La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Caso Clinico Dr. Lorenzo Corbetta Direttore: Prof. L.M. Fabbri Modena 5/4/2002 Corso Interattivo su: MALATTIE RESPIRATORIE OSTRUTTIVE: BPCO ASMA BRONCHIALE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Caso Clinico Dr. Lorenzo Corbetta Direttore: Prof. L.M. Fabbri Modena 5/4/2002 Corso Interattivo su: MALATTIE RESPIRATORIE OSTRUTTIVE: BPCO ASMA BRONCHIALE."— Transcript della presentazione:

1 Caso Clinico Dr. Lorenzo Corbetta Direttore: Prof. L.M. Fabbri Modena 5/4/2002 Corso Interattivo su: MALATTIE RESPIRATORIE OSTRUTTIVE: BPCO ASMA BRONCHIALE

2 Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years A.P.R.: - ha sofferto di non precisati episodi di tosse con sibili da bambina scomparsi nelletà adulta. - Riferisce da circa 5 anni tosse produttiva con episodi invernali di bronchite trattati a domicilio con penicillina o cefalosporina. - Da alcuni anni riferisce inoltre dispnea anche al mattino e talvolta di notte quando si accompagna a sibili espiratori, soprattutto nei mesi autunnali.

3 Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years A.P.P. : da 1 mese circa e comparsa inoltre dispnea da sforzo che le impedisce di camminare al passo con i propri coetanei e di fare velocemente le scale per cui si rivolge al medico curante per una diagnosi. Lesame obiettivo generale e toracico e negativo; in particolare il murmure vescicolare e conservato e non si rilevano rumori aggiunti; non si rilevano inoltre alterazioni dei toni cardiaci con pause libere.

4 Immagine 1: Radiografia in A-P e L-L

5 Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years ParametroTeoricoMisurato Variazione % rispetto al teorico CV (l)4.103,8093% CVF (l) % VEMS (l) % VEMS/CV (%) % Spirometria semplice

6 Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years Pletismografia corporea CPT (l)5,605,80105% ITGV (FRC) 2,282,48120% VR (l)1,502,00130% VRE0,780,4862%

7 Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years Test di reversibilità con broncodilatatore Pre- broncodila tatore Post- broncodilata tore Variazione % rispetto al teorico Variazione (%) Pre/Post broncodilata tore CVF (l)3.603,8093%+11% VEMS (l)1.652,0163% + 21% VEMS/CVF (%) %

8 Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years Come vanno interpretati i test di funzionalità respiratoria della paziente? (segnare fino a 3 risposte) a.spirometria normale b.Deficit ventilatorio ostruttivo c.Deficit ventilatorio restrittivo d.Deficit ventilatorio misto e.Completa reversibilità della broncostruzione dopo somministrazione di broncodilatatore f.Parziale reversibilità della broncostruzione dopo somministrazione di broncodilatatore g.Assenza di reversibilità della broncostruzione dopo somministrazione di broncodilatatore h.Presenza di segni di iperdistensione delle vie aeree distali

9 Emogasanalisi arteriosa ParametroValore PaO2 (mmHg)58 PaCO2 (mmHg) 48 pH7,38 HCO3-31 BE-0,2

10 Con gli elementi a disposizione quale fra le diagnosi sottoelencate è la piu probabile: 1.Dispnea ansiosa 2.Asma bronchiale 3.Broncopneumopatia cronica ostruttiva 4.Broncopneumopatia cronica ostruttiva con componente reversibile 5.Enfisema polmonare 6.Tromboembolia pomonare 7.Obesità 8.Fibrosi polmonare 9.Pleuropatia

11 Follow-up: Viene comunicata alla paziente la diagnosi di broncopneumopatia cronica ostruttiva e viene consigliata la cessazione completa del fumo di sigaretta e iniziato un trial di 6 settimane con steroidi inalatori a piene dosi per valutare la reversibilità a lungo termine dellostruzione bronchiale. Viene perciò programmata una visita ed una spirometria completa dopo tale periodo. Al controllo la paziente riferisce la totale scomparsa della sintomatologia dispnoica al mattino e notturna mentre permane, anche se migliorata la dispnea per sforzi intensi. Lobiettività toracica permane negativa.

12 La paziente esegue altri accertamenti: 1.Test allergometrici: notevole positività per acari della polvere 2. Esami ematochimici routinari, test emocoagulativi e D- dimero nella norma 3.Valutazione cardiologica: nella norma

13 Test di funzionalità respiratoria dopo 6 settimane ParametroTeoricoMisuratoVariazione % rispetto al teorico CV (l)4.103,9095% CVF (l) % VEMS (l)3.202,1567% VEMS/CV (%) %

14 Test di reversibilità con broncodilatatore Pre- broncodil atatore Post- broncodi latatore Variazione % rispetto al teorico Variazione (%) Pre/post broncodilatato re CVF (l)3.754,0098%+ 7% VEMS (l) 2,152,2266%+ 3% VEMS/ CVF (%) %

15 Emogasanalisi arteriosa ParametroValore PaO2 (mmHg)75 PaCO2 (mmHg) 42 pH7,39 HCO3-27 BE-0,3

16 Interpretazione della spirometria dopo 6 settimane di trial con steroidi inalatori: a.Normalizzazione dei parametri di ostruzione bronchiale b.Parziale miglioramento ma non significativo c.Parziale ma significativo miglioramento

17 Conclusioni diagnostiche: a.si conferma la diagnosi precedente e la paziente deve continuare il trattamento b.la paziente non è affetta da BPCO ma da asma bronchiale allergica c.la paziente è guarita e non necessita di ulteriori trattamenti

18 La diagnosi conclusiva è di Broncopneumopatia cronica ostruttiva di grado moderato con ostruzione parzialmente reversibile in paziente con abitudine tabagica.

19 Considerazioni La paziente è un soggetto a rischio di sviluppare broncopneumopatia cronica ostruttiva (fumatrice > 45 anni) ed i sintomi lamentati nei 5 anni precedenti devono mettere in allarme paziente e medico e suggerire lesecuzione di accertamenti ed in particolare di esami funzionali respiratori dopo la comparsa dei primi sintomi (in questo caso la tosse a seguire la dispnea espiratoria) Lesame obiettivo toracico e la radiografia del torace sono spesso negative nelle fasi lievi e medie della BPCO per cui non costituiscono un elemento utile per la diagnosi.

20 Considerazioni sul caso clinico Talvolta la BPCO presenta problemi di diagnosi differenziale con lasma bronchiale come nel caso in questione. Lanamnesi del paziente ed il test di reversibilità immediata e con trial di 6 settimane con steroidi inalatori permettono di differenziare le 2 malattie: una reversibilità completa dellostruzione bronchiale con valori vicini alla normalità depongono per unasma bronchiale. Una scarsa o parziale reversibilità depone invece per broncopneumopatia cronica ostruttiva.

21 Considerazioni sul caso clinico Nel caso in questione la presenza nellanamnesi di fattori di rischio e sintomi suggestivi per entrambe le malattie (asma nellinfanzia ed atopia da una parte, abitudine tabagica dallaltra) crea ulteriori problemi di diagnosi differenziale. La persistenza di valori di VEMS a valori inferiori all80% del teorico anche dopo trattamento con steroidi inalatori fa propendere però maggiormente per una diagnosi di BPCO.

22 Considerazioni La spirometria rappresenta anche lo strumento principale di valutazione di gravità della BPCO. Secondo le linee guida GOLD esistono 3 gradi di gravità per cui è consigliato un approccio terapeutico a gradini

23 STADIOCARATTERISTICHE 0: A RISCHIO Spirometria normale, sintomi cronici I LIEVE VEMS/CV < 70%; VEMS 80% del predetto con o senza sintomi cronici II: MODERATA II A: II A: II B: II B: VEMS/CV < 70%; 30% VEMS < 80% del predetto con o senza sintomi cronici 50% VEMS < 80% del predetto 50% VEMS < 80% del predetto 30% VEMS < 50% del predetto 30% VEMS < 50% del predetto con o senza sintomi cronici con o senza sintomi cronici III: GRAVE VEMS/CV < 70%; VEMS < 30% del predetto o VEMS < 50% del predetto in presenza di insufficienza respiratoria o di segni clinici di scompenso cardiaco destro CLASSIFICAZIONE DI GRAVITA DELLA BPCO

24 ESEMPI DI ANDAMENTI INDIVIDUALI DI PAZIENTI CON BPCO A rischio Lieve Moderato Grave Lieve Moderato Grave Età2070 Età2070 Età2070 Età2070 A B C DSTADIO


Scaricare ppt "Caso Clinico Dr. Lorenzo Corbetta Direttore: Prof. L.M. Fabbri Modena 5/4/2002 Corso Interattivo su: MALATTIE RESPIRATORIE OSTRUTTIVE: BPCO ASMA BRONCHIALE."

Presentazioni simili


Annunci Google