La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Finanziare linnovazione: introduzione al venture capital Raffaele Mauro Annapurna Ventures LIUC - Ottobre 2010 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Finanziare linnovazione: introduzione al venture capital Raffaele Mauro Annapurna Ventures LIUC - Ottobre 2010 1."— Transcript della presentazione:

1 Finanziare linnovazione: introduzione al venture capital Raffaele Mauro Annapurna Ventures LIUC - Ottobre

2 2

3 3

4 Definizione Il venture capital è il finanziamento di aziende di recente costituzione tramite lacquisizione di quote di proprietà; Le società di V.C. raccolgono risorse da investitori istituzionali e da privati, che sono allocate in un portafoglio di società partecipate; Il valore è generato tramite il disinvestimento a 3-5 anni di distanza. 4

5 Cosa non è il venture capital Non è un prestito: nella struttura finanziaria si interviene sullequity, non sul debito; Non è il private equity (buy out, turnaround, etc.) ma può essere considerato un caso affine; Non è una forma di aiuto alle imprese: lobiettivo degli investitori è il rendimento. 5

6 Perché è importante Impatto sulla crescita economica Aumento della redditività delle imprese (venture backed companies > altre aziende) Crescita delloccupazione Supporto allinnovazione e alla ricerca Aumento dello skill premium 6

7 Chi offre il venture capital Fondi di venture capital Business angels Incubatori Fondi di private equity Fondi pubblici Corporate venture capital Banche (ex: Intesa Sanpaolo) 7

8 Fondi di venture capital Elementi strutturali: Fondo Management company Investitori (limited partners) Società partecipate 8

9 Incubatori Forniscono: Spazi fisici Servizi amministrativi ed organizzativi Reclutano il personale più qualificato Forniscono assistenza nella redazione del business plan Consulenza legale 9

10 Angel investing Ex imprenditori che scommettono su nuove iniziative; Spesso organizzati in BAN: Business Angel Networks; Oggi spesso organizzati in cordate: fondi Super-Angel. 10

11 I paradigmi di sviluppo Silicon Valley: ecosistema dellinnovazione più rilevante al mondo, interazione costante tra denaro e competenze; Modello continentale europeo: interazione dello stato nel supporto allo sviluppo; Modello israeliano: creazione di fondi di fondi v.c. per catalizzare lo sviluppo mantenendo gli incentivi di mercato. 11

12 Ciclo di vita dellimpresa 12 Anni Valore dellimpresa Incubatori Venture Capitalist Mercato/ altri operatori 0 26

13 Le fasce di investimento Seed: k Early stage: 200 – 700k; First round: 1-2 M; Second round: 2-5 M; Expansion: 5-50 M. 13

14 Alto rischio + alto rendimento Linvestimento in V.C. è ad alto rischio: il tasso di insuccesso per le aziende giovani è maggiore rispetto a quelle consolidate; Per il segmento seed & early stage il rischio è il più elevato; I rendimenti potenziali sono notevoli: anche vari multipli del capitale investito. 14

15 Taglio elevato + poca liquidità Rispetto a forme di investimento alternative il contributo medio di un singolo investitore, un limited partner, è elevato (>500k); La liquidità dellinvestimento è bassa: un fondo dura in media 10 anni, con un periodo di investimento di 5-6 anni. 15

16 Focus sui settori ad alta crescita Internet & mobile Biotecnologie Nanotecnologie Tecnologie mediche Cleantech 16

17 Critiche Acquisizione di % di equity eccessive ed accordi sfavorevoli agli imprenditori Eccessiva pressione la crescita rapita delle aziende partecipate Amplificazione di bolle finanziarie Nel caso italiano: bassa propensione al rischio 17

18 Un caso passato: il boom delle dot com La diffusione di massa di Internet negli anni 90 provocò una forma di euforia irrazionale; Tra il 1998 ed il 2001 si sviluppò una bolla finanziaria, con un eccesso di fondi allocati in aziende dotcom e labbassamento degli standard di due diligence; Gli effetti dellesplosione della bolla sono tuttora evidenti (avversione al rischio). 18

19 Smart money I fondi di maggiore successo operano con lottica dello smart money: oltre al finanziamento offrono: - Competenze professionali strategiche; - Competenze finanziarie; - Know how manageriale e tecnologico; - Conoscenze di marketing e di organizzazione; - Rete di contatti (finanziari e non) in ambito nazionale e internazionale. 19

20 La due diligence Nel ciclo del venture capital il processo centrale è la due dilignece, la valutazione dei progetti di investimento. Un fondo tipicamente riceve business plan allanno, incontra direttamente team di imprenditori, prosegue lanalisi con e ne finanzia 4-5. La due dilignece è un processo olistico dove sono soppesati tutti gli elementi di costituzione dellimpresa. 20

21 Elementi determinanti Mercato: dimensioni e tasso di crescita. Innovazione: impatto dellidea e diversificazione dai concorrenti. Team: esperienza, equilibrio interno, credibilità, motivazione. 21

22 Principali fattori della due diligence Chiarezza dellidea: elevator pitch Prodotto/servizio Mercato Competizione Piano di distribuzione Milestones operative Proiezioni finanziarie Management e competenze 22

23 Lexit IPO: quotazione in borsa; Trade sale: vendita a unaltra azienda; Vendita ad altro investitore finanziario; Riacquisto di azioni da parte di gruppo imprenditoriale originario o da parte del management; Write off: azzeramento valore della partecipazione. 23

24 Gli economics di un fondo Management fee: 1.5-2,5%; Carried interest: commissione ai gestori del fondo, 20% del capital gain una volta superato rendimento minimo (hurdle rate). Coinvestimenti personali dei partner. Esempio: -Fondo di 50 M Euro -Management fee del 2% = 1M Euro allanno. 24

25 Esempio Anno 1: - Azienda valutata 5 M Euro -Acquisto di una quota del 40% = 2 M; Anno 4: -Valore azienda 11 M Euro; -Vendita partecipazione del 40% a 4,4 M; Effetti: Capital gain: 4,4-2 = 2,4 M Euro Incremento valore partecipazione: 120% Carried interest: 480k Euro 25

26 Il venture capital in Italia Dimensione ridotta del mercato e delle singole operazioni rispetto alla media europea; Scoperto sul seed e sullearly stage; Fuori dallottica del decisore pubblico: molti fondi per PMI e Innovazione ma non per start up nei settori ad alta crescita. 26

27 Alcuni esempi italiani SEED / Angel Annapurna Dpixel H-farm IAG IBAN VC Vertis Quantica Innogest 360 capital partner Atlante Francesco Micheli Associati 27

28 Casi italiani di successo Core business: Exit date: Exit strategy: Valuation at exit: Current mkt cap: Online broking of financial services May 2007 IPO (Italian Stock Exchange, STAR segment) ~170 M ~220 M (sep 2010) Online travel aggregation (hotels) September 2008 Acquired by Expedia (multiproduct online travel aggregator) Estimated >500 M N/A E-commerce (multibrand apparel) November 2009 IPO (Italian Stock Exchange, STAR segment) ~220 M ~360 M (sep 2010) Mobile & web media and advertising July 2000 IPO (Italian Stock Exchange) ~120 M ~80 M (sep 2010) 28

29 Trend attuali Bootstrapping per le start up; Peso maggiore di angels & super-angels; Cina & India; Nuovo focus su ICT e cleantech; Nel corso della crisi globale, nuova occupazione gli US solo da start up (Kauffman Foundation). 29

30 Imprenditori finanziano imprenditori FondoCreatoriAreaAnnoDimensione Andreessen- Horowitz Marc Andreessen (Netscape, Ning) USA 2009$300 M Atomico Ventures IIZennstrom-Friis (Skype)UK2010$165 M Innovation WorksKai-Fu Lee (Google China)China2009$115 M Felicis VenturesAydin Senkut (Google Inc.)USA2010 $40 M Founders Collective Eric Paley (Brontes Technologies) USA2009$40 M ISAI Pierre Kosciusko-Morizet (PriceMinister.com) France2010$32 M PROfounders Capital Michael Birch (Bebo)UK2009$30 M 30

31 31 La legge di Moore

32 Linnovazione digitale supera la crisi Il Nasdaq Internet Index supera il S&P 500 Index (6 mesi) 32

33 Levoluzione dellecosistema digitale Leconomia digitale ha impatto su tutti I settori ed introduce nuovi business model. I bassi costi di avvvio per le start up creano opportunità di innovazione fuori dalle organizzazioni tradizionali. Acquisizione da parte di Google di 74 imprese 25 solo nellultimo anno (sep-09 -> sep. 10 *); Piattaforme di distribuzione a basso costo permettono tempi di diffusione molto rapidi: search engine (Google, Baidu, Bing), social network (utenti Facebook > 500 Milioni nel 2010 **), strumenti (iPads, smartphones. Incremento annuale del mercato europeo degli smartphone +41% nel luglio 2010***) 33 * ** ***

34 Annapurna Fondata da Massimiliano Magrini (Google Italia) Focus su web services, mobile apps ed enterprise software 34

35 Settori di interesse 35 Consumer internet – Vertical search platforms – Media & Social – Entertainment & music Enterprise software and services – E-commerce platforms – Ad optimization tools – Software-as-a-service solutions Mobile – Apps – Mobile advertising

36 Investimenti Annapurna 36 Paperlit è una soluzione multipiattaforma per la pubblicazione e ladvertising on-line per quotidiani, magazine, cataloghi, newsletter. Money è una piattaforma di broking on-line basata su strumenti di ricerca comparativa.

37 Letture consigliate Gervasoni Anna, Sattin Fabio L., Private equity e venture capital: manuale di investimento nel capitale di rischio, Guerini e Associati, Milano, (IV ed. aggiornata, 2008) Gompers Paul, Lerner Josh, The Venture Capital Cycle, MIT Press, Boston Piol Elserino, Per non perdere il futuro: appunti per linnovazione e la competitività dellItalia, Guerini e Associati, Milano, Schwartz Dan, The Future of Finance: How Pirvate Equity and Venture Capital Will Shape the Global Economy, Wiley - Asia, Singapore, Senor Dan, Singer Saul, Start-Up Nation: The Story of Israels Economic Miracle, Council of Foreign Relations, Twelve, New York, Stangler Dane, High Gowth Firms and the Future of American Economy, Kauffman Foundation Research Series, Firm Formation and Economic Growth, Marzo

38 Venture philanthropy 38

39 Venture philanthropy 1.VC Specializzato in progetti sociali 2.Smart money: focus su innovazione e imprenditorialità 3.Gestione progessioanle del deal flow 4.Rendimenti più basssi 5.Copre asset class minore 6.Efficace con effetti network (ex: Kiva & Omidyar Netwrk) 39

40 40

41 Premi

42 1.Da un punto di vista storico I premi sono stati importanti per lo sviluppo delle industrie rischiose (esempio: aeronautica); 2.Tendono ad attrarre capitali (ex: un premio da 10 M attira 100M di investimenti) 3.Ora cè una nuova ondata di premi: genomica, tecnologia spaziale privata, auto ecologiche, etc. 4.Limiti: soggettività alle mode ed ai gusti personali dei donors; 5.Caso di successo recente: Ansari X Prize (2004)

43

44 Crowdfunding

45 Donazioni in network 1.Tradizionalmente i primi fondi per uniniziativa si raccolgono da parenti e amici; 2.Internet permette di espandere questa base; 3.Crowdfunding: molte donazioni, piccoli importi, persone sconosciute; 4.Modello tipico: donors erogano la somma solo se si raggiunge importo minimo complessivo; 5.Casi di successo: Ulule, Kickstarter

46

47

48

49

50 Peer to peer lending & microcredito

51 1.Innovazione finanziaria + innovazione tecnologica; 2.Principi del crowdfunding applicati ai piccoli prestiti; 3.Prestiti intermediati tramite partner locali; 4.Problemi di regolazione legislativa (ex: Zopa) ma alto impatto; 5.Casi di successo: scelta di partner locale è determinante.

52

53

54

55

56 56

57 Contatti Raffaele Mauro

58 Profilo Raffaele Mauro, Ph.D. (Bocconi, 2009) Raffaele Mauro si occupa di gestione degli investimenti per Annapurna Ventures, società di venture capital specializzata nel supporto di iniziative imprenditoriali nellambito dei servizi web, del mobile e delle tecnologie digitali. Laureato in economia, ha conseguito il Ph.D. presso lUniversità Bocconi e svolge attività di docenza presso il Collegio di eccellenza di Milano. In passato ha collaborato con la direzione nazionale dei Giovani Imprenditori, con il Centro Studi di Confindustria, con ledizione italiana di Harvard Business Review, con il Dipartimento di Analisi Istituzionale dellUniversità Bocconi e con la direzione amministrativa di ILPEA S.p.a., occupandosi di progetti legati allimprenditorialità, allinnovazione e alla finanza dimpresa. Ha svolto esperienze di studio e ricerca presso la Peking University, la Harvard University, lUniversidad de Cantabria e la London School of Economics. Ha vinto il primo premio del concorso Accade domani: il venture capital delle idee ed è stato selezionato per la McKinsey EuroAcademy, il programma BEST dellAlma Graduate School ed il Global Village Campus, nel corso del quale ha vinto il primo premio del concorso organizzato da Microsoft Italia. 58


Scaricare ppt "Finanziare linnovazione: introduzione al venture capital Raffaele Mauro Annapurna Ventures LIUC - Ottobre 2010 1."

Presentazioni simili


Annunci Google