La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lattività nel laboratorio linguistico Modena 16 maggio 2007 A cura di Antonella Ferrari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lattività nel laboratorio linguistico Modena 16 maggio 2007 A cura di Antonella Ferrari."— Transcript della presentazione:

1 Lattività nel laboratorio linguistico Modena 16 maggio 2007 A cura di Antonella Ferrari

2 Perché il laboratorio linguistico Linserimento costante di alunni non italofoni nelle nostre classi impone lorganizzazione di momenti specifici di apprendimento della L 2 al di fuori della classe di inserimento. La letteratura propone un modello di laboratorio che veda un intervento abbastanza intensivo nei primi mesi (6/8 ore settimanali), per poi continuare per almeno due anni scolastici con interventi di più diluiti o su percorsi specifici.

3 Perché il laboratorio linguistico Questa ipotesi di intervento si scontra con le questioni organizzative e di carenza di personale, per cui anche nella nostra scuola si è andati a progettare interventi differenziati che potessero incrociare i bisogni degli alunni e le risorse diponibili

4 Perché il laboratorio linguistico Attualmente nel circolo sono attive cinque strutture laboratoriali: -1 nel plesso Anna Frank che raccoglie alunni neoarrivati e di recente immigrazione che si alternano quindicinalmente -1 nel plesso Lanfranco, che raccoglie alunni neoarrivati e di recente immigrazione -3 nel plesso Giovanni XXIII di cui: alunni di classe prima alunni di classe prima alunni neoarrivati alunni neoarrivati alunni di recente immigrazione alunni di recente immigrazione

5 Perché il laboratorio linguistico La scelta di attività laboratoriali permette una progettazione che parta direttamente dal bisogno linguistico di ogni singolo alunno.

6 Quali bisogni linguistici A grandi linee, possiamo dire che i bisogni rientrano nelle due categorie indicate da Cummins : BICS, Basic Interpersonal Communication Skills: BICS, Basic Interpersonal Communication Skills: la lingua quotidiana, quella del cortile, dei giochi. Linsegnante sostiene lallievo straniero non tanto proponendogli un percorso strutturato, ma aiutandolo a sistematizzare lapprendimento spontaneo. CALP, Cognitive and Academic Language Proficiency: CALP, Cognitive and Academic Language Proficiency: la lingua sia dello sviluppo cognitivo sia dellinterazione scolastica legata alle diverse discipline.

7 Quale progettazione per il laboratorio La procedura cui siamo abituati nella nostra programmazione è quella di un curricolo, scandito in unità didattiche o di apprendimento che viene definito a priori e che poi va in qualche modo realizzato. Di solito un curricolo di lingua ha delle mete educative generaliche riguardano lo sviluppo complessivo della personalità mete educative generaliche riguardano lo sviluppo complessivo della personalità mete glottodidattiche, che riguardano lo sviluppo della competenza comunicativa, cioè quelle delle abilità, della competenza linguistica, di quella non verbale ecc. mete glottodidattiche, che riguardano lo sviluppo della competenza comunicativa, cioè quelle delle abilità, della competenza linguistica, di quella non verbale ecc. obiettivi glottodidattici specifici, che si concretizzano di volta in volta, unità per unità, e danno poi corpo alle mete glottodidattiche. obiettivi glottodidattici specifici, che si concretizzano di volta in volta, unità per unità, e danno poi corpo alle mete glottodidattiche. (Balboni) (Balboni)

8 Quale progettazione per il laboratorio In realtà, con i bambini e i ragazzi immigrati la logica tradizionale di curricolo non funziona: sono ragazzi di diversa provenienza linguistica e culturale, con diversi vissuti in Italia, con livelli differenziati di padronanza dellitaliano, con motivazioni che vanno dalla semplice integrazione temporanea in vista di un rientro al paese dorigine al desiderio di totale assimilazione che faccia dimenticare la loro diversità, e hanno bisogno che le mete glottodidattiche siano articolate e graduate in maniera diversa provenienza

9 Quale progettazione per il laboratorio Questo non vuole dire che non ci debba essere un curricolo, un sillabo delle funzioni, ma il curricolo deve essere una guida e non un breviario da seguire passo a passo. Non si può insegnare senza una adeguata progettazione, ma la diversità delle situazioni linguistiche, dei bisogni e delle stimolazioni che provengono dal contatto con i diversi ambienti di apprendimento, rendono improponibile una articolazione a priori dei percorsi di insegnamento

10 Quale progettazione per il laboratorio Il curricolo di riferimento serve, ma va tenuto implicito: si tratta di cercare di individuare, allievo per allievo, quali elementi vengono via via acquisiti: acquisizione che non avviene (sol)tanto nelle ore di scuola, sulla base di una programmazione, ma soprattutto nella vita quotidiana, in cortile, davanti alla televisione: sotto la pressione dellambiente il ragazzo straniero percorre, per quanto disordinatamente, le varie parti del curricolo di italiano L2 – e linsegnante deve giocare di rimessa, sistematizzando, allargando, correggendo le acquisizioni parziali dello studente mano a mano che queste emergono. (Balboni)

11 Quale progettazione per il laboratorio Mentre linsegnante di italiano L1 lavora su studenti che hanno una competenza già presente, sebbene da rifinire, e Mentre linsegnante di italiano L1 lavora su studenti che hanno una competenza già presente, sebbene da rifinire, e mentre linsegnante di LS lavora su una competenza in fieri che lui conosce e gestisce personalmente, in quanto gestisce linput e le attività di classe, il povero insegnante di italiano L2 non sa che competenza abbia ogni singolo studente (anche se può essere certo che la competenza di ciascuno è diversa da quella degli altri) e non gestisce né linput né le abilità: linsegnante di italiano L2 diventa un investigatore che cerca di individuare quello che ogni alunno sa e di sistematizzarlo, di indurre una riflessione che faccia crescere la capacità autonoma di continuare a imparare italiano. (Balboni) (Balboni)

12 Strumenti di rilevazione Continuando la metafora dellinvestigatore è bene che linsegnante si doti di strumenti di indagine che permettano di rilevare le conoscenze in ingresso e di tenere monitorato lo sviluppo delle competenze.

13 Rilevamento del comportamento linguistico e relazionale Tratto dai materiali Alias 1. Comunicare oralmente: comprensione e produzione 1. Comunicare oralmente: comprensione e produzione dai tre anni Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici Risponde fisicamente a semplici consegne Risponde fisicamente a semplici consegne Risponde fisicamente a domande chiuse Risponde fisicamente a domande chiuse Risponde oralmente a domande chiusa Risponde oralmente a domande chiusa Risponde a domande aperte con parole isolate o formule Risponde a domande aperte con parole isolate o formule Risponde a domande aperte usando vocaboli nuovi e frasi strutturate Risponde a domande aperte usando vocaboli nuovi e frasi strutturate Produce autonomamente espressioni incomplete (parola frase, frasi ellittiche) Produce autonomamente espressioni incomplete (parola frase, frasi ellittiche) Produce autonomamente frasi semplici sufficicentemente comprensibili Produce autonomamente frasi semplici sufficicentemente comprensibili Sa analizzare verbalmente unimmagine Sa analizzare verbalmente unimmagine

14 Rilevamento del comportamento linguistico e relazionale Sa individuare e usare nel discorso le sequenze temporali Sa individuare e usare nel discorso le sequenze temporali Sa relazionale sul proprio vissuto in modo autonomo Sa relazionale sul proprio vissuto in modo autonomo dai cinque anni Produce autonomamente frasi articolate e corrette Produce autonomamente frasi articolate e corrette Comprende la lingua italiana per: Comprende la lingua italiana per: -esprimere bisogni -esprimere bisogni -esprimere stati danimo -esprimere stati danimo -relazionarsi spontaneamente con gli altri -relazionarsi spontaneamente con gli altri -chiedere per ottenere -chiedere per ottenere -descrivere cose, azioni o persone -descrivere cose, azioni o persone -fare giochi di parole, rime… -fare giochi di parole, rime… -ascoltare e raccontare fiabe … -ascoltare e raccontare fiabe … -recitare -recitare

15 Rilevamento del comportamento linguistico e relazionale Usa la lingua italiana per Usa la lingua italiana per -esprimere bisogni -esprimere bisogni -esprimere stati danimo -esprimere stati danimo -relazionarsi spontaneamente con gli altri -relazionarsi spontaneamente con gli altri -chiedere per ottenere -chiedere per ottenere -descrivere cose, azioni o persone -descrivere cose, azioni o persone -fare giochi di parole, rime… -fare giochi di parole, rime… -ascoltare e raccontare fiabe … -ascoltare e raccontare fiabe … -recitare -recitare

16 Rilevamento del comportamento linguistico e relazionale 2. Lingua orale: caratteristiche funzioni strategie 2. Lingua orale: caratteristiche funzioni strategie dai tre anni Integra la lingua con linguaggi extralinguistici per farsi capire o chieder spiegazioni Integra la lingua con linguaggi extralinguistici per farsi capire o chieder spiegazioni Ha un bagaglio lessicale limitato al qui e ora Ha un bagaglio lessicale limitato al qui e ora Chiede aiuto se non capisce Chiede aiuto se non capisce Chiede il significato di parole che non capisce o non conosce Chiede il significato di parole che non capisce o non conosce Usa codici extralinguistici Usa codici extralinguistici dai cinque anni Usa perifrasi per termini che non ricorda Usa perifrasi per termini che non ricorda Dagli otto anni Ha competenze metalinguistiche Ha competenze metalinguistiche E in grado di riassumere un testo orale E in grado di riassumere un testo orale E in grado di spiegare il significato di una parola E in grado di spiegare il significato di una parola

17 Rilevamento del comportamento linguistico e relazionale 3. Lingua scritta: lettura dai sei anni Distingue le lettere dellalfabeto Distingue le lettere dellalfabeto Sa formare le sillabe Sa formare le sillabe Riconosce alcune parole che vede scritte Riconosce alcune parole che vede scritte Legge ad alta voce parole o un breve testo già letto in classe Legge ad alta voce parole o un breve testo già letto in classe Legge a prima vista parole o un breve testo Legge a prima vista parole o un breve testo dagli otto anni Comprende globalmente il significato di ciò che legge Comprende globalmente il significato di ciò che legge Ricava da una lettura informazioni precise Ricava da una lettura informazioni precise Svolge attività di analisi su un testo Svolge attività di analisi su un testo Distingue diversi generi di testo scritto ( racconto, poesia..) Distingue diversi generi di testo scritto ( racconto, poesia..)

18 Rilevamento del comportamento linguistico e relazionale 4. Lingua scritta: scrittura dai cinque anni Livello di coordinamento oculo-manuale Livello di coordinamento oculo-manuale Orientamento nella pagina Orientamento nella pagina Motricità fine Motricità fine dai sei anni Svolge attività di pregrafismo Svolge attività di pregrafismo Scrive in stampato maiuscolo Scrive in stampato maiuscolo Scrive in stampato minuscolo Scrive in stampato minuscolo Scrive in corsivo Scrive in corsivo Copia quello che scrivono altri Copia quello che scrivono altri Scrive sotto dettatura parole o frasi brevi Scrive sotto dettatura parole o frasi brevi Scrive sotto dettatura testi con più frasi Scrive sotto dettatura testi con più frasi Produce autonomamente frasi minime Produce autonomamente frasi minime

19 Rilevamento del comportamento linguistico e relazionale Dagli otto anni Produce brevi testi in forma paratattica e con scarso uso di preposizioni, articoli, verbi coniugati,rispetto delle concordanze Produce brevi testi in forma paratattica e con scarso uso di preposizioni, articoli, verbi coniugati,rispetto delle concordanze Produce brevi testi in forma paratattica generalmente corretti Produce brevi testi in forma paratattica generalmente corretti Produce brevi testi in forma ipotattica non del tutto corretti Produce brevi testi in forma ipotattica non del tutto corretti Produce brevi testi in forma ipotattica generalmente corretti Produce brevi testi in forma ipotattica generalmente corretti 5. Competenze o abilità trasversali e integrative dai tre anni Sa colorare, ritagliare, disegnare, incollare Sa colorare, ritagliare, disegnare, incollare dai dieci anni Usa il dizionario di L1/L2 Usa il dizionario di L1/L2 Suona uno strumento musicale Suona uno strumento musicale Usa il computer e la videoscrittura Usa il computer e la videoscrittura Pratica uno sport Pratica uno sport

20 Rilevamento del comportamento linguistico e relazionale 6. Comportamento e strategie di interazione dai tre anni Guarda e imita i compagni Guarda e imita i compagni Interagisce solo con gli adulti Interagisce solo con gli adulti Interagisce solo in un rapporto a due Interagisce solo in un rapporto a due Interagisce in gruppo Interagisce in gruppo Segue le attività con attenzione, ma silenziosamente Segue le attività con attenzione, ma silenziosamente Parla poco e non partecipa alle attività collettive Parla poco e non partecipa alle attività collettive Cerca di comunicare comunque Cerca di comunicare comunque Prende senza chiedere Prende senza chiedere Mimetizza la sua diversità Mimetizza la sua diversità Enfatizza la sua diversità Enfatizza la sua diversità

21 Rilevamento del comportamento linguistico e relazionale dai sei anni Interagisce solo con i compagni di banco Interagisce solo con i compagni di banco dagli otto anni Ha un aperto atteggiamento di sfida nei confronti delladulto Ha un aperto atteggiamento di sfida nei confronti delladulto E collaborativo con gli adulti E collaborativo con gli adulti E leader positivo tra i pari E leader positivo tra i pari E leader negativo tra i pari E leader negativo tra i pari dai dieci anni E disponibile ad uno scambio interculturale come protagonista E disponibile ad uno scambio interculturale come protagonista Si presta a fare da interprete ad altri connazionali Si presta a fare da interprete ad altri connazionali

22 Rilevamento del comportamento linguistico e relazionale 7. Problemi di apprendimento linguistico e interculturali Problemi fonetici Problemi fonetici Problemi morfosintattici Problemi morfosintattici Errori linguistici che potrebbero segnalare problemi di sviluppo cognitivo Errori linguistici che potrebbero segnalare problemi di sviluppo cognitivo Problemi legati alla cultura di appartenenza Problemi legati alla cultura di appartenenza Altro Altro Livelli dellinterlingua Livello 0: fase prebasica Livello 1: fase basica Livello 2: iniziale sviluppo della competenza comunicativa Livello 3: iniziale sviluppo della competenza linguistica

23 La scheda curricolare individuale Come usare una scheda curricolare individuale? Come usare una scheda curricolare individuale? Tecnicamente questo strumento operativo funziona in maniera molto semplice: se ne fa una copia per ogni studente e, da soli o con colleghi, si spuntano giorno per giorno gli elementi che risultano acquisiti o si evidenziano quelli su cui cè da lavorare. La scheda vuota può essere consegnata anche al ragazzo straniero per poi compilarla insieme, in modo che possa vedere e valutare lui stesso il suo progresso e i suoi problemi, venendo a costituire una sorta di language portfolio personale, nonché la storia di una crescita linguistica. IL MODELLO PUO ESSERE COSTRUITO DALLINSEGNANTE A PARTIRE DALLE PROPRIE SCELTE E DAL CURRICOLO IMPLICITO, CALIBRANDOLO SULLA STORIA LINGUISTICA E PERSONALE DI OGNI ALUNNO.

24 La scheda curricolare individuale La scheda è composta di due sezioni : 1. nella prima si indicano quali atti comunicativi lalunno è in grado di produrre 2. nella seconda parte della scheda si registra, giorno dopo giorno, quali meccanismi, strutture, regole hanno acquisito (INTERLINGUA) e quindi quali sono quelle su cui bisogna focalizzare lattenzione nelle ore di laboratorio di Italiano L2

25 La scheda curricolare individuale 1. Gli atti comunicativi si possono ricavare analizzando le diverse funzioni della lingua. Per ogni atto comunicativo è bene indicare lattivazione nel registro informale e in quello formale. Le funzioni della lingua indicate in letteratura sono: Funzione personale Funzione personale Funzione personale Funzione personale Funzione interpersonale Funzione interpersonale Funzione interpersonale Funzione interpersonale Funzione regolativa, strumentale Funzione regolativa, strumentale Funzione regolativa, strumentale Funzione regolativa, strumentale Funzione referenziale Funzione referenziale Funzione referenziale Funzione referenziale Funzione metalinguistica Funzione metalinguistica Funzione metalinguistica Funzione metalinguistica Funzione poetico-immaginativa Funzione poetico-immaginativa Funzione poetico-immaginativa Funzione poetico-immaginativa

26 La funzione personale Si realizza quando lo studente rivela la propria soggettività, la propria personalità, quando manifesta sentimenti, emozioni, pensieri, impressioni, sensazioni. Questa funzione si realizza, oltre che nei dialoghi, anche in generi quali la lettera personale, il diario, l'intervista, ecc. Principali atti comunicativi: chiedere/dire il nome, letà, la provenienza, presentarsi chiedere/dire il nome, letà, la provenienza, presentarsi parlare dello stato fisico (benessere, malessere, stanchezza, ecc.) parlare dello stato fisico (benessere, malessere, stanchezza, ecc.) parlare dello stato psichico (tristezza, allegria, delusione, ecc. parlare dello stato psichico (tristezza, allegria, delusione, ecc. esprimere i propri gusti esprimere i propri gusti Molti materiali didattici, improntati ad una mera comunicazione pragmatica, attribuiscono un peso piuttosto limitato a questa funzione, fondamentale sul piano dellaffettività e della motivazione.

27 La funzione interpersonale Si realizza quando litaliano serve a stabilire, mantenere o chiudere un rapporto di interazione sia orale (dialoghi, telefonate, conferenze, ecc.) sia scritta (lettere, e.mail, ecc.). Atti comunicativi : salutare e congedarsi salutare e congedarsi offrire, accettare e rifiutare qualcosa offrire, accettare e rifiutare qualcosa ringraziare e rispondere al ringraziamento ringraziare e rispondere al ringraziamento scusarsi scusarsi I rapporti interpersonali rimandano a regole sociolinguistiche da tenere in considerazione al fine di un uso appropriato della lingua: scegliere tra tu e lei, usare o evitare parolacce, ecc., sono operazioni di estrema delicatezza sullesito pragmatico della comunicazione.

28 La funzione regolativa Consiste nell'usare litaliano per agire sugli altri, per regolare il loro comportamento, per ottenere qualcosa, per soddisfare le proprie necessità. I generi propri di questa funzione sono le istruzioni orali e scritte, i regolamenti, le leggi. I principali atti comunicativi sono: dare e ricevere istruzioni dare e ricevere istruzioni dare e ricevere consigli, ordini, disposizioni dare e ricevere consigli, ordini, disposizioni chiedere, obbligare o impedire di fare qualcosa chiedere, obbligare o impedire di fare qualcosa Questa funzione rimanda a regole socio-culturali da tenere in considerazione al fine di una scelta appropriata delle espressioni da usare. La scelta errata può bloccare lo scambio comunicativo perché uno dei due parlanti si sente offeso per il modo in cui è stato chiesto qualcosa, si sono date istruzioni, ecc.

29 La funzione referenziale Si manifesta quando la lingua italiana viene usata per descrivere o per spiegare la realtà in generi comunicativi quali la relazione su un evento, la descrizione di una situazione, il testo scientifico, e così via. Atti comunicativi: - descrivere cose, azioni, persone, eventi - descrivere cose, azioni, persone, eventi - chiedere e dare informazioni - chiedere e dare informazioni - chiedere e dare spiegazioni - chiedere e dare spiegazioni I messaggi che realizzano questa funzione sono prevalentemente caratterizzati da oggettività, lessico denotativo molto preciso, ed è qui che gli studenti incontrano le maggiori difficoltà.

30 La funzione metalinguistica Si realizza quando ci si serve dellitaliano per riflettere sulla lingua italiana o per risolvere problemi comunicativi tipici dell'interazione in una lingua non nativa. Gli atti comunicativi possono essere: chiedere come si chiama un oggetto chiedere come si chiama un oggetto creare perifrasi per descrivere il significato di parole ignote (una persona che non conosce la parola ladro può dire: ho visto uno di quelli che rubano) creare perifrasi per descrivere il significato di parole ignote (una persona che non conosce la parola ladro può dire: ho visto uno di quelli che rubano) comprendere o fornire spiegazioni sulla lingua e sulla comunicazione. comprendere o fornire spiegazioni sulla lingua e sulla comunicazione. E evidente che si tratta di una funzione di primaria importanza a scuola, ma che ha una forte utilità anche nel mondo della comunicazione reale.

31 La funzione poetica-immaginativa Si realizza quando si usa la lingua italiana per produrre particolari effetti ritmici, suggestioni musicali, associazioni metaforiche, ecc., oppure per creare situazioni e mondi immaginari. Sono propri di questa funzione tutti i generi letterari, dalla fiaba al poema epico. Non ci sono atti comunicativi specifici, tranne lapertura di una fiaba: cera una volta… lapertura di una fiaba: cera una volta… la chiusura di una fiaba: e vissero sempre felici e contenti la chiusura di una fiaba: e vissero sempre felici e contenti Cè tuttavia un lessico particolare (dal marchese del Gatto con gli stivali al principe azzurro, dalle fate più o meno turchine alle streghe malvagie …), ci sono delle curve intonative particolari, ad esempio quando si deve creare suspence in era una notte buia e tempestosa, faceva freddo e il vento era tremendo, quando dimprovviso…; ci sono elementi culturali spesso importanti: il lupo, anima cattivo per antonomasia nelle favole italiane, è un orso nella versione di Cappucetto Rosso in Russia, laddove i lupi sono ben più comuni. (Balboni) (Balboni)

32 La scheda curricolare individuale 2. La seconda parte della scheda sarà una rilevazione sistematica degli stadi dellinterlingua attraverso la trascrizione della produzione orale e/o scritta e lanalisi degli errori (e del processo). Questo permetterà di calibrare le proprie proposte didattiche sul processo che ogni singolo alunno sta facendo e, contestualmente controllare lo sviluppo complessivo della propria progettazione curricolare

33 Quale modello dinsegnamento nel laboratorio Fra i vari modelli disponibili i due che meglio si adattano alle attività laboratoriali sono: 1. Modello conversazionale (maieutica): il gruppo ridotto di alunni permette lo sviluppo di un dialogo pedagogico che permetta lelicitazione delle conoscenze pregresse e aiuti il singolo alunno a sistematizzarle e, grazie allattivazione della zona prossimale di sviluppo, ne permetta limplementazione.

34 Quale modello dinsegnamento nel laboratorio Allinterno di questo modello è particolarmente feconda lattività di narrazione autobiografica, che non solo aiuta i bambini a ristrutturare il proprio universo affettivo, ma in quanto attività di pensiero, genera un proprio salto cognitivo, come afferma Demetrio: Occorre che i processi della narrazione vengano riconosciuti come eventi di pensiero e generino altri pensieri. Il pensare, insomma, è il luogo profondo dei giochi discorsivi e conversazionali; e, pensare, è rivolgere le attività della mente ad orizzonti, sfide, possibilità, tali – pur nello sconcerto di osare troppo – da governare variazioni di senso: nella rappresentazione delle cose e delle esperienze.

35 Quale modello dinsegnamento nel laboratorio 2. modello per unità di apprendimento Questa nozione, nuova nel panorama glottodidattico, è in realtà il nucleo centrale della classica unità didattica e nasce sulle basi della psicologia della Gestalt che descrive la percezione in termini di globalità, analisi e sintesi. La fase della globalità consiste nel primo approccio ad una conversazione autentica tra compagni, ad una favola, dal racconto di unesperienza vissuta fuori della scuola, ad uno spezzone televisivo, ad una canzone, ad una conversazione con il docente, ad una pagina di un libro di testo e così via: si tratta di quel testo orale, scritto o audiovisivo su cui poi si interviene in maniera analitica. globalità

36 Quale modello dinsegnamento nel laboratorio Il passaggio dalla percezione globale a quella analitica avviene durante i vari passaggi dalla comprensione superficiale a quella profonda e deve essere guidata da opportune attività partendo dal testo si muove allanalisi vera e propria, alla focalizzazione su aspetti specifici, e poi alla fase di sintesi/riflessione per - gli atti comunicativi che si vogliono far acquisire: li si fa individuare nel testo, poi li si drammatizza, li si fissa e li si riutilizza, guidando gli allievi nella riflessione sull'aspetto funzionale che hanno acquisito.

37 Quale modello dinsegnamento nel laboratorio Il passaggio dalla percezione globale a quella analitica avviene durante i vari passaggi dalla comprensione superficiale a quella profonda e deve essere guidata da opportune attività partendo dal testo si muove allanalisi vera e propria, alla focalizzazione su aspetti specifici, e poi alla fase di sintesi/riflessione per Il passaggio dalla percezione globale a quella analitica avviene durante i vari passaggi dalla comprensione superficiale a quella profonda e deve essere guidata da opportune attività partendo dal testo si muove allanalisi vera e propria, alla focalizzazione su aspetti specifici, e poi alla fase di sintesi/riflessione per - gli atti comunicativi che si vogliono far acquisire: li si fa individuare nel testo, poi li si drammatizza, li si fissa e li si riutilizza, guidando gli allievi nella riflessione sull'aspetto funzionale che hanno acquisito. -

38 Quale modello dinsegnamento nel laboratorio - gli aspetti grammaticali, cioè fonologici, morfosintattici, lessicali, testuali - i temi culturali impliciti o espliciti nel testo, soprattutto laddove divergono da quelli della cultura di provenienza e quindi vanno fatti osservare e comprendere - i linguaggi non verbali, soprattutto se il testo di partenza è un video.

39 Quale modello dinsegnamento nel laboratorio Questa molecola dellapprendimento costituita dalla serie globalità-analisi-sintesi è il nucleo dellattività di acquisizione della lingua: ogni testo – ogni dialogo, canzone, video, favola, vignetta, poesia, lettera, barzelletta, scena di film, ecc. – che viene presentato (d)allo studente va esplorato attraverso le tre fasi della percezione gestaltica: prima in maniera globale, poi in maniera analitica, infine realizzando il più autonomamente possibile una sintesi e una riflessione che permetta allapprendimento temporaneo di evolvere in acquisizione permanente, portando le nuove informazioni ad accomodarsi, come dice Piaget, nella mente insieme al patrimonio pre- esistente. (Balboni) (Balboni)

40 I materiali presentati sono una rielaborazione da: Balboni Progetto Alias Demetrio


Scaricare ppt "Lattività nel laboratorio linguistico Modena 16 maggio 2007 A cura di Antonella Ferrari."

Presentazioni simili


Annunci Google