La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Parrocchia di Bornato 16 novembre 2007 Incontro con i genitori del 4° anno dellIcfr Iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Parrocchia di Bornato 16 novembre 2007 Incontro con i genitori del 4° anno dellIcfr Iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi."— Transcript della presentazione:

1 Parrocchia di Bornato 16 novembre 2007 Incontro con i genitori del 4° anno dellIcfr Iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

2 Vieni, Santo Spirito, manda a noi dal cielo un raggio della tua luce. Vieni, padre dei poveri, vieni, datore dei doni, vieni, luce dei cuori. Consolatore perfetto, ospite dolce dell'anima, dolcissimo sollievo. Nella fatica, riposo, nella calura, riparo, nel pianto, conforto. O luce beatissima, invadi nell'intimo il cuore dei tuoi fedeli. Senza la tua forza, nulla è nell'uomo, nulla senza colpa. Lava ciò che è sordido, bagna ciò che è arido, sana ciò che sanguina. Piega ciò che è rigido, scalda ciò che è gelido, drizza ciò ch'è sviato. Dona ai tuoi fedeli che solo in te confidano i tuoi santi doni. Dona virtù e premio, dona morte santa, dona gioia eterna. Amen

3 I genitori compagni di viaggio e testimoni … la catechesi non sia più ridotta a solo insegnamento, ma sia vita concretamente vissuta prima di tutto dai genitori, dagli educatori e da tutta la comunità cristiana. Infatti, se è vero che non si può credere senza sapere è altrettanto vero che sapere non è credere.

4 Fino a poco tempo fa, si è seguita lidea, profonda e ben radicata, secondo la quale per educare alla fede occorre intervenire sui bambini: mandarli a messa, portarli al catechismo (dove sono loro spiegati i principi della religione), dare buoni consigli, esigere comportamenti consoni a chi si dice cristiano, e via di seguito.

5 Tutto questo certo non è sbagliato; ma per garantire la trasmissione del "dono" c'è preventivamente un'altra strada da percorrere: cambiare prima di tutto noi stessi, per cambiare quanto trasferiamo di nostro a loro. L'educazione non è fatta che in minima parte di azioni sugli allievi, è fatta in larghissima parte di interventi su di noi; ciò è maggiormente vero, quando si tratta di comunicare la buona novella che, prima di essere un insegnamento o un codice di comportamento, è una Persona: è Cristo.

6 Certo non è un cammino semplice in quanto non è facile superare l'usanza secondo la quale loro vanno al catechismo e noi siamo a posto.

7 … ci troviamo in difficoltà a trasmettere quanto abbiamo ricevuto. Sappiamo che è un bene prezioso; vogliamo davvero comunicarlo ai figli; ma abbiamo reali, grosse difficoltà…

8 … perciò vogliamo tenacemente delegare e fatichiamo ad accettare lidea che dobbiamo diventare protagonisti dell'educazione alla fede. La parole che troppe volte abbiamo detto sono: « Vai al catechismo, che alla tua età ci sono andato anch'io e ti fa bene».

9 … sono veramente ammirati nel vedere che per la catechesi (cosa che non avviene neanche per la scuola!) addirittura il loro papà e la loro mamma sono seriamente impegnati a prepararsi.

10 Ecco, questo è un bellissimo "messaggio"per la pedagogia positiva che non vuole "far camminare" i figli, ma camminare noi con loro; noi, guida autorevole e sicura, nella quale ripongono piena fiducia.

11 Il cammino dellICFR dura complessivamente almeno sei anni. Per garantire una adeguata omogeneità diocesana, tanto litinerario ordinario quanto quello associativo e familiare si svolgono secondo un medesimo schema generale.

12 Primo tempo: evangelizzazione preliminare dei genitori e primo contatto con i fanciulli Questo tempo, della durata di almeno un anno, ha un duplice obiettivo: per un verso, offrire ai genitori la possibilità di incominciare un cammino (che durerà per tutto il tempo dellICFR) di riscoperta del Vangelo, per gustare loro stessi il dono della fede e anche per essere maggiormente in grado di accompagnare i propri figli nel cammino di introduzione della vita cristiana; per un altro, operare un primo contatto coi fanciulli, aiutandoli a sentirsi parte di una comunità più grande rispetto a quella della famiglia.

13 Secondo tempo: prima evangelizzazione dei fanciulli Il secondo tempo, della durata di almeno due anni, ha come obiettivo di introdurre il fanciullo alla conoscenza e allaccoglienza di Gesù che ci fa conoscere e incontrare il mistero di Dio. La prima tappa, sul tema della scoperta di Gesù, il Figlio di Dio, si conclude col rito del rinnovo delle promesse battesimale; la seconda, sul tema della scoperta del Dio di Gesù, si conclude con la prima celebrazione del sacramento della riconciliazione.

14 Terzo tempo: approfondimento della fede e completamento dei sacramenti delliniziazione cristiana (cresima ed eucaristia) Lobiettivo di questo tempo, della durata di almeno due anni, è far conoscere ed esperimentare ai fanciulli la storia della salvezza, la comunità cristiana e i sacramenti come luoghi privilegiati dellincontro con Gesù e, attraverso di lui, con il Padre, nello Spirito Santo. La prima tappa, che si svolge attorno al tema della storia della salvezza, si conclude col rito dellammissione tra i candidati ai sacramenti della cresima e delleucaristia; la seconda, attorno al tema della Chiesa e dei sacramenti delliniziazione cristiana, si conclude con la celebrazione unitaria dei sacramenti della cresima e deleucaristia.

15 Quarto tempo: mistagogia (= condurre a comprendere meglio ciò che hanno vissuto nel mistero della celebrazione dei Sacramenti) Lo scopo del quarto tempo, che deve durare almeno un anno, è di accompagnare i ragazzi a testimoniare nella Chiesa e nel mondo – soprattutto nel giorno del Signore – lessere diventati cristiani, in forza della grazia dei sacramenti ricevuti. Potrebbe terminare col rito dellimpegno a continuare il camino di fede. Se, infatti, con la conclusione della mistagogia lIc può considerarsi terminata, non lo è la formazione cristiana che dura tutta la vita.

16 Il Cammino di preparazione alla Cresima e alla Comunione Primo anno del 3° tempo nella parrocchia di Bornato Catechiste Adele, Grazia e Rita

17 Il sussidio Lo racconterete ai vostri figli… Appuntamenti Avvento, ore 8.00 Sabato – Preparazione al Natale e poi … la Santa Messa ogni domenica… Senza la domenica non possiamo vivere

18 Dal Vangelo secondo Luca In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: È inevitabile che avvengano scandali, ma guai a colui per cui avvengono. È meglio per lui che gli sia messa al collo una pietra da mulino e venga gettato nel mare, piuttosto che scandalizzare uno di questi piccoli. State attenti a voi stessi!

19 Vieni, Santo Spirito, manda a noi dal cielo un raggio della tua luce. Vieni, padre dei poveri, vieni, datore dei doni, vieni, luce dei cuori. Consolatore perfetto, ospite dolce dell'anima, dolcissimo sollievo. Nella fatica, riposo, nella calura, riparo, nel pianto, conforto. O luce beatissima, invadi nell'intimo il cuore dei tuoi fedeli. Senza la tua forza, nulla è nell'uomo, nulla senza colpa. Lava ciò che è sordido, bagna ciò che è arido, sana ciò che sanguina. Piega ciò che è rigido, scalda ciò che è gelido, drizza ciò ch'è sviato. Dona ai tuoi fedeli che solo in te confidano i tuoi santi doni. Dona virtù e premio, dona morte santa, dona gioia eterna. Amen

20


Scaricare ppt "Parrocchia di Bornato 16 novembre 2007 Incontro con i genitori del 4° anno dellIcfr Iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi."

Presentazioni simili


Annunci Google