La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il quadro clinico delle infezioni batteriche che giungono allosservazione dei Medici di Continuità Assistenziale e di Emergenza - Urgenza Mario Motta Università

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il quadro clinico delle infezioni batteriche che giungono allosservazione dei Medici di Continuità Assistenziale e di Emergenza - Urgenza Mario Motta Università"— Transcript della presentazione:

1 Il quadro clinico delle infezioni batteriche che giungono allosservazione dei Medici di Continuità Assistenziale e di Emergenza - Urgenza Mario Motta Università degli Studi di Catania Clinica Urologica Direttore : Prof. M. Motta

2 Infezioni delle vie urinarie (IVU) Batteriuria asintomatica Batteriuria asintomatica Infezione delle basse vie Infezione delle basse vie cistite spesso definita IVU, infezione superficialecistite spesso definita IVU, infezione superficiale uretriteuretrite sindrome ureterale acutasindrome ureterale acuta prostatiteprostatite Infezione delle alte vie Infezione delle alte vie pielonefrite acutapielonefrite acuta pielonefrite cronicapielonefrite cronica

3 Classificazione delle infezioni delle vie urinarie IVU non complicate:(cistite, pielonefrite, batteriuria asintomatica): infezioni comunitarie; IVU non complicate:(cistite, pielonefrite, batteriuria asintomatica): infezioni comunitarie; IVU ricorrenti: reinfezione con lo stesso o con altro microrganismo, che compare entro 60 gg dal primo episodio (indipendente da anomalie anatomiche o funzionali o da danno renale): infezioni comunitarie; IVU ricorrenti: reinfezione con lo stesso o con altro microrganismo, che compare entro 60 gg dal primo episodio (indipendente da anomalie anatomiche o funzionali o da danno renale): infezioni comunitarie; IVU complicate: dipendenti da anomalie anatomiche o cause neurologiche o immunocompromissione o cateterizzazione; IVU complicate: dipendenti da anomalie anatomiche o cause neurologiche o immunocompromissione o cateterizzazione; IVU nosocomiali: acquisite in ospedale, che compaiono 72 ore dopo il ricovero e spesso sono correlate alla cateterizzazione. IVU nosocomiali: acquisite in ospedale, che compaiono 72 ore dopo il ricovero e spesso sono correlate alla cateterizzazione.

4 Infezione urinaria più frequente CISTITE 2° POSTO DOPO LE INFEZIONI RESPIRATORIE. Morbilità elevata, minore mortalità per urosepsi. minore mortalità per urosepsi. Infiammazione acuta, occasionale, transitoria della vescica

5 CISTITI Complicate Non complicate Secondaria a patologia organica (calcolosi/ vescica neurogena) Semplice, emorragica, ricorrente

6 Dati epidemiologici delle IVU INCIDENZA: 5-10 CASI OGNI 1000 PAZIENTI NECESSITA DI RICOVERO: 2-3% INSUCCESSO O RECIDIVA: 20% 2° posto come valore assoluto (5/ episodi/anno) 1° posto tra le infezioni nosocomiali

7 Frequenza di IVU per sesso ed età Prostatismo Menopausa Prima infanzia Inizio rapporti sessuali Età scolare 15 % età 10 5 maschi femmine

8 ICeA 2001 Frequenza di cistite per sesso

9 ICeA 2001 Prevalenza della patologia in rapporto alletà

10 Batteri isolati da urina in portatori di catetere (452 ceppi*) in Italia * 431 campioni (di cui 20 con 2 germi e 1 con 3 germi) Fadda G, Nicoletti G, Schito GC - Progetto Infezioni Gravi, ISS 2004

11 Infezioni delle Vie Urinarie Donne deficit di estrogeni cambiamenti atrofici vaginali comparsa di lattobacilli pH vaginale colonizzazione con batteri uropatogeni Uomini iperplasia prostatica benigna ritenzione < secrezioni prostatiche attività battericida Donne/Uomini disturbi neurologici stroke incluso stipsi, cistocele incontinenza fecale diabete farmaci anticolinergici scarsa igiene anormalità GU Stamm WE e Stapleton AN 1998

12 Specien% E. coli ,0 Klebsiella spp. 1023,1 P. mirabilis 2086,3 Altre Enterobacteriaceae 1284,0 S. saprophyticus 1193,6 Altri patogeni 1966,0 Distribuzione (n, %) di uropatogeni in 3278 campioni di urina. ECO-SENS Project, Europa Kahlmeter G, Int J Antimicrob Agents 2003

13 Principali microrganismi (%) isolati da campioni di urina In Italia – Studio IceA 2002 Speciale A, Gimmoc 2004 Speciale A, Gimmoc 2004

14 Germi associati a tipi specifici di infezioni urinarie E.coli Enterococchi P. mirabilis S. agalactiae K. pneumoniae S. saprophyticus S. epidermidis P. aeruginosa Altro % Isolamenti Falagas ME e Gorback SL, Inf Dis Clin Pract 1995

15 DIAGNOSI SINDROME MINZIONALE disturbi irritativi disturbi irritativi dolore ipogastrico dolore ipogastrico dolore lombare dolore lombare temperatura temperatura 90% < 37 °C 9% < 38 °C 0.4 % > 38 °C DIAGNOSI MICROBIOLOGICA ESAME DEL SEDIMENTO piuria e batteriuria piuria e batteriuria urinocoltura Pos 93% urinocoltura Pos 93% monomicrobiche: > ( 75%) monomicrobiche: > ( 75%) CISTITE SEMPLICE

16 PIELONEFRITE INFIAMMAZIONE DEL PARENCHIMA RENALE E DELLE STRUTTURE ADIACENTI (PELVI E CALICI RENALI) INFETTIVA CON INFILTRATO POLIMORFONUCLEATO 90% nelle donne nel 90 % si verifica entro i 50 anni E.COLI, P. MIRABILIS, KLEBSIELLA, PSEUDOMONAS AERUGINOSA

17 Gli agenti eziologici nelle pielonefriti Numero e percentuale di uropatogeni isolati in pazienti ospedalizzati in Europa affetti da pielonefrite Farrell DJ 2002 Escherichia coli65167 Klebsiella spp737,5 Proteus mirabilis, P. penneri, Providencia stuartii, P. rettgeri687,0 Enterobacter spp, Citrobacter spp, Serratia spp, Salmonella spp, Edwardsiella spp, 414,2 Pantoea spp Pseudomonas aeruginosa, P. putida, Stenotrophomonas maltophilia, Burkholderia 40 4,2 cepacia, Aeromonas hydrophila Enterococcus faecalis313,2 Staphylococcus aureus232,4 Staphylococcus spp, Kocuria spp, Aerococcus viridans181,8 Streptococcus agalactiae111,1 Morganella morganii70,7 Microrganismi * % N.ceppi Altri isolati: Enterococcus faecium, E. durans, E. gallinarum (3 ceppi), Acinetobacter spp, O. anthropi, Pasteurella spp. (3 ceppi), Streptococcus spp, Corynebacterium spp (2 ceppi)

18 SINTOMATOLOGIA Generale Locale Febbre, brividi. Emocoltura pos per lo stesso germe isolato nelle urine Dolore lombare Sindrome minzionale

19 IVU ED UROSEPSI Sepsi Sepsi severa Shock settico Insufficienza multiorgano Morte


Scaricare ppt "Il quadro clinico delle infezioni batteriche che giungono allosservazione dei Medici di Continuità Assistenziale e di Emergenza - Urgenza Mario Motta Università"

Presentazioni simili


Annunci Google