La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Mediterraneo Mare nostrum In viaggio nel Mediterraneo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Mediterraneo Mare nostrum In viaggio nel Mediterraneo."— Transcript della presentazione:

1 Mediterraneo Mare nostrum In viaggio nel Mediterraneo

2 Proposta di progetto dellistituto Onnicomprensivo «Della Rovere» di Urbania Per promuovere la cittadinanza attiva e consapevole dei giovani attraverso la conoscenza delle radici che stanno alla base dell identità storica e culturale del loro paese di appartenenza o di adozione e, tramite la cooperazione nel settore del lavoro scolastico, favorire il dialogo interculturale e i valori della convivenza pacifica e civile

3 Per valorizzare e rendere evidente il ruolo formativo e professionalizzante che le scuole appartenenti allIstituto Onnicomprensivo «Della Rovere» attuano allinterno del territorio Con un grande spettacolo in piazza … e mostre… e laboratori allaperto… e performance e…

4 TEATRO ARTE MODA MUSICA DANZA POESIA LETTERATURA

5 Il libro è narrato in prima persona da uno dei personaggi, Florian, ma è solo l'ultimo capitolo a chiarirlo, quando il narratore si rivela e spiega di avere raccontato la storia che abbiamo letto all'autore (pp ). Si tratta di una tecnica di autenticazione dei fatti adoperata anche da altri autori recenti (ad esempio da Rea in LA DISMISSIONE). È un procedimento, inoltre, che permette di raccontare senza dover usare la terza persona, dunque facendo scorrere più liberamente il racconto. Come negli altri libri di Abate, compare qui il tema dell'emigrazione in Germania e del rapporto con il paese di origine di chi è emigrato, che in questo caso si chiama Roccalba. La famiglia di Florian abita in Germania: il padre è tedesco e la madre è calabrese. Florian vive in entrambe queste realtà e alla fine del romanzo, dopo aver deciso di fermarsi per la maggioanza dell'anno in Italia, dichiara: "Quattro mesi li passo nell'altra casa, ad Amburgo, dove sono nato. Ne ho bisogno per non perdere pezzi miei di passato e forse di futuro. Vivendo in due posti diversi tra di loro come il sole e la luna, mi illudo di vivere due volte, perché in ogni posto mi tuffo a capofitto" (p. 196). Rivela così una doppia appartenenza; e potremo in questo senso collocarlo sullo sfondo dell'Europa unificata e della globalizzazione, in una fase successiva dell'emigrazione e diversa da quella dei libri precedenti. Già la generazione a lui precedente è emancipata e colta: la madre di Florian è laureata, insegna in una scuola tedesca, conosce bene la lingua, è integrata in Germania per quanto nostalgica del paese di origine e profondamente legata alla sua terra, tanto da averne approfondito un aspetto (il Grand Tour di Stolberg in Italia nel Settecento, p. 71) anche per la tesi di laurea. Tanto più la generazione di Florian vive le due realtà tedesca e italiana con una certa naturalezza. C'è però contemporaneamente una doppia appartenenza, indicata anche dalla metafora che dà il titolo al libro: "tra due mari", che si riferisce geograficamente a Roccalba, collocata tra il mar Tirreno e il Mare Ionio in vetta a un crinale da cui si vede "l'azzurro luccicante di due mari, lo Ionio e il Tirreno, uno a [...] destra e uno a [...] sinistra" (p. 59); "il paese è appoggiato come un ferro di cavallo su una collina tra due mari, lo Ionio e il Tirreno" (p. 10). Il riferimento è logicamente anche alla doppia identità del narratore; ed è il luogo di un confine culturale e antropologico dove si congiungono presente e passato, tradizione e modernità. È inoltre un luogo dove si raccolgono testimonianze, avventure immaginarie e racconti: "si cerca un posto e si trovano delle storie" (p. 195). La struttura del romanzo è articolata tramite un'altra metafora centrale, quella del viaggio; e di nuovo, almeno in parte, collegata al tema dell'emigrazione. I capitoli sono infatti intitolati PRIMO VIAGGIO, SECONDO VIAGGIO, TERZO VIAGGIO e QUARTO VIAGGIO; l'introduzione è denominata PARTENZA e la conclusione comprende la parola SOSTA. Il viaggio è nel tempo e nello spazio. Il dipartimento di lettere e lingue potrebbe attuare un percorso di orientamento narrativo a partire da un testo letterario e …

6 Le scuole medie potrebbero programmare un percorso di ricerca artistica a partire dalle forme e dai colori dellarte e dellartigianato made in MED… insieme a Matisse, Cezanne… De Simone…

7 Alcuni link sull'argomento orti scolastici biologici, orti sociali, orti terapeutici… il sito della Rete ORTI DI PACEORTI DI PACE il progetto Orti di PaceOrti di Pace il blog degli AMICI DELL'ORTOAMICI DELL'ORTO le foto degli ORTI DI PACEfoto degli ORTI DI PACE il sito della storica cooperativa di Isola del Pianostorica cooperativa di Isola del Piano il sito della cooperativa sociale Il Ciottolocooperativa sociale Il Ciottolo il sito della Coooperativa DulcamaraCoooperativa Dulcamara una mostra fotografica sugli orti socialifotografica sugli orti sociali un libro sulle fattorie didattiche biologichefattorie didattiche biologiche siti sulla agricoltura biologicaagricoltura biologica il sito di giardinaggio libero Ecoistituto dI CESENA seminario orti di pace|sentieri della biodiversità|contadini custodiorti di pace|sentieri della biodiversità|contadini custodi l'esperienza di NADIA NICOLETTI e della sua classe, in Trentino Manifesto PER UNA RETE DI ORTI DI PACE Chiunque, nel rispetto dellambiente, coltivi la terra lavora anche per la pace. Anche quando i conflitti mettono a repentaglio la sopravvivenza, e li chiamano per questo orti di guerra, sono sempre e comunque orti di pace. In questo momento storico, in cui i fondamenti stessi delleconomia vengono rimessi in discussione, e il concetto di cosa abbia valore cambia al punto che i terreni agricoli cominciano a venire considerati un bene rifugio, è arrivato il momento di annodare una rete tra tutti noi che crediamo che lavorare la terra in modo organico sia cosa bella e buona. Occorre imparare di nuovo labbiccì del rapporto con la Natura. Per questo siamo partiti dagli orti scolastici: aule allaperto dove apprendere un modo di stare al mondo per cui, anziché semplici consumatori, diventiamo creatori di vita, e nella pratica di una possibile autosufficienza apprendiamo il respiro della libertà interiore. Un giardino, un bosco, un orto trasformano la scuola in qualcosa di vivo di cui prendersi cura. Partiti dalla scuola, abbiamo poi esteso la nostra attenzione agli orti terapeutici, carcerari, sociali: spazi dove ci si prende cura di fiori e ortaggi scoprendo al contempo nellorto un luogo ideale dove intrecciare tutta una serie di scambi con la natura, lambiente e la comunità, coltivando intanto la pace interiore. Proponiamo la costituzione di una Rete di Orti di Pace nellintento di tenerci in contatto, scambiare informazioni sulle varie iniziative. E anche, non ultimo, renderci conto di quanto poco siamo isolati nel gesto di coltivare il nostro comune giardino dallumile nome di terra. Cesena, sabato 14 marzo I bambini della scuola materna potrebbero aderire al progetto «Orti di pace» e costruire il giardino dei profumi coltivando le piante aromatiche tipiche del mediterraneo

8 Volendo si potrebbe seguire il percorso didattico già tracciato insieme a Tonino Guerra da … altre scuole e realtà locali…

9

10 La scuola di Moda potrebbe dedicarsi alla ricerca dei colori, delle forme e fantasie della moda tipicamente made in MED e collaborare alla realizzazione dei costumi per lo spettacolo in piazza… ispirandosi anche allarte, al costume tradizionale etc.

11 Altri dedicarsi alla scoperta dei sapori della dieta mediterranea, patrimonio dellUNESCO… come percorso di educazione alimentare

12 Il Progetto Mediterraneo, Mare Nostrum, è pensato in una estensione reticolare che vuole mettere in comunicazione le varie scuole e classi partecipanti, attraverso anche linformatizzazione delle attività didattico-educative svolte dagli alunni delle scuole dellinfanzia e delle primarie, fino alle scuole superiori, avvalendosi di una piattaforma informatica. I diversi plessi scolastici che aderiscono al progetto, elaboreranno liberamente la parte del progetto che intendono attuare, sulla base dei propri interessi culturali e didattici. Alla microrete così costituita dovrebbe venire assegnato uno spazio virtuale, allinterno di un sito creato ad hoc, nel quale le scuole che svolgono le attività didattico – educative, comunicano, informano, aggiornano, fanno vedere in itinere come si sta svolgendo la realizzazione del loro progetto e se si ci sono appuntamenti, incontri, etc. Così anche i docenti di informatica saranno coinvolti

13 In viaggio nel Mediterraneo Un simbolo tema il Mar Mediterraneo, offre agli insegnanti e agli alunni che lo vorranno, l'occasione di contribuire, scegliendo largomento a loro più congeniale, alla realizzazione di un percorso che disegni un quadro complessivo della parte del mondo in cui abbiamo vissuto, viviamo, vivremo. Ciò che troppo spesso è vissuto come separato, diviso, parcellizzato, potrà essere vissuto come unicum in una serata finale, in cui tanti diversi colori e temi potranno riunirsi per rappresentare un'immagine ricca e complessa del mondo. Bianco, verde e azzurro sono i colori del Mare Nostrum così ricco di occasioni da valorizzare, mare che unisce e separa e in cui le diversità culturali sono o dovrebbero certamente essere una ricchezza. Uno spettacolo teatrale, un reading, romanzi e incontri con l'autore, la dieta mediterranea, film, musiche …..tutti potranno partecipare realizzando un prodotto che meriti di essere visto e apprezzato. L'idea di questo viaggio nasce dall'estrema necessità di conoscere le differenze per abbattere le distanze, nella società multiculturale in cui viviamo, la scuola diventa luogo di incontro e scontro di culture e ci offre l'occasione di partire dalle differenze di ogni alunno per coglierne la ricchezza. Inoltre, poiché da poco tempo le scuole di ogni ordine e grado appartenenti alla cittadina di Urbania sono divenute un Istituto Omnicomprensivo, naturale appare lidea di proporre un progetto che abbia uno sfondo comune, sul quale articolare un percorso condiviso. Un disegno che coinvolga studenti di tutte le età e i rispettivi docenti affinché lIstituto indossi una nuova veste, una nuova identità in cui ciascuno possa riconoscersi. Non vi è dubbio che le possibilità e capacità che alunni e docenti sapranno mettere in campo saranno anche differenti e più ricche rispetto a quelle abitualmente evidenziate rendendo possibile un interessante dialogo tra i protagonisti in gioco. Abbiamo suggerito un progetto, indicato un percorso… per partire insieme


Scaricare ppt "Mediterraneo Mare nostrum In viaggio nel Mediterraneo."

Presentazioni simili


Annunci Google