La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Progetto di formazione economica e finanziaria per le scuole Anno scolastico 2012-2013 LA STABILITA DEI PREZZI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Progetto di formazione economica e finanziaria per le scuole Anno scolastico 2012-2013 LA STABILITA DEI PREZZI."— Transcript della presentazione:

1 1 Progetto di formazione economica e finanziaria per le scuole Anno scolastico LA STABILITA DEI PREZZI

2 2 SOMMARIO Stabilità dei prezzi, inflazione e deflazione. Alcune definizioni Prologo: il valore della moneta nel tempo o come leggere la storia dItalia attraverso i coefficienti di rivalutazione monetaria dellIstat Prezzi relativi e prezzi monetari Misurare le variazioni dei prezzi monetari: gli indici dei prezzi Perchè è importante la stabilità dei prezzi I fattori che determinano levoluzione dei prezzi La politica monetaria La Banca Centrale Europea

3 3 LA STABILITA DEI PREZZI, LINFLAZIONE E LA DEFLAZIONE ALCUNE DEFINIZIONI

4 4 NOZIONI INTRODUTTIVE La stabilità dei prezzi è la condizione per preservare il potere dacquisto della moneta nel tempo Linstabilità, che può comportare costi economici e sociali molto elevati, può essere legata a due fenomeni opposti: Inflazione: aumento generalizzato dei prezzi di beni e servizi per un periodo di tempo prolungato, che riduce il valore della moneta e quindi il suo potere dacquisto Deflazione: diminuzione del livello complessivo dei prezzi I vantaggi della stabilità dei prezzi sono strettamente collegati alla moneta e alle sue funzioni. La moneta è: Mezzo di regolamento degli scambi Riserva di valore Unità di conto

5 5 PROLOGO LA STORIA DITALIA ATTAVERSO IL VALORE DELLA MONETA

6 6 I COEFFICIENTI DI RIVALUTAZIONE MONETARIA DELLISTAT LIstituto Nazionale di Statistica (Istat) pubblica periodicamente delle tabelle di numeri (coefficienti) che consentono di confrontare somme di denaro in diversi momenti del tempo a parità di potere dacquisto Di seguito sono riportate le tabelle dallUnità dItalia (1861) al 2011 I confronti sono resi aritmeticamente complicati dal passaggio dalla lira alleuro (1999), ma sono ugualmente interessanti Quanto varrebbero le Mille lire al mese cantate da Natalino Otto nel 1939? Non un granché: quasi 835 euro del 2011 (attenzione però ai livelli di consumo e redditi in termini relativi!) Lo stipendio medio di un insegnante nel 1990 era di lire, pari a circa euro del 2011

7 7

8 8 IL VALORE DELLA MONETA NELLA STORIA DITALIA Valore di un euro (1936,27 lire) in ciascun anno in termini di euro del 2011

9 9 LA STABILITA DEI PREZZI E IL VALORE DELLA MONETA Nella storia dItalia ci sono stati episodi di rapido deprezzamento della moneta (inflazione) in occasione delle due guerre mondiali, soprattutto della seconda, e negli anni 70/80 dopo le crisi petrolifere Altri paesi hanno avuto storie simili alla nostra: la conquista della stabilità monetaria è generalmente un processo contrastato e difficile in tutte le economie contemporanee, il suo mantenimento impone vincoli stringenti alle politiche economiche perseguibili Ci sono stati anche episodi di rivalutazione della moneta: in Italia nella seconda metà degli anni 20 la politica di mantenimento di un tasso di cambio della lira molto elevato (Quota 90) portò a un aumento del suo valore rispetto a tutti gli altri beni e servizi

10 10 QUALI PREZZI?

11 11 QUALI PREZZI? Esistono due nozioni di prezzo da tenere ben distinte: prezzi relativi: indicano i rapporti di scambio tra diversi beni e servizi. Essi sono i segnali che guidano le decisioni dei produttori e dei consumatori prezzi assoluti: sono prezzi monetari espressi in moneta corrente La stabilità dei prezzi si riferisce soltanto ai prezzi monetari e non ai prezzi relativi La stabilità non riguarda il prezzo di uno specifico bene, ma la media dei prezzi monetari di unampia classe di beni (paniere) in un certo arco temporale e per una certa popolazione di riferimento. La stabilità dei prezzi, in questo modo, equivale alla stabilità del valore della moneta

12 12 I PREZZI RELATIVI NON DEVONO ESSERE STABILI Nelle economie avanzate, dove il baratto non esiste quasi più, i prezzi relativi non sono immediatamente osservabili: occorre fare un calcolo per ottenerli Esempi: 1) giornate di lavoro per acquistare unautomobile 2) per i ragazzi sono intuitivi i prezzi relativi delle figurine Le decisioni di spesa sono però prese sulla base dei prezzi relativi: se il prezzo monetario della carne aumenta e quello del pesce rimane stabile, le quantità consumate si muovono in senso opposto Le decisioni di produzione sono anchesse guidate dalle aspettative sui prezzi relativi E il movimento dei prezzi relativi che consente di portare in equilibrio domanda e offerta nei diversi mercati e di far funzionare leconomia nel suo complesso

13 13 I PREZZI MONETARI Il movimento dei prezzi relativi avviene attraverso i prezzi monetari che esprimono il valore di un bene o di un servizio nelle unità della moneta corrente I prezzi relativi si aggiustano quando i prezzi monetari variano con direzione e intensità diversa Quando tutti (o la grande maggioranza dei) i prezzi monetari variano nella stessa direzione si ha: inflazione se la variazione è positiva deflazione se la variazione è negativa Oltre certe soglie inflazione e deflazione sono sintomi di patologie del sistema economico: non sono più i prezzi relativi che si aggiustano, ma è la moneta che perde o acquista valore in modo anomalo

14 14 MISURARE LE VARIAZIONI DEI PREZZI

15 15 MISURARE LE VARIAZIONI DEI PREZZI Nelle economie moderne esistono milioni di beni e servizi venduti e comprati quotidianamente e per ciascuno di essi negli scambi viene fissato un prezzo monetario I prezzi monetari sono soggetti a variazioni continue che rispecchiano il mutare della domanda e dellofferta dei rispettivi beni o servizi e forniscono unindicazione della loro scarsità relativa Non è fattibile provare a misurare questa miriade di prezzi, ma non è nemmeno corretto prenderne in considerazione solo alcuni in quanto potrebbero non essere rappresentativi del livello generale Gran parte dei paesi misura la variazione dei prezzi attraverso uno strumento statistico chiamato Numero indice dei prezzi al consumo Esistono anche altri numeri indici (ad esempio esistono indici settoriali, o dei prezzi alla produzione, per particolari fasce della popolazione)

16 16 LINDICE DEI PREZZI AL CONSUMO Lindice dei prezzi è costruito a partire da unanalisi dei proli di acquisto dei consumatori per individuare i beni e i servizi generalmente più acquistati e quindi più rappresentativi del consumatore Oltre ai beni acquistati con cadenza giornaliera (ad esempio il pane e la frutta), sono presi in considerazione quelli durevoli (quali autovetture, computer e lavatrici) e le spese ricorrenti (ad esempio gli affitti) A ciascuna delle voci viene attribuito un peso che misura limportanza di ciascuna di esse nella spesa complessiva identificando così il paniere su cui viene fatta la rilevazione e vengono aggiornati periodicamente Ogni mese, numerosi rilevatori vericano il prezzo delle singole voci di spesa in vari punti vendita Il costo del paniere viene poi seguito nel tempo in modo da determinare una serie per lindice dei prezzi e ciò consente di calcolare il tasso di variazione degli stessi

17 17 UN SEMPLICE INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO Paniere rappresentativo della spesa annua degli adolescenti

18 18 GLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO IN ITALIA L'Istat produce tre diversi indici dei prezzi al consumo: per l'intera collettività nazionale (NIC), per le famiglie di operai e impiegati (FOI) e l'indice armonizzato europeo (IPCA) Il NIC misura l'inflazione a livello dell'intero sistema economico; in altre parole considera l'Italia come se fosse un'unica grande famiglia di consumatori, all'interno della quale le abitudini di spesa sono ovviamente molto differenziate Il FOI si riferisce ai consumi dell'insieme delle famiglie che fanno capo a un lavoratore dipendente (extra-agricolo); è l'indice usato per adeguare periodicamente i valori monetari, ad esempio gli affitti o gli assegni dovuti al coniuge separato l'IPCA è stato sviluppato per assicurare una misura dell'inflazione comparabile a livello europeo

19 19 DIFFERENZE TRA GLI INDICI DEI PREZZI I tre indici si basano su un'unica rilevazione e sulla stessa metodologia di calcolo, condivisa a livello internazionale NIC e FOI si basano sullo stesso paniere, ma il peso attribuito a ogni bene o servizio è diverso, a seconda dell'importanza che questi rivestono nei consumi della popolazione di riferimento: per il NIC la popolazione di riferimento è l'intera popolazione italiana, per il FOI è l'insieme di famiglie che fanno capo a un operaio o a un impiegato L'IPCA ha in comune con il NIC la popolazione di riferimento, ma si differenzia dagli altri due indici perché il paniere esclude, sulla base di un accordo comunitario, le lotterie, il lotto, i concorsi pronostici e i servizi relativi alle assicurazioni sulla vita Differenze nel concetto di prezzo considerato: il NIC e il FOI considerano sempre il prezzo pieno di vendita, l'IPCA si riferisce invece al prezzo effettivamente pagato dal consumatore (ad esempio l'IPCA tiene conto anche delle riduzioni temporanee di prezzo come in occasioni di saldi e promozioni).

20 20 INTERPRETARE LINDICE DEI PREZZI AL CONSUMO Lindice dei prezzi misura come varia il livello dei prezzi di un paniere di beni: rappresenta una media, quindi alcuni singoli prezzi possono salire e altri diminuire I pesi con cui le singole voci di spesa contribuiscono allindice dipendono dalla composizione della spesa complessiva riferita a un ipotetico consumatore medio: diverse tipologie di consumatori possono sperimentare variazioni nel costo del proprio paniere anche notevolmente diverse da quelle degli indici pubblicati Linflazione è il tasso di crescita dellindice dei prezzi: dire che linflazione registrata in un anno è inferiore a quella registrata nellanno precedente non significa che lindice dei prezzi sia diminuito, è semplicemente cresciuto di meno

21 21 PERCHE E IMPORTANTE LA STABILITA DEI PREZZI

22 22 SETTE MOTIVI PER DESIDERARE LA STABILITA DEI PREZZI 1.Ridurre lincertezza sullevoluzione dei prezzi e aumentare la trasparenza dei prezzi relativi 2.Evitare inutili e costose attività di copertura 3.Evitare una distribuzione arbitraria di ricchezza e reddito 4.Contenere gli effetti distorsivi dei regimi fiscali 5.Ridurre i premi al rischio di inflazione nei tassi di interesse 6.Favorire lattività di intermediazione e la stabilità finanziaria 7.Diminuire i costi di detenere contante

23 23 INCERTEZZA, TRASPARENZA E COSTI DI COPERTURA In un contesto di prezzi stabili è possibile individuare meglio le variazioni dei prezzi relativi ossia dei prezzi dei beni espressi in termini di altri beni Ad esempio se un prodotto subisce un rincaro del 3% e il livello generale dei prezzi nelleconomia è stabile, i consumatori interpreteranno correttamente tale rincaro come un aumento del prezzo relativo del prodotto e su questa base potranno decidere di limitarne lacquisto In un contesto di inflazione elevata e persistente anche le remunerazioni dei lavoratori stabilite nei contratti riflettono le attese sulle variazioni dei prezzi; se le imprese nutrono aspettative di inflazione inferiori, esse sono indotte a percepire un dato aumento dei salari nominali come un incremento di quelli reali e potrebbero assumere un numero di lavoratori inferiore a quello pianificato Si può far fronte a queste situazioni adeguando i contratti che si riferiscono a prestazioni differite nel tempo attraverso meccanismi di indicizzazione (scala mobile), che sono però costosi da istituire, poco flessibili e che potrebbero portare a un ciclo vizioso con attese di inflazione ancora più elevate

24 24 REDDITO, RICCHEZZA E TASSE In caso di aumento inatteso dellinazione, chi vanta crediti nominali, ad esempio sotto forma di contratti salariali sul più lungo periodo, depositi bancari o titoli di Stato, vede scendere il valore reale degli stessi La ricchezza si trasferisce pertanto in maniera arbitraria dai prestatori, o risparmiatori, verso i prenditori, in quanto il denaro con cui il prestito sarà rimborsato consente di acquistare quantitativi di beni inferiori rispetto a quelli attesi al momento della concessione dello stesso Episodi di deazione inattesa beneciano chi vanta crediti nominali, poiché fanno aumentare il valore di questi ultimi, ad esempio salari o depositi, in termini reali in tale situazione tuttavia i debitori sono spesso nellimpossibilità di rimborsare il capitale e rischiano persino linsolvenza e ciò potrebbe danneggiare la società in generale e, in particolare, i creditori e quanti lavorano per le imprese insolventi

25 25 TASSE E CONTRIBUTI Generalmente i sistemi scali e di sicurezza sociale non prevedono lindicizzazione delle aliquote delle imposte sul reddito e dei contributi previdenziali al tasso di inazione Incrementi salariali intesi a compensare i lavoratori per landamento dellinazione potrebbero determinare lassoggettamento a unaliquota dimposta più elevata, un fenomeno noto come drenaggio scale Questa è una testimonianza di come i sistemi di indicizzazione rappresentino una tutela soltanto parziale dalle variazioni dei prezzi

26 26 RISPARMIO E ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE Le variazioni dei prezzi hanno effetti rilevanti su tutte le attività che hanno a che fare con la conservazione e il trasferimento di ricchezza nel tempo i) le variazioni dei prezzi attese costituiscono una componente fondamentale nella determinazione dei tassi di interesse nominali; lincertezza sul tasso di inflazione comporta un rischio per i risparmiatori e per gli investitori, rischio che si traduce in costi per gli operatori ii) alcune attività tendono a essere meno intaccate di altre dalle variazioni dei prezzi (beni rifugio) e quindi attraggono investimenti in quantità eccessiva e non efficiente in diversi casi tassi di inflazione molto elevati hanno comportato il ritorno al baratto e labbandono delluso della moneta iii) le banche e gli altri intermediari, la cui attività principale è quella di trasferire ricchezza nel tempo e nello spazio, sono esposti a rischi relativamente elevati in caso di instabilità dei prezzi

27 27 I FATTORI CHE DETERMINANO I PREZZI

28 28 BREVE E LUNGO PERIODO Gli economisti utilizzano una scansione semplificata e qualitativa del tempo in breve periodo e lungo periodo Il breve periodo a seconda dei contesti può durare da qualche mese a uno o due anni: esso si riferisce al tempo che un sistema economico impiega ad adattarsi ad una perturbazione esterna Il lungo periodo si riferisce invece a una situazione di equilibrio, in cui tutti gli operatori hanno aggiustato i propri comportamenti e le proprie decisioni rispetto a una variazione esterna Breve e lungo devono sempre essere riferiti a un contesto determinato e si riferiscono agli effetti di un evento che influenza leconomia

29 29 LA DINAMICA DEI PREZZI NEL BREVE PERIODO Nel breve periodo, ossia nel tempo richiesto alleconomia per reagire a perturbazioni esterne: i) le variazioni dei prezzi dipendono da fattori reali, quali ad esempio un aumento dei prezzi relativi delle materie prime (shock di offerta) o un aumento della spesa (shock di domanda) ii) le variazioni delle variabili monetarie (quantità di moneta e tassi di interesse) influenzano il livello dellattività produttiva Si tratta di effetti di breve periodo dovuti al fatto che laggiustamento dei prezzi relativi richiede tempo: alcuni prezzi monetari si aggiustano più rapidamente, altri più lentamente

30 30 IL LIVELLO DEI PREZZI NEL LUNGO PERIODO Vi è un consenso molto ampio tra gli economisti sul fatto che nel lungo periodo il tasso di variazione dei prezzi dipende dalla crescita della quantità di moneta rispetto alla crescita dellinsieme dei beni e servizi che vengono prodotti Se la quantità di moneta cresce più velocemente della produzione ci sarà una crescita generalizzata dei prezzi, ossia linflazione Se la quantità di moneta cresce meno velocemente della produzione ci sarà una diminuzione generalizzata dei prezzi, ossia la deflazione Il livello e il tasso di crescita dellattività economica nel lungo periodo dipendono da fattori quali la crescita della popolazione, levoluzione della tecnologia, il livello di istruzione della popolazione (capitale umano), ma non dalla quantità di moneta in circolazione

31 31 LEQUAZIONE O IDENTITA DEGLI SCAMBI STATICA M = quantita di moneta in circolazione V = velocita di circolazione della moneta, ossia numero di volte che ununità di moneta viene scambiata nellunità di tempo P = indice dei prezzi Q = paniere rappresentativo di tutti i beni e servizi scambiati Per definizione M*V == P*Q Ossia il valore monetario degli scambi è uguale alla somma delle quantità scambiate moltiplicate per i prezzi: si tratta di unidentità

32 32 LEQUAZIONE O IDENTITA DEGLI SCAMBI DINAMICA Utilizzando la lettera greca Δ per indicare le variazioni percentuali tra due periodi lidentità puo essere riscritta in forma approssimata: ΔM + ΔV =~ ΔP + ΔQ Ossia: ΔP =~ ΔM + ΔV – ΔQ Se le variazioni dellattività economica sono indipendenti dai fattori monetari, lequazione consente di identificare nelle variazioni della quantità di moneta (o della sua velocità di circolazione) la causa dellinflazione

33 33 LA POLITICA MONETARIA

34 34 LA MONETA E I TASSI DI INTERESSE La quantità di moneta in circolazione dipende in ultima istanza dallammontare delle passività delle banche centrali, in larga misura costituite da circolante (biglietti) e riserve bancarie La regolazione degli aggregati monetari avviene tramite un insieme di tassi di interesse ai quali le banche centrali prestano fondi alle banche commerciali e remunerano i depositi da esse effettuati; si tratta di operazioni su scadenze con un orizzonte di tempo breve Siccome le banche utilizzano i tassi fissati dalle banche centrali come base per determinare i tassi sui prestiti e sui depositi, le banche centrali hanno un controllo mediato sui tassi di interesse a breve termine nelleconomia e quindi sulla quantità di moneta

35 35 LA TRASMISSIONE DELLA POLITICA MONETARIA Una variazione dei tassi di interesse indotta dalla banca centrale determina nel breve periodo un insieme di effetti sulle decisioni di spesa e di risparmio delle famiglie e delle imprese Ad esempio, a parità di altre condizioni, tassi più elevati rendono meno conveniente lassunzione di prestiti per nanziare i consumi o gli investimenti di famiglie e imprese; accrescono anche linteresse delle famiglie a risparmiare, invece di spendere, il proprio reddito corrente. Inne, possono inuire sullofferta di credito A loro volta, anche se con un certo ritardo, tali andamenti incidono sullevoluzione di variabili delleconomia reale quali il prodotto Un aumento dei tassi di interesse ha leffetto di ridurre la domanda di beni e servizi, una riduzione quello di aumentarla

36 36 LA RISPOSTA AGLI SHOCK Una shock negativo alla domanda significa che una parte delle risorse (lavoratori, impianti) rimane disoccupata; lo stimolo garantito dalla politica monetaria può compensare temporaneamente lo shock mentre leconomia si riaggiusta Uno shock positivo (ad esempio un incremento della spesa pubblica) può portare a squilibri di segno opposto e quindi a pressioni sul livello dei prezzi: la banca centrale generalmente risponde rialzando i tassi di interesse E importante che la banca centrale controlli le aspettative sullandamento dei prezzi, per evitare che si inneschino circoli viziosi: siccome ci sono aspettative che i prezzi aumentino in futuro, gli operatori si cautelano aumentando i prezzi correnti Di qui limportanza della credibilità e dellindipendenza delle banche centrali

37 37 LEUROSISTEMA E LA BANCA CENTRALE EUROPEA

38 38 LA POLITICA MONETARIA IN ITALIA E IN EUROPA LItalia fa parte dellarea delleuro fin dal suo avvio nel 1999 e quindi la politica monetaria non è più decisa a livello nazionale; il passaggio ha comportato il cambio del segno monetario, dalla lira alleuro Il 1° giugno 1998 è stata istituita la Banca Centrale Europea, che assieme alle banche centrali nazionali dei paesi partecipanti allarea delleuro forma lEurosistema, responsabile di condurre la politica monetaria unica Lobiettivo fondamentale della politica monetaria comune è il mantenimento della stabilità dei prezzi Nel 1998 il Consiglio direttivo della BCE ha annunciato la seguente denizione quantitativa: per stabilità dei prezzi si intende un aumento sui dodici mesi dellIndice armonizzato dei prezzi al consumo (IAPC) per larea delleuro inferiore al 2%. La stabilità dei prezzi deve essere mantenuta in un orizzonte di medio termine Successivamente, nel 2003, esso ha inoltre precisato lintenzione di mantenere linazione su livelli inferiori ma prossimi al 2% sul medio periodo.

39 39 LA STRATEGIA DELLA POLITICA MONETARIA Nella strategia della BCE, le decisioni di politica monetaria si fondano su unanalisi complessiva dei rischi per la stabilità dei prezzi articolata in due prospettive complementari del processo di formazione dei prezzi La prima, che prende il nome di analisi economica, considera il breve e medio periodo e si incentra sullattività reale e sulle condizioni nanziarie delleconomia. Essa tiene conto del fatto che in tali orizzonti temporali i prezzi risentono in larga misura dellinterazione fra domanda e offerta nei mercati dei beni, dei servizi e dei fattori di produzione La seconda, denominata analisi monetaria, riguarda orizzonti a più lungo termine e sfrutta il legame esistente fra moneta e prezzi in tali orizzonti: essa costituisce principalmente un mezzo di riscontro, in una prospettiva di medio- lungo periodo, per le indicazioni a breve e medio termine fornite dallanalisi economica

40 40 LA FORMAZIONE DELLA POLITICA MONETARIA

41 41 CONCLUSIONI: 5 COSE DA RICORDARE

42 42 CINQUE COSE DA RICORDARE 1.La stabilità dei prezzi è la condizione per conservare il potere di acquisto della moneta nel tempo 2.La stabilità è riferita ai prezzi monetari e non ai prezzi relativi, i quali invece devono poter variare liberamente per mettere in equilibrio domanda e offerta nei diversi mercati 3.La stabilità si riferisce a un indice composito rappresentativo delle scelte di consumo della collettività 4.Inflazione e deflazione comportano ingenti costi economici e sociali 5.Nelle economie contemporanee a moneta fiduciaria la politica monetaria affidata alle banche centrali è lo strumento principale per conseguire la stabilità dei prezzi


Scaricare ppt "1 Progetto di formazione economica e finanziaria per le scuole Anno scolastico 2012-2013 LA STABILITA DEI PREZZI."

Presentazioni simili


Annunci Google