interculturale: unesperienza di dialogo e di fraternità con culture diverse

2 Il dialogo: una relazione tra persone precise, tra un « io » e un « tu » Dialogo tra culture…?

3 DIALOGO… … della vita … dellimpegno … intellettuale … esistenziale

4 DIALOGO DELLA VITA Le persone scelgono di vivere in spirito di apertura. Ognuno fa lo sforzo di uscire da sé, per condividere con gli altri qualcosa delle proprie gioie o dolori o difficoltà, delle speranze o delusioni, delle feste, dei lavori e dei passatempi … Laltro è accolto così comè, nella sua differenza culturale o religiosa. Gli si riconosce lo spazio necessario alla propria identità ed espressione. Convivialità reciproca, che dà più importanza ai gesti che alle parole.

5 DIALOGO DELLIMPEGNO Implica una scelta precisa di fare qualcosa insieme. E vissuto dove persone di etnia, confessione, cultura diversa, decidono di operare insieme per un servizio preciso alla società Cè un superamento della mentalità tribale o confessionale per un bene comune, al di là degli interessi propri della comunità dappartenenza. La diversità è accettata, assunta, ma lo scopo non è di precisarla o definirla. Permette di incontrarsi, di scoprirsi ed apprezzarsi.

6 DIALOGO INTELLETTUALE Implica una certa specializzazione (scientifica, filosofica, teologica …) E indispensabile per conoscere e comprendere il pensiero dellaltro. Permette di far apparire chiaramente le convergenze e le differenze delle due teorie o sistemi di pensiero Permette di purificare la conoscenza da pregiudizi erronei, di sminare il terreno e crea le condizioni per un vero incontro e una reale accettazione dellaltro nella sua specificità.

7 DIALOGO ESISTENZIALE Viene dalla convinzione che laltro possiede delle qualità personali proprie che potranno rinnovare, illuminare il proprio essere e che quindi entrare in una relazione damicizia può portare un arricchimento. E una forte esperienza che va al cuore dellesistenza umana. Può essere legata ad un intensa esperienza estetica (quadro, libro, poesia…) o allincontro con una persona carismatica, che provoca una riflessione personale. Si attua nella misura in cui laltro mi rimette in questione, mi obbliga ad una riflessione, ad un dialogo personale con me stesso.

8

9 SPIRITO DI DIALOGO: comunicazione condividere la stessa lingua e lo stesso linguaggio saper ascoltare, sapendo far tacere in sè ciò che si sa dellaltro

10 SPIRITO DI DIALOGO: comunicazione accettare un certo disorienta- mento, dato dal fatto che laltro percepisce ed esprime la realtà in modo diverso esprimersi cercando di sentire con le orecchie dellaltro

11 SPIRITO DI DIALOGO: libertà e lucidità sulla storia essere liberi dalle chiusure che paralizzano il dialogo liberi dalla paura di farsi «convertire» dallaltro liberi dallangoscia di voler convincere laltro

12 SPIRITO DI DIALOGO: libertà e lucidità sulla storia avere uno sguardo lucido sulla storia e sulle ferite che ha lasciato nella memoria dei popoli situarsi nel tempo ed essere coscienti che, rispetto alla modernità, spesso non ci sono gli stessi riferimenti

13 SPIRITO DI DIALOGO: libertà e lucidità sulla storia conoscere il paese dellaltro, le manifestazioni della sua cultura e delle sue tradizioni

14 SPIRITO DI DIALOGO: accettare la diversità accettare laltro così comè, come si presenta, come si esprime trovare i punti di contatto, tutto ciò che ci unisce

15 SPIRITO DI DIALOGO: accettare la diversità non appiattire le differenze, ma accettarle, come una ricchezza essere coscienti che allinterno di uno stesso gruppo ci sono molte diversità rinunciare a fare paragoni

16 SPIRITO DI DIALOGO: gratuità essere in un atteggiamento di disponibilità e di accoglienza dellaltro in ciò che vorrà donare, senza pretese stabilire una relazione di fiducia donarsi, con gratuità e generosità, chiarezza e credibilità, farsi conoscere per quello che si è

17

18 « ARTE DI AMARE » Amare tutti: lamore non è di parte, non è escludente, secondo gusti, categorie di ogni tipo, è universale. Amare tutti: lamore non è di parte, non è escludente, secondo gusti, categorie di ogni tipo, è universale. il dialogo si apre in profondità ed estensione

19 « ARTE DI AMARE » Amare come si ama sé: fare agli altri quello che vorresti fosse fatto a te, non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te. « Regola doro », presente in tutte le più grandi religioni. Amare come si ama sé: fare agli altri quello che vorresti fosse fatto a te, non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te. « Regola doro », presente in tutte le più grandi religioni.

20 « ARTE DI AMARE » Amore concreto perché si è solidali con laltro e si cerca di aiutare nelle necessità più varie Amore concreto perché si è solidali con laltro e si cerca di aiutare nelle necessità più varie

21 « ARTE DI AMARE » Amore che prende liniziativa, non aspetta qualche cosa dallaltro, ma previene, gli va incontro, ama per primo Amore che prende liniziativa, non aspetta qualche cosa dallaltro, ma previene, gli va incontro, ama per primo

22 « ARTE DI AMARE » Farsi uno con gli altri Cercare laltro, chiunque sia, là dove si trova, nelle condizioni in cui si trova Assumere i pesi e le gioie dellaltro e farle proprie… Farsi carico dei sentimenti altrui per costruire un rapporto intenso, profondo Farsi uno con gli altri Cercare laltro, chiunque sia, là dove si trova, nelle condizioni in cui si trova Assumere i pesi e le gioie dellaltro e farle proprie… Farsi carico dei sentimenti altrui per costruire un rapporto intenso, profondo

23 « ARTE DI AMARE » Amare il nemico: disarmo globale e totale per inventare strumenti e forme e modi più consoni alla dignità dei singoli e dei popoli, per attuare relazioni improntate al perdono, alla misericordia, alla possibilità di riabilitarsi Amare il nemico: disarmo globale e totale per inventare strumenti e forme e modi più consoni alla dignità dei singoli e dei popoli, per attuare relazioni improntate al perdono, alla misericordia, alla possibilità di riabilitarsi

24 « ARTE DI AMARE » Reciprocità: se laltro si sente amato, accolto, capito, risponde anche lui con lamore. Reciprocità: se laltro si sente amato, accolto, capito, risponde anche lui con lamore. « Reciprocità che non è semplice concordia di intenti, ma quellunità che unisce al di là delle differenze di cultura. Queste differenze, sulla base dellunità acquistano il loro vero significato, e, nella reciprocità, diventano ricchezza comune » Chiara Lubich « Reciprocità che non è semplice concordia di intenti, ma quellunità che unisce al di là delle differenze di cultura. Queste differenze, sulla base dellunità acquistano il loro vero significato, e, nella reciprocità, diventano ricchezza comune » Chiara Lubich


Scaricare ppt "Corso di aggiornamento Palermo, 22-23 febbraio 2006 Il dialogo interculturale: unesperienza di dialogo e di fraternità con culture diverse."

Presentazioni simili


Annunci Google