La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Presentato da Maria P. Caforio e Antonio Calò. Studioso delle scienze cognitive e della filosofia della mente Allievo di Chomsky, attualmente insegna.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Presentato da Maria P. Caforio e Antonio Calò. Studioso delle scienze cognitive e della filosofia della mente Allievo di Chomsky, attualmente insegna."— Transcript della presentazione:

1 Presentato da Maria P. Caforio e Antonio Calò

2 Studioso delle scienze cognitive e della filosofia della mente Allievo di Chomsky, attualmente insegna alla City University di New York Con The Modularity of Mind (1983), prospetta il modularismo: Una struttura cognitiva della mente disposta in moduli (adibiti allanalisi dellinput) e sistemi centrali per le elaborazioni più complesse.

3 Nello specifico, il modularismo propone: unarchitettura cognitiva ( struttura della mente ) disposta in strutture verticali specializzate ( moduli ) adibite allanalisi dellinput, trasformando questi ultimi in rappresentazioni (la codificazione dellinformazione sul mondo) che vengono offerte ai sistemi centrali per le elaborazioni più complesse.

4 Il neocartesianesimo: la struttura della mente concepita come struttura della conoscenza La struttura mentale come architettura funzionale: le facoltà orizzontali La struttura mentale come architettura funzionale: le facoltà verticali L'associazionismo

5 Noam Chomsky, descrive la mente come strutturata, geneticamente ed intrinsecamente, in facoltà psicologiche o organi mentali. La sua concezione deriva dalla dottrina sulle idee innate di Cartesio, che egli applica alla teoria della mente : Luomo ha in sé uno schema generale entro cui inserisce l esperienza: una struttura cognitiva innata (delle idee innate che possono spiegare la nostra competenza linguistica). Questa struttura psicologica intrinseca sarebbe ricca e differenziata sin dalla nascita dell'organismo.

6 Ciò che è rappresentato in modo innato può costituire oggetto di atteggiamenti proposizionali, quindi i principi linguistici universali sono anche conosciuti (non solo posseduti) in modo innato. La terra è fatta di cioccolato A.P. disposizione mentale verso una proposizione.

7 Analogie tra sviluppo delle facoltà psicologiche e sviluppo delle strutture anatomiche : sia per il linguaggio che per il cuore, o qualsiasi altro organo, lo sviluppo è lo svolgimento di un processo determinato intrinsecamente. Distinzione tra strutture psicologiche ed anatomiche: lo sviluppo di organi non richiede laccesso a dei contenuti proposizionali dati per via innata (cosa che richiede lo sviluppo del linguaggio).

8 Chomsky ritiene sia innato: un corpo di informazioni (dei contenuti proposizionali) che si sviluppa inconsciamente. Tali strutture proposizionali vengono invocate dalluomo in ogni momento e, attraverso la prestazione, si strutturano nel comportamento. La prestazione ha la funzione dighiandola pineale di Chomsky, il meccanismo grazie al quale, davanti a: = ? io riesco a raccogliere immediatamente ciò che so sui numeri e rispondere: fa 8. Quindi, il mio comportamento corrisponde alle mie strutture proposizionali.

9 Questa concezione si oppone a tutte le forme di empirismo per le quali : 1) lo sviluppo è uniforme lungo tutti i domini cognitivi; 2) le proprietà intrinseche dello stato iniziale della mente sono omogenee e indifferenziate. Questi aspetti dell empirismo sono condivisi da una gamma di autori che va da Skinner a Piaget.

10 Per Fodor la sua teoria si accorda con quella di Chomsky a patto che le informazioni innate costituiscano conoscenza di tipo proposizionale: Il motivo di ciò è dato dall'assunto che l'interazione che avrà luogo fra questi dati innati e l'esperienza sia di tipo computazionale.

11 La psicologia delle facoltà ha 2 varianti Il funzionalismo orizzontale e il funzionalismo verticale. Funzionalismo orizzontale dice: una facoltà psicologica non è un insieme di idee, ma è un meccanismo che viene individuato in riferimento ai suoi effetti tipici, alla sua funzione. Esempio: Se esiste una facoltà del linguaggio, essa consiste nelle funzioni del meccanismo neurologico che media lassimilazione e limpiego delle capacità verbali (Locke?). f. o. vede i processi cognitivi come interazione tra più facoltà mentali (memoria, giudizio, immaginazione, percezione ecc.), dalla cui mescolanza particolare risulta caratterizzato il processo.

12 Centrale nel funzionalismo orizzontale è il concetto di giudizio che ha la funzione di riconoscere identità e differenze tra più contenuti mentali (idee estetiche, matematiche, ecc), operante in ogni tipo di attività La memoria è il luogo in cui tutti i ricordi-credenze vengono a trattenersi: dove la posizione di un determinato ricordo-credenza nel contenitore non dipende dal suo contenuto ma dal tempo che è passato è unenorme facoltà, è un contenitore orizzontale a cui ogni contenuto mentale può accedere in ogni momento.

13 Fodor recupera alcune intuizioni della tradizione verticale della psicologia delle facoltà di Franz Joseph Gall (frenologia 700). Per Gall non esistono delle facoltà(usa il termine attitudine ) orizzontali (giudizio, attenzione, volizione, memoria), ma solo verticali Punto principale della teoria di Gall: ogni attitudine è competente per un certo dominio cognitivo Argomentazione di Gall contro le FO: Se vi è solo una facoltà (es. la memoria), qualcuno che è in grado di ricordare un tipo qualsiasi di cose, dovrebbe ricordare cose di tutti i tipi. Dato che questo non è vero, le varie facoltà devono disporre per lo meno di aree di memoria distinte.

14 Lapporto maggiore di Gall alla teoria di Fodor sono le quattro caratteristiche delle facoltà verticali che sono: 1) specifiche per dominio, 2) geneticamente determinate (determinate per via innata), 3) associate a strutture neurali distinte (hardwired) 4) computazionalmente autonome.

15 Questa tassonomia sarà quella che Fodor adotterà per introdurre il concetto di modulo, aggiungendo l incapsulamento informazionale. Esso limita lelasticità dei processi periferici rendendoli meno intelligenti ma, dato il carico ridotto delle informazioni che elaborano, molto veloci. Es. I processi percettivi impiegati nel vedere le linee sono incapsulati: refrattari alle conoscenze che il soggetto ha a disposizione per interpretare la figura

16 I presupposti per spiegare lorganizzazione degli associazionisti sono: 1) L'esistenza di un insieme di elementi sulla cui base sono costruite le strutture psicologiche; gli elementi possono essere, a seconda del tipo di associazionismo, i riflessi o le idee 2) una relazione associativa che lega gli elementi di base o anche elementi di ordine superiore a loro volta associati 3) le leggi dell'associazione 4) i parametri teoreticamente rilevanti delle strutture psicologiche, come la forza delle associazioni.

17 Per Fodor : 1. la tradizione associazionista è riduzionista in quanto ammette solo una facoltà della mente: la capacità di formare associazioni ; 2. l'idea di associazionismo è confinata ad un livello neuronale, dove i processi computazionali potrebbero essere svolti utilizzando elementi di base combinati secondo semplici regole ; 3. sono da criticare anche le unità TOTE (Test-Operate- Test-Exit) proposte da Miller, Galanter e Pribram, a suo dire un forzato " sposalizio di concetti associazionistici con concetti della matematica dei calcolatori ".

18 Fodor sottolinea come i sistemi modulari siano con ogni probabilità gli unici sistemi che possono realmente essere compresi. In polemica con chi individua nella teoria modulare una visione auto-limititativa dell'intelligenza umana, Fodor dichiara: Tutte le psicologie dei processi cognitivi che sono state proposte, fossero o meno modulari, implicano l'esistenza di limiti ; e alcune delle psicologie meno modulari implicano i limiti epistemici più drastici ". La fase di stallo in cui oggi si trovano gli studi sull' Intelligenza Artificiale e le difficoltà di spiegare l'attività dei sistemi cognitivi centrali, sembrano dare ragione alle conclusioni di Fodor.


Scaricare ppt "Presentato da Maria P. Caforio e Antonio Calò. Studioso delle scienze cognitive e della filosofia della mente Allievo di Chomsky, attualmente insegna."

Presentazioni simili


Annunci Google