La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Sistema dei Centri Servizi per i distretti produttivi: integrazione tra politica industriale e sviluppo sostenibile.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Sistema dei Centri Servizi per i distretti produttivi: integrazione tra politica industriale e sviluppo sostenibile."— Transcript della presentazione:

1 Il Sistema dei Centri Servizi per i distretti produttivi: integrazione tra politica industriale e sviluppo sostenibile

2 2 Il contesto Le strategie di sviluppo dei sistemi produttivi locali devono continuamente confrontarsi con le trasformazioni prodotte dalla globalizzazione. Per i distretti industriali ciò implica il passaggio da uno sviluppo locale circoscritto in unarea territoriale definita, a uno sviluppo che si articola su più territori o distretti per consolidare o creare nuove condizioni di competitività. Di fatto una delle economie esterne che più caratterizzano i distretti, la rete corta della catena produttiva e del valore, pur mantenendo la sua importanza non è più sufficiente a difendere la competitività. Da ciò deriva la necessità di inserirsi in una rete lunga che, mediante le diverse dimensioni della cooperazione (produzione, tecnologia, istituzioni) estenda la catena produttiva e del valore, collaborando con altri spazi territoriali per affrontare le nuove condizioni del mercato internazionale. È questa una sfida che coinvolge tutti i paesi impegnati, come quelli LatinoAmericani e il Brasile in particolare, nella ricerca di politiche innovative per lo sviluppo territoriale. Questa strategia mira a individuando elementi di reciprocità di vocazioni e interessi fra sistemi produttivi locali, costituiti soprattutto da PMI, che collaborano in una prospettiva di inserimento competitivo sul mercato internazionale.

3 3 Come affrontare questa strategia? Vanno identificate le modalità attraverso le quali i diversi sistemi produttivi locali – maturi o meno – possono fronteggiare insieme le sfide della competitività e dellinnovazione, costruendo partenariati territoriali internazionali. Lo scambio e la capacità di interazione tra i diversi sistemi sarà determinato dalla capacità di stabilire e consolidare alleanze territoriali in grado di rispondere alle condizioni economiche della globalizzazione. Generalmente il processo di internazionalizzazionedei sistemi produttivi locali può avere diverse articolazioni: a)delocalizzazione produttiva; b)processi di internazionalizzazione guidati da imprese leader, motori del sistema produttivo locale, le quali aprono la strada a processi più ampi di partecipazione delle PMI del sistema territoriale, sia nelle aree di origine sia in quelle di destinazione; c)processi di internazionalizzazione che si sviluppano attraverso organizzazioni intermedie dei sistemi produttivi locali. In quei sistemi territoriali caratterizzati dalla presenza di numerose imprese di piccole dimensioni risulta più difficile immaginare un processo prevalentemente basato sul dinamismo imprenditoriale. In questo caso la strategia punta nellinternazionalizzare le organizzazioni intermedie dei sistemi territoriali (come nel caso dei centri tecnologici), che divengono fattori di punta per linternazionalizzazione dei sistemi di imprese. I centri tecnologici hanno il duplice vantaggio di offrire immediatamente assistenza tecnica e di attrarre investimenti diretti esteri. L effetto richiamo dipende molto dalla qualità e quantità dei servizi organizzati sul territorio (economie esterne) ma anche da fattori di eccellenza quali innovazione, tecnologia, formazione, e dalla possibilità di disporne in modo rapido ed efficace.

4 4 i centri tecnologici e la politica industriale In Italia, a partire dai primi anni 80, si è assistito ad una proliferazione dei centri a sostegno delle imprese, nati generalmente – su iniziativa pubblica e privata - con lobiettivo di offrire una vasta gamma di servizi volti a promuovere lo sviluppo delle PMI. Oggi su tutto il territorio nazionale operano circa 300 strutture di servizio, di cui 132 dedicate alla tecnologia (IPI, Novembre 2005) prevalentemente concentrate nel Centro- Nord e nelle aree di tipo distrettuale e quindi dove maggiore è la ricchezza e la vitalità del tessuto imprenditoriale locale. Le implicazioni in termini di politica industriale e di contributo allo sviluppo economico locale di queste esperienze sono generalmente positive, anche se non sempre le esperienze realizzate hanno prodotto i risultati attesi. Per mantenere un adeguato livello di efficienza, è necessario che i centri conservino un forte radicamento con il contesto produttivo di riferimento e con il territorio. In particolare: a) investano in risorse umane con competenze professionali specialistiche soprattutto nel campo dellinnovazione e del trasferimento tecnologico; b) stabiliscano legami forti e sistematici con le strutture universitarie e di ricerca; c) sappiano selezionare le conoscenze scientifiche ed i ritrovati tecnologici disponibili a livello globale al fine di renderle fruibili da parte delle imprese operanti nel contesto produttivo locale (dalla ricerca applicata al trasferimento tecnologico); d) aiutino le piccole imprese ad identificare ed esprimere il proprio bisogno di servizi nel campo dellinnovazione e del trasferimento tecnologico, che tende spesso a rimanere implicita. A ben vedere tale difficoltà costituisce una delle ragioni fondamentali che giustifica il ruolo dei centri in sistemi produttivi caratterizzati da una forte frammentazione dellimprenditoria, con una elevata presenza di capacità artigianali.

5 5 Il sistema dei centri tecnologici delle Marche I centri tecnologici nascono nelle Marche come strumenti di politica industriale volti a favorire i processi di innovazione, diversificazione e internazionalizzazione del tessuto produttivo regionale che si articola su quattro macro-distretti industriali (legno/mobile/arredamento,meccanica/elettr./plastica, pelli/cuoio/calzature, agro-alimentare). Nel corso degli anni i centri sono evoluti fino ad assumere un ruolo fondamentale in materia di ricerca e certificazione di qualità, che rappresentano oggi quei fattori strategici che mantengono elevato il livello di competitività sul mercato globale dei prodotti del made in Italy. Questo ripensamento e riposizionamento strategico dei centri è avvenuto infatti proprio alla luce dei cambiamenti di scenario intervenuti nel corso degli ultimi anni (globalizzazione e crescente integrazione dei sistemi economici; accelerazione dei processi di innovazione tecnologica; sviluppo delleconomia immateriale e dei servizi dellICT; ecc.)

6 6 Lapproccio al Brasile Il Sistema dei Centri Servizi, condividendo la vocazione degli arrangios produttivos brasiliani, mette a disposizione un approccio strategico sui seguenti fattori critici: Qualità Innovazione Tecnologica e Ricerca Apertura di nuovi mercati Formazione Specialistica Design Fattori essenziali per assicurare la competitività internazionale delle piccole e medie imprese e quindi il loro successo nelleconomia globale.

7 7 La metodologia Il Sistema dei Centri Servizi si occupa di: affrontare in modo organico lo sviluppo dellimprenditorialità e della managerialità delle imprese sviluppare nuovi prodotti/processi attraverso investimenti in Tecnologie, Qualità, Organizzazione/Gestione, Design, Professionalità delle risorse umane sviluppare e organizzare strutture permanenti di servizi specializzati alle imprese atte ad offrire continuità, stabilità ed adattabilità alle iniziative per lo sviluppo economico e industriale locale

8 8 I progetti in corso in Brasile Qualità, innovazione tecnologica, formazione specialistica, design per lindustria del legno- mobile dellAmazzonia Ricerca, innovazione tecnologica, qualità e formazione specialistica per lindustria meccanica dello Stato di San Paolo

9 9

10 10 Qualità, Innovazione Tecnologica, Formazione Specialistica, Design per lindustria del legno-mobile dellAmazzonia

11 11 Contesto socio-economico complesso, con rilevanti difficoltà nello sviluppo delle imprese locali dovute a fattori diversi: culturali tecnologici finanziari logistici ma con forti potenzialità di crescita a livello nazionale ed internazionale, legate alle immense risorse naturali (legno) disponibili. Il contesto del progetto

12 12 Fino ad oggi, le imprese del settore si sono concentrate pressochè esclusivamente sulle fasi iniziali della lavorazione del legno, dal taglio del tronco fino al tavolato grezzo. Ciò non ha consentito la crescita e la diffusione di una cultura imprenditoriale del legno, come materia lavorabile con la quale, grazie alle tecnologie, alla manualità ed alla creatività delluomo, è possibile realizzare prodotti per lambiente domestico, per ledilizia civile, per larte, ecc.

13 13 Tale cultura non è cresciuta nelle imprese, ma neanche nella società civile, in quanto non alimentata da un sistema scolastico strutturato in grado di offrire ai giovani studenti una visione del settore della lavorazione del legno come un possibile sbocco professionale nel quale esprimere le proprie capacità.

14 14 Accrescere la catena del valore delle produzioni locali di legno in un quadro di sostenibilità ambientale, estendendole alle fasi di trasformazione sia in semilavorato con destinazione di mercato su scala mondiale, sia in prodotti mobilieri, con destinazione prioritaria di mercato al Brasile e più in generale al Centro e Sud America. Strategia

15 15 Promuovere e sostenere, in unottica sistemica, lo sviluppo (tecnologico, produttivo, commerciale, organizzativo-gestionale) delle imprese del settore legno-arredamento della regione amazzonica, tenendo peraltro conto delle differenziazioni e delle specifiche condizioni di partenza della zona di Manaus rispetto a quella di Belém ; Direttrici di azione

16 16 Effettuare interventi di tipo strutturale che attivino e rinforzino i fattori endogeni di sviluppo, in modo da assicurare continuità al processo di crescita economica, culturale, sociale al di là del completamento dellintervento; Coinvolgere tutti i soggetti rilevanti del sistema socio-economico ed istituzionale del territorio, sulla base della condivisione degli obiettivi e delle strategie per il loro perseguimento allinterno di una visione della evoluzione a medio-lungo termine del territorio stesso. Direttrici di azione

17 17 Affrontare in modo organico lo sviluppo dellimprenditorialità e della managerialità delle imprese del settore legno-arredo ; Differenziare le azioni fra larea di Manaus (ove lobiettivo di fondo è la creazione di unindustria locale di semilavorato ) e quella di Belém (ove lobiettivo di fondo è il rafforzamento dellindustria locale di prodotti per arredamento ), allinterno di una filiera che parte dalla risorsa-legno dellAmazzonia e include i produttori di macchine e di sistemi di lavorazione dellarea di San Paolo; Linee di intervento

18 18 Costituire strutture permanenti di servizi specializzati alle imprese (Centri Tecnologici per la Qualità e lInnovazione), diversificate per larea di Manaus e per quella di Belém, le quali diano continuità, stabilità ed adattabilità alle iniziative a supporto dello sviluppo economico e industriale locale. Linee di intervento

19 19 Si articola su un insieme di linee progettuali fra loro interrelate e sinergiche in una logica di sistema; tali linee sono: Tecnologia Qualità Organizzazione/Gestione aziendale Professionalità delle risorse umane Design Imprenditorialità Proposta progettuale

20 20 affiancate da una linea progettuale dedicata a: Contesto sociale/Sostenibilità. Ciascuna linea progettuale si articola a sua volta in una serie di azioni, che variamente distribuite nel tempo culmineranno nella realizzazione di strutture permanenti (Centri Tecnologici per la Qualità e lInnovazione) dedicate a dare continuità allazione di sostegno dello sviluppo del sistema produttivo del legno-arredamento dellAmazzonia. Proposta progettuale

21 21 Sistema imprenditoriale locale con particolare riferimento alle piccole imprese della filiera legno-arredo dellAmazzonia Amministrazioni pubbliche locali Sistema educativo a livello di scuola superiore e universitario PMI italiane della filiera legno-arredo Lattività progettuale inizia nel mese di ottobre La durata del progetto è di 48 mesi. Beneficiari diretti e indiretti Pianificazione dei tempi

22 22 Ricerca, Innovazione Tecnologica, Qualità e Formazione Specialistica per lindustria meccanica dello Stato di San Paolo

23 23 Interessante processo guidato da alcune imprese leader (brand internazionali) nei settori automotive ed elettrodomestico che fungono da motore del sistema produttivo locale ed inducono processi di produzione tecnologicamente complessi. La domanda di parti e componenti, spesso non completamente soddisfatta attraverso le imprese del sistema territoriale locale, si rivolge altrove (fornitori stranieri). Il contesto del progetto

24 24 Necessità di proiettare le imprese meccaniche locali in reti lunghe di relazioni (cooperazione ultralocale) al fine di estendere la catena produttiva e del valore per affrontare le nuove condizioni del mercato internazionale. Il contesto del progetto

25 25 Imprese della meccanica sono il 15% del settore industria, nella cui scala occupano il 2° posto. Specializzazioni produttive : – meccanica non macchinari : strutture metalliche, stampi, componentistica meccanica; – macchinari ed attrezzature : macchine utensili, compressori, mezzi di trasporto (automotive, navi e aerei) e suoi componenti; elettrodomestici; macchine agricole; – gomma e plastica : articoli in gomma e plastica (componenti della precedente specializzazione).

26 26 Accrescere la catena del valore delle produzioni locali, anche attraverso la creazione di stabili rapporti di collaborazione con imprese italiane, in un quadro di sostenibilità ambientale, al fine di aumentare la massa critica in termini di fatturato, specializzazione produttiva ed attenzione organizzativa e gestionale capaci di proiettarle su mercati più ampi ed ambizioni, diretti o indiretti (le grandi imprese produttrici di beni destinati al mercato), presenti nello Stato di San Paolo o negli altri stati dellAmerica Latina. Strategia

27 27 Promuovere e sostenere, in unottica sistemica, lo sviluppo (tecnologico, produttivo, commerciale, organizzativo-gestionale) delle imprese del settore meccanico (allargato) dello Stato di San Paolo. Effettuare interventi di tipo strutturale che attivino e rinforzino i fattori endogeni di sviluppo, in modo da assicurare continuità al processo di crescita economica, culturale, sociale al di là del completamento dellintervento. Direttrici di azione

28 28 Coinvolgere tutti i soggetti rilevanti del sistema socio-economico ed istituzionale del territorio, sulla base della condivisione degli obiettivi e delle strategie per il loro perseguimento allinterno di una visione della evoluzione a medio-lungo termine del territorio stesso. Direttrici di azione

29 29 Affrontare in modo organico lo sviluppo dellimprenditorialità e della managerialità delle imprese del settore meccanico (allargato) che punta su tre principali categorie (imprese integrate; imprese specializzate; PMI con base tecnologica), agendo prioritariamente con specifiche iniziative. Costituire una struttura permanente di servizi specializzati alle imprese (Centro Tecnologico per la Qualità e lInnovazione) capace di tradurre la ricerca di base in ricerca applicata ed Linee di intervento

30 30 in sviluppo pre-competitivo, fornendo in modo rapido ed efficace servizi innovativi su specifiche tematiche e tecnologie al fine di garantire efficaci iniziative a supporto dello sviluppo economico e industriale locale Il Centro opererà come un traduttore tecnologico su duplice livello e tra diversi attori: tra le grandi imprese specializzate con forti necessità tecnologiche e la fitta rete di PMI autogene o straniere ivi localizzate; tra la ricerca di base sviluppata in ambito universitario e la domanda tecnologica espressa dalle imprese Linee di intervento

31 31 Le aree di intervento: Innovazione Tecnologica, Ingegnerizzazione e Design Ricerca e Sviluppo Qualità Organizzazione/Gestione aziendale Professionalità delle risorse umane Internazionalizzazione Contesto sociale/Sostenibilità ambientale Proposta progettuale

32 32 Il Centro fungerà da soggetto referente per fornire risposte in tempi rapidi ed a costi contenuti sulla base dei seguenti fattori: possibilità di attingere in modo rapido ed efficace alle fonti della ricerca di base possibilità di utilizzare strumentazioni ed attrezzature di laboratorio già presenti sul territorio possibilità di dotarsi delle strumentazioni non presenti o presenti in modo inadeguato Proposta progettuale

33 33 presenza al suo interno di elevate capacità tecnologiche espresse dallo staff del centro capace di elaborare risposte tecniche immediatamente utilizzabili capacità di relazionarsi con le istituzioni locali/nazionali al fine di promuovere specifici programmi di intervento a sostegno della diffusione della ricerca e dellinnovazione tecnologica presso le PMI dello Stato Proposta progettuale

34 34 Piccole, medie e grandi imprese della meccanica dello Stato di San Paolo Amministrazioni pubbliche locali Sistema locale per la Ricerca, lo Sviluppo Tecnologico e la Formazione Specialistica PMI italiane della sub-fornitura meccanica, elettrica ed elettronica; macchine strumentali; stampi e stampaggio; macchine agricole; illuminotecnica, banchi frigo, ecc. Lattività progettuale avrà inizio nel luglio La durata del progetto è di 30 mesi. Beneficiari diretti e indiretti Pianificazione dei tempi


Scaricare ppt "Il Sistema dei Centri Servizi per i distretti produttivi: integrazione tra politica industriale e sviluppo sostenibile."

Presentazioni simili


Annunci Google