La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

10 - La gestione per progetti Definizioni Caratteristiche di un progetto Organizzazione del progetto Work Breakdown Structure Gestione del tempo Controllo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "10 - La gestione per progetti Definizioni Caratteristiche di un progetto Organizzazione del progetto Work Breakdown Structure Gestione del tempo Controllo."— Transcript della presentazione:

1 10 - La gestione per progetti Definizioni Caratteristiche di un progetto Organizzazione del progetto Work Breakdown Structure Gestione del tempo Controllo dei costi

2 Mario Bolognani 20122 Definizioni di progetto È un processo (a impulso) che richiede uno sforzo concentrato nel tempo finalizzato a realizzare un output unico (Bartezzaghi et al.) È un insieme di attività… aventi come fine un obiettivo ben definito, raggiungibile… entro un tempo predeterminato e con un preciso ammontare di risorse… a disposizione (Tonchia) È un complesso di decisioni e azioni che, in base a specifiche competenze e risorse, (viene messo in atto)… per produrre un output desiderato, coerente con gli obiettivi e i vincoli (De Maio in Costa et al.) Un processo temporaneo finalizzato alla produzione di una o più unità di un unico prodotto o servizio le cui caratteristiche vengono elaborate progressivamente (Project Management Institute, 1997)

3 Mario Bolognani 20123 Operazioni e progetti Le organizzazioni eseguono lavori (svolgono attività) che si possono distinguere in operazioni (processi) e progetti Le operazioni sono continuative e ripetitive i progetti no Hanno in comune: Limite delle risorse disponibili Necessità di pianificazione, esecuzione e controllo Realizzazione affidata a persone

4 Mario Bolognani 20124 Caratteristiche di un progetto Unicità del risultato Evento temporaneo e non ripetitivo Finalizzazione chiara ed esplicita Presenza di vincoli di tempo e di risorse umane, materiali e e tecniche Integrazione e multidisciplinarità Organizzazione specifica

5 Mario Bolognani 20125 Elementi fondamentali di un progetto Fonte: Tonchia, cit

6 Mario Bolognani 20126 Project management (PM) Si intende per PM linsieme delle modalità di governo del singolo progetto o di una molteplicità di progetti (talvolta inquadrati in programmi)

7 Mario Bolognani 20127 Chi lavora prevalentemente per progetti? le imprese di servizio che svolgono attività su commessa (p. e. società di servizi di informatica, società di consulenza, società di ingegneria, studi di architettura, società di R&S, studi professionali) Le imprese manifatturiere che operano a bassi volumi e su specifica del cliente (p. e. imprese edili, anche imprese del settore aerospaziale) Le imprese che fanno innovazione radicale (lancio di nuovi p-s, sviluppo di una tecnologia di processo, sviluppo di un sistema informativo, le attività creative)

8 Mario Bolognani 20128 Ambiti aziendali di applicazione del PM Fonte: Tonchia, cit

9 Mario Bolognani 20129 Il Project Manager Risk Management Procurement Management Stakeholder Management P. M. Communication Management Cost management Human resources management MULTIDISCIPLINARITA Competenze e Capacità (*) (*) Capacità di utilizzare la conoscenza e di svolgere una attività in modo puntuale ed efficace

10 Mario Bolognani 201210 Un bravo PM vede i potenziali aumenti di costo valuta i possibili rischi esamina con i suoi collaboratori le situazioni di criticità Prima che si verifichino eventi negativi che compromettono il budget e il risultato

11 Mario Bolognani 201211 Fasi di un progetto Concezione : il committente stabilisce obiettivi e vincoli Definizione : il progetto viene definito e pianificato (architettura delloutput, attività e loro concatenazione, interdipendenze, responsabilità, tempi, risorse e costi stimati) Realizzazione : si procede alla progettazione e allo sviluppo concreto delloutput Chiusura : rilascio delloutput, collaudo, messa in esercizio, passaggio di consegne, valutazioni ex post

12 Mario Bolognani 201212 Le fasi in sequenza Fonte: Bartezzaghi et al., cit

13 Mario Bolognani 201213 Gestione degli eventi inattesi Due alternative: Si compiono ricicli su fasi precedenti Si scaricano i problemi sulle fasi a valle Vari tipi di inconvenienti: Si degrada la qualità delloutput Aumentano i tempi e i costi del progetto Si riduce la produttività Problema chiave: anticipare i vincoli e le opportunità e gestire i rischi dellimprevisto

14 Mario Bolognani 201214 Costo del cambiamento e stadio di sviluppo Fonte: Bartezzaghi et al., cit

15 Mario Bolognani 201215 Criticità allaumento del tempo di sviluppo Fonte: De Maio, cit

16 Mario Bolognani 201216 Criticità e tempo… Fonte: De Maio, cit

17 Mario Bolognani 201217 Obiettivi e strumenti di governo dei progetti Gli obiettivi di un progetto sono: Qualità (prestazioni) delloutput Costo dello sviluppo (impegno delle risorse) Tempo di sviluppo (durata) Gli obiettivi devono essere sotto controllo (misure) Strumenti per raggiungere gli obiettivi: Organizzazione del progetto Piano del progetto

18 Mario Bolognani 201218 Organizzazione del progetto Direzione Fonte: Bartezzaghi et al.,

19 Mario Bolognani 201219 Le tre modalità organizzative Struttura funzionale (debole): le funzioni hanno responsabilità e controllo; sincronizzazione alle design review; project manager (pm) come facilitatore, senza responsabilità di risultato Struttura a task force (o a matrice forte): potere gerarchico e responsabilità di risultato al pm; le risorse dalle diverse funzioni sono allocate temporaneamente al progetto Struttura mista ( a matrice debole ): responsabilità delloutput al pm; potere gerarchico alle funzioni Struttura per progetti di tipo puro: i progetti sono lorganizzazione stessa e incorporano le attività delle funzioni

20 Mario Bolognani 201220 Vantaggi e limiti delle tre organizzazioni ibride Fonte: Bartezzaghi et al., cit

21 Mario Bolognani 201221 Vantaggi e limiti dellorganizzazione per progetti pura Vantaggi Controllo dei clienti Controllo del lead-time Qualità del risultato Maggiore profittabilità Risposta flessibili ai bisogni Integrazione con clienti e fornitori Gestione dellinnovazione Aspetti negativi: Diseconomie di scala Apprendimento locale e non esteso Mancanza di routine organizzative Difficile esportazione e importazione di esperienza Rischio di spaghetti organization Servono forme efficaci di coordinamento e integrazione (ruoli critici, gestione multiprogetto e apprendimento organizzativo )

22 Mario Bolognani 201222 Gli stadi critici: il ciclo di vita dei progetti Fonte: DIP - Università di Genova, 1998

23 Mario Bolognani 201223 Il ciclo della pianificazione e controllo Fonte: Fuggetta et al, cit.


Scaricare ppt "10 - La gestione per progetti Definizioni Caratteristiche di un progetto Organizzazione del progetto Work Breakdown Structure Gestione del tempo Controllo."

Presentazioni simili


Annunci Google