La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

U. A. IL NOME Dalla riflessione linguistica alla conoscenza di se Indagine sullorigine del nome proprio Le differenze di genere Lab. Informatica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "U. A. IL NOME Dalla riflessione linguistica alla conoscenza di se Indagine sullorigine del nome proprio Le differenze di genere Lab. Informatica."— Transcript della presentazione:

1 U. A. IL NOME Dalla riflessione linguistica alla conoscenza di se Indagine sullorigine del nome proprio Le differenze di genere Lab. Informatica

2 U.A. Riflessione linguistica Genere e numero del nome. IL NOME Obiettivi specifici LINGUA Usare correttamente i nomi comuni e nomi propri Numero e genere del nome IMMAGINE Esprimersi e comunicare mediante tecnologie multimediali CONVIVENZA Attivare atteggiamenti di ascolto e conoscenza di sé e di relazione positiva nei confronti degli altri Informatica Utilizzare la video scrittura per inserire immagini nei testi

3 Obiettivi formativi: ricercare la propria identità attraverso: Il nome proprio Il genere maschile e femminile dei nomi Contenuti Regole grammaticali sul genere dei nomi Indagine sullorigine del proprio nome Commenti e discussioni sulle differenze di genere tra maschi e femmine Verifica :elaborare un documento su somiglianze, differenze di genere e pari opportunità

4 CLASSI primaria TIPO DI LABORATORIO gruppi di alunni TEMPI due ore alla settimana FREQUENZA una volta alla settimana DURATA due mesi

5 IL GENERE DEL NOME: MASCHILE E FEMMINILE Tutti i nomi hanno un genere grammaticale che, in italiano, può essere maschile o femminile. Per i nomi che indicano esseri animati (uomo, donna, ragazzo, ragazza, gatto, gatta…) il genere grammaticale coincide con il genere naturale, cioè con il sesso: sono di genere maschile i nomi di persone e di animali di sesso maschile e sono femminili i nomi di persone e animali di sesso femminile(con delle eccezioni, come il soprano, la sentinella…). Per i nomi di cosa ( città, libro, lavoro, euro, pane, idea, problema, scuola …) la distinzione tra genere maschile e femminile è convenzionale, è fissato dall'uso.

6 Regole da rispettare nelluso del nome riguardo al genere:femminile e maschile 1. Il femminile dei nomi mobili maschili che terminano in -O si forma sostituendo la vocale finale con una -A 2. Alcuni nomi mobili maschili formano il femminile con il suffisso - ESSA 3. I nomi mobili maschili che finiscono in -TORE generalmente formano il femminile con il suffisso -TRICE. 4. Alcuni nomi mobili maschili formano il femminile con il suffisso - INA. Alcuni nomi di persona e di animale sono completamente diversi al maschile e al femminile.diversi al maschile e al femminile 5. Nomi di genere comune riferiti a persone. Questi nomi hanno una forma comune e il genere viene indicato dall'articolo: 6. Nomi di genere promiscuo

7 Identità del nome proprio ricerca di alcuni nomi propri Adriano = originario da Adria (latino) - 8 settembre Alessandro = che difende gli uomini (greco) - 26 febbraio (ma ci sono più di 39 santAlessandro!) Chiara = Chiara, famosa (latino) - 11 agosto, 17 agosto Francesco = libero (poi: appartenente ai Franchi)(germanico) - 7 maggio, 5 giugno, 20 agosto Gabriele = fortezza di Dio o Dio è forte (ebraico) - 26 gennaio, 27 febbraio, 16 marzo, 29 settembre Giada = donna integra e bella (spagnolo) Letizia = felicità, allegria (latino) - 9 luglio, 21 ottobre Marco = sacro a Marte (latino) - 25 aprile (ma ci sono circa 20 San Marco!) Martina = consacrato a Marte (latino) - 1° e 30 gennaio Michele = chi è come Dio? (ebraico) - 10 aprile, 8 e 14 maggio, 29 settembre Raffaele = Dio guarisce (ebraico) - 29 settembre Sara = principessa (ebraico) - 13 luglio, 10 dicembre

8 Densità di un nome proprio

9 Identità di sè

10

11 Queste frasi ti permettono di arrivare a una maggiore conoscenza di te stesso se le completi con la prima cosa che ti salta in mente I miei hobby sono.. Le cose che mi piace fare con gli altri sono Le cose che faccio per divertirmi sono Le cose che faccio per rilassarmi sono

12 Sono al massimo della felicità quando La cosa migliore di me e La cosa peggiore di me e Se potessi realizzare un desiderio vorrei

13 Indagine sul genere Maschile e femminile Bambine e bambini

14 Un giorno durante una visita alla biblioteca… abbiamo trovato un libro che parlava dei maschi e siccome lo abbiamo trovato molto divertente abbiamo deciso di farlo leggere ai nostri compagni di classe…volevamo commentarlo insieme … Chissa come reagiranno- ci siamo chieste ( un gruppo di bambine)

15 I maschi non mi piacciono perche…

16 I maschi sono spesso un po sporchi e spettinati CHE DISORDINATI …

17 I maschi hanno sempre le orecchie rosse ! Spesso sono strane, buffe e proprio grosse

18 I maschi spesso si mettono le dita nel naso

19 I maschi si macchiano spesso con il cibo

20

21 I maschi fanno pure delle gare di pipì fanno a chi riesce a farla più lontano di così…

22 I maschi poi litigano sempre per le figurine e spesso –che scemi-si fanno pure gli occhi neri

23 I maschi come vedi fanno tante cose ma sono proprio i più bravi a far le buffe facce..per questo per finire ti dico in confidenza consegno ai maschi un premio di riconoscenza perche in lor compagnia e assicurata lallegria

24 Dopo avere letto il libro … I maschi hanno descritto cosi le bambine …

25 Le bambine sono molto viziate

26 Le femmine non mi piacciono perche… sono vanitose e si credono belle come il sole..

27 Sono anche molto paurose

28

29

30 Ma allora che cosa ci accomuna?

31 Manifesto sui diritti naturali di bimbe e bimbi Ritornare bambino o bambina Un invito, o meglio, un appello rivolto ai grandi genitori, insegnanti, amministratori…. di Gianfranco Zavalloni (dirigente scolastico, autore del sito Il diritto all'ozio a vivere momenti di tempo non programmati dagli adulti. Il diritto all'uso delle mani a piantare chiodi, segare e raspare legni, scartavetrare, incollare, plasmare la creta, legare corde, accendere un fuoco. Il diritto agli odori a percepire il gusto degli odori, riconoscere i profumi offerti dalla natura. Il diritto al dialogo ad ascoltare e poter prendere la parola, interloquire e dialogare. Il diritto a sporcarsi a giocare con la sabbia, la terra, l'erba, le foglie, l'acqua, i sassi, i rametti. Il diritto ad un buon inizio a mangiare cibi sani fin dalla nascita, bere acqua pulita e respirare aria pura. Il diritto alla strada a giocare in piazza liberamente, a camminare per le strade. Il diritto al selvaggioa costruire un rifugio-gioco nei boschetti, ad avere canneti in cui nascondersi, alberi su cui arrampicarsi. Il diritto al silenzio ad ascoltare il soffio del vento, il canto degli uccelli, il gorgogliare dell'acqua. Il diritto alle sfumature a vedere il sorgere del sole e il suo tramonto, ad ammirare, nella notte la luna e le stelle. la cosa più importante nella vita è vedere con gli occhi di un bambino" Einstein

32 Abbiamo deciso di ricordare sempre ed in ogni momento che in un gruppo classe ci sono bambini e bambine che hanno gli stessi diritti ; quindi e bene rispettare le caratteristiche di ciascuno:i loro carattere,le loro virtù e difetti, cominciando proprio dal linguaggio e dal modo di parlare, scegliendo vocaboli che comprendano tutti o che rispettino le differenze di genere


Scaricare ppt "U. A. IL NOME Dalla riflessione linguistica alla conoscenza di se Indagine sullorigine del nome proprio Le differenze di genere Lab. Informatica."

Presentazioni simili


Annunci Google