La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL PARADIGMA DELLA COMUNICAZIONE CON LE PERSONE SORDE LINGUA VERBALE DATTILOLOGIA ITALIANO SEGNATO LINGUA DEI SEGNI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL PARADIGMA DELLA COMUNICAZIONE CON LE PERSONE SORDE LINGUA VERBALE DATTILOLOGIA ITALIANO SEGNATO LINGUA DEI SEGNI."— Transcript della presentazione:

1 IL PARADIGMA DELLA COMUNICAZIONE CON LE PERSONE SORDE LINGUA VERBALE DATTILOLOGIA ITALIANO SEGNATO LINGUA DEI SEGNI

2 LINGUA VERBALE IN PRODUZIONE (organi fono-articolatori intatti) E IN COMPRENSIONE (labiolettura)

3 DATTILOLOGIA È UN ALFABETO MANUALE INTERNAZIONALE CHE TRADUCE LETTERA PER LETTERA (spelling) HA UN USO LIMITATO A: -NOMI E COGNOMI -NOMI GEOGRAFICI -SEGNI CHE NON CI SONO O CHE NON SI CONOSCONO

4 LA DATTILOLOGIA HA ORIGINI MOLTO ANTICHE DALLUSO NELLORATORIA GRECO-ROMANA DI SEGNARE CON LE MANI I NUMERI NEL MEDIOEVO FU USATA DAI MONACI CHE AVEVANO FATTO VOTO DI SILENZIO TRAMESSA ATTRAVERSO GLI SCRITTI DI BEDA IL VENERABILE (VIII secolo) USATA NELLE SCUOLE DEGLI UDENTI FIN DAL XIX SECOLO FU ADATTATA DA PADRE ASSAROTTI ALLEDUCAZIONE DEI SORDI

5 LITALIANO SEGNATO È UN CODICE COMUNICATIVO CHE NASCE DALLUNIONE TRA LA GRAMMATICA E LA SINTASSI DELLITALIANO E IL LESSICO DELLA LIS CON ACCOMPAGNAMENTO DELLA LABIOLETTURA

6 LA LINGUA DEI SEGNI È UNA VERA E PROPRIA LINGUA DOTATA DI STRUTTURE FONOLOGICHE, MORFOLOGICHE E SINTATTICHE VARIA NEL TEMPO E NELLO SPAZIO NON E INTERNAZIONALE HA UNA COMUNITA CULTURALE CHE LA UTILIZZA

7 LACQUISIZIONE DI UNA COMUNICAZIONE COMPETENTE E INDISPENSABILE NELLA VITA DELLE PERSONE MA SE TALE PROCESSO E AUTOMATICO NEL BAMBINO UDENTE PER IL BAMBINO SORDO E INVECE SUCCESSIVO ALLEDUCAZIONE

8 DALLA COMUNICAZIONE ALLEDUCAZIONE TUTTI I METODI CONDIVIDONO LOBIETTIVO DELLA PIENA INTEGRAZIONE DEL BAMBINO SORDO NELLA SOCIETA ATTRAVERSO LA LINGUA VERBALE COME? - SENZA LA LIS - CON ALCUNI ASPETTI DELLA LIS - CON LA LIS

9 I METODI ORALISTI CONDIVIDONO LA SCELTA DI ESCLUDERE LA LIS DALLEDUCAZIONE DEL BAMBINO SORDO NELLA CONVINZIONE CHE QUESTA POSSA RITARDARE O IMPEDIRE LO SVILUPPO DELLA LINGUA ORALE SI BASANO SU: -DIAGNOSI PRECOCE con esatta valutazione del deficit -IMMEDIATA PROTESIZZAZIONE -COLLABORAZIONE ATTIVA DELLA FAMIGLIA -ALLENAMENTO ACUSTICO -LABIOLETTURA - ESERCIZI DI PRODUZIONE DELLA VOCE

10 METODO BIMODALE PREVEDE LUTILIZZO CONTEMPORANEO E CON IL MEDESIMO INTERLOCUTORE DELLA LINGUA DEI SEGNI E DELLITALIANO VERBALE COME? ATTRAVERSO LITALIANO SEGNATO ESATTO STRUTTURA DELLA FRASE IN ITALIANO + ACCOMPAGNAMENTO GESTUALE CON IL LESSICO DELLA LIS + DIGITAZIONE CON LA DATTILOLOGIA DELLE PARTI DEL DISCORSO NON TRADUCIBILI IN LIS + LABIOLETTURA E ARTICOLAZIONE

11 METODO BILINGUE LINGUA VERBALELINGUA DEI SEGNI (lingua italiana: (lingua italiana dei segni: Parole, morfologia, sintassi)segni, morfologia, sintassi) LOGOPEDIA EDUCATORE SORDO ASSIST. COMUNIC. EDUCAZIONE BILINGUE Uso parallelo e con partner differenziati delle due lingue

12 ALCUNE REGOLE DELLEDUCAZIONE BILINGUE 1.RISPETTARE NEL PRIMO PERIODO IL PRINCIPIO UNA PERSONA UNA LINGUA 2.BILANCIARE LE STIMOLAZIONI LINGUISTICHE NELLE DUE LINGUE 3.OFFRIRE OPPORTUNITA DI INTERAGIRE CON INTERLOCUTORI DIVERSI IN OGNUNA DELLE DUE LINGUE 4.MOTIVARE IL BAMBINO AD USARE ENTRAMBE LE LINGUE

13 I VANTAGGI DELLEDUCAZIONE BILINGUE IN FAMIGLIA CONSENTONO UNA COMUNICAZIONE SPONTANEA, COMPLETA E VELOCE FACILITA LE CONOSCENZE SUL MONDO EVITANDO CHE AL DEFICIT SI AGGIUNGA UN RITARDO NEGLI APPRENDIMENTI PERMETTE AL BAMBINO DI AVERE CON I COETANEI RAPPORTI PARITARI SENZA LA FATICOSA MEDIAZIONE DELLA LETTURA LABIALE A SCUOLA CONSENTE DI SEGUIRE GLI STESSI RITMI DELLA CLASSE E I PROGRAMMI SENZA RIDUZIONI AIUTA NELLARRICCHIMENTO LESSICALE DELLITALIANO APPOGGIANDO IL SIGNIFICATO DELLE PAROLE NUOVE SUI SEGNI CONOSCIUTI

14 CONSENTE DI RAFFORZARE LE STRUTTURE MORFOSINTATTICHE DELLITALIANO ATTRAVERSO IL CONFRONTO CON LA LIS PERMETTE AL DOCENTE DI AVERE UNIMMEDIATA VERIFICA DELLA COMPRENSIONE DURANTE LA LETTURA CONSENTE DI ACCEDERE ATTRAVERSO LA TRADUZIONE AI LIBRI DI TESTO SENZA SEMPLIFICAZIONI MA NECESSITA DI UN IMPORTANTE LAVORO SUL CONTESTO DI VITA DEL BAMBINO E DI UNA PIENA E DIFFUSA CONDIVISIONE DEGLI OBIETTIVI E DELLE METODOLOGIE UTILIZZATE DA PARTE DEGLI OPERATORI E DELLA FAMIGLIA

15 LA RISCOPERTA DELLA LINGUA DEI SEGNI IN AMBITO EDUCATIVO AVVIENE NEGLI ANNI 70 GRAZIE ALLE RICERCHE DI VIRGINIA VOLTERRA DellIstituto di Psicologia del CNR di Roma SULLA BASE DEGLI STUDI CONDOTTI NEGLI USA DA STOKOE, KLIMA E BELLUGI SULLASL E CHE PORTANO A: ALLA RISCOPERTA DELLA LIS COME VERA E PROPRIA LINGUA ALLA RISCOPERTA DELLA LIS COME VALIDO STRUMENTO PEDAGOGICO

16 I PROGETTI DI INTEGRAZIONE IN GRUPPO NEGLI ULTIMI ANNI SI STANNO DIFFONDENDO PROGETTI DI EDUCAZIONE BILINGUE CHE PREVEDONO LINTEGRAZIONE DI GRUPPI DI STUDENTI SORDI NELLA SCUOLA DI TUTTI ELEMENTI CARDINE DEI PROGETTI SONO: - PRESENZA DI UN PICCOLO GRUPPO DI STUDENTI SORDI IN UNA CLASSE DI UDENTI LIEVEMENTE RIDOTTA NEL NUMERO - BILINGUISMO ITALIANO/LINGUA DEI SEGNI ITALIANA CON LA REALIZZAZIONE DI LABORATORI DI LIS PER TUTTI GLI STUDENTI - PRESENZA DI INTERPRETI E ASSISTENTI ALLA COMUNICAZIONE PER TUTTO O QUASI LORARIO SCOLASTICO

17 OBIETTIVI 1.FAVORIRE LA PIENA INTEGRAZIONE DELLO STUDENTE SORDO IN SCUOLE ATTREZZATE E IN UN AMBIENTE QUALIFICATO E RASSICURANTE 2. CONSENTIRE IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI CURRICOLARI PREVISTI PER I COMPAGNI UDENTI, SCONGIURANDO LINSORGERE DI RITARDI NEGLI APPRENDIMENTI DOVUTI AD UN INADEGUATO ACCESSO ALLA INFORMAZIONI 3. CONSIDERARE LA DIVERSITA DEGLI ALUNNI SORDI UNA COMPONENTE CULTURALE, LINGUISTICA E SOCIALE 4.OFFIRE AGLI ALUNNI SORDI UNA MAGGIORE SICUREZZA EMOTIVA EVITANDO LORO SOLITUDINE ED EMARGINAZIONE

18 5. AMPLIARE LA GAMMA DELLE POSSIBILITA COMUNICATIVE OFFRENDO LA POSSIBILITA DI INTERAGIRE CON DUE COMUNITA LINGUISTICHE 6. CONCENTRARE LE RISORSE E OFFRIRE UN SOSTEGNO PIU AMPIO E ADEGUATO IN TERMINI DI RISORSE UMANE E FINANZIARIE 7. GARANTIRE ATTRAVERSO LA PRESENZA ITERATA NEL TEMPO UNA ADEGUATA FORMAZIONE SUL CAMPO DEGLI INSEGNANTI EVITANDO DI DISPERDERE LE ESPERIENZE 8, DIFFONDERE ATTRAVERSO I COMPAGNI UDENTI, FUTURI CITTADINI, UNA MAGGIORE SENSIBILITA NEI CONFRONTI DI HANDICAP E DIVERSITA


Scaricare ppt "IL PARADIGMA DELLA COMUNICAZIONE CON LE PERSONE SORDE LINGUA VERBALE DATTILOLOGIA ITALIANO SEGNATO LINGUA DEI SEGNI."

Presentazioni simili


Annunci Google