La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL BUSINESS PLAN Prof. Valter Cantino Torino 17 dicembre 2002.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL BUSINESS PLAN Prof. Valter Cantino Torino 17 dicembre 2002."— Transcript della presentazione:

1 IL BUSINESS PLAN Prof. Valter Cantino Torino 17 dicembre 2002

2 LE NUOVE SFIDE MARKETING RICERCA & SVILUPPO PRODUZIONE differenziazione flessibilitàmodularità collaborazione

3 DEFINIZIONE DEI SETTORI Domanda potenziale Domanda effettiva SettoriemergentiSettorimaturi

4 CICLO DI VITA DEL PRODOTTO/SERVIZIO domanda tempo lancio sviluppo maturità declino post-declino? time to market

5 IMPRESE AD ALTO VALORE AGGIUNTO (ECONOMIE DI SCALA SUI COSTI FISSI) Costi fissi Costo totale Ricavototale Punto di pareggio AREA DEL PROFITTO AREA DELLA PERDITA

6 IMPRESE A BASSO VALORE AGGIUNTO (ECONOMIE DI SCALA SUI COSTI VARIABILI) Costi fissi Costo totale Ricavototale Punto di pareggio AREA DEL PROFITTO AREADELLAPERDITA

7 IMPRESE A BASSO VALORE AGGIUNTO (ECONOMIE DI SCALA SUI COSTI VARIABILI) Costi fissi Costo totale Ricavototale Punto di pareggio AREA DEL PROFITTO AREADELLAPERDITA CURVA DI ESPERIENZA

8 FATTORI CRITICI DEL MODELLO 1) evoluzione della domanda settore/impresa; 2) efficienza: - costi fissi (economie di scala); - costi variabili: - efficienza esterna (prezzi); - efficienza interna (produttività) (produttività)

9 SITUAZIONEPATRIMONIALEATTUALE PIANOECONOMICO PIANOFINANZIARIO SITUAZIONEPATRIMONIALEFUTURA equilibriopatrimonialeequilibriopatrimonialeprospettico Gestione del capitale circolante Gestione del capitale permanente

10 MODELLO DI BUSINESS STRUTTURAFINANZIARIA analisi patrimoniale analisi economica RISCHIOOPERATIVO RISCHIOFINANZIARIO IMPRESA Caratteristiche del settore Condizionamenti locali (es. fisco) Evoluzione del business Garanzie

11 INDIVIDUARE I DETERMINANTI DEL VALORE DIMPRESA drivers finanziari drivers non finanziari

12 I DRIVERS FINANZIARI Il grado di indebitamento La politica di indebitamento La qualità dellattivo Il cash flow (sostenibilità sviluppo) La composizione dei costi La qualità del fatturato Le politiche di bilancio

13 I DRIVERS NON FINANZIARI La compagine societaria Il consiglio di amministrazione Il rapporto famiglia/impresa I ruoli chiave nellorganizzazione I clienti La CRM i fornitori

14 I DRIVERS NON FINANZIARI La qualità della produzione Linnovazione (prodotto/processo) Impresa e ICT La trasparenza finanziaria

15 Si identifica con il piano dazione per unazienda neo-costitutita e mono-mercato. Il business plan

16 Rappresenta invece una parte del piano dazione nel caso di unimpresa affermata, che voglia sviluppare nuovi modelli di business, per quanto riguarda il binomio prodotti/mercati e/o per quanto riguarda nuove localizzazioni geografiche (dal punto di vista produttivo e distributivo) Il business plan

17 Aziende nuoveAziende esistenti Diversificazione attività Inizio attività Lancio di prodotto Ampliamento attività Acquisizione altre aziende Aumenti di capitale ed ingresso soci Creazione rete commerciale Apertura sedi secondarie / filiali Ristrutturazione aziendale Costruzione nuovi stabilimenti

18 LA FUNZIONE DEL BUSINESS PLAN Funzione interna: strumento gestionale che illustra le conseguenze delle scelte Funzione esterna: presentazione del progetto a terzi (ad esempio per richiedere finanziamenti)

19 I SOGGETTI INTERESSATI Redattori *Imprenditore o top management *Professionista o società specializzata *Altri consulenti (in relazione a specifiche competenze) Destinatari *Imprenditore o compagine sociale di controllo *Soci futuri *Soggetti finanziatori *Management

20 LE INFORMAZIONI PRELIMINARI Informazioni Macroeconomiche Situazione politica del paese Tasso dinteresse Tasso dinflazione Pil Costo del lavoro... Informazioni Di settore Situazione del mercato Bilanci della concorrenza Possibile sviluppo tecnologico Normativa giuridica- fiscale...

21 IL CONTENUTO DEL BUSINESS PLAN Il progetto imprenditoriale: –Obiettivi del progetto; –Ipotesi che stanno alla base del progetto; –Contenuto del progetto Limpresa: –Storia dellazienda –Posizionamento sul mercato

22 (segue) Analisi del mercato: –Descrizione del mercato di riferimento; –Prospettiva sulla domanda. Piano delle vendite: –Descrizione del prodotto / servizio; –Programma di commercializzazione Piano degli investimenti e del personale: –Investimenti necessari e relativi costi; –Personale e costo del lavoro.

23 (segue) Previsioni patrimoniali, economico, finanziarie: –Stato patrimoniale; –Conto economico; –Previsioni dei flussi di cassa. Prospetti di sintesi Giudizio sulla fattibilità del progetto Documentazione di supporto


Scaricare ppt "IL BUSINESS PLAN Prof. Valter Cantino Torino 17 dicembre 2002."

Presentazioni simili


Annunci Google