La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IMPARIAMO A MANGIARE Dott.ssa Sandra Sangiorgi Biologa Nutrizionista.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IMPARIAMO A MANGIARE Dott.ssa Sandra Sangiorgi Biologa Nutrizionista."— Transcript della presentazione:

1 IMPARIAMO A MANGIARE Dott.ssa Sandra Sangiorgi Biologa Nutrizionista

2 REGOLA di VITA DIETA

3 La vita dellomo si fa dalle cose mangiate Leonardo Da Vinci IPPOCRATE COLSE PER PRIMO LIMPORTANZA DELL ALIMENTAZIONE PER LA SALUTE UMANA Dimmi come mangi e ti dirò chi sarai e come potrai essere nel futuro Keys (nutrizionista statunitense)

4 VARIAZIONE DEI CONSUMI DAGLI ANNI 50 AD OGGI carne(proteine animali + grassi visibili) dolci (glucidi semplici) alcoolici AUMENTO pasta (glucidi complessi) pane legumi (proteine vegetali) DIMINUZIONE SCOMPARSA DELLE MALATTIE DA CARENZA AUMENTO DELLE MALATTIE DEL BENESSERE

5 MALATTIE DEL BENESSERE PATOLOGIE CARDIOVASCOLARI OBESITA DIABETE PATOLOGIE TUMORALI INVECCHIAMENTO

6 AUMENTO DELLINTROITO CALORICO RIDUZIONE DELLE FIBRE (STRUTTURE VEGETALI RESISTENTI AI PROCESSI DIGESTIVI) RIDUZIONE DEL VOLUME => RITARDO SENSO DI SAZIETÀ(20) INTRODUZIONE DI ALIMENTI A PIUALTO CONTENUTO CALORICO E IN MAGGIORI QUANTITA DIMINUZIONE DELLATTIVITAFISICA (auto-elettrodomestici- cellulari- ascensore- telecomandi ecc.) SOVRAPPESO

7 UOMO = MACCHINA METABOLICA EQUILIBRIO FRA INTRODUZIONE E CONSUMO DI CALORIE SQUILIBRIO FRA ENTRATE E USCITE DIMAGRIMENTO O AUMENTO DI PESO

8 QUANTA ENERGIA CI SERVE? ETA SESSO TAGLIA CORPOREA ATTIVITA FISICA CLIMA ASSUNZIONE DI FARMACI GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

9 ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA DEVE SODDISFARE I FABBISOGNI DELLORGANISMO DEVE TENERE CONTO DELLE NECESSITA PSICOLOGICHE E SOCIO CULTURALI DELLINDIVIDUO UN PROGRAMMA ALIMENTARE DEVE ESSERE PERSONALIZZATO quantitativamente (calorie) qualitativamente (composizione e varietà degli alimenti)

10 ALCUNI CHIARIMENTI SU TERMINI DIVENTATI DI USO COMUNE B.M.I=INDICE DI MASSA CORPOREA PESO IN KG./QUADRATO DELLALTEZZA VALORI DI RIFERIMENTO INF.A 18,5 SOTTOPESO 18, NORMOPESO SOVRAPPESO OBESITA LIEVE OBESITA MEDIA SUPERORE A 40 OBESITA GRAVE OBESITA ADDOMINALE: (crf.vita uomo inf. 102 cm.-donna inf. 88 cm.)

11 ALCUNI CHIARIMENTI SU TERMINI DIVENTATI DI USO COMUNE METABOLISMO BASALE CALORIE NECESSARIE PER LE FUNZIONI VITALI ( a riposo e a digiuno) KLCALORIA QUANTITA DI CALORE CHE OCCORRE PER PORTARE 1 KG DI H2O DA 14,5 A 15,5 GRADI (carboidrati e proteine forniscono 4 kcal /gr. i lipidi 9 kcal /gr.) FABBISOGNO ENERGETICO = MB x LAF (LAF :spese per le attività fisiche giornaliere)

12 TABELLA LAF CLASSI DI ETA ATTIVITA LAF Uomini leggero 1,41 moderato 1,78 pesante 2,01 Donne leggero 1,42 moderato 1,56 pesante 1,73

13 ESEMPIO DONNA 40 anni peso 68 kg. MB 1420 Kcal ATTIVITA LEGGERA LAF 1,42 FABBISOGNO ENERGETICO 2017 Kcal /die kcal diminuisco di peso kcal conservo il peso kcal aumento il peso

14 UN POCO DI CALCOLI 500 kcal X 31 gg = kcal : 7000 = 2.2 kg. (7.000 kcal = 1 kg di peso vero) 7 kg in sette giorni !!!!!!!!! Cosa perdo velocemente? H2O

15 RUOLO DELLATTIVITAFISICA IN UN PROGRAMMA DI CALO PONDERALE DIETA+ESERCIZIO FISICO peso massa magra utilizzazione dei grassi peso massa magra e massa grassa utilizzazione dei grassi DIETA

16 LA PIRAMIDE ALIMENTARE

17 NUTRIRSI BENE DIVERSO DA ALIMENTARSI Lipidi % Polinsaturi Monoinsaturi Saturi Proteine % 0,8 - 1 gr / Kg peso corporeo Vegetali Animali Carboidrati % Semplici 20% Complessi 80%

18 LIPIDI Fonte e riserva di ENERGIA e ACIDI GRASSI ESSENZIALI - trasportano le VITAMINE LIPOSOLUBILI LATTE E DERIVATI TUORLO DUOVO CARNE E PESCI GRASSI FRUTTA SECCA E SEMI OLEOSI OLI E GRASSI VEGETALI DOVE LI TROVIAMO ?

19 PROTEINE Provvedono alla crescita ed alla riparazione dei TESSUTI - regolano il METABOLISMO - contribuiscono alla formazione di ANTICORPI LATTE E DERIVATI CARNE - PESCE - UOVA - POLLAME LEGUMI CEREALI NOCI E SEMI DOVE LI TROVIAMO ? FRUTTA E VERDURA

20 CARBOIDRATI FORNISCONO la più efficiente fonte di ENERGIA In assenza lorganismo ricorre a GRASSI e PROTEINE CEREALI FRUTTA VERDURA (FIBRA ALIMENTARE) LATTE ZUCCHERI E DOLCI DOVE LI TROVIAMO ?

21 QUALI GRASSI? Da un punto di vista nutrizionale è importante la natura SATURA o INSATURA dei grassi ACIDI GRASSI SATURI AUMENTO DI COLESTEROLO E DELLE PATOLOGIE AD ESSO CORRELATE

22 QUALI GRASSI?

23 LEGGIAMO LE ETICHETTE CONOSCENZA DEL REALE VALORE NUTRITIVO DEGLI ALIMENTI PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE DEI CIBI GRASSI IDROGENATI SENZA GRASSI ANIMALI OLIO DI PALMA O COCCO

24 LEGGIAMO LE ETICHETTE CONOSCENZA DEL REALE VALORE NUTRITIVO DEGLI ALIMENTI PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE DEI CIBI GRASSI IDROGENATI SENZA GRASSI ANIMALI OLIO DI PALMA O COCCO XX

25 ETICHETTE KCAL 417 PROTEINE 3,12 GR. CARBOIDRATI 59,2 GR. GRASSI 18,62 GR. KCAL 417 PROTEINE 3,12 GR. CARBOIDRATI 59.2 GR. DI CUI ZUCCHERI 16,8 GR. GRASSI 18,62 GR. DI CUI SATURI 10,97 GR. PRODOTTI LIGHT: GRASSI RIDOTTI ma …...CALORIE ? QUALE E LA DIFFERENZA ? Nel 2005 dovranno essere dichiarati in etichetta TUTTI gli additivi anche se in quantità inferiore al 25%

26 RADICALI LIBERI CLASSE CHIMICA INSTABILE CON 1 ELETTRONE NON ACCOPPIATO SI FORMANO IN CONTINUAZIONE NEL NOSTRO ORGANISMO IN SEGUITO ALLE REAZIONI DI OSSIDAZIONE ALTERAZIONI STRUTTURALI DELLA CELLULA PATOLOGIE DEGENERATIVE VARIE ECCESSO:

27 COME POSSIAMO CONTRASTARE LECCESSO DI RADICALI LIBERI ?

28 OLIO EXTRAVERGINE (polifenoli, vitamina E) FRUTTA E ORTAGGI COLORE ARANCIONE (carotenoidi) CRUCIFERE (isotiocianati,indoli, diltitioni) AGRUMI (cumarine e limonene) POMODORI (licopene) BULBI (composti solforati, alliene e derivati) ANTIOSSIDANTI NATURALI SOSTANZE CHE BLOCCANO O INIBISCONO IL PROCESSO DI OSSIDAZIONE VINO (polifenoli)

29 ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI ALLERGIA : REAZIONE MEDIATA da IgE: TEST DA ESEGUIRE :IgE- RAST-PRICK TEST MANIFESTAZIONE IMMEDIATA : ERITEMA PRURITO EDEMA BRUCIORE

30 INTOLLERANZE NON VI E PRODUZIONE DI ANTICORPI IgE LA REAZIONE NON E IMMEDIATA MANIFESTAZIONI A CARICO DI QUALSIASI ORGANO O APPARATO

31 TEST PER INTOLLERANZE FOOD IN TEST TEST CITOTOSSICO VALUTAZIONE DEL DANNO CELLULARE A CARICO DEI LEUCOCITI UN CAMPIONE DI SANGUE MESSO A CONTATTO CON LE SOSTANZE DA TESTARE

32 RISULTATI LALIMENTO VIENE TEMPORANEAMENTE ELIMINATO DALLALIMENTAZIONE LALIMENTO VIENE REINTEGRATO IN MODO GRADUALE

33


Scaricare ppt "IMPARIAMO A MANGIARE Dott.ssa Sandra Sangiorgi Biologa Nutrizionista."

Presentazioni simili


Annunci Google