La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MONITORAGGIO DEL PAZIENTE CON PANCREATITE ACUTA SEVERA O SOTTOPOSTO A CHIRURGIA PANCREATICA Francesco Razzetta Dipartimento di Chirurgia ASL 4 Chiavarese.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MONITORAGGIO DEL PAZIENTE CON PANCREATITE ACUTA SEVERA O SOTTOPOSTO A CHIRURGIA PANCREATICA Francesco Razzetta Dipartimento di Chirurgia ASL 4 Chiavarese."— Transcript della presentazione:

1 MONITORAGGIO DEL PAZIENTE CON PANCREATITE ACUTA SEVERA O SOTTOPOSTO A CHIRURGIA PANCREATICA Francesco Razzetta Dipartimento di Chirurgia ASL 4 Chiavarese

2 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica PANCREAS funzione esocrina proteasi amilasi lipasi nucleasi funzione endocrina insulina glucagone somatostatina altri

3 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica PANCREAS ESOCRINO SECREZIONE DI MOLECOLE A POTENTE ATTIVITA ENZIMATICA LITICA

4 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica PANCREATITE PROCESSO INFIAMMATORIO DEL PANCREAS CON MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE E VARIABILE INTERESSAMENTO DI ALTRI ORGANI (POLMONI, RENI, CUORE)

5 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica PANCREATITE LIEVE (EDEMATOSA O INTERSTIZIALE) RARAMENTE PRESENTA COMPLICANZE, INSUFFICIENZA DI ORGANI O MORTE (1,6%) SEVERA (NECROTIZZANTE) SEPSI, MANIFESTAZIONI SISTEMICHE, INSUFFICIENZA RESPIRATORIA, RENALE, CARDIACA, MORTE (16,7%)

6 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica PANCREATITE litiasi biliare60% alcolismo8.5% chirurgia3.3% ERCP3.4% dislipidemia3.5% farmaci2% sconosciuta20% cause Dati ProInfAISP 2001

7 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica PANCREATITE 1. Blocco della secrezione FISIOPATOLOGIA 2. Attivazione enzimatica flogosi ed edema interstiziale 3. Formazione ed increzione di citochine aumento permeabilità capillare attivazione cascata coagulativa

8 Fisiopatologia della pancreatite acuta AUTODIGESTIONE ENZIMATICA (1) 1) ATTIVAZIONE INTRAPARENCHIMALE ENZIMI 2) AUTODIGESTIONE ACINO DUTTALE: presenza di Tripsina attiva, Chimotripsina, Elastasi induce necrosi colliquativa e infiltrazione leucocitaria. Attivazione enzimatica intraduttale: lAmilasi non determina lesioni tissutali gravi, la Lipasi determina steatonecrosi nel tessuto adiposo e nellarchitettura capsulare della ghiandola con sequestrazione di ioni calcio. 3) Attivazione del TRIPSINOGENO E TRIPSINA determinano: Attivazione a cascata della fosfolipasi e dellelastasi che in presenza di acidi biliari favorisce la conversione della LECITINA in LISOLECITINA >necrosi coagulativa delle membrane cellulari 4) ELASTASI E COLLAGENASI provocano: lesione delle fibre elastiche della parete vasale emorragie tissutali e trombosi monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica

9 AUTODIGESTIONE ENZIMATICA (2) 4) Liberazione di molecole vasoattive: CALLICREINA, BRADICHININA, CALLIDINA AUMENTO DELLA PERMEABILITA CAPILLARE diffusione del processo autodigestivo, sequestrazione di liquidi-->aumento flusso linfatico e di essudato peritoneale RIDUZIONE FLUIDO EXTRACELLULARE 5) Comportamento degli inibitori: TRIPSINOGENO LIBERO, alfa1 antitripsina, proteasi alfa2 macroglobulina formano complessi con il complemento e con le proteasi attività enzimatica autolitica con diffusione al di fuori del parenchima e per via ematica con colate necrotiche mediastiniche retroperitoneali lungo le docce parieto coliche. monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica

10 ATMOSFERA TOSSICA+ENZIMI ATTIVI+SOSTANZE VASOATTIVE EFFETTI SISTEMICI SANGUE: coagulazione intravasale disseminata CUORE: depressione dellattività miocardica da riduzione del consumo A-V di ossigeno e alterazioni emodinamiche; MICROCIRCOLO: aumento e successiva diminuzione delle resistenze periferiche; POLMONE: lesione della membrana respiratoria per riduzione del fattore sulfactante polmonare da attivazione della fosolipasi A; FEGATO: congestione epatica, depressione fosforilazione ossidat. RENE: riduzione del flusso corticale ed insufficienza renale; ENCEFALO: demielinizzazione lipolitica, psicosi tossica METABOLISMO: iperglicemia, aumento aa. aromatici e di falsi neurotrasmettitori, ridotta estrazione tissutale di O2 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica

11 PANCREATITE 2. FASE SETTICA DECORSO necrosi sterile turbe emodinamiche insufficienza dorgani complicanze emorragiche 1. FASE TOSSICA sovrainfezione delle necrosi ascesso – pseudocisti infetta stato settico generalizzato

12 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica CLINICA dolore nausea e vomito febbre tachicardia ittero peritonite sepsi ecchimosi cutanee dispnea insufficienza renale insufficienza cardiaca shock

13 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica DIAGNOSTICA dosaggio enzimatico emocromocitometrico funzionalità epatica azotemia, glicemia, creatininemia LDH PCR calcemia emogasanalisi BIOCHIMICA

14 LABORATORIO Iperamilasemia: nelle prime ore, poi può decrescere anche nelle necrosi importanti Lipasi: più specifica di amilasi, elastasi, tripsine Fosfolipasi A2: valore diagnostico 80% nelle complicanze lesive sul sulfactante Proteina C Reattiva: è il test più affidabile, semplice, di costo contenuto Elastasi/ Interleuchina 6: positivi nelle prime 24 ore, sensibilità 100%, specificità 70% monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica

15 TECNICHE DIAGNOSTICHE ECO: sempre, limiti da ileo paralitico TAC: gold standard, dopo 48 ore, evidenzia raccolte, consente puntura per batteriologico, valuta esiti in pseudocisti, valuta levoluzione delle necrosi, utile per lo studio del retroperitoneo Rx torace: polmone da shock Lavaggio peritoneale: sensibilità 95%, specificità 99%, accuratezza 97%, falsi positivi 1,4% monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica

16 TECNICHE DIAGNOSTICHE ECOGRAFIA TC condizioni locali individuazione causa fluido intraperitoneale edema necrosi raccolte peripancreatiche ascessi

17 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica PROGNOSI età leucocitemia glicemia LDH AST ematocrito azotemia calcemia Pa O2 deficit di basi sequestro di liquidi SCORE età leucocitemia glicemia LDH AST azotemia calcemia albuminemia Pa O2 Ranson Glasgow

18 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica ASSISTENZA controllo parametri vitali prelievo per parametri ematochimici accertamenti diagnostici (Rx, etg) via venosa (eventualmente centrale) catetere vescicale SNG (nelle forme lievi solo se vomito) terapia dattacco (no antibiotico) controllo del dolore ALLINGRESSO

19 TERAPIA MEDICA DIGIUNO MISURE DI SUPPORTO: riequilibio elettrolitico, NPT, analgesia, antibiotici, assistenza respiratoria SOPPRESSIONE SECREZIONE PANCREATICA ESOCRINA: Aspiraz. nasogastrica, antagonisti recettori H2, antiacidi, somatostatina INIBIZIONE DEGLI ENZIMI PANCREATICI: inibitori delle proteasi, aprotinina, gabesato, plasma ELIMINAZIONE DI SOSTANZE TOSSICHE INTRAPERITONEALI: dialisi peritoneale monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica

20 TERAPIA MEDICA digiuno terapia antalgica soppressione acidità gastrica (anti-H2, omeprazolo) aspirazione gastrica (SNG) inibitori secrezione (somatostatina e similari) antiproteasici (gabesato e similari) antibiotici nutrizione parenterale totale profilassi antitrombotica

21 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica ASSISTENZA IN REPARTO prosecuzione terapia esecuzione ematochimici di controllo controllo parametri ogni 4 ore correzione tempestiva della terapia controllo del dolore esecuzione della diagnostica (TC dopo 48 ore)

22 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica OBIETTIVI limitare la gravità del processo interrompere i meccanismi che portano allo sviluppo di complicanze mantenere il paziente in compenso identificare i pazienti che hanno necessità di un provvedimento chirurgico MONITORAGGIO ACCURATO

23 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica SITUAZIONI DA IDENTIFICARE necessità di terapia intensiva pancreatite litiasica che non migliora entro 24 ore sfinterotomia endoscopica necrosi sterile con andamento peggiorativo chirurgia necrosi infetta chirurgia raccolta fluida peripancreatica con effetto massa drenaggio percutaneo emorragia (erosione vasi, ulcere, varici)

24 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica SIRS (sindrome da risposta infiammatoria sistemica) T.A. > 38°C o < 36°C f.c. > 90 bpm F.R. > 20/minuto Pa O2 < 32 GB > o < 4000 CONSIDERARE RICOVERO IN T.I. SE SONO PRESENTI ALMENO DUE DEI SEGUENTI DATI:

25 INDICAZIONI CHIRURGICHE NECROSI INFETTA ASCESSO PANCREATICO PSEUDOCISTI (tardiva) BONIFICA BILIARE (tardiva) monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica

26 OSTRUZIONE BILIARE ACUTA ERCP con sfinterotomia entro ore laparotomia quando fallisce la sfinterotomia endoscopica. monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica

27 TECNICA CHIRURGICA Necrosectomia: se necrosi colliquativa Splenopancreasectomia corpo caudale: se necrosi non colliquativa, ma tessuto compatto, pastoso, Sempre colecistectomia + drenaggio biliare esterno Drenaggi della cavità + lavaggio continuo di 8-10 litri di fisiol.+ gabesato Trattamento APERTO: incisione trasversa, sutura dellomento e colon al peritoneo, zaffo, steridrape, rete marlex, medicazione ogni 48 ore monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica

28 MONITORAGGIO frequenza cardiaca pressione arteriosa frequenza respiratoria saturazione di ossigeno diuresi oraria pressione venosa centrale temperatura corporea glicemia quantità e qualità del ristagno gastrico alvo

29 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica MONITORAGGIO frequenza cardiaca la tachicardia allingresso costituisce un indicatore della presenza di una pancreatite acuta severa linsorgenza di una tachicardia nel decorso della malattia può rivelare linstaurarsi di una complicanza (ipovolemia, shock, insufficienza respiratoria, sepsi)

30 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica MONITORAGGIO frequenza respiratoria saturazione di ossigeno laumento della frequenza respiratoria e/o la diminuzione della saturazione possono indicare linstaurarsi di una insufficienza respiratoria eseguire EGA e iniziare O2-terapia con maschera eventuale utilizzo di CPAP o ventilazione assistita

31 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica MONITORAGGIO pressione arteriosa pressione venosa centrale lipovolemia può essere espressione di - un importante sequestro di liquidi - una emorragia in atto - uno shock settico infondere soluzioni colloidi o cristalloidi eventuale utilizzo di amine

32 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica MONITORAGGIO diuresi oraria pressione venosa centrale lipovolemia e lo stato tossiemico possono causare diminuzione della diuresi e della PVC uninsufficienza cardiaca aumenta la PVC Mantenere diuresi di almeno 50 cc/ora e una PVC tra 3 e 10 cm H2O infondere soluzioni cristalloidi fino ad obiettivo eventuale utilizzo di furosemide o dopamina

33 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica MONITORAGGIO BILANCIO IDRICO ENTRATEUSCITE soluzioni elettrolitichediuresi nutrizionedrenaggi liquidi veicolanti farmaciSNG perspiratio

34 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica MONITORAGGIO MISURAZIONE P.V.C. paziente sdraiato su un piano orizzontale rimuovere cuscino posizionare lo 0 a livello della linea ascellare media attendere con pazienza larresto della colonna

35 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica GESTIONE CATETERI VENOSI CENTRALI sono tra le più comuni fonti di sepsi controllare quotidianamente lintegrità medicare ogni 4 giorni cambiare quotidianamente il deflussore disinfettare i gommini prima di iniettare evitare linfusione di emoderivati e i prelievi

36 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica MONITORAGGIO glicemia la pancreatite può causare una carenza insulinica le soluzioni nutrizionali amplificano tale carenza controllo tramite stick ogni 4 ore pronta correzione tramite piccoli boli di insulina tamponamento adeguato delle soluzioni perfusionali

37 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica CHIRURGIA PANCREATICA duodenocefalopancreasectomia pancreasectomia sinistra pancreasectomia totale interventi procedure associate resezione gastrica resezione via biliare splenectomia resezione di vasi linfoadenectomia

38 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica CHIRURGIA PANCREATICA notevolmente demolitiva su pazienti in scadenti condizioni elevato trauma chirurgico postoperatorio lungo e complesso elevata possibilità di complicanze CARATTERISTICHE RISCHI emorragia deiscenza anastomotica SEPSI

39 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica TERAPIA POST-OPERATORIA soluzioni elettrolitiche fino alla I giornata nutrizione parenterale dalla II giornata antibiotici analgesici maggiori antisecretivi gastrici profilassi anti-trombotica insulina antisecretivi pancreatici (?)

40 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica MONITORAGGIO f.c. - P.A. diuresi - PVC f.r. - Sat. O2 glicemia SNG drenaggi canalizzazione cardio-circolatorio respiratorio metabolico chirurgico

41 monitoraggio paziente con pancreatite acuta e chirurgia pancreatica MONITORAGGIO DRENAGGI qualità quantità sangueemorragia biledeiscenza biliare aumentatafistola pancreatica dosaggio amilasi sul drenato


Scaricare ppt "MONITORAGGIO DEL PAZIENTE CON PANCREATITE ACUTA SEVERA O SOTTOPOSTO A CHIRURGIA PANCREATICA Francesco Razzetta Dipartimento di Chirurgia ASL 4 Chiavarese."

Presentazioni simili


Annunci Google