La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MUOVITI CICCIO ! NEMBRO 15.03.2013 DR. FEDERICO MERISI SERVIZIO MEDICINA DELLO SPORT.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MUOVITI CICCIO ! NEMBRO 15.03.2013 DR. FEDERICO MERISI SERVIZIO MEDICINA DELLO SPORT."— Transcript della presentazione:

1 MUOVITI CICCIO ! NEMBRO DR. FEDERICO MERISI SERVIZIO MEDICINA DELLO SPORT

2 luomo è fatto per muoversi

3

4 la salute è una risorsa e un bene fondamentale della società

5 la sedentarietà è una delle cause principali di malattie croniche e mortalità

6 ITALIA 40% della popolazione sedentaria negli ultimi anni preoccupante aumento dellobesità infantile

7

8 OKKIO ALLA SALUTE 2012 eccesso di peso nel 32.3% dei bambini di terza elementare in calo del 2.9% rispetto al 2009

9 oltre il 40% Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata sotto il 25% Sardegna Val dAosta Trentino

10 16% i bambini che praticano sport per unora alla settimana o meno in calo del 9% rispetto al 2009

11

12

13

14 31% colazione sbilanciata 9% la salta 67% spuntino esagerato 43% bibite zuccherate abituali 21% non consuma frutta o verdura tutti i giorni

15 spesso i genitori non sono consapevoli dei problemi di peso dei propri figli

16 USA attesa di vita significativamente più bassa ( ) rispetto agli altri paesi OCSE Italia Francia Inghilterra

17 qualità generale della vita analogamente inferiore fra le aree negative obesità e diabete meno fumo e alcool molte più calorie

18 scelte politiche e economico-produttive che privilegiano la crescita economica piuttosto che quella sociale, sanitaria e ambientale

19

20 mens sana in corpore sano mito slogan realtà

21 per una mens sana non cè migliore medicina dello sport

22 OBESITA falsi miti supposizioni certezze

23 FALSI MITI cambiamenti piccoli e duraturi mirati al consumo di calorie producono grandi effetti sul peso a lungo termine

24 FALSI MITI le lezioni di educazione fisica a scuola hanno un ruolo importante nel prevenire o limitare lobesità infantile

25 FALSI MITI lallattamento al seno previene lobesità

26 SUPPOSIZIONI fare regolarmente colazione rispetto a saltarla previene lobesità

27 SUPPOSIZIONI gli spuntini contribuiscono allaumento di peso e allobesità

28 CERTEZZE indipendentemente dal peso corporeo o dalla perdita di peso lincremento dellattività fisica migliora la salute

29 CERTEZZE a lungo termine unadeguata attività fisica aiuta a mantenere il peso forma

30 CERTEZZE per i bambini in sovrappeso i programmi che coinvolgono i genitori sono più efficaci

31 2012 Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione nel 2025 un terzo della popolazione italiana sarà affetta da obesità

32 i benefici dellattività fisica sono noti a tutti

33 lesercizio fisico è fondamentale perché efficace sicuro a basso costo

34 colesterolo diabete infarto obesità osteoporosi pressione in rigoroso ordine alfabetico

35 LANCET 2012 indagine su 10mila dislipidemici mortalità ridotta del 60-70% per tutte le cause in chi pratica attività fisica regolare

36 3 persone su 10 si ammalano a tavola per ridurre il rischio del 50% basterebbe seguire poche regole

37 intervenire su fumo cattiva alimentazione sovrappeso sedentarietà per ridurre il rischio di cancro

38 sovrappeso e obesità aumentano il rischio di tumore intestino pancreas rene seno endometrio esofago oltrechè diabete e cardiovascolare

39 le persone sedentarie hanno un rischio maggiore di obesità e si ammalano di più di tumore intestino seno endometrio e forse anche pancreas e polmone

40

41 anche il buonumore può trarre giovamento

42

43 lattività fisica previene e allevia ansia e stress rilascia la tensione muscolare favorisce il sonno migliora la fiducia in se stessi

44 aumenta il rilascio di endorfine analgesico ed eccitante

45

46 lattività fisica non deve diventare un peso ma restare un piacevole svago

47 PASSI Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia

48 ampio consenso su 30 di attività moderata per almeno 5 giorni oppure 20 di attività intensa per 3 giorni alla settimana

49 PASSI ASL BG intervistati

50 19% sedentario 43% parzialmente attivo 39% attivo

51 tra le persone attive il 27% ha giudicato la propria attività fisica non sufficiente

52 tra le persone sedentarie il 22% ha giudicato la propria attività fisica sufficiente

53 la sedentarietà è associata a depressione 35% sovrappeso 23% fumo (18%) ipertensione (16%)

54 gli effetti positivi di una diffusa attività fisica nella popolazione sono evidenti sia a livello sociale che economico

55 leccesso di peso è un fattore di rischio rilevante per le malattie cronico-degenerative ed è correlato a una riduzione di aspettativa e qualità di vita

56 sulla base di BMI 6% sottopeso 61% normopeso 26% sovrappeso 8% obeso

57 leccesso ponderale è più frequente col crescere delletà negli uomini in basso livello di istruzione nessuna differenza rispetto alle condizioni economiche

58 five a day frutta e verdura almeno 1 volta al giorno 41.5% 3-4 porzioni 39% 5 porzioni 17%

59 labitudine a consumare 5 o più porzioni è più diffusa sopra i 50 anni negli obesi 33% in basso livello di istruzione 20% nelle donne 18% uomini 15.4%

60 il 22.5% delle persone in eccesso ponderale è sedentario (24% in sovrappeso e 17% obesi)

61 il 45% delle persone in eccesso ponderale ha riferito di aver ricevuto il consiglio di fare attività fisica da parte di un medico o di un altro operatore sanitario

62 PREVENZIONE negli obesi ma anche nei sovrappeso che sottostimano il rischio per la salute

63 la dieta per ridurre o controllare il peso è praticata solo dal 21% delle persone in eccesso di peso mentre è più diffusa 79% la pratica di unattività fisica moderata

64 ASL 2011

65 1100 strutture scolastiche studenti 949 ristorazioni scolastiche di cui circa la metà con cucina in loco pasti al giorno tra i 3 mesi e i 14 anni

66 è presente il fenomeno del sovrappeso e dellobesità anche se più contenuto rispetto alla media nazionale

67 attenzione al problema contrario magrezza come eventuale progressione verso lanoressia

68 la malnutrizione incrementa la vulnerabilità degli anziani con maggiore morbilità e mortalità

69 servono interventi multisettoriali per promuovere unalimentazione corretta accompagnata da regolare e costante attività fisica

70 gruppi di cammino piedibus scale per la salute mi muovo, sto bene

71 interventi scuole comuni società sportive

72

73 BMI peso/altezza² kg/m² limite superiore di normalità: 24.9

74 70 – – OBESITA I GRADO BMI – – OBESITA II GRADO BMI – – OBESITA III GRADO BMI oltre – –

75 se si adottano strategie efficaci è possibile ottenere benefici reali in termini di salute a un costo accessibile e mantenendosi nei limiti imposti dalle ristrettezze di risorse

76 è utile stimolare stili di vita sani a tutte le età prescrizione medica

77

78 la scuola potrebbe giocare un ruolo rilevante nelladozione di corretti stili di vita

79 per correggere in modo efficace molte disuguaglianze è necessario intervenire sui determinanti sociali e ambientali attraverso approcci intersettoriali per la salute

80 diviene obbligatorio rafforzare sistemi sanitari incentrati sulla persona

81 resta fondamentale la partecipazione attiva del cittadino alla difesa del proprio stato di salute

82

83


Scaricare ppt "MUOVITI CICCIO ! NEMBRO 15.03.2013 DR. FEDERICO MERISI SERVIZIO MEDICINA DELLO SPORT."

Presentazioni simili


Annunci Google