La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La cura del gioco dazzardo patologico nellAzienda Sanitaria Territoriale di Trieste S.C. Dipendenza da Sostanze Legali Dipartimento delle Dipendenze, A.S.S.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La cura del gioco dazzardo patologico nellAzienda Sanitaria Territoriale di Trieste S.C. Dipendenza da Sostanze Legali Dipartimento delle Dipendenze, A.S.S."— Transcript della presentazione:

1 La cura del gioco dazzardo patologico nellAzienda Sanitaria Territoriale di Trieste S.C. Dipendenza da Sostanze Legali Dipartimento delle Dipendenze, A.S.S. n. 1 Triestina Davide Jugovac

2 2000 – consapevolezza del bisogno 2001 – primi percorsi di cura 2002 – primo gruppo terapeutico La cura del gioco dazzardo patologico nellAzienda Sanitaria Territoriale di Trieste

3 tolleranza perdita di controllo astinenza e craving malattia cronica recidivante modello di Custer (1984) e modello di Prochaska (1982) GAP e dipendenza da uso di sostanze

4 Il modello motivazionale del cambiamento (Prochaska e DiClemente, 1982) 1) pre-contemplazione 2) contemplazione 4) azione 5) mantenimento 6) ricaduta 3) determinazione

5 Il modello per fasi del giocatore patologico (Custer, 1984) 1) vincita 2) perdita 4) resa 5) ricostruzione 6) crescita 3) disperazione 7) ricaduta

6 Se lobiettivo è mantenere lo stato raggiunto, un singolo o breve episodio di violazione dellastinenza totale non è da intendersi ricaduta AbstinenceLapse (error) Relapse Il processo della ricaduta (lapse vs relapse) Marlatt (2005)

7 strutturati 1 medico psichiatra 1 psicologo psicoterapeuta 1 assistente sociale non strutturati 2 psicologi tutti a tempo parziale sul GAP alcolismo (circa 1100 utenti in carico lanno) tabagismo (circa 400 utenti in carico lanno) le risorse dedicate allinterno della SCDSL/DDD

8 il percorso di cura – prima, durante, dopo PRIMA: laccoglienza attiva dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 primo colloquio di raccolta anamnestica e valutazione diagnostica *South Oaks Gambling Screen come strumento diagnostico *coinvolgimento dei familiari *organizzazione del monitoraggio economico *proposta di programma

9 presenza o assenza di comorbidità psichiatriche presenza o assenza di deficit cognitivi diagnosi GAP presenza o meno di un familiare che garantisca un monitoraggio economico e la partecipazione alle attività stabilizzazione dellastinenza orari di lavoro il percorso di cura – prima, durante, dopo PRIMA: scelta del trattamento – individuale o di gruppo

10 un gruppo settimanale con operatore un gruppo settimanale di auto-aiuto per soli giocatori un gruppo quindicinale di sostegno ai soli familiari con operatore una didattica mensile rivolta a giocatori e familiari il percorso di cura – prima, durante, dopo DURANTE: il trattamento di gruppo con o senza familiari in momenti critici del percorso colloqui legati a problematiche sociali colloqui medico psichiatrici DURANTE: le attività individuali di supporto

11 due momenti allanno per le dimissioni colloqui di follow up (1, 3, 6, 12 mesi; de visu e con familiari) inserimento nellassociazionismo (gruppo di volontariato Asso di Giada) DOPO: il post trattamento il percorso di cura – prima, durante, dopo

12 flusso utenti - in carico

13 flusso utenti - nuovi accessi

14 trattamento di gruppo: 12 9 astinenti 3 interruzioni, di cui: *2 astinenti han deciso di chiudere anzitempo *1 non astinente ha abbandonato il trattamento trattamento individuale: 7 (1 alc, 2 rml, 1 dd, 3 lav) 5 astinenti 1 non astinente tuttora in trattamento 1 interruzione: *1 astinente ha deciso di chiudere anzitempo accoglienza: 16 7 in fase di valutazione (fine agosto - inizio settembre) 8 drop out (gennaio - giugno) 1 inviato allASL di appartenenza utenti in trattamento – nuovi accessi 2013

15 stato dellarte – pazienti in carico utenti 70 familiari età media 49 anni (range 22-74) 81% M, 19% F forma di dipendenza primaria: *slot 52% *scommesse sportive 18% *casinò 16% *bingo 6% *altro 8% dal momento dellattivazione del follow up (ottobre 2011), le 18 persone dimesse sono ad oggi tutte astinenti

16 Giocatori dazzardo dazione (action-seekers): cercano il brivido offerto dal rischio. Sono caratterizzati da tratti narcisistici che li portano a cercare leccitazione volta ad apparire e ad identificarsi nel ruolo di vincente. Questa categoria di giocatori predilige i tipi di gioco nei quali essi possono avere, o illudersi di avere, un qualche ruolo attivo (es. roulette) o competitivo (es. corse). La carriera di gioco di lunga durata correla positivamente con lalto tasso di drop out. Difficilmente trattabili. Giocatori dazzardo per fuga (escape-seekers): giocano dazzardo per cercare di evitare stati di disagio affettivo o problemi relazionali. Preferiscono giochi ripetitivi, automatici, solitari, per ricercare una sorta di anestesia (es. slot machines). Buona compliance al gruppo. Guerreschi, tipi di giocatore

17 Caso 1 – M.S. M, 57 anni, pensionato, licenza media inferiore, divorziato. Si sposa a 25 anni, la moglie chiede la separazione nel Da allora vive con la madre. Lavora fino a pochi anni fa, percependo attualmente una pensione pari a Famiglia dorigine: Padre deceduto nel 1996, alcolista. Madre 78aa, buoni rapporti. Un fratello, riferisce rapporti tesi anche a causa dei debiti accumulati dal sig. M.S. Una figlia e due nipoti, riferisce buoni rapporti. Riferisce di essere da sempre frequentatore di casinò. Dal 1996 diventa frequentatore assiduo delle sale corse. Fino al 2003 dilapida il patrimonio ottenuto in seguito alla vendita dellappartamento in cui viveva con lex moglie. Al 2005 si indebita per circa altri e chiede aiuto ai suoi familiari ipotecando la casa in comune. Al 2013 accumula ulteriori debiti per , pari a 2900 mensili tra cessioni del quinto e diverse finanziarie. Accede al ns Servizio a gennaio 2013, da solo, in evidente stato di agitazione. Punteggio SOGS: 16. Richiesta consulenza psichiatrica per depressione reattiva e stato dansia. Inserito nel gruppo terapeutico nel mese di aprile Avviata la figura dellamministratore di sostegno da parte dellassistente sociale. Ad oggi astinente.

18 Caso 2 – B.T. F, 72 anni, pensionata, licenza media inferiore, nubile. Sempre vissuta in famiglia, nega relazioni importanti nel tempo. Lavorava in una grossa azienda cittadina, stipendio medio-alto. Famiglia dorigine: Padre deceduto nel 2007, riferisce ottimi rapporti. Madre deceduta nel 1991, riferisce buoni rapporti. Un fratello minore, riferisce buoni rapporti. Accede al ns Servizio nel mese di dicembre Punteggio SOGS: 8 Affida la gestione economica ad una vicina di casa. Riferisce di aver iniziato a giocare nel 2007 (gratta e vinci), subito dopo la morte del padre. Inizialmente inserita nel gruppo GAP a gennaio 2012, si interrompe la frequenza a marzo dello stesso anno a causa di continue piccole ricadute. Da marzo 2012 a marzo 2013 alterna lunghi periodi di astinenza, con craving variabile, a ricadute di piccola entità subito compensate. Da aprile 2013 è astinente. Punti nodali affrontati in trattamento: elaborazione del lutto paterno, rapporto con la nipote.


Scaricare ppt "La cura del gioco dazzardo patologico nellAzienda Sanitaria Territoriale di Trieste S.C. Dipendenza da Sostanze Legali Dipartimento delle Dipendenze, A.S.S."

Presentazioni simili


Annunci Google