La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Genova 15 Nov 2003 La Contro Pulsazione Aortica Tecniche di impianto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Genova 15 Nov 2003 La Contro Pulsazione Aortica Tecniche di impianto."— Transcript della presentazione:

1 Genova 15 Nov 2003 La Contro Pulsazione Aortica Tecniche di impianto

2 Genova 15 Nov 2003 Definizione La CPAo è una metodica di assistenza cardiocircolatoria meccanica, intravascolare e cruenta, che richiede una preparazione ed una conduzione sterile sia delle apparecchiature che del personale.

3 Genova 15 Nov 2003 Uso del CPAo % vs sopravvivenza da shock cardiogeno NZUKGermNethAusCanBelgFrUS IABP % d Mortality % IABP %30 d Mortality Hudson, MP, et al, Presented at the American Heart Association 72nd Scientific Sessions, November 1999

4 Genova 15 Nov 2003 Mortalità in pz con CPAo prima e dopo il 1997 (esperienza personale)

5 Genova 15 Nov 2003 Il catetere di CPAo

6 Genova 15 Nov 2003 Premesse Fattori di rischio:SC<1,5, F, MPV Il pallone è sempre da 25 cc L'approccio è femorale nel 98% dei pz. La CPAo può essere mantenuta, in via teorica, indefinitamente se la pervietà del flusso nellarto è garantita. In realtà non viene mai superata la settimana. Il Ø del catetere è ormai l'8F Durante la CPAo il paziente mantiene una eparinizzazione ev tra le 5000 e U/24h.

7 Genova 15 Nov 2003 Test macchina Controllo carica bombole Accensione centrale Autotest e stand-by

8 Genova 15 Nov 2003 Preparazione del catetere Connettere la valvola ad 1 via ed una siringa da 60 cc alla presa maschio del catetere Aspirare 30 cc dal catetere Rimuovere il catetere dalla confezione con trazione longitudinale.

9 Genova 15 Nov 2003 L'accesso La via di accesso è sempre quella vascolare arteriosa. Limpianto può essere condotto per via percutanea periferica o con esposizione chirurgica del vaso sia periferica che centrale.

10 Genova 15 Nov 2003 L'accesso

11 1) LACCESSO PERCUTANEO PERIFERICO sede puntura arteriosa mandrino dilatatori catetere connessione protezione e controlli regolazione

12 Genova 15 Nov 2003 La sede La via di accesso è larteria femorale comune sn o dx. Tale via è preferita per: la facilità di accesso, il percorso centripeto dellintroduttore praticamente rettilineo ed il calibro del vaso. La principale controindicazione a tale via è rappresentata dalla patologia aterosclerotica dellaorta che predilige il carrefour aortico fino alla biforcazione dellarteria femorale comune: la tortuosità dei vasi interessati può rendere impossibile e rischiosa la risalita dellintroduttore.

13 Genova 15 Nov 2003 La puntura arteriosa La puntura dellarteria femorale è eseguita due centimetri sotto il legamento inguinale laddove venga apprezzata la pulsazione dellarteria omonima. Tale sede corrisponde al triangolo di Scarpa ed alla giunzione dei due terzi laterali col terzo mediale del legamento stesso. Larteria è mediale rispetto alla vena. Lago è inclinato di 45° sulla cute e diretto verso lombelico.

14 Genova 15 Nov 2003 La puntura arteriosa tecnica

15 Genova 15 Nov 2003 La puntura arteriosa problemi non si apprezza manualmente/non è possibile pungere larteria. La puntura femorale non può essere tentata più di tre o quattro volte per non ledere larteria stessa e provocare un ematoma periarterioso. La pressione arteriosa può essere aumentata farmacologicamente per evidenziarne il polso. Quindi si cambia sede di puntura e/o si scopre chirurgicamente larteria.

16 Genova 15 Nov 2003 Il mandrino Dopo la puntura diretta dellarteria e la constatazione del reflusso di sangue arterioso e pulsatile, si introduce il mandrino attraverso lago e lo si fa risalire per circa due terzi della lunghezza totale, oltre cioè la sede di posizionamento del pallone. La comparsa sul monitor di extrasistoli ventricolari suggerisce una eccessiva introduzione del mandrino fino alla valvola aortica od alla cavità ventricolare: in tal caso il mandrino viene ritratto fino al posizionamento corretto in arco aortico. Il mandrino deve procedere con facilità ed in caso di arresto non va forzato.

17 Genova 15 Nov 2003 Il mandrino tecnica

18 Genova 15 Nov 2003 Il mandrino: problemi Il mandrino non procede. Se lo stop è immediato, inclinare lago di introduzione per aumentarne langolo di incidenza sullarteria, ritirare il mandrino e riprovare. Se lo stop è più a monte ritirare e ruotare il mandrino. Eventualmente sfilare del tutto il mandrino, controllare la pigtail e/o sostituirlo col secondo mandrino disponibile nel set. Se lo stop è insuperabile cambiare vaso di accesso.

19 Genova 15 Nov 2003 Il mandrino: rimozione A mandrino posizionato, lago viene sfilato lungo il mandrino stesso. La fuoriuscita di sangue dalla sede di introduzione è controllata con la sola pressione manuale.

20 Genova 15 Nov 2003 I dilatatori Nel set per CPAo sono presenti due dilatatori di Ø differente. Quello di Ø inferiore è di uso comune. Esso viene fatto scorrere sul mandrino fino allelsa. Lo scopo è quello di dilatare minimamente la parete vascolare per ridurre il traumatismo del passaggio del pallone. Il primo dilatatore deve opporre una resistenza minima solo al passaggio della cute. Dopo uno o due sondaggi del vaso esso viene ritratto lungo il mandrino. La fuoriuscita di sangue dalla sede di introduzione sarà maggiore che per il solo mandrino ma è controllata ancora con la sola pressione manuale.

21 Genova 15 Nov 2003 I dilatatori tecnica

22 Genova 15 Nov 2003 I dilatatori 2 Se viene usato anche il secondo dilatatore è consigliabile di incidere minimamente con bisturi a punta la cute della sede di puntura per facilitarne il superamento. Si ripetono con il secondo dilatatore le manovre compiute col primo. E consigliabile impiegare anche il secondo dilatatore solo se si decide di posizionare quindi anche lintroduttore cavo. Questultimo viene adottato solo nelle sale di emodinamica perché consente lintroduzione e lo sfilamento di più cateteri in successione ed è pertanto inutile per il semplice posizionamento di un CPAo. In questultimo caso dopo lintroduzione del primo dilatatore si passa al catetere di CPAo.

23 Genova 15 Nov 2003 I dilatatori: problemi i dilatatori sono entrati con difficoltà, posizionati non controllano il sanguinamento ed in sede di puntura compare un vistoso ematoma. Probabilmente larteria è stata lacerata o trapassata ed è opportuno rimuovere anche il mandrino, comprimere la sede di puntura e cambiare sede. In un secondo tempo larteria dovrà essere esplorata chirurgicamente.

24 Genova 15 Nov 2003 Il catetere Controllando manualmente lemorragia intorno al mandrino e mantenendo questultimo in posizione lineare, si procede quindi ad introdurre il catetere di CPAo lungo il mandrino stesso. Prima dellintroduzione da esso vanno sfilati i due mandrini di mantenimento e di pressione. Il catetere deve scivolare lungo il mandrino senza incontrare resistenza. Esso viene introdotto fino alla doppia marcatura nei pazienti di dimensioni medie, fino solo a quella semplice nei pazienti piccoli o poco oltre la doppia nei pazienti oversized. Lapice del catetere è radio opaco ed il suo posizionamento va comunque controllato ai raggi X.

25 Genova 15 Nov 2003 Il catetere: problemi il catetere non scorre lungo il mandrino. Se il mandrino è nella corretta sede, il catetere deve scorrere ed è quindi probabile che il mandrino sia stato malposizionato: è consigliabile rimuovere tutto e ricominciare. Il catetere scorre ma si attorciglia tutto sottocute dove risulta palpabile: il mandrino o il catetere hanno preso una falsa via perforando larteria. Rimuovere tutto e comprimere.

26 Genova 15 Nov 2003 La connessione Durante le manovre di posizionamento del catetere lapparecchiatura di CPAo è stata accesa e posizionata in stand-by. Con gli elettrodi ECG di guida applicati al paziente prima della procedura il tracciato ECG compare sul monitor. Lopzione di guida sul CPAo (ECG, PM o fissa) è stata settata su ECG. Il cavo sterile di connessione viene unito al catetere da un lato e passato al tecnico preposto e connesso dallaltro alla via di uscita del gas. Viene avviata la contropulsazione sul rating 2:1 ed con pallone a gonfiaggio massimo.

27 Genova 15 Nov 2003 La connessione: problemi Problema 1: il pallone non si gonfia. Controllare la bombola del gas. Se il pallone esterno non si gonfia manca il gas. Se si gonfia vi è stato un danno alla tenuta del pallone e/o cavo interno: il catetere va cambiato. Problema 2: il pallone si gonfia ma non compare onda pressoria.Controllare che il gonfiaggio sia al massimo e la sede del pallone corretta; contrastare leccessiva vasodilatazione del paziente farmacologicamente o con volume.

28 Genova 15 Nov 2003 Il posizionamento

29 Genova 15 Nov 2003 Protezione e controlli Solo a pallone normofunzionante, viene fissata alla cute la guaina sterile fatta risalire fino a coprire integralmente il cavo. Questa guaina oltre a fissare il catetere consentirà, anche a fine procedura, di introdurre ulteriormente il catetere se il pallone apparirà malposizionato al controllo Rx. La sede corretta per una efficace contropulsazione è laorta sottoistmica.Una collocazione più prossimale ostacola il flusso cerebrale mentre una troppo distale disperde lincremento diastolico. Se indicato viene eseguito il raccordo della linea arteriosa con sede di lettura e/o prelievo allapice del catetere di CPAo. Nella gestione della CPAo deve sempre essere inclusa la monitorizzazione della temperatura dellarto interessato e dei valori ematici di mioglobina.

30 Genova 15 Nov 2003 Regolazione Vengono quindi aggiustati i tempi di gonfiaggio e sgonfiaggio del pallone in rapporto allonda sfigmica. Lincremento sistolico deve iniziare nella fase dicrota dellonda sistolica e la fase diastolica terminare prima del successivo incremento sistolico. Infine si regolano i rapporti tra sistole nativa e indotta secondo i valori 1 o 2 o 3:1 secondo indicazione clinica. La CPAo viene guidata solitamente dallECG. Alternativamente può essere guidata dal ritmo di PM, dalla curva di PA o essere interna fissa.

31 Genova 15 Nov 2003 L'accesso chirurgico periferico In caso di insuccesso dellapproccio percutaneo sarà necessario esporre chirurgicamente larteria femorale. Ad arteria esposta la puntura della stessa viene eseguita per via percutanea con controllo visivo dellago. Una volta effettuata la puntura del vaso si eseguono nello stesso ordine le manovre 1c-h. Lincisione inguinale viene quindi chiusa a strati secondo protocollo chirurgico standard.

32 Genova 15 Nov 2003 La rimozione del CPA0 tricks Gesto chirurgico vero e proprio. Rimozione notturna giustificata solo da ischemia acuta o per riposizionamento. Le complicanze da compressore sono equivalenti a quelle da catetere. Monitorizzare Hct anche senza sanguinamenti esterni.

33 Genova 15 Nov 2003 L'accesso centrale Laccesso centrale direttamente in aorta ascendente è possibile solo nel sottogruppo dei pazienti chirurgici ed in sala operatoria. Qualora a fine intervento si ponga indicazione alla CPAo e lapproccio periferico usuale di cui sopra risulti inagibile può essere adottato lapproccio centrale. Tale accesso è strettamente chirurgico.

34 Genova 15 Nov 2003 L'accesso centrale tecnica Una protesi vascolare Ø 8 mm / 15 cm viene suturata tan- genzialmente allaorta ascendente Il dilatatore di Ø maggiore viene manualmente arcuato ed attraverso la protesi viene introdotto nellarco aortico. Un volta accertato manualmente che il dilatatore sia in ao discendente, il mandrino viene fatto passare nel dilatatore Il catetere del CPAo viene posizionato attraverso la protesi vascolare lungo il mandrino. Alla chiusura del torace il catetere del CPAo fuoriesce dal- la ferita. Lestremità legata della protesi è lasciata sotto fasciale. Per la rimozione si espone la protesi sottofasciale, si sfila il catetere e si lega la protesi lasciandola in sede.

35 Genova 15 Nov 2003 Complicanze Overall Total Major Ischemia dell'artoSanguinamento Cohen et al, Suppl. to Circ. Scien. Sessions Abstracts 2000 Vol. 102 No. 18, II-854-5


Scaricare ppt "Genova 15 Nov 2003 La Contro Pulsazione Aortica Tecniche di impianto."

Presentazioni simili


Annunci Google